Fistare il mio giovane amico -4-

Scritto da , il 2021-10-17, genere fisting

Mi chinai in avanti, sentendo la resistenza.

Appoggiando un po' più di peso su di lui, e la resistenza cedette.

Rabbrividì ed emise un lungo gemito gutturale, mentre gli affondavo il cazzone nero fino all'elsa.

L'ho tenuto lì un minuto, massaggiandogli il culo con entrambe le mani, esortandolo a rilassarsi e ad aprirsi.

Lo chiamavo il mio dolce bambino, dicendogli quanto possedevo e amavo il suo culo.

Il suo corpo teso, ha gradualmente allentato la presa, e io mi sono ritirato a metà, spingendomi dolcemente contro di lui.

Ho tirato fuori un po' di più del grande cazzone, ogni volta che pompavo, fino a quando ogni colpo spingeva l'intera lunghezza del dildo nel suo buco sporco.

Il suo corpo non poteva combattere le onde di piacere che provava.

La madre della fidanzata, la videocamera, la sua esposizione e il suo imbarazzo sono stati tutti oscurati dalla sensazione di farsi inculare dalla sua amante.

I suoi gemiti di disagio si erano trasformati in gemiti di piacere mentre sollevava il culo per incontrare i miei fianchi.

Tirando fuori il cazzone, gli ho chiesto di girarsi.

Era sdraiato sulla sua schiena.

Presi le sue gambe e le misi sulle mie spalle, facendolo rotolare indietro finché il suo culo non fu facilmente alla mia portata.

Gli ho detto che avevo bisogno di guardare la sua faccia e il suo cazzo duro, mentre usavo il suo culo accogliente.

Ho reinserito il dildo, e ho cominciato a pompargli dentro.

Solo ora lo stavo facendo, più a fondo.

Spinsi contro le sue gambe, per fare leva, mentre i miei fianchi lavoravano più velocemente.

Andavo forte e profondo, più veloce ad ogni spinta.

Ho iniziato a sentire le piccole gocce di sudore colarmi sul viso, mentre iniziavo a sbatterlo più forte che potevo.

Ho guardato in basso, oltre i miei seni tremanti, e ho guardato il suo cazzo duro contrarsi e sussultare ad ogni movimento del mio pompare.

Studiai come il suo viso si contorcesse in un'espressione di dolore mista a piacere.

Il suo buco era spalancato e l'ho martellato fino a quando non ero esausta.

Ha iniziato a implorarmi di lasciare che si masturbasse, implorarmi di masturbarlo, qualsiasi cosa, per permettigli di venire.

Lanciai un'occhiata alla donna con la telecamera, e annuii con la testa.

Si era alzata dalla sedia, e stava girando intorno al letto, registrando da ogni angolazione.

Ha messo la telecamera sul comò, puntata su noi due, e l'ha lasciata accesa, mentre si inginocchiava sul letto.

Mi piegai un po' indietro, abbassando le sue gambe quel tanto che bastava perché lei raggiungesse il suo cazzo caldo e pulsante con la bocca.

Quando ha preso la cappella in bocca e ha iniziato a succhiare, ho sbattuto l'enorme dildo nel suo culo più forte che mai.

Contorcendosi con spasmi selvaggi. gli intrecciò entrambe le mani nei capelli, e spinse la sua testa fino in fondo sul suo cazzo dolorante, mentre gemeva e si dibatteva selvaggiamente sul letto.

Potevo sentirlo gridare, chiedendole di succhiargli il cazzo, mentre mi pregava di scoparlo.

Lo succhiò profondamente nella gola, mentre continuavo a infilzarlo.

Poi il suo corpo si tese come una molla arrotolata.

La mia amica ha tirato via la sua bocca, proprio mentre i primi spruzzi del suo carico caldo hanno iniziato a sparare.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 2 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.