Ladri anche di sesso

Scritto da , il 2021-10-17, genere bisex

Ciao scrivo a nome di Enza : Sono Enza sposata con Mimmo da 15 anni con una bambina di 11 , sono un bel tipo messa bene e con tanti ammiratori lavoro in un centro commerciale , in un negozio di orologi sono la responsabile , mentre mio marito nello stesso centro è capo reparto nel settore elettrodomestici, io esco solitamente un'ora prima di lui .
Finite le scuole , per tutta l'estate , i miei genitori vanno in vacanza al mare in Romagna e si portano mia figlia , io e mio marito se possiamo andiamo a trovarli , abbiamo organizzato un weekend e il venerdì sera dopo il lavoro dovevamo partire , mi fermo al bancomat prelevo 500 euri , e mentre mi avvio verso la macchina noto un signore con la mascherina anti covid , il capellino con la visiera e un giubbotto senza maniche ma con le tasche tipo felpa , penso , non sente caldo ?, quando sono vicina alla macchina il tipo da dietro mi dice di non fiatare , mi mostra dalla tasca il calcio di una pistola , comincio tremare di paura ,e lui mi dice , stai calma sali in macchina , sale con me , mi ordina , andiamo verso casa tua , poi mi dice dammi i soldi che hai prelevato , apro la borsa ,faccio per scappare , ma mi arriva una sberla che mi fa fischiare l'orecchio , poi mi intima di non dare colpi di testa che alla fine non mi sarebbe successo niente . Abito in una palazzina di 15 appartamenti al terzo piano , saliamo faccio per scappare ,ma mi arriva un'altra sberla , sento un brivido di dolore che parte dalla spina dorsale e mi arriva al cervello e in mezzo alle gambe , mi scappava la pipì e ho perso qualche goccia , indossavo una gonna leggera e una maglietta aderente , la biancheria come da sempre tanga e reggiseno che spingeva le tette verso l'alto mettendole in mostra , una volta dentro casa , fa una telefonata e da l'indirizzo di casa mia dando il piano e la porta , io ero terrorizzata , le dico in casa non c'è niente i soldi veli ho dati tutti se va via non la denuncio ,tra mezza ora arriva mio marito ,è meglio che andate , pochi minuti dopo squilla il suo cell.. e lui apre il portone d'ingresso , alla porta si presentano due ragazzini ,lei magrina molto bella ma con lo sguardo da cattiva , lui di qualche anno più grande con diversi tatuaggi e i capelli a zero ma con uno sguardo molto più dolce , indossavano entrambi delle tute da mercato , scure ma quella della ragazza era una taglia più piccola e aderiva al corpo , non portava reggiseno ,si vedevano i capezzoli sotto la stoffa leggera , si avvicina a me mi chiede dove tenessi i preziosi e i soldi
le rispondo che in casa non c'è niente di valore ,mi arriva un'altra sberla data da lei che mi prende anche l'orecchio destro che comincia a fischiare , e un brivido di dolore misto a piacere che mi scorre sulla schiena e mi arriva alla figa , le dico che la poca merce di valore è nel cassetto dell'armadio , lei manda il ragazzo a controllare , io le chiedo di andare in bagno che devo fare la pipi , il vecchio le dice ,
accompagnala e rimani con lei , ero imbarazzata , e lei mi dice dai siamo tra donne ,muoviti , visto la mia titubanza , si avvicina e dice ,dai ti aiuto , mi alza la gonna ,mi toglie la mutande , poi non contenta mi sfila la gonna , e mi ordina di pisciare , ci sono voluti alcuni minuti ma alla fine mi sono liberata ,
faccio per rivestirmi ,ma lei mi ordina di rimanere cos'ì ,io mi tiro giù la camicia più che posso e lei dietro di me rientriamo in sala , mi fa sedere , mi mette le mani dietro la sedia , mi mette delle manette poi con un corda mi lega le caviglie alle gambe della sedia , con ,a stessa corda me la passa in vita un giro in pancia ,un giro sotto e un giro sopra le tette stringendo abbastanza forte , io piangevo di dolore e di paura , il vecchio mi chiede , a che ora torna tuo marito , poi mi prende il cell.. dalla borsa , e mi dice dammi il suo n° , mi spiega che dovevo dire di prelevare altri soldi perché mi ero dimenticata , stai attenta a quello che dici , lui non vede l'ora di metterti le mani addosso , riferito al ragazzo , le do un numero ed è quello di mio padre , esce la scritta papi , lui mi da un paio di sberle , sulle gambe molto forti ,la mia figa si è bagnata , e ho cominciato a piangere , il vecchio mi dice , se non collabori , poi tocca anche a tuo marito , le dò il n° e come istruzioni chiedo a mio marito di fermarsi al bancomat
lui ignaro acconsente . La ragazza più furba del gruppo si accorge della mia eccitazione ,anche perché i miei capezzoli volevano trapassare la camicia , il ragazzo prende dal frigo del cibo e una bibita si mette in poltrona a guardare la tv , la ragazza mi apre la camicia e mi mette a nudo le tette , poi fa lo stesso con le sue , si siede sopra di me ,e appoggia i suoi capezzoli contro i miei sfregandoli , il ragazzo chiama papà tua figlia comincia a fare la troia con la signora , li ho capito che si trattava di una famiglia , anche a non volerlo la cosa mi piaceva e mi sentivo eccitata , lei mi ha baciato e io ha risposto al bacio , mi ha detto se non fai la scema ti slego le gambe , cosi potrai aprirle , le chiedo di togliermi anche le corde in vita che stringevano troppo , lei mi risponde , poi vediamo ,ma se fai la scema oltre a picchiarti ti metto anche il bavaglio , mi slega le gambe me le apre ,si siede sopra di me con tette con tette , mi infila una mano in mezzo alle gambe e comincia a farmi un ditalino , ci sapeva fare e in pochi minuti le sono venuta in mano , poi ha preso tra le dita il mio clitoride lo stringeva e lo faceva roteare , si è inginocchiata davanti a me e ha cominciato a succhiarlo , ho avuto un secondo orgasmo , il fratello le ha detto sei una lesbica marcia ,basta che vedi una figa e vai in campana si avvicina e tira fuori il suo cazzo già in tiro ,di buone dimensione , me lo avvicina alla bocca e mi ordina di succhiarlo , io giro la testa dalla parte opposta , mi arriva uno schiaffone che mi intontisce per qualche secondo mi riordina succhialo bene altrimenti te la faccio pagare , mi intima , rispondi troia dimmi che vuoi il mio cazzo in bocca , e mi arriva un'altro schiaffone , mi sentivo la faccia arrossata e calda , mi veniva da piangere , ma ho aperto la bocca e lui lo ha infilato dentro ,m ordina di ruotare la lingua sulla cappella e mi dice dai continua che mi piace , la sorella sempre seduta sulle mie gambe assisteva con piacere e si toccava la figa , il suo peso cominciava a dare fastidio , le mie gambe cominciavano ad avere un formicolio e mi dava veramente fastidio , lei mi dice ,è la punizione per avere fatto aspettare mio fratello ,anzi ti meriti anche di peggio ,e con forza mi ha stretto le tette fino a farmi piangere , poi è passata alla figa e le ha riservato lo stesso trattamento , mentre mi strizzava il fratello ,ha detto dai sto venendo ,lei mi dice , se ne perdi una goccia ti faccio male ancora di più stringendo la mia figa , mi ha riempito la bocca , ma tutta la sua sborra non ci stava anche se buona parete l'ho ingoiata , lei è venuta in mio aiuto e baciandomi ne ha bevuta un po anche lei , sempre stringendomi la figa ,sono venuta per la terza volta ,e lei mi ha detto all'orecchio , ti piace vero? , ti piacerà ancora di più mio padre . In quel momento hanno suonato alla porta era mio marito che ignaro di tutto entra e dietro la porta c'è il padre che con la pistola in mano le intima di non muoversi ,la figlia le mette le manette , poi le toglie scarpe e pantaloni lo fa sedere e lo lega con le mani dietro le corde i vita e le caviglie alle gambe della sedia , mio marito terrorizzato non apriva bocca , guardava me mezza nuda e stravolta ,penso abbia capito che ero stata abusata , l'ho tranquillizzato e le ho detto nessuno mi ha violentata diamole quello che vogliono così vanno via .( troppo bello)
Hanno vuotato le tasche di mio marito e il padre si è messo tutto in tasca , poi si avvicina a me e dice, troia farti mio figlio e mia figlia ti è piaciuto ,ma adesso tocca a me , ordina ai due ragazzi di mettermi a pancia in giù sul tavolo e di tenermi ferma ,prende dalla dispensa una bottiglia di olio , me ne versa un pò sul culo e un pò sul suo cazzo , mi mette dentro due dita e comincia a ruotarle e a mandarle avanti e indietro a mo di scopata , mi sono bagnata ,e non pensavo che fosse tanto piacevole , le volte che avevo provato era bello ma non come questa volta , quando ha smesso con le dita , le ho detto perché ti fermi , incurante di mio marito ,anzi lo guardavo e le facevo vedere la lingua , il tipo mi dice ,adesso viene il bello , mi fa vedere il cazzo ,enorme era almeno una volta e mezza quello di mio marito e almeno 5 centimetri più lungo , me lo appoggia e il mio buchino , spinge senza fermarsi ,la ragazza mi consiglia di rilassarmi e di allargare le chiappe ,di spingere verso fuori in modo da dilatare il buco , come mi rilasso il cazzone è entrato oltre la metà , mi faceva davvero male ,ma le ho detto continua questo tipo di dolore mi eccita , dopo alcuni secondi che il mio buco si stava adattando lui ha dato il colpo finale entrando tutto ,mi sentivo piena e dolorante ,ma l'ho incitato a darmelo , ha cominciato a scoparmi il culo con un ritmo davvero unico sembrava instancabile , mentre mi scopava il culo mi ha messo una mano nella figa ,mi ha infilato dentro le quattro dita ,ed ha cominciato a scoparmi con la mano , sono quasi svenuta dal piacere ,mi sono girata di schiena sul tavolo in modo da facilitare le sue manovre , e mentre la ragazza mi limonava sono venuta di nuovo , subito dopo li padre mi ha inondato il culo con la sua sborra , mentre il ragazzo si faceva fare una sega dalla sorella , guardo mio marito e dai boxer si vedeva il cazzo in tiro , i tre si sono ricomposti , dal frigo hanno preso una bottiglia di vino e del cibo , mi hanno salutato e sono usciti . Ho slegato mio marito che aveva ancora il cazzo in tiro ,mi è saltato addosso dandomi della puttana e altri titoli ,ha affondato la faccia nella mia figa e ha cominciato a leccarmi con una foga esagerata sembrava che non scopava da diversi mesi , poi me lo ha infilato di colpo ma subito dopo e venuto , siamo andati in doccia assieme ,mi sono fatta mettere la crema dove ero irritata dalle corde , mangiato un boccone sono crollata sul divano , Non siamo partiti per il mare ,e ho passato tutto il giorno a raccontarle le scopate e i pompini fatti , ad ogni racconto seguiva una sua penetrazione , alla sera ero esausta , e per l'ennesima volta mi ha preso con forza e per me con tanto piacere , a rimettermi in forma ci sono voluti due giorni , Oggi sono la dama di sesso di diversi padroni , basta che abbiano cazzo grosso , ma la mia aspirazione è di farmi scopare e leccare da mamma e papà spero presto
CIAO

Questo racconto di è stato letto 4 2 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.