Marinella, diario di una novella troia -16- (continua)

Scritto da , il 2021-09-19, genere dominazione

“Rispetto la tua decisione, ma spero di vederti ancora e infilartelo dentro"

Prima di rimetterlo nei pantaloni mi ha passato la cappella fra le labbra della figa, poi si è rialzato e se ne è andato.

Attorno a me ho visto che qualcuno degli uomini si stava masturbando, e anche la coppia anziana mi guardava e lei toccava il marito.

Dopo un po' si è avvicinato un venditore di monili.

Era un indiano bruttino ma giovane.

Ho adottato la stessa tecnica.

Il suo cazzo era piccolo, ma anch'esso scuro.

Lui si è masturbato guardandomi.

Toccandomi la figa la sua mano si bagnava con i miei umori, e si masturbava con la stessa mano.

A volte, invece, si leccava le dita.

Quando è stato per venire, mi ha preso la testa, e mi ha infilato il cazzo in bocca.

Ha iniziato a sborrare e io a inghiottire il suo sperma un po’ amarognolo.

Ne schizzò una buona dose, poi me l'ha tolto di bocca e ha voluto guardarmi all'interno

"brava, ti è piaciuto il mio sperma"

Si è strizzato la cappella, dalla quale è uscita un'altra goccia, che ha preso con la mano e mi ha passato sulla figa.

C'è stato poi un terzo venditore ambulante, un marocchino più anziano, che mi ha presentato un cazzo lungo almeno più di 23 cm, non grosso, ma di una forma stupenda.

L'ho segato strusciandolo su un seno, poi ho continuato, tenendo la cappella in bocca, mentre lui mi ficcava tre dita nella figa.

Una lunghissima e densa sborrata è finita nella mia bocca.

Ho inghiottito almeno in tre volte, data la quantità, poi ha preso a masturbarmi fortemente, aggiungendo un dito alle tre già inserite dentro la mia figa.

Mi venne quasi da pisciare dall’eccitazione.

Mentre godevo, lui si è leccato la mano, poi si è preso il cazzo in mano passandolo sulla figa e sul culo.

Me lo ha rimesso in bocca, e ha goduto ancora nella mia gola.

Quando è andato via, ho preso l'asciugamano, e sono andata in pineta.

Sentivo la pancia piena di sborra.

Ho preso a masturbarmi con la melanzana, e quando un primo uomo cinquantenne si è avvicinato, gli ho comunicato il prezzo.

Ho detto che erano 10 euro se voleva una sega e mi voleva masturbare, 20 per un pompino e 30 se voleva scoparmi con il preservativo.

Con il suo cazzo duro, con la cappella gonfia, si è avvicinato, mi ha buttato 20 euro sull'asciugamano.

Io seduta, e lui in piedi.

Si è fatto fare un pompino, sborrandomi in bocca.

Poi si è avvicinato un uomo di 40 anni, che si è infilato il preservativo, e mi ha scopata facendomi anche godere, visto il bel cazzo che si ritrovava.

Così come altri due, che mi hanno avuta, uno dei quali un albanese che mi ha scopata per almeno 15 minuti prima di riempire il preservativo.

Poi ho fatto altri 2 pompini e una sega, ma ti voglio confessare che un pompino l'ho fatto a un ragazzo appena diciottenne, che mi ha confidato che vorrebbe incontrarmi insieme alla fidanzatina (mi ha lasciato il suo numero di cellulare).

Ti giuro che ieri sera ero distrutta, e ci ho messo molto a digerire tutto quello sperma che mi ero bevuta.

Ma la sera mi sono comunque masturbata.

Aspetto che tu mi dica se devo contattarlo e cosa fare, buona notte dalla tua troia.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 4 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.