Il contratto -6- FINE

Scritto da , il 2021-10-20, genere fisting

Ho guardato il retro del suo vestito corto, e ho potuto vedere la stessa macchia come sul vestito.

Mi sono messo subito dietro di lei, per coprire la vista della macchia sul suo vestito.

Poi finalmente abbiamo avuto i nostri cappotti.

Mia moglie stava lentamente diventando la mia troia, ma ero sicuro che non volesse che la cosa divenisse di dominio pubblico.

Al ritorno nella camera d'albergo fu sollevata di sentire il mio apprezzamento, e mi diede un bacio appassionato come ricompensa.

Il sole splendeva attraverso la finestra della nostra camera da letto.

Era il fine settimana successivo alla nostra piccola avventura in città e Lorraine aveva usato le palle a giorni alterni, quella settimana.

Quella mattina doveva essere un'altra svolta nella nostra vita sessuale.

Lorraine aveva redatto il suo contratto per la mia approvazione.

Mi stava dando diritti di accesso totali alla sua figa. Stava assumendo lo status di troia solo per me.

La sua definizione di troia dipendeva dalla sua decisione che la sua figa fosse usata in qualsiasi modo da suo marito.

Entrambi abbiamo firmato il contratto e l'abbiamo riposto nel cassetto del suo comodino.

Questo è stato l'inizio della mia nuova avventura, ora toccava solo a me inventarmi quante più cose potessi fare con la figa di mia moglie come indicato nel contratto.

Ora possedevo totalmente una figa.

La mia unica condizione era che la riempissi a dovere, regolarmente e completamente.

FINE

Questo racconto di è stato letto 1 4 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.