La famiglia 9 - Feticista della mamma bigotta e troia.

Scritto da , il 2021-10-19, genere incesti

Il week and successivo Barbara e il suo ragazzo(non si erano ancora fidanzati ufficialmente) erano tornati ancora a casa di lei per approfondire la "conoscenza" coi suoi genitori.

Nella settimana trascorsa lui, con non poca difficoltà aveva cercato, senza riuscirci, di mettere in pratica gli insegnamenti sessuali della sua futura suocera con la quale aveva scopato e dalla quale aveva ricevuto alcuni preziosi insegnamenti.

Come la settimana precedente, con un pretesto Barbara si era allontanata insieme al padre lasciando da soli in casa la mamma e il suo ragazzo.

Naturalmente lei sapeva che la mamma avrebbe continuato le sue lezioni e, come la volta precedente, aveva trascorso quelle ore tra le braccia del padre a fare l'amore facendola godere e senza usare il preservativo le scaldava l'utero col suo seme facendole sognare il giorno in cui l'avrebbe finalmente ingravidata.

Quando, per un qualunque motivo non potevano stare in casa, usavano un piccolo pied-a-terre di un amico del padre provvisoriamente all'estero per motivi di lavoro per trascorrervi tranquilli momenti di sesso.

Quando facevano l'amore lui amava chiamarla "La mia Bambina" nonostante avesse oramai più di 23 anni e stava per laurearsi in architettura nello stesso corso di studi del suo amico.

Non appena la casa si era liberata , come la volta scorsa, la mamma era andata a svegliarlo col vassoio di pasticcini ed il caffè ancora fumante.

Lui già sapeva che lei sarebbe andata a trovarlo in camera e dopo il saluto della ragazza che stava uscendo, nell'ansia dell'attesa non si era riaddormentato e lei lo aveva trovato già sveglio.

Per tutta la settimana la donna aveva riflettuto sulla prima esperienza cercando di capire la psicologia del ragazzo e quella sua incredibile capacità di farla godere con la lingua anche se a suo dire, non l'aveva mai fatto prima.

Di quella questione aveva anche parlato con la figlia la quale la teneva aggiornata sui loro "complicati" tentativi di fare sesso.

A differenza della volta precedente la donna, alla fine del caffè e della frugale colazione, senza togliersi la vestaglia di seta, rimanendo seduta sul letto accanto a lui, si era portata le mani tra le cosce e con un movimento misurato, si era sfilata le mutandine che aveva fatto dondolare come un trofeo sotto gli occhi stupiti del giovane.

Poi, mentre avvicinava quell'indumento così intimo al suo viso, con l'altra mano lo aveva scoperto trovandolo completamente nudo e con una incredibile erezione.

-Ti piace?-

Gli aveva chiesto col tono lubrico della voce.

-Si!-

Era riuscito a rispondere lui incapace di aggiungere altro a causa di un groppo che gli stringeva la gola.

Tieni sono tue!

L'ho indossate per tutta la settimana senza mai cambiarle sperando di farti una cosa gradita.-

Mentre lei gli avvicinava le sue mutandine alla bocca, lui aveva allungato una mano per prenderle mentre con l'altra aveva afferrato il cazzo ed aveva cominciato a masturbarsi.

-Annusale....leccale, ti piacciono?-

-Si!-

Aveva grugnito lui mentre un filo di saliva sortiva lucido dagli angoli della sua bocca.

-Sono come quelle della tua mamma?-

-SI!-

-Hanno lo stesso profumo?-

-Si!-

Profumano di fica?-

-Si!-

Aveva risposto il ragazzo ansimando mentre si masturbava furiosamente.

A quel punto lei gli aveva spinto l'indumento sotto le narici e dopo avergliele fatte annusa inebriandolo vistosamente, le aveva prese e gliele aveva avvolte intorno al cazzo poi, con un movimento lento e sensuale gli si era seduta sulla bocca allargandosi le labbra della fica con le mani.

-Annusa bambino, riempiti i polmoni con il mio olezzo e fammi godere con la lingua mentre ti masturbi con le mie mutandine e godi anche tu sborrandoci sopra.-

A quell'invito il ragazzo aveva cominciato a leccarla e succhiarla con una incredibile foga mentre la sua mano correva veloce verso un inarrestabile orgasmo i cui potenti schizzi avevano bagnato i seni scoperti sotto la vestaglia di seta e persino la fronte ed i capelli della donna la quale a sua volta agitava il bacino scaricando i suoi umori come se lo stesse chiavando sborrandogli a sua volta tra le labbra.

Alla fine degli spruzzi Il cazzo umido e molle era sparito in mezzo alle mutandine.

-Sei stato magnifico Giorgio.

Dai Giorgio asciugati con le mie mutandine così ci sembrerà di aver fatto l'amore mischiando il tuo sperma cogli umori della mia fica che hanno sporcato il tanga per tutta la settimana.

Mi hai fatta godere come una pazza con la lingua e lo spettacolo della sega con le mie mutande e la sborrata finale con schizzi così potenti....che spettacolo!

D'altra parte con quel cazzo che ti ritrovi non poteva che essere così!

Magnifico, davvero magnifico!-

La donna non smetteva di coprirlo di complimenti per gratificarlo, farlo rilassare e per capire bene l'origine di tanta perversione.

-Giorgio, tesoro, adesso tu vai in bagno a sistemarti che io ti preparo una colazione vera che ti rimetta in forze, tanto abbiamo tempo io e te per parlare e godere ancora insieme prima che torni Barbara dai suoi impegni.-

Quando il ragazzo dopo la doccia era entrato in cucina, il tavolo era imbandito con ogni ben di Dio tra latte, miele, burro, marmellata, dolci, succhi energetici e frutta di stagione con l'immancabile fumante Moka carica di caffè.

Quando Giorgio aveva finito di rifocillarsi, la "suocera" da dietro la sedia gli aveva stretto le braccia al petto e dopo averlo baciato sul collo e i capelli, gli aveva leccato un orecchio bisbigliandogli:

-Giorgio amore, ho ancora voglia di te, del tuo cazzo e della tua lingua.-

Dopo quelle parole, si era seduta su una sedia con braccioli e tirandosi su la gonna che indossava abitualmente per i lavori di cucina, aveva allargato le cosce invitandolo ad inginocchiarsi davanti a lei.

Gli esami per il ragazzo non finivano mai!

Dentro quelle cosce aperte come fossero uno scrigno, si aprivano le labbra del suo sesso separate dal lembo di stoffa del perizoma che aveva indossato e che, scivolando sotto il perineo fuorusciva come un cordone bagnato dalla fica per risalire, scavalcando la clitoride, verso il monte di venere depilato.

Il ragazzo come oramai lei aveva capito, era ben addestrato e lui, da quella postura, le aveva sfilato l'indumento e dopo averne inalato l'afrore ed averne succhiato i succhi con le labbra, se lo era avvolto intorno al cazzo e si era dedicato con la bocca e la lingua ai piaceri della donna che così oscenamente gli si offriva.

Mentre lui la leccava e la faceva godere lei gli accarezzava i capelli e lo gratificava con parole dolci come avrebbe fatto col suo cagnolino.

Dopo il secondo orgasmo lei, non ancora paga di quanto era riuscita a capire delle perversioni feticiste del ragazzo gli aveva chiesto di massaggiarle i piedi un po' doloranti.

Lei aveva dei piedi davvero belli, affusolati e con delle lunghe dita ben proporzionate con una pelle bianca e le unghie smaltate di un rosso vivi, sui quali il ragazzo aveva puntato lo sguardo in più di una occasione.

A quell'invito gli occhi gli si erano illuminati di una strana luce e senza che lei lo sollecitasse, gli si era prostrato davanti e sollevandoli uno per volta, aveva cominciato a leccarglieli e succhiarle le dita una per una come fossero gustose leccornie.

Le leccava le piante ed i talloni come fosse un micino mentre cona l'atra mano si masturbava le verga avvolta dal perizoma.

Mentre lui adorante le leccava i piedi, lei si accarezzava la fica sino a che, rendendosi conto che anche lui si stava masturbando, con un lieve invito del piede lo aveva fatto distendere in posizione supina in maniera che mentre lei gli strusciare gli arti sulla bocca lui potesse menarsi il membro rivestito del nero del suo indumento di seta..

Infatti dopo qualche minuto ed alcuni movimenti a sega sulla sua incredibile verga, il ragazzo aveva sborrato ancora schizzando sul suo petto sino ai piedi della donna ed il suo stesso viso che da sotto continuava a leccare e ciucciare le dita.

-Sei davvero stupendo Giorgio hai una lingua meravigliosa ed un cannone sempre carico in mezzo alle gambe.

Chissà coma farai godere Barbara quando vi sarete sposati!-

Quelle due ore trascorse, erano state più eloquenti di ogni parola per approfondire la conoscenza tra lei e il futuro marito di sua figlia.

Pienamente appagati entrambi e dopo essersi rimessi in ordine, si erano seduti in soggiorno a parlare in attesa del ritorno di Barbara.

Il ragazzo aveva così spiegato che tutto era cominciato quando la mamma aveva scoperto che lui si masturbava tenendo il cazzo avvolto dalle sue mutande (Della mamma) prelevate dal cesto della biancheria da lavare.

Va ricordato che la mamma del ragazzo era una bigotta super devota che dedicava tutta la sua vita ed il suo tempo libero alla chiesa ed alle pratiche religiose e dunque, il sesso era considerato come qualcosa di sporco e peccaminoso.

Anche il suo abbigliamento alquanto castigato, era completato da mutandoni che non avevano nulla di sexi e che tuttavia, eccitavano la fantasia del ragazzo che le usava per farsi le seghe e sborrarci sopra.

La scoperta del figlio che si masturbava con le sue mutande, era stata vissuta all'inizio come una vera tragedia, un peccato mortale per di di più incestuoso.

Col tempo le cose erano cambiate.

Vi era la necessità di confessare quel peccato.

Lei tormentata pareva non sapere come affrontare la questione col confessore della sua parrocchia.

Nonostante la scoperta ed i continui rimproveri, il ragazzo continuava ad usare le sue mutande e le sue calze di nylon nere per i suoi sfoghi sessuali.

Impotente davanti a quella situazione oramai fuori controllo un giorno la mamma aveva preso il coraggio e in un ennesimo discorso al figlio gli aveva detto:

-Ascolta Giorgio, ho parlato della questione con don Santo il quale mi ha detto che non c'è problema se fai qualche peccato di quel genere che è tipico per la tua età.

Oramai anche la chiesa si è adeguata e non sostiene più che masturbandosi si diventa ciechi e si fa peccato mortale.

Mi ha anche fatto capire che comunque, l'incesto non c'entra anche se ti masturbi coi miei indumenti o addirittura lo fai in mia presenza.

L'importante è che non ci sia l'accoppiamento tra madre e figlio e dunque, mi ha suggerito visto che hai quella passione, di aiutarti sino a farti guarire.-

Da quel momento il ragazzo era autorizzato a masturbarsi con le mutande della mamma anche in sua presenza a condizione che poi andasse a confessare quel peccato veniale.

Col passare dei giorni e l'aumentare della confidenza tra madre e figlio, lei gli permetteva di toccarle la fica mentre si masturbava e poi, gli aveva permesso di leccargliela a condizione che confessasse anche quello a don Santo.

Il suo sviluppo sessuale dunque, era quello: Segarsi leccando la fica della mamma per poi guadagnare quando era diventato bravo, anche la possibilità di adorarle le calze e i piedi e sborrarci sopra per poi ripulirli con la lingua.

Solo quello, giacché era vietatissimo avere rapporti più completi.

Anche alla mamma era vietato toccarlo pena una condanna gravissima di incesto.

La mamma gli aveva anche spiegato che lui poteva fare quelle "Porcherie" ed avere l'assoluzione nel confessionale grazie al fatto che tra lei e il prete vi era un accordo santo.

Lei gli succhiava il cazzo e si faceva montare ed in cambio, non essendo il loro un rapporto incestuoso ma solo un peccato veniale, poteva essere assolta sia lei che il figlio segaiolo.

-Sai Giorgi, io avevo intuito sin dal primo momento una storia del genere.

Era chiaro per me che il tuo impaccio nei confronti degli argomenti sessuali nascondeva qualcosa che tu ritenevi inconfessabile e tuttavia, quando hai sentito il profumo della mia fica non hai saputo resistere ed hai dato sfogo a tutta la tua libidine dimostrandoti insuperabile nell'uso della lingua.

Cerca di fare così anche con Barbara, la farai godere in modo sublime come fai con me riservando il sesso completo a quando vi sarete sposati e finalmente vorrete avere dei figli.-

Arrivando a casa la ragazza, era stata accolta da un ambiente sereno e rilassato.

Il ragazzo si era finalmente liberato da un peso troppo grosso da sopportare da solo ed aveva finalmente trovato nella madre della sua ragazza una compagna affidabile con la quale condividere quel segreto.

segue











Questo racconto di è stato letto 3 8 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.