Il contratto -5-

Scritto da , il 2021-10-19, genere fisting

Lungo la strada ci siamo fermati al sexshop.

Il negozio in realtà non aveva nulla che soddisfacesse i requisiti delle abilità appena scoperte a mia moglie.

Poi, proprio mentre stavamo per arrenderci, ho notato qualcosa.

Su uno scaffale basso c'era un pacco contenente due grosse palline collegate con una catena delle dimensioni di due palline da tennis.

La commessa ci ha informato come questi oggetti erano stati riservati da un cliente, ma non ritirati siccome considerati troppo grandi.

Lorraine ha abbassato la testa in modo remissivo.

Ho detto alla commessa che questo era esattamente quello che stavo cercando, e l’ho acquistato.

Arrivati al ristorante, prima del pasto, Lorraine è andata in bagno come al solito.

Lo fa sempre e non ci ho pensato.

Prima avevamo chiacchierato per un po' di tempo su molti argomenti mentre eravamo per strada, cosicché in quel momento mi ero dimenticato del nostro acquisto precedente.

Ma Lorraine evidentemente non l'aveva fatto.

Mi sono seduto al nostro tavolo in attesa del ritorno di Lorraine dalla toilette, chiedendomi cosa potesse trattenerla così a lungo.

È allora che mi sono ricordato del nostro acquisto.

Guardando verso la porta del WC, ora potevo vedere Lorraine che tornava dal bagno delle signore e si avvicinava lentamente verso nostro tavolo.

“Sicuramente non può davvero aver inserito le due grosse palle nella sua figa” pensai mentre lei stava cercando di tornare al nostro tavolo.

Ci siamo guardati negli occhi da lontano e ho mosso la testa per domandarglielo.

Stava camminando molto più lentamente del normale.

Lorraine ricambiò il sorriso e annuì dicendo con le labbra

"È meraviglioso".

L'eccitazione di vederla controllare ogni passo mentre tornava era incredibile.

Il sorriso e il bagliore rosso sul suo viso raccontavano la storia di piacere che stava provando.

Lorraine si sedette accanto a me sul sedile in pelle a forma di U intorno al nostro tavolo.

Respirava pesantemente e ci volle del tempo prima di parlare.

"Scusa se sono stata via così a lungo, ma non vedevo l'ora di vedere se riuscivo a farle entrare"

Poi mi ha sussurrato come si era mossa all’interno dello scompartimento del WC per penetrarsi con questi nuovi oggetti.

Si era accovacciata accarezzandosi la figa, finché non era abbastanza umida da permetterle di inserire le palle.

Stava quasi mostrando una sorta di orgoglio per il fatto che le aveva inserite con poco sforzo.

Mi ha confessato che la sensazione di essere piena era fantastica, e l'eccitazione di passeggiare in un luogo pubblico con queste palle nel suo corpo la eccitava terribilmente.

Provava sensazioni di piacere che correvano lungo il suo corpo e nessun altro poteva avere idea del suo divertimento.

Ho detto: "Penso che alcune persone potrebbero chiedersi dal sorriso sul tuo viso, tesoro".

Ci siamo seduti e ci siamo goduti il resto della serata mangiando un pasto meraviglioso.

Durante la serata Lorraine è andata in bagno diverse volte, e si è mossa ogni volta con più libertà.

Al rientro di una di quelle sue assenze, è tornata e si è seduta velocemente.

Sono sicuro che stava disperatamente cercando di nascondere un orgasmo.

Alcune teste si sono voltate nella nostra direzione mentre le gambe di Lorraine tremavano sotto il tavolo.

Quando è arrivato il momento di uscire, ho notato una grande macchia di succo di figa sulla sedia, dalla quale Lorraine si era appena alzata.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 1 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.