Christine, la prof. di Francese -14- (continua)

Scritto da , il 2021-09-09, genere etero

Oggi invece le cose sono andate ben diversamente:

Ciao.

come ti ricorderai, la volta scorsa le lezioni erano finite in maniera tradizionale, e con questo intendo la maniera in cui dovrebbero finire tutte le lezioni: una stretta di mano e un arrivederci.

Confesso che una parte di me aveva sperato che anche oggi sarebbe finita così, ma sbagliavo.

Abbiamo fatto la solita ora e mezza di lezione.

Giacomo sta molto migliorando, si vede che studia anche a casa e che sta prendendo seriamente l’esame che darà a settembre.

Ad ogni modo, finisce la lezione e lo vedo che armeggia nello zaino.

“ho portato una cosa per te”, mi dice.

Nella mia ingenuità per un attimo penso che sia veramente un pensiero, magari un libro o un film da vedere.

Invece mi porge una scatola che sul momento mi sembra quella di un flauto.

“è un vibratore”, mi dice quando vede la mia espressione stupita.

Non ne ho mai tenuto in mano uno. questo mi sa di essere un modello base, è di semplice plastica bianca, completamente liscio.

“grazie”, gli dico. non che ne avessi bisogno, non è proprio come ricevere un mazzo di fiori.

Lui con la testa accenna verso la camera da letto, mi prende la mano.

“dai prof...l’ultima volta sono stato bravo”.

“io non sono fatta per queste cose”, gli dico.

“tanto abbiamo solo più due settimane di lezione, poi giuro che non ti chiederò più nulla. prometto”.

lo seguo nella stanza, mi fa spogliare e ci baciamo, poi prende il vibratore.

lo accende e lo accosta al mio corpo.

io sono un po’ spaventata, come se potesse farmi male.

Me lo passa sulla pancia, poi arriva sulle tette, con la vibrazione al minimo me lo accosta ad un capezzolo.

Sento un brivido, i capezzoli diventa subito duro.

Scende lungo la pancia, poi lo accosta al mio clitoride.

la vibrazione mi colpisce come una scossa, però piacevole.

“stai ferma!”, mi dice.

Continua a sollecitarmi il clitoride, con il risultato di eccitarmi sempre di più.

Allargo le gambe, ho bisogno che mi penetri.

Accosta il vibratore alle mie labbra, poi prende la mia mano destra e la porta ad impugnare il vibratore.

“vai da sola!”, mi dice.

Normalmente non avrei avuto il coraggio di farlo, neppure mio marito mi ha mai vista mentre mi tocco, ma a quel punto non desideravo che averlo dentro di me.

lo prendo e lo lascio scivolare dentro, sono bagnata, entra senza fatica.

Chiudo gli occhi, preferisco non guardare Giacomo, che nel frattempo si è sdraiato accanto a me.

Spero che non si stia toccando anche lui, spero si limiti a guardare.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.