Collegio di danza (2)

Scritto da , il 2021-10-14, genere feticismo

2

Poco meno di mezz'ora dopo, Gal tornò nella stanza, era scalza con i pantaloni alla zuava ed una canottiera.
"Io ti devo delle scus..."
"Tu prima ascolta me poi potrai dire quel che vuoi." La interruppe bruscamente Gal.
" Sai perché non si interagisce tra le novizie il primo mese? Perché noi tutor possiamo così annotare i vostri sviluppi indipendenti ed avere un quadro oggettivo della situazione. Tu stavi andando molto bene, meglio della media sicuramente. Se le novizie si scambiano informazioni tra di loro il primo mese, è come barare, perché non arrivano autonomamente alle soluzioni verso i problemi. Non voglio sapere che informazioni vi siete scambiate, ormai è fatta, e sono anche costretta ad annotare questo fatto, che, per forza di cose influirà sulla tua valutazione di questo quadrimestre.
Liz era in lacrime a terra letteralmente e moralmente.
"Scusa..." così dicendo strisciò ai piedi di Gal iniziando a baciare il dorso, questa volta più lentamente.
" Accetto le tue scuse, ma non potrò evitare di annotare questo fatto, siccome è accaduto anche a Clara, per quanto mi suppicherai questa volta.
Questa settimana scordati di dormire nel tuo letto. Dormirai con i miei piedi in faccia, senza calze, sono fin troppo brava."
Gal sapeva che era precoce baciare i piedi della propria senior, questo avveniva raramente il primo mese, accadeva solitamente il secondo quando c'era già in gioco l'anello al dito, fatto apposta. Infatti, nonostante la nota di demerito, avvenuta verso la fine del mese, dopo che aveva già iniziato a baciare i piedi di sua iniziativa, liz avrebbe ricevuto un voto molto positivo.
Ciò faceva onore anche a Gal in quanto ottima educatrice.
Liz vaeva smesso di piangere ma non di baciare i piedi. Gal si era abbassata ed accarezzava liz come un animale domestico,, dicendo persino: "brava", "così". Ora si era seduta inarcando i piedi al contrario, mostrando le piante, che avevano un velo di polvere grigia perché aveva camminato fuori nei corridoi per andare da Clara. Nel frattempo continuava ad accarezzare i capelli di Liz come una bestia. Questa che aveva davanti al viso una pianta sporca, inizialmente esitò, per poi usare le mani per rimovere un po' di polvere dalla pianta. Nel fare questo Gal un po' contrariata la interruppe:" fermati un attimo ed ascoltami Liz cara. Tu non lo sai ovviamente, ma ci sono piccole regole di educazione per quanto riguarda baciare i piedi. La prima è che questi, indipendente dal fatto che siano sporchissimi sopra e sotto, o molto puzzolenti per te che vuoi o devi baciarli sono come pulitissimi, non ti devi curare affatto delle loro condizioni o tantomeno far vedere che in qualche modo ti accorgi che non sono puliti e profumati. Per te che li baci lo sono sempre. Quindi usare le mani per pulirli è molto offensivo, se la persona vorrà che glieli pulisci sarà lei a dirtelo. Altra regola di educazione è che le calze non si baciano mai, perché sembra che hai schifo a baciare il piede nudo, offendendo la proprietaria. Puoi baciare le scarpe indossate una volta per piede, per comunicare di voler baciare i piedi al suo interno, dopo aver rimosso scarpe e calze. Per le scarpe scoperte come i sandali non fare l'errore di baciare il pede nudo anche se potresti. prima bacia una volta il sandalo poi una volta tolto il resto. Questi sono consigli preziosi, che ti faranno fare belle figure. Gli anelli o i baciapiede vanno baciati prima del resto del piede. Penso di averti detto tutto."
Liz aveva ascoltato tutto attentamente.
Immobile. "Grazie mille Gal, scusa per come ho agito. Ti dispiace se prendo appunti?"
"No, fai pure. Ah altra cosa importante. A meno che non ti sia ordinato espressamente, non interrompe una sessione di baci prima di aver baciato tutta la superficie dei piedi almeno una volta. Baciare l'anello o il baciapiedi può essere fatto anche una sola volta."
" Scusa ancora Gal."
Così facendo baciò in fretta entrambe le piante impolverate, con il risultato di avere le labbra sporche alla fine.
Gal era soddifatta, le cose promettevano bene per liz sarebbe stata una allieva modello e di conseguenza una serva modello alle sue dipendenze.
Le giornate proseguivano normalmente, Liz si era abituata a dormire con i piedi in faccia, non puzzavano dopotutto, poi alla mattina quasi mai se li ritrovava addosso. Le cose andavano bene con Gal, non aveva più dovuto baciarle i piedi, non aveva nemmeno più ricevuto punizioni. I massaggi con lo sputo proseguivano bene.
Era venerdì dell' ultimo mese. Dopo cena le due stavano guardando fianco a fianco una serie Netflix sul letto di Gal. Infondo erano diventate amiche nonostante i ruoli diversi, andavano d'accordo.
"Gal, oggi è successa una cosa stranissima a lezione di danza classica, che tuttora non mi spiego. La professoressa Smith, dopo la lezione nello spogliatoio, era seduta nell' angolo solito delle insegnanti, si stava rivestendo, era scalza con i jeans e una maglietta addosso seduta, le altre si astavano cambiando, alcune erano già uscite, io dovevo solo mettermi le scarpe e sarei stata pronta, quando ad un certo punto la Smith gridò solo: "ragazze". Poi sputò per terra e rimanendo seduta strusciò un piede sullo sputo e alzò la gamba. Tutte guardarono la scena e rimasero ammutolite. Nessuna sapeva che fare. Cosa significava quel gesto? Io non lo so tuttora. Tutte erano titubanti. Poi la Smith disse ancora:"avanti su, una nota di merito a chi lo fa" allora a quel punto sei o sette delle ragazze più vicine si avventarono attorno a lei. Io ero in fondo. C'era da fare qualcosa era chiaro, ma che cosa? Una ragazza prese uno straccio lo bagnò d'acqua e si mise a pulire il pavimento attorno alla Smith, interpretando come se il posto fosse sporco e da pulire. Anche io avrei capito così, perché la pianta della Smith era scura di sporco oltre che di sputo, ma quello forse era dovuto alla danza. Die iniziarono a baciare sia il pide a terra sia l'altro iniziando dalla pianta sporca di sputo. Al che la Smith si mise a ridere. Un'altra ragazza, una delle più stupide della classe, non sapendo cosa fare, si mise persino a baciare il punto dove la Smith aveva sputato. A bel punto evidentemente spazientita la Smith disse:"via via, sarà per un'altra volta."
Io non ho idea di cosa volesse tuttora.
Gal sentendo la storia si mise a ridere di gusto più volte. Poi si riprese e disse:" si la Smith ha fatto un gesto un po' da esperte, poteva falo dal secondo mese in poi e non era detto che tutte avrebbero capito comunque. Ha voluto testarvi ed avete fallito. Ci sono gesti semi segreti che stanno a richiedere determinate cose. È bene che uno li impari da se. In quel caso lo avrete impararato tutte se qualcuna avesse azzeccato. Alcuni 'inviti' sono molto più sottili di altri, ma c'è un invito per tutto.
Non ti voglio svelare che cosa fosse ma se lo indovinerai ti darò una nota di merito. Dicendo questo Gal si sporse sul limite del letto, sputò per terra e ci strusciò il piede nudo, per poi rivolgere la pianta a liz.
" Allora... Il pavimento no... I baci ai piedi no... Allo sputo tanto meno... Forse la pulizia dei piedi? Ma tu mi hai detto che l'unico modo per chiederla è a parole... Ci sono! Sputo ugule lubrificante, lubrificante uguale massaggio!"
Gal era sinceramente soddifatta.
"Brava, vedi che sei molto perspicace. Annoto subito questo episodio..... Ebbene che fai non massaggi?.."
Così liz massggiò i piedi di gal aggiungendo del suo sputo.
"Ma quindi c'è un modo per richiedere anche i baci ai piedi suppongo..."
"Si esatto brava e anche per altre cose... Ma le scoprirai a tempo debito, nessuno le può dire a parole."
Venerdì passò e sabato Liz comprò l'anello per la cerimonia, era un anello d'argento con inciso Gal e Liz all' esterno più la data e qualche decorazione basica. Domenica sera era il giorno per celebrare la fine del primo mese e dunque fare il 'rito' di iniziazione. Le quarantanove allieve erano tutte in fila lungo uno dei corridoi più lunghi del collegio, di fronte a loro c'erano le rispettive senior, all' inizio del corridoio la preside e due insegnati passavano d'una ad una ad assistere ad ogni cerimonia. Liz e Gal erano circa in mezzo. Le ragazze erano 49 perché una era stata espulsa, non si sa il motivo, la sua senior, che gal non conosceva bene era stata, come da prassi, rilegata ad essere una 'junior-serva' di una professoressa per i prossimi tre anni. Facevano infatti una brutta fine sia per reputazione sia per fatica le senior che perdevano le proprie allieve.
Liz e Gal avevano discusso con timore e pena riguardo all'accaduto.
Arrivò il loro turno, il rito consiteva nel ricevere il fazzoletto di seta, inginocchiarsi, stenderlo, aspettare che Gal salisse, prendere l'anello, ed infilarlo nel dito a fianco all'alluce destro. Stava molto bene così. Gal unì i piedi tenendoli simmetricamente vicini e liz dovette pigarsi e baciare l'anello, nel fare questo la direttrice le tenava una mano sulla testa. Tutto questo in silenzio assoluto, la direttirvie passava oltre, gal scendeva dal fazzoletto di seta viola scuro, liz lo prese e lucidò simbolicamente l'anello, per poi piegarlo con cura, per metterlo in tasca. Non avrebbe dovuto separasi più da quel fazzoletto, doveva conservarlo bene, non poteva cambiarlo, ma poteva rattopparlo quando si sarebbe lacerato.
Tornate in stanza Liz chiese a Gal se avesse ancora il suo vecchio fazzoletto. E con sua grande sorpresa Gal estrasse dalla propria tasca uno straccetto tutto fatto di toppe di varie tonalità di viola scuro, forse solo un angolo era di seta originale.
Liz lo prese in mano e notò subito che ra pieno di macchie , le toppe erano di cotone, molto consumate, noto anche che non aveva un ottimo odore.
"Vedi liz, il tuo farà questa fine. Ma è un bel ricordo da portarsi dietro. Non ti preoccupare che non c'è un voto sul suo stato, anzi, più è usato e rattoppato e più ti fa onore perché simboleggia la tua dedizione. Perché dovrai metterlo tutte le volte che i miei piedi nudi si appogiano a qualcosa, se ti dimentichi troppe volte verrai punita. Tutte le superfici che non sia la tua faccia è logico. Chiaro è che non devi perderlo."
"Chiarissimo"
Anche quella sarebbe stata una sfida, controllare tutte le volte che i piedi di Gal non toccassero terra.
Quella notte era l'ultima di punizione con i piedi in faccia, sentiva il freddo dell' anello ed il peso di una preoccupazione in più.

Lunedì fu un giorno felice per liz, riuscì a parlare con Tatiana ed oragnizzare quel fine settimana una gita. Si scambiarono informazioni e pareri, ora potevano. Anche lei chiese alla sua tutrice, Clara, che cosa sigificasse il gesto della Smith di calpestare lo sputo. Ed arrivò anche lei alla stessa esatta conclusione. Si tennero per loro quel segreto. Discussero anche di quale potesse essere la richiesta segreta per farsi baciare i piedi. Avevano opinioni differenti e non erano sicure di ciò. Tat pensava che fosse quando si inarcavano le piante all' indietro, ma questo funzionava solo quando la persona era già stesa. Secondo liz invece doveva essere qualcosa che si potesse fare in piedi, secondo lei questo aveva magari a che fare con il rituale dell'anello, ma non sapeva esattamente cosa. Le prossime volte avrebbe osservato meglio.
Quel pomeriggio dopo la solita palestra Gal tolte le scarpe e buttata la borsa per terra alla rinfusa, si sdraiò ancora con le calze bianche alla caviglia, senza dire nulla Liz arrivò, notò che gal aveva avvicinato parallelamente i piedi per poi inarcare all' indietro le punte per un secondo, poi mettendoli distanziati. Questi poggivano sulla sbarra fredda del letto, dove quando liz dormiva lì metteva il cuscino.
Forse era vero quello che diceva Tatiana, che tirare indietro le dita era una richiesta di baci; ed unire i piedi simmetricamente invece?
Ma non volle rischiare di fare qualcosa di inopportuno e immotivato.
Rimosse le calze e dopo aver sputato sulle sue mani iniziò il massaggio.
Si dimenticò del fazzoletto di seta.
La sera a cena si dimenticò ancora del fazzoletto di seta. Alla sera, prima di andare a dormire gal che non aveva ancora detto nulla, disse:" dove credi di andare, tu dormi con i piedi in faccia stasera e questa settimana, perché hai dimenticato ben due volte il fazzoletto di seta oggi." Facedo questo fece un gesto con i piedi di unirli e di alzare prima un allone e poi l'altro per poi setndersi.
"Hai ragione Gal... Posso chiederti una cosa? Quel gesto di i unire i piedi e di alzare i talloni che significa?"
" Sai che non posso dirtelo, vieni valutata a seconda di quando scopri quale gesto sigifica cosa. Dopo qualche mese non dovrò più dirti nulla e dovrai fare tutto dal linguaggio dei piedi. Ti dico solo che sono due richieste e non una. Ti ho già detto troppo."
Si sdraiò, allora Liz per fare bella figura disse:" quello dei talloni che si alzano è il gesto di volermi mettere i piedi in faccia, ci scommetto, non l'ho mai visto, perché me li hai sempre messi tu. Non so come fare però."
"Esatto, è molto intuitivo questo, anche qui hai imparato una nuova cosa prima delle altre. Questo come quello dei massaggi non sono usati molto, perché sono le uniche due abitudini che si prendono il primo mese. Ma può capitare che qualche insegnante o la preside vogliano punirti in quel modo o da quella posizione poi fare altro e tu devi saperlo. Tu devi stenderti vicino alla persona, su un letto o sotto una sedia, poi una volta tolte eventuali scarpe e calze devi prendere le piante e metterle sul tuo viso distanziate con in mezzo il naso, la base delle dita deve essere negli incavi degli occhi, a prescindere dalla lunghezza del piede, non sopra, di modo che le dita siano bene a contatto con la fronte."
"Ok" ciò signifacava che anche dalle dita dei piedi doveva esserci un messaggio. I misteri erano tanti.
Allora fece così ma Gal unì le piante ancora per un attimo. Lo stesso gesto di prima che più volte aveva visto. Doveva signifiacre baciare i piedi. Quindi iniziò dalle piante a baciare ma gal le premette di più i piedi sul volto impedendo i baci.
"Che fai..." Si limitò a dire Gal, che già non avrebbe dovuto.
"Scusa Gal hai ragione", dicendo ciò baciò l'anello, perché quello andava fatto per primo. E che l'unire i piedi significasse solo baciare l'anello? Forse aveva svelato il segreto. Dato il bacio Gal le premette di nuovo i piedi, dandole il consiglio che voleva solo quello. Così aveva imparato, unire i piedi significa baciare l'anello solamente. Bene.
La prossima volta avrebbe dimostrato che conosceva quella richiesta.
Dopo il primo mese i progressi erano di meno valore, perché le allieve potevano comunicare tra di loro se volevano, ma in realtà quasi tutte si tenevano stretti i propri segreti. La vita in camera era raccontata poco tra le allieve, parlavano solo di studio e danza, le uniche volte che parlavano della propria senior era per lamentarsi del lavoro o delle punizioni, ma non svelavano quello che avevano scoperto.
Il giorno seguente quando si svegliò, diede la sveglia a Gal scuotendole una gamba, questa che aveva spostato i piedi, come quasi sempre accadeva, fece il gesto di distenderne prima uno e rialzarlo e poi lo stesso con l'altro piede, per Liz sembrava proprio lo stesso gesto fatto a in piedi di voler mettere i piedi in faccia, quindi li prese e se li mise sul volto, Gal non disse nulla, ma non diceva mai nulla prima della sera di solito. Poi gal congiunse le piante, questo signifacava baciare l'anello secono Liz e lo fece. Poi rimise le piante in faccia e prima premette poi alzò le dita. Lo fece qualche volta. Liz non voleva rischiare e non fece nulla. Poi si susseguirno vare altre cose, le strusciò i piedi sul viso, su e giù fino a fare arrivare le dita a sfiorare le labbra, forse stava solo giocando, lo aveva già fatto in passato e non era un messaggio. Infine non aveva mia visto, accavallò le caviglie rimanendo con un piede sul suo viso. Dopo essere rimasta un po' di tempo così, si alzò e si vestì. Sorgevano altri misteri.
Come al solito attorno alle 17 vide Gal tornare dalla palestra in camera dove l'aspettava, fece il gesto dello sputo con ancora le calze addosso, questa era una novità ed era superfluo siccome sapeva benissimo che dopo la palestra doveva massaggirla.
Ma per insegnarle volle farle vedere che lo usava anche lei quel gesto.
Unì i pedi ed accavallò le caviglie, gesti ignoto. Così liz rimosse le calze, baciò l'anello e fece il solito massaggio. Dimenticandosi di nuovo del fazzoletto.
Prima di cena per qualche motivo, guardandosi in tasca si ricordò del fazzoletto, riuscì a metterlo sotto i piedi di Gal, che era come sempre silenzia riguardo a quelle cose, come se fosse dovuto. La quale li avvicinò ed alzò le dita dei piedi. Liz baciò l'anello come al solito e questa volta credertte di aver scoperto anche il movimento delle dita, infatti, iniziò a baciarle il resto dei piedi sotto la scrvania e Gal le mostrò anche le piante una ad una da baciare.
Prima di andare a dormire vide che Gal indossava le calze, brutta notizia. Fece il gesto dei piedi in faccia ed andarono a letto. "Vero che alzare le dita signifia baci?" Chiese liz, "si, l'ho già annotato che lo hai scoperto. Volevo farti scusare per il massaggio."
"Hai fatto bene Gal."
La notte trascorse male a causa delle calze sporche.
Gli altri giorni furono normali, le cose andavano bene, ora si ricordava del fazzoletto. Solo una volta se lo era dimenticato in ritardo e le furono solo chiesti dei baci come punizione. I gesti dello strusciare i piedi sul viso e labbra continuarono, ogni tanto così come quello di accavallare le caviglie solo nell' occasione prima del massaggio. Chissà cosa volevano dire, pensava Liz.
Quella domenica incontrò Tatiana, la quale aveva scoperto appena prima di lei la questione delle dita che si muovono. Lei le raccontò dell' anello.
L'amicizia tra le due crebbe.
il mese passò volando, liz non ebbe occasione di scoprire altro riguardo i messaggi segreti, perché era impegnata nella danza e lo studio, così come Gal, non pretese molto e punì poco, solo con baci e piedi in faccia. Ma continuavano i gesti sconosciuti dell' accavallare le gambe solo prima dei massaggi e le strusciare i piedi, più che altro le dita sulle labbra, ma auesto accadeva di rado.
Era metà novembre, nulla di nuovo era accaduto, tranne che Liz aveva preso un voto lievemente negativo 17/30 in una materia teorica: Armonia musicale. Aveva sentito dalle sue compagne vagamente, senza che dessereo dettagli volutamente, che certe situazioni potevano essere 'risolte' andando a parlare nell' ufficio della professoressa prendendo appuntamento.
Liz aveva capito, doveva umiliarsi e supplicare la professoressa, sicuramente baciando i piedi o chissà cosa.
In fondo le macava solo un punto, non chiedeva di traformarlo in un trenta, chiedeva solo 18, la sufficienza. Chissà cosa bisogna fare per trasformare un 17 in un 30 pensò. Magari non era nemmeno possibile.
Decise di parlarne con Gal, che le disse:" si, fai bene, è necessario, vedrai anche tu, anche se non lo ammetteranno, che molte tue compagne passeranno più tempo stando ai piedi delle professoresse piuttosto che ad applicarsi nello studio o nella pratica. Anche se ingraziarsi le persone in quel modo è una qualità senz'altro. Ancora oggi lo faccio anche io, settimana scorsa ad esempio Sabato. Fallo, senz'altro, la prima volta potrebbe essere tarumatizzante, non ti scoraggiare. Ti verrà chiesto senz'altro più di quello che sai, quindi tu rispondi solo ai segnali che conosci, non strafare, ti serve solo un punto dopotutto. Se sbagli qualche segnale è peggio che ignorarlo, la casella bianca non toglie punti, mentre l'errore si, capisci? Bene. Auguri, quindi domani spero di vederti per cena altrimenti in questi casi non riceverai punizioni, mi cucinerò da me per una volta."
Liz rimase un po' terrorizzata da quello che le disse Gal.
Con una mail chiese alla professoressa blucher un appuntamento, per il giorno dopo. Le rispose quasi subito di venire domani stesso alle 17.
La notte fu inquieta per liz, non sapeva che aspettarsi, doveva fare solo quello che sapeva nulla di più. Nonostante dormisse nel suo letto come ormai da giorni, dormì poco.
La mattina seguente chiese consiglio a Tat, la quale non aveva ancora fatto questi incontri e sembrava più spaventata di lei. Tat era un studiosa, difficilmente si sarebbe abbassata a supplicare voti più alti.
Dopo le lezioni toranta a casa, si vestì e non si truccò, perché se avrebbe avuto piedi in faccia non era bello sporcarli col trucco.
Uscì dalla camera incontrando Gal che tornava dalla palestra, che la incitò.
L'ufficio della signora Blucher era al pianterreno sotto i dormitori, con cinque minuti di anticipo, bussò.
"Avanti avanti." Disse la signora svizzera cinquantenne. Aprendole la porta con un sorriso. La signora Blucher era una bella donna con i capelli rossi naturali, alta e gambe snelle era in forma per la sua età. Vestiva semplice e moderna, maglione di cotone beige, e pantaloni neri sintetici aderenti che mettevano in risalto le gambe ed il sedere ben fatto, si vedevano le caviglie sottili, ai piedi portava delle adisas bianche con il tallone rosso, portava delle calze alla caviglia nere.
L'ufficio era ampio illuminato e moderno, molto minimal. Al centro c'era una scrivania nera grossa che guardava verso la porta, era un rettangolo lucido, con sopra il computer mc e varie carte. Su un lato c'era una libreria, sull'altro un divano nero in pelle con davanti un tavolo in vetro, sul quale c'era appoggiata una specie di alzata strana in ferro e velluto nero. Liz pensò che fosse un poggiapiedi...
Eva Blucher era davanti a lei, sempre sorridente:" bene, cara Elizabeth giusto?" Liz annuì "sei venuta qui per la questione del voto giusto..." Liz annuì di nuovo. "È la prima volta che risolvi una questione di un voto o altro, hai mai avuto colloqui con professoresse?"
"Nnno, è la prima volta sigora Blucher..."
Ci fu un minimo di delusione negli occhi della professoressa ma durò un attimo e non smise di sorridere.
"Bene stai tranquilla, vedrai che al 18 ci arrivi di sicuro, tu fai quello che riesci e capisci.."
Liz era contenta, la Blucher sembrava molto disponibile ad aiutarla.
Mentre finiva la frase, la prof fece il gesto inequivocabile di alzare prima un tallobe e poi l'altro, questo significava che la voleva sotto i piedi.
La prof si sedette dietro la scrivania in una strana sedia di metallo bucata, con uno strano doppio fondo. Liz la seguì fin dietro la scrivania, inginocchiandosi.
La Blucher aveva già smesso di considerarla ed aveva iniziato a lavorare al computer.
Liz le tolse delicatamente le scarpe numero 42, riponendole sotto la scrivania, era incerta se dovesse togliere anche le calze, in teoria, da quello che Gal le aveva insegnato, doveva essere lei a dirlo a voce se avesse voluto.
Quindi si sdraiò con il corpo dietro la sedia, per avere le dita sulla fronte come le aveva detto Gal, ma venne subito interrotta. "Mettiti qui, sotto la scrivania cara."
Quindi si mise al contrario sotto la scrivania, che era bella ampia, c'erano anche uno sgabello stranamente lungo e quello che sembrava un poggiapiedi.
Prese i grossi piedi della professoressa
E se li adagiò sul viso al contrario di come era abituata.
La Blucher si sistemò bene con la sedia in modo da essere sotto la scrivania.
Evidentemente pensò Liz, questo era per non far vedere ad un eventuale persona che sotto c'era qualcuno. Infatti secondo lei era impossibile vederla tranne che da dietro.
I piedi erano grossi caldi e piuttosto odorosi, non si aspettava una puzza così marcata, al livello di quelle di Gal dopo qualche giorno di palestra. Evidentemente le usava tanto per occasioni punitive come questa, pensò liz passò una ventina di minuti, pensò Liz, in totale silenzio con la professoressa che lavorava, fece anche una chiamata tutto ciò mantendo i piedi fissi sil suo volto.
Ad un tratto bussarono alla porta. Liz ebbe il cuore in gola. Era una sua compagna di classe, Eleonor, che non era tra le migliori.
"Ciao Eleonor, cosa desideri? non avevamo appuntamento." Disse la prof gentilmente.
"Si professoressa, lo so, ma sono tanto inquieta per il 10 che ho preso, vorrei tanto fare qualcosa..."
Sempre con gentilezza, ma con decisione la Blucher rispose:" si cara, va benissimo, ma adesso sono impegnata. Torna domani a quest' ora o anche prima va bene?"
"Grazie professoressa, è troppo gentile..a domani."
"A domani"
La Blucher, una volta sole, come se le leggesse nel pensiero disse:" non devi avere paura, nessuno ti vede sotto la scrivania ed anche se ti vedessro è una cosa normalissima, che tutte hanno fatto."
Uscì un "Grazie" sofficato dalla bocca di liz.
"Ora toglile cara."
Disse poi la prof.
Quindi tolse le calze nere che ripose nelle scarpe. Ora aveva un idea più chiara di quei grossi piedi ruvidi e callosi. Le dita erano lunghe, ma c'erano calli e rughe sulla pianta, non erano curati come si deve.
Le strusciò i piedi giocando con le labbra come faceva Gal ogni tanto, questo non lo capiva come seganle e lo ignorò. Poi persino le tappò il naso con l'alluce di un piede, costringendola a respirare con la bocca. D'un tratto la prof smise di lavorare e la guardò, lei non poteva vederla bene ma se ne accorse. Liz socchiuse la bocca per respirare un po' e vide che la stava osservando, poi evidentemente senza fare cio che voleva, tornò come era prima. Sempre tenendole il naso tappato ogni tanto e strofinado pesantemente le dita sulle labbra. Liz non capiva cosa volesse fare soffocandola. Magari voleva che aprisse di più la bocca per tirarle qualcosa o metterci le dita del piede, visto che continuava ad isnistere. Anche dopo averle lasciato il naso continuava a premere le dita sulle sue labbra. Orami era piuttosto sicura che doveva farle entrare, la cosa andava avanti da un po' e quindi si assunse il rischio di cedere all' assalto delle dita che la tormentavano. Erano lunghe sudate e salate, puzzavano, tirò indietro la lingua per non sentirne il gusto, poi strinse le labbra. Era come un gioco, la prof si dievrtiva a fare entrare ed uscire le dita dei suoi piedi dalle sue labbra, mentre faceva altro, persino si accese una sigaretta.
A liz non piaceva molto quella situazione in cui era un oggetto, era certa di avere in bocca dei residui di cotone delle calze che talvolta vengono intrappolati tra le dita. Con la ligua cercava di evitare le dita che da quella posizione facilmente profanavano le labbra e la bocca. Le veniva quasi da rigettare. Trattene anche le lacrime. Quel giochetto sembrò andare avanti per tantissimo tempo.
Finalmente ad un certo punto la blucher sembrò averne abbastanza.
Si alzò e disse:"vieni"
Chiuse la porta a chiave, questo gesto spaventò un po' Liz. Che intanto aveva sfruttato quel momento per togliersi dalla bocca quei pelucchi senza farsi vedere, perché sicuramente era maleducato pensò.
La professoressa prese un libro, prima di sedersi comodamente sul divano, sputò e calpestò lo sputo. Mesaggio chiaro. Poi mise i piedi sul poggiapiedi in velluto sul tavolino e li incrociò, come spesso vedeva fare a Gal. Segno che non capiva affatto, ma che evidentemente aveva a che fare con il massaggio, perché quasi sempre lo aveva visto in quell' occasione.
Allora si sputò sui palmi delle mani e iniziò il massaggio. Aveva notato ora che i suoi piedi erano smaltati di rosso. La prof sembrò leggermente delusa da questo, si accorse Liz senza capire, ma comunque riprese a leggere il libro con molta tranquillità, come se fosse sola.
"Sei brava a massggiare i piedi, davvero." Disse all' improvviso la professoressa.
"Grazie.." rispose Liz che stava facendo del suo meglio.
Ad un certo punto, dopo un po' di tempo, la prof, congiunse i piedi simmetricamente inarcando le dita, chiaro segnale. Liz prese a ricoprire di baci partendo dai dorsi, per poi con calma passare alle piante grosse e callose, quando ancora le mancava un piede, la prof senza dire nulla, posò il libro, ritrasse i piedi e si mise in ginocchio sul divano, con i piedi congiunti, con il sedere tonico appoggiato sui talloni ruvidi, si strofinò le mani sul sedere qualche volta, dandosi anche una pacca con la mano. Un gesto ed una posizione che non aveva mai visto senz'altro. In qualche modo avevano a che fare con il sedere pensò Liz, probabilmente baciarlo, non pensava che ci si potesse umiliare tanto. Ad ogni modo, non doveva perdere tempo, non aveva finito di baciare le piante e decise di continuare da quella posizione insolita.
Dopo poco aveva già finito di baciare tutta la superficie e stava continuando ad oltranza, senza sapere che fare, ora si sentiva in imbarazzo. Intanto la professoressa blucher si strisciava le mani sul sedere e persino si era girata a guardare, poi con sorpresa di Liz sentì una mano, che molto delicatamente le spingeva la testa sopra, verso il culo, capì che era un consiglio; era molto gentile dopotutto ad averle insegnanto due cose. Con un po' di tmidezza iniziò a baciarle il culo, tonico avvolto nei pantaloni aderenti.
La prof sempre in silenzio aveva ripreso a leggere in quella posizione strana.
I baci continuarnono per un po' di tempo, liz baciava le chiappe timidamente senza andare nel mezzo.
Non riuscì a trattenere una lacrima, che fortunatamente non fu vista. Si ricompose subito però.
Ad un tratto la prof, divaricò i piedi e dunque le gambe, dando più culo a liz, si strusciò e si diede anche una pacca.
Questo non sapeva affatto cosa significasse, liz, fose significava baciare in mezzo? O già avrebbe dovuto farlo? Si fece oraggio e diede qualche bacio in mezzo, vergognadosi di se stessa. La professoressa ripeté ancora le stesse mosse e dopo un po' si alzò senza preavviso e disse: "va bene Elizabeth. Abbiamo finito. Avevi 17, io ti do 24. Hai ancora molto da imparare, ma capisci al volo quello che conosci e penso di averti insegnato anche due cose nuove hahah. Non hai fatto errori, questo è importante." Disse la professoressa sorridente. Liz ascoltava con la testa bassa, ma era molto felice.
"Vedi quanto si impara anche al di là delle lezioni? Fai degli ottimi massaggi, spero di rivederti presto hahah."
"È troppo gentile professoressa." Lo era davvero secono Liz, le aveva dato un voto molto al di sopra dei quanto sperasse, le aveva insegnato due nuove cose, anche se non era sicura di quello delle dita.
"Ora. Prendi in quell' armadio delle calze nuove nel cassetto in basso"
Nel frattempo si era seduta dietro la scrivania.
"Mettimele insieme alle scarpe"
Così liz diligentemente mise le calze nuove, che sembravano identiche a quelle tolte, poi le mise anche le scarpe.
"Ora Elizabeth cara, prendi l'altro paio di calze, è tuo, sarà un ricordo del tuo primo colloquio." Disse sorridendo.
"Ggrazie.. professoressa... È stata gentilissima in tutto.. davvero.."
Liz era quasi felice davvero di avere un ricordo di quella giornata, già le stava simpatica la pof Blucher, ora era diventata in suo idolo.
"Ciao, a presto!"
Erano le otto e mezza quando tornò in camera, trovò Gal distesa sul letto a leggere, sulla scrivania c'erano due piatti, uno vuoto e l'altro pieno.
"Gal, non sai che esperienza! È stata dolce e amara, all' inzio ero molto imbarazzanta, poi la bontà e la tranquillità della professoressa blucher mi hanno conquistata ho preso 24! Speravo solo nel 18." Gal ascoltava sorridendo, come sa sapesse già cosa andava per la testa della sua allieva.
"Li c'è un piatto per te, intanto mi racconti."
Liz raccontò tutta la storia, senza omettere nulla. Raccontò dei gesti che non consoceva e di quelli che aveva imparato, chiedendole anche se poteva dirle come si eseguono bene. Gal le confermò che li aveva indovinati.
Alcune risposte di gal furono:" si, la Blucher è molto simpatica, anche se esigente, ripaga bene con i voti alti. ma ce ne sono altre altrettanto brave. Non te l'ho detto, ma è stato anche il mio primo colloquio da lei. Mi regalò anche a me della calze che ancora conservo, divenne il mio idolo, come pare ora sia il tuo, ma presto mi accorsi che per loro professoresse noi siamo tutte uguali, un passatempo, e che loro, tutto sommato, sono tutte simili nell' approccio, a parte la direttrice che non ti auguro mai di incontrare. Lei è l'unica che infrange la regola del silenzio e critica ogni cosa sbagiata sul momento ed è molto crudele.
Per quanto riguarda i segnali, posso dirti che il tappare il naso è un seganle a parte, che scoprirai tu che significa, in realtà ha più di un significato. Mentre lo strusciare ed il giocare con le labbra significa che vule le dita nella tua bocca, hai indovinato, rischiando.
Per quanto riguarda eseguirlo bene, devi lasciare entrare le dita e poi una ad una succhiarle, con la lingua ovviamente, come per ripulirle.
L'eventuale sporco, come sempre, dovrai fare come se non esistesse ed inghiottirlo. Questa pratica è uasta quando c'è tranquillità e pace tra le persone coinvolte, non è una punizione, o una adorazione per scusarsi.
Sul subito ti sembrerà schifoso, come mi hai raccontato, ma presto, già dalla seconda volta, ti sembrerà quasi un premio, fatto a persone stimate, sentirai un buon sapore."
"Questo mi pare starno, ma ti credo Gal, io stimo molto la Blucher e stimo anche te..."
"Vedi, anche i piedi in faccia possono sembrare all' inizio una punizione, e con le calze, quando non ami ancora il loro odore, lo è senz'altro. In realtà è però una connessione tra due persone quando il piede è nudo, una connessione certo non alla pari, ma sincera."
"Si, non amo l'odore delle calze, forse amerò quello della Blucher sento già che è diverso dal tuo hahha senza offesa. i piedi in faccia nudi non mi hanno mai dato fastidio in realtà." Detto ciò Liz diede qualche sniffata alle calze nere taglia 42, cosa che fece spesso per tutta la serata, diventando una droga.
"Lo so lo so come è quano ci si infatua haha. Ma ti assicuro che amerai anche il mio. Tornando a noi, il gesto di avere i pedi uniti e srusciarsi il sedere con le mani, significa che devi baciare il culo, in tutta la sua interezza, anche in mezzo. Gli altri movimenti significano altro. Questa pratica significa solo devozione.
Se la persona in questione vule togliersi i pantaloni o le mutande... Lo farà lei senza che tu debba fare altro..."
Liz rimase sbalordita da quella frase
"Come!? Quindi può capitare che io debba baciare il buco di culo di un' atra persona!? Non penso proprio di riuscirci, mi dispiace davvero..."
Gal forse aveva detto troppo, ma in realtà no, perché le era consentito parlare di come si esegue correttamente una pratica e dunque questo implicava questa scoperta spiacevole.
"Si, può capitare... Ma è una punizione severa mista ad un atto di scuse. Non di devozione, tolte le mutande è una punizione o un implorazione richiesta..."
Liz era attonita. "Tu lo hai mai fatto..?"
"Si... capita... specialmente con alcune prof.." disse Gal cupa.
La convenzione finì lì e cambiarono discorso.
Liz passò la notte odorando le calze della blucher, ormai in breve tempo, era un profumo assuefante per lei.


Questo racconto di è stato letto 1 1 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.