Marinella, diario di una novella troia -12- (continua)

Scritto da , il 2021-09-11, genere dominazione

24 maggio

Ciao Giorgio, mio marito è sempre a casa, anche se per oggi e domani sarà via, e io approfitto subito per scriverti.

Voglio raccontarti di ieri.

Ero al lavoro, stavo preparando una signora di 55 anni, formosa, ma sempre una bella donna.

D’improvviso questa signora mi ha infilato una mano sotto il camice.

Non ho fatto a tempo ad aprire bocca, che lei mi ha detto che Roberto (il mio paziente che mi ha scopata con l'amico) le aveva parlato di me, e che lei era molto interessata alla mia disponibilità, dietro compenso.

A lei piacciono le belle fighette giovani, ed è disposta a darmi fino a 400 euro se le permetterò di succhiarmi i capezzoli fino a rendermeli rossi e sensibili.

Devo anche lasciarmi leccare la figa e il culo.

Poi dovrei anche lasciarmi sfondare con le dita, e due grossi ceri bianchi.

Ha aperto la borsa e me li ha mostrati; li aveva appena acquistati per me (veramente grossi).

Poi dovrò essere io a leccarla tutta.

In special modo la figa e il culo.

Vorrebbe che io andassi da lei alle 7:00 la mattina, in modo così potrò farle un bel bidè con la mia lingua.

Queste erano le sue parole precise.

Ha continuato a toccarmi il culo e la figa attraverso slip che si erano bagnati fradici.

"Sei una bella troietta, e so che i miei soldi ti fanno comodo.

Potrebbero essere anche di più, se mi dimostrerai di essere una vera puttana porca e depravata, chiamami"

Mi ha lasciato il numero telefonico.

Appena partita sono corsa in bagno.

Mi sentivo eccitata e mi sono masturbata.

Devo accettare? e cosa le faccio? dimmi tu

Intanto, mio suocero è venuto da me, approfittando che suo figlio non c'era.

Mi sono fatta leccare la figa poi mi sono voltata e gli ho detto di masturbarsi e infilare la sua lingua del mio culetto, fino a che non sono venuta.

Mi sono voltata, e gli ho chiesto di sdraiarsi a terra.

Mi sono seduta su di lui, infilandomi il suo cazzo nella figa.

“Su maiale sborra nella figa della moglie di tuo figlio, magari mi metti incinta ti piace porco?”

L'ho sentito svuotarsi in me, ed ho goduto ancora "

Ora se vuoi scoparmi, la prossima volta prima dovrai bere la mia pipi.

Se sarai bravo e la berrai tutta poi mi avrai"

È andato via con la coda fra le gambe, ma mi ha detto

"ti voglio ancora"

25 maggio

Ciao Giorgio, ecco qua la tua puttana.

Approfitto che mio marito è a fare una partita di calcetto per scriverti.

Sono andata dalla donna dell’altro giorno.

Erano le sette, ho suonato, e lei mi ha aperto in camicia da notte

"vieni carina, mi sono appena svegliata, andiamo in camera”

Mi ha spogliata, poi mi ha baciato i capezzoli, cominciando a succhiarli fortemente.

Poi si è abbassata sulla mia figa bagnata

"quando torni da me, non la lavare, voglio sentire il tuo vero odore.

Io è da ieri che non la lavo, o meglio che non faccio il bidet, perché voglio che sia tu con la lingua a farmelo.

Ha preso una candela da una borsa e me l'ha spinta tutta dentro la figa.

Mi faceva male, ma lei ha continuato a farla entrare e uscire.

Le ho chiesto di farmi ina foto, per mandarmela, e lei ne ha prese un paio.

Mentre avevo la candela dentro la figa, le ho leccato la sua figa slabbrata, che emanava un forte odore.

Ad un tratto mi è venuta in bocca.

Da non credere, ma mi è piaciuto bere il suo ciprigno.

Poi è toccato al mio culetto ricevere la candela, che ha conficcato nonostante il dolore.

Poi ha voluto che le leccassi anche il culo, che si teneva largo con le mani.

Ha voluto che le ficcassi la lingua nel buco in profondità.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.