Erotici Racconti

La mia Troia

Scritto da , il 2012-04-16, genere sentimentali

Sono passati circa sei mesi da quando ci siamo lasciati.
In questi sei mesi il sesso è stato davvero poco mi trovavo spesso a masturbarmi pensando a lei in fondo è la donna che ha saputo meglio soddisfarmi. Una vera Porca.
La scorsa settimana iniziamo a scambiarci sms in breve la conversazione finisce sul sesso, anche lei è in astinenza, ricordando quello che fu e fantasticando ci masturbiamo. Ormai è fatta gli do appuntamento per Sabato mattina e gli dico di non prendere impegni fino a Lunedì mattina, lei è titubante ma cede. Sabato la vado a prendere in macchina quando entra in macchina mi saluta con un bacio sulle labbra e mi chiede dove andiamo?
Io metto in moto e senza rispondere inizio a guidare distratto delle sue cosce scoperte e dalle sue tette ben visibili dalla scollatura. Prendo l'autostrada, lei canta seguendo le canzoni della radio, io palpo le sue cosce ed ogni tanto mi spingo fino alla sua dolce figa. Inizio ad eccitarmi, lei se ne accorge mi bacia sul collo e "involontariamente" mette la sua mano sulla mia gamba molto vicino al mio cazzo già duro.
Io scherzando gli dico che rischiamo un incidente e lei ridendo sposta la sua mano sul mio cazzo e lo stringe mi chiede se manca molto alla destinazione ora lei è molto vogliosa ed io anche!
Gli dico "siamo arrivati!", metto la freccia e mi fermo alla prima piazzola di sosta, lei resta un po' perplessa ma io mi libero della cintura di sicurezza ed inizio a baciarla in bocca a cercare la sua lingua. Lei si lascia baciare prima stupita poi reagisce e anche la sua lingua inizia a frugare nella mia bocca. Questo bacio è un fuoco i nostri corpi si divincolano le nostre mani esplorano ma le bocce non si separano, finché lei non riesce a tirare fuori il mio cazzo. Mi libero da quel bacio perfetto la guardo, noto che ha le labbra arrossate per il bacio, lei stringe il mio cazzo in mano e si muove lentamente, gli dico "mi sei mancata", lei risponde anche tu e si abbassa a prendere il mio cazzo in bocca. Cerco di trovare una posizione comoda per entrambi abbasso poco sia il mio che il suo sedile, lei non stacca la sua bocca dal mio cazzo, continua a succiare piano. Quando siamo comodi con la mano mi solletica i coglioni ed ora con la bocca scende fino in fondo, sento il mio cazzo nella sua gola. Ogni tanto alza poco la testa per guardarmi sa che mi piace guardala con il mio cazzo in bocca come sa bene che mi piace vedere la sua bocca piena della mia sborra. Infatti è decisa nel farmi venire subito, inizia un pompino da maestra quale è, il suo respiro i suoi mugolii ed i movimenti della lingua hanno un solo scopo attirare in quella bocca tutto il frutto delle mie palle che lei sapientemente massaggia. La sua arte è eccellente ed io cedo, sento i miei muscoli contrarsi senza controllo e la mia sborra schizzare nella sua bocca che non ne perde nemmeno un goccio, aspetta che sia tutto in bocca dopo si alza e mi si avvicina apre la bocca e mi fa vedere quanto sborra c'è, con la lingua si muove e si accarezza le labbra questa scena mi fa impazzire e lei se ne accorge perché il mio cazzo che sta nella sua mano comincia a scalciare, allora lei ingoia e poi mi fa vedere la bocca vuota e subito ritorna sul mio cazzo a raccogliere qualche piccolo residuo di sborra e per sentirlo riprendere vigore nella sua bocca.
Continuo ad avere delle reazioni muscolari incontrollate per il piacere che mi sta facendo provare, però si ferma e tenendo sempre il mio cazzo in mando mi da un bacio in bocca mi guarda negli occhi è vogliosa le dico "sei la mia troia" lei impazzisce, le piace! allungo le mie mani in mezzo alle sue gambe e sento che è bagnata, allora la spoglio e già qualche macchina che passa sull'autostrada inizia a suonarci. Nuda si mette a pecorina in mezzo ai due sedili con le gambe aperte ed io dietro di lei inizio a sfondare la sua figa mentre le do qualche schiaffo sul culo.
Lei geme e mi incita a sfondarla dicendomi che farà qualsiasi cosa e che il mio cazzo è bello. Gli dico ancora "sei la mia Troia!" lei mi risponde "si sfondami la figa!" e le do ancora uno schiaffo sul culo. Ormai non facciamo caso alle macchine che passano e suonano. Sto per rallentare il ritmo ma lei non è d'accordo inizia a muoversi con il bacino e si spinge indietro vuole godere ora! Allora la assecondo e affondo il mio cazzo nella sua figa, ormai fradicia e caldissima, lo spingo tutto dentro fino ai coglioni che sono pronti per un altra dose di sborra, non abbondante come la prima. La prendo per i capelli affondo ancora due colpi, sono gli ultimi, sento la mia sborra riempire la figa già calda e bagnata ora mi muovo lentamente in quel miscuglio di sesso per regalarle il massimo piacere lei ansima è fuori di testa muove il bacino continua a sfruttare il mio cazzo ancora nella figa.
Quando si ferma ed ognuno torna al suo posto le mi stupisce passandosi la mano sulla sua figa, tutta bagnata e piena di sborra, per poi portarsela alla bocca e leccarla lo fa tre volte poi mi chiede "sono la tua troia?", "si sei la mia Troia!" le rispondo soddisfatto mi ricompongo e riprendo il viaggio, lei resta con le gambe aperte e la figa che cola per quasi tutto il resto del viaggio.

*commentate pure...

Questo racconto di è stato letto 4 7 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.