Da 0 a troia in 4 piani

Scritto da , il 2012-03-28, genere dominazione

Mi chiamo Simona, ho 31 anni, e voglio raccontarvi come in meno di un'ora la mia vita sia cambiata totalmente, trasformadomi da ragazza timida e riservata in una schiava del sesso senza inibizioni. Mi ritengo una bella ragazza, anche se non particolarmente appariscente. Non sono formosa, ma ho tutte le mie cose a posto, forse qualche chilo in meno del dovuto, un seno non pronunciatissimo, ma belle gambe lunghe e un bel sedere sodo. Lavoro come commerciale in una sw house di Milano, e quel giorno di fine luglio mi è successa una cosa incredibile.
era l'ora di pranzo, mi sono diretta all'ascensore per fare i 4 piani che mi separavano da terra, e in attesa con me c'era Andrea, un ragazzo sui 25 anni, non tanto alto, nè particolarmente bello, ma di quelli fissati con la palestra, muscoli enormi fasciati in un dolce vita nero. Io ero vestita in modo classico, la gonna di un taieur grigio gessato, appena sopra il ginocchio, camicia bianca, i miei occhiali e i capelli biond usualmente raccolti in una coda. Le uniche "civetterie" che mi concedevo erano le scarpe con tacco a stiletto da 14, e l'intimo nero di pizzo. Era però più per me che per gli altri. Non avevo un buon rapporto con l'altro sesso, nè con il sesso in generale. Non ero vergine, avevo avuto la mia prima volta con un ragazzo, Luigi. Era stata 2 anni fa, mi aveva fatto la corte per mesi, qualche appuntamento galante, e alla fine mi aveva portato a casa sua e convinta a farlo. Una volta sdraiata sul suo letto, abbandona tutta la sua gentilezza e, anche se gli avevo detto di essere vergine, mi colpisce con vigore, sverginandomi, e provocandomi un grandissimo dolore. Ma il mio scarso apprezzamento per l'atto sessuale non deriva da questo, quanto dal fatto che, proprio mentre io inizio a gridare per il dolore, lui riceve una chiamata e, senza uscire da me, risponde. Era un suo amico, parlano insieme di cose futili per un buon 2 minuti, che però a me sono sembrati eterni. Quando finalmente mette giù, io spero che la mia tortura sia finita, e faccio per sfilarmi. Lui mi guarda stizzito, mi blocca al letto mettendomi una mano sul collo, e ricomincia a spingere più forte di prima dicendo: "non penserai mica di andartene prima che io abbia finito!" Dopo una vita e una discreta quantità di dolore, finalmente mi viene dentro. Al chè, senza guardarmi in faccia, esce da me, si pulisce il pene sporco di umore e sangue nel mio maglione, e mi sospinge ancora mezza nuda alla porta. Da allora non ho più avuto interesse per fare sesso.
Tornando al nostro caldo venerdì di fine luglio, io e il mio collega palestrato saliamo finalmente in ascensore. Si chiudono le porte e partiamo verso un viaggio che per me sarebbe stato senza ritorno.
In ascensore c'era una ragazza, una fattorina della pizzeria all'angolo, che tornava da una consegna.
Definirla indecente non rende appieno l'idea. Era una ragazzina sulla ventina, capelli lunghi neri, un po' unti, trucco marcatissimo sugli occhi e il rossetto, una quantità incredibile di pearcing e tatuaggi volgari su tutto il corpo.
Sarà stata 1,50, un po'in sovrappeso, molto formosa. Aveva un paio di hotpants di jeans tutti strappati, che non riuscivano a contenerle il sedere, e le facevano rimborsare leggermente la pancia sopra il perizzona fucsia che usciva dai pantaloni. Un paio di stivaloni di pelle senza tacco, piuttosto malconci, e un reggiseno che faceva del suo meglio per contenere il suo grossissimo seno, strabordando da un top rosso di almeno due taglie più piccolo, su cui si leggeva bene la scritta: "I swallow". In testa l'immancabile cappellino da baseball col logo della pizzeria.
Inizialmente ero abbastanza infastidita dalla presenza di quella ragazza così volgare, poi all'improvviso sono successe due cose del tutto inaspettate. La prima è che ho notato che Andrea le guardava molto incuriosito nella scollatura. La seconda cosa è che a me la cosa dava fastidio. Non ho realizzato subito che quella sensazione fosse legata a gelosia, ma quello era. Una donna di una certa classa e discreta intelligenza era gelosa di una puttanella e del cerebroleso le le guardava il seno!
E' uscito all'improvviso un tratto competitivo del mio carattere che non conoscevo: non avevo particolare pulsione di tipo sessuale verso andrea, era più il non voler essere battuta da una rivale che reputavo così inferiore. Quello che però mi ha fatto uscire di senno è che la ragazzina (mariKa si chiavama, con la K!) si è accorta della situazione e mi ha lanciato uno sguardo di sfida, e sotto gli occhi attenti di andrea si è aggiustata il reggiseno, passandosi le mani sulle tette da cui sono immediatamente spuntati in rilievo i capezzoli. A fronte di questa sfida aperta, ho perso la testa: dovevo contrattaccare! Ho finto di far cadere per terra dei fogli che avevo in mano e mi sono piegata a raccoglierli, prima facendo accorciare la gonna e svelando un po' di gambe, poi girandomi per raccogliere gli ultimi fogli e permettendo a andrea di posare insistentemente lo sguardo sul mio sedere, la cui forma era ben definita dal tessuto tirato della gonna. Il tutto seguito da un'occhiata verso marika, per farle capire che la classe non è acqua. In quel mentre l'ascensore si ferma, il condizionamento si blocca, e la temperatura comincia a salire piuttosto velocemente. Nessuno dei 3 però ci fa caso, o si preoccupa di chiamare i soccorsi. Siamo troppo presi dal nostro gioco, che prosegue per qualche minuto tra sguardi complici e trucchi più o meno leciti per mostrare i nostri corpi. La preferenza di andrea volge però abbastanza chiaramente verso di me e la mia classe, e marika assiste imbronciata al calo di interesse per lei di andrea. A quel punto, vedendosi sconfitta, decide di alzare la posta, e di passare da un gioco di semplici allusioni a qualcosa di più corposo.
Mi guarda per un attimo, poi guarda andrea, si passa la lingua sulle labbra e mi dice: "ehi, culo secco, tu hai il coraggio di fare questo?", e si inginocchia davanti a andrea, e inizia a leccarlo davanti, sul pene, attraverso i pantaloni. Andrea in un primo momento è stupito, probabilmente nemmeno lui pensava di spingersi così oltre. Poi però si rende conto della situazione privilegiata in cui si trova, e a sua volta decide di alzare la posta. Senza distogliere gli occhi da me, si sbottona i pantaloni e tira fuori l'uccello. Non che avessi una mia idea su che dimensioni potesse avere il pene di andrea, ma quello che si è mostrato ai miei occhi mi ha decisamente impressionata: parliamo di un pisello (già ben in tiro) di almeno 25cm, ma soprattuto con un diametro insensato: praticamente un termos. Alla vista di questo attrezzo, anche marika ha un attimo di esitazione; poi però andrea la afferra per la nuca con le due mani, e le spinge la punta del suo enorme cazzo in bocca. Superato il primo disagio, marika inizia a lavorarlo ai fianchi, e intanto riprende a guardarmi. Anche andrea mi guarda, e sorride. A quel punto, senza mollare la presa con la bocca, marika solleva la mano destra, e poi il dito medio al mio indirizzo.
Non penso nemmeno, e dalla bocca mi esce: "andrea, non è una grande impresa farselo succhiare da questa troia grassa, chissà quanti cazzi ha già preso in bocca da stamattina! io posso darti qualcosa di nettamente migliore!" GLi occhi di andrea si illuminano, e risponde:"è facile parlare, ma sei disposta a fare quello che serve?" "Certo" "Sei disposta a fare tutto quello che ti chiedo?". Mi si gela il sangue a questa sua frase, ma poi vedo marika che si passa il cazzo tra la bocca e le tette, e gli dico:"Si" "non è abbastanza: devi dirmi sì, padrone!" e io con un misto di paura e eccitazione: "sì, padrone!" A quel punto andrea afferra marika per i capelli, e la sbatte lontano da sè. "Bene, allora comincia a limonare con questa troia!". Rimango molto stupita da quella richiesta: non scopavo con gli uomini, figuratevi cosa potevo pensare di baciare una donna! Ma ancora una volta l'occhiata di sfida di marika mi convinse a lanciarmi. mi avvicino a lei, e inizio a leccarle dolcemente le labbra chiuse. Lei, non volendo restare indietro, spalanca la bocca come se dovesse ingoiare un panino, si fa strada fra le mie labbra e mi mulina la lingua in bocca. Non riesco nemmeno a ragionare sulla stranezza della situazione, perchè appena le nostre lingue vengono in contatto, un sapore acre ed estremamente sgradevole mi invade la bocca: non so che cazzo abbia mangiato questa puttana, ma il sapore è rivoltante. Dopo un po' che limoniamo, andrea ci afferra entrambe per i capelli, e ci costringe mentre ancora ci baciamo a inginocchiarci. Poi d'un tratto ci separa tirandoci per i capelli, solleva leggermente marika, e mi dice di spalancare la bocca. Poi dice a Marika di sputarmi dentro. I minuti che seguono sono riempiti da lui e marika che a turno mi sputano in bocca a in faccia. mentre la mia faccia diventa una maschera umida, mi fanno trattenere in bocca gli sputi finchè la bocca non tracima saliva, poi mi fanno fare i gargarismi e ingoiare il tutto. Quando il gioco comincia a venirgli a noia, ordina a marika di togliersi gli shorts e le mutande, di aprire le gambe, e a me di leccarle la figa. Io ubbidiente parto, non ostante la sua figa si presenti in modo raccapricciante: peli mal curati e unti, l'evidente mancanza di un bidet da almeno una settimana,e come accosto le labbra mi accogglie un sapore simile a quello della sua bocca, solo più forte. Non ho molta esperienza di queste cose, ma vedendo anche quell'umore biancastro che le esce dalla figa, capisco che la troia ha scopato (e poi spompinato) diversi uomini dall'igiene modesta, e poi non si è lavata.
La puttana è molto più astuta di quanto non sembri, e capite quali sono le regole del gioco, inizia a simulare di essere molto eccitata, inarca il bacino in direzione di andrea, se la allarga con le dita e gli dice: "ehi, torello, sfondami questa figa col tuo cazzone!". Cazzo, poesia allo stato puro. Ma andrea, avendo il cazzo che pesa molto più del cervello, si lascia convincere: si leva i pantaloni e la maglia, e inserisce la sua verga nella capiente figa sfondata di marika. Non ostante l'evidente esercizio a cui la troia aveva sottoposto la sua vulva, le dimensioni del cazzo di andrea sono tali che, arrivato a metà, non riesce a entrare di più. Ma andrea non si dà per vinto: si porta le gambe di lei sopra le spalle, la afferra per le braccia per sollevarle il corpo, poi si mette in ginocchio e ricomincia a spingere, tirandola a sè con forza, mettendo in evidenza una quantità infinità di enormi muscoli rigonfi (e non parlo solo del suo cazzo!). Sbattuta con questo rigore, la figa della troia accoglie fino a 3/4 del cazzo di andrea, e marika immediamente si mette a gridare e esplode in un orgasmo, con i suoi umori che le colano copiosamente lungo il culo e la schiena inclinata. Stavo guardando questa scena e mi sorpendo, senza nemmeno accorgermene, a immergermi entrambe le mani nella figa, e ravanare con forza. Le mie mutande sono fradicie, e gli umori mi colano nell'interno coscia. In quel momento, per la prima volta, non è più una sfida. E' ufficiale, ho una voglia insaziabile di quel cazzo dentro di me. E così riparto: "andrea, in quella figa si è pucciata mezza milano, hai capito che soddisfazione! il mio padrone non gradirebbe di più sfondare un culo VERGINE?" Questa volta a questa mia frase non si è accompagnato nessun brivido o dubbio nella voce: le pulsazioni mi sono salite a mille, avrei fatto qualunque cosa per avere quel cazzo dentro di me. E andrea non se l'è fatto ripetere: come un bambino viziato ha estratto l'uccello da marika e l'ha lanciata a terra come un gioco vecchio. Mi ha fatto mettere in ginocchio e si è pulito il cazzo nei miei capelli. "girati e mettiti a pecora, troia!" "sì padrone, ti supplico, sfondami il culo!". Non mi sfila le mutande, me le strappa, e poi con le sue manone me le spinge dentro la mia figa fradicia. Sento il pizzo delle mutande graffiarmi all'interno della figa, ma il dolore si trasforma in maggior eccitazione. Andrea mi appoggia la cappella sul buco del culo, mi afferra con le mani le chiappe, e inizia a tirarmi a sè. Ma non c'è modo che quel cazzo enorme entri nel mio culetto vergine a secco. "girati!" mi intima. E io obbedisco, mettendomi in ginocchio girata verso di lui. "stronza!" e mi da uno schiaffo in faccia così violento da farmi finire a terra e mi rompe un labbro, riempiendomi la bocca di sangue. Avrei dovuto gridargli addosso, e invece tutto quello che mi esce dalla bocca è:"ti imploro padrone, perdona la tua stupida puttana se il suo culo non è pronto ad accoglierti, cosa posso fare per il tuo piacere?". E lui a marika:"sbrigati, rincoglionita, prepara il culo di 'sta troia, così posso sfondarla!" Marika si avvicina, mi fa rimettere e pecora, e con una delicatezza del tutto inattesa comincia a leccarmi il buco del culo, e a fare una leggera pressione con la lingua verso il centro. La cosa sta iniziando a piacermi, quando in maniera del tutto inaspettata la puttana mi sfila una scarpa, e mi infila tutto il mio fottuto tacco 14 nel culo. Il dolere è inatteso e lancinante, ma non faccio a tempo a abituarmi un attimo, che subito mi infila anche l'altro tacco. Il culo è in fiamme, e fa il paio con la figa, in cui continuano a muoversi quelle cazzo di mutande col pizzo. Vorrei urlare, ma il pensiero che da fuori dall'ascensore potrebbero sentirmi mi fa desistere, mi mordo il labbro sanguinante per arginare il dolore. Intanto marika divarica i due tacchi, e mi infila nel culo un dito, poi due, poi tre.
Intanto andrea si avvicina, mi gira la faccia verso marika, e si inginocchia dietro di lei. "vedi, culo secco, a questa troia almeno la cappella riesco a infilarla!" e infatti con un gesto solo fa una visita al ben più aperto culo di marika. Non riesce a infilarne gran chè, non ostante spinga molto. La faccia di marika si fa scura: non dice nulla, ma china la testa, e quando la ritira su gli occhi sono gonfi di lacrime per il dolore. E più soffre per quel palo nel culo, e più si accanisce con le sue dita nel mio. E a questo dolore si somma la mortificazione di vedere che lei riesce a prenderlo in culo e io no.
"ti supplico padrone, ora sfonda il culo anche a questa stupida troia! Fammi godere, ti prego" E andrea mi ascolta. Mentre si avvicina mi prende la paura del dolore che sto per provare, ma la voglia di essere resa donna da quel cazzo enorme mi spinge ad andare avanti, inarco la schiena e gli mostro il mio buco del culo, aprendolo il più possibile tirandomi le chiappe. La saliva di marika mista al sangue dovuto al "trattamento" coi tacchi fanno da unguento, andrea prende la rincorsa e con una sola spinta mi penetra fino a metà. Lancio un grido non più trattenibile, per un misto di dolore e del più intenso orgasmo della mia vita. Andrea però non sembra intenzionato a fermarsi, e continua a spingere con violenza, sempre più forte. Mi sento come se mi stessero ravanando nello stomaco con un palo della luce. con un ultima, violentissima spinta, andrea me lo tronca tutto dentro, finchè non sento le sue palle che sbattono con forza contro la mia figa. Vengo di nuovo, ancora di più, e un fiume di umore cola lungo i coglioni di andrea. Marika, che non vuole sentirsi esclusa, si mette sotto di noi e gli succhia via i miei umori dallo scroto. "due troie del cazzo, vi scopo da un'ora e non mi avete ancora fatto venire!" e continua per altri 5 minuti a martellarmi il culo. Comincio a non sentire più le gambe, su cui scorrono rivoli di sangue e umore, e la sensazione di quel corpo estraneo enorme nel mio ano diventa insostenibile. Finalmente lo sento gonfiarsi ritmicamente: sta per venire, lo farò godere nel mio culo e dimostrerò di essere la troia migliore, e poi finalmente mi toglierà quell'enorme palo dal culo. Ma senza nemmeno volerlo mi metto a gridare:"fermo! mi hai reso la tua puttana, mi hai sfondato il culo, ma adesso devi completare l'opera: rendimi una troia completa! Alle troie si viene in bocca! "e brava la mia zoccola!". mi assesta uno schiaffo fortissimo sul mio culo dolorante, e mi strappa fuori il cazzo in un movimento solo. Non mi fermo nemmeno a pensare al dolore: un attimo e la mia bocca è sul suo cazzo, già insaporito dalla merda mia e di marika. Cogliona! sono stata troppo ottimista: questo cazzo enorme non mi sta in bocca, e io non ho mai fatto un pompino! L'empasse però dura solo un attimo: marika si mette dietro di me, mi ficca le dita agli angoli della bocca e me la spalanca. Andrea pronto inizia a infilarmi il suo boa nel palato, e io per tutta risposta a quella sensazione nuova e innaturale vomito. ANdrea però mi tiene per la testa, e non mi permette di abbandonare la mia posizione. Così un po' di vomito scappa fuori dalla mia bocca e mi cola addosso, mentre il resto lo rimando giù. "Ehi troia, l'hai voluto tu, adesso non pensare che io possa godere se non riesci a toccarmi con le labbra i peli del pube". La richiesta di ingoiare un'asta di 25cm fatta ad una che non ha mai fatto una pompa potrebbe sembrare impossibile, ma ormai dopo i miei due orgasmi ero completamente in trans, e l'unico scopo che aveva la mia vita era svuotare la sborra dai coglioni di andrea. Marika, vedendo la mia evidente imperizia, decide di aiutarmi. Mi angola il corpo, la faccia e il collo allineandoli, in modo che la mia cavità possa accogliere l'uccello di andrea. L'operazione è lunga, sento duolere le mascelle e fatico a respirare. Quando il suo cazzo supera il mio palato e comincia a scendere nella mia gola finalmente inizio a superare il mio gag reflex, chiudo gli occhi e lascio la mia testa nelle sue mani. Appena si accorge di poter disporre di me, andrea perde il senno, e comincia a scoparmi la bocca come fosse la figa, mentre lui e marika riprendono a sputarmi in faccia. Marika riprende la mia scarpa e spinge per infilarmela nella mia figa fradicia e già martoriata da quelle maledette mutande: questa volta però non infila il tacco a stiletto, ma la punta. Poi prende a prendermi a calci nella schiena. Io sono completamente succube di questi due stronzi, con mezza scarpa nella figa, il culo sfondato che gronda sangue, la faccia e i capelli bagnati di sputi e la gola in fiamme. Mi affido completamente nelle loro mani, e andrea mi trascina su e giù sul suo cazzo come un pupazzo di pezza. Ma non gli basta ancora: per darmi il suo prezioso seme ha bisogno di qualcosa di più, e cosi' quando mi affonda il cazzo fino in fondo nella gola, schiacciandomi la faccia contro il suo pube, mi chiude anche il naso con una mano, in modo che possa respirare solo a tratti con la gola, quando quel serpente enorme sale in superficie.
Vomito copiosamente, e i pezzettoni di vomito mi colano dalla bocca, sul collo, fino ad andare a sporcare la mia camicietta bianca di seta; le lacrime di dolore si mischiano al vomito e agli sputi.
Quando ormai ero prossima a perdere i sensi, insperato sento la vena sul suo glande iniziare a gonfiarsi rapidamente: col cazzo in bocca non posso dire niente, mugulo e apro gli occhi, cercando di fare lo squardo più da troia che riesco, per invitarlo finalmente a svuotarsi dentro di me. Ma a quel punto andrea diventa scuro in volto e si ferma per un attimo nella sua foga. Guarda marika, poi me, e con un filo di voce mi dice: "ho l'HIV, non posso venirti in bocca". Mi gelo: la mia vita mi passa davanti in un attimo, cos'ero e cosa sono diventata in quell'ora in ascensore. E' davvero così importante che quest'uomo mi venga in bocca? Qualsiasi persona, me compresa, avrebbe saputo qual'era l'unica risposta possibile a quella domanda. Ma in quel momento tutto era cambiato. Abbasso una mano, afferro la scarpa infilata nella mia figa e inizio a muoverla ravanandomi, perchè l'eccitazione mi dia coraggio. Poi guardo marika, cercando la sua complicità: mi infila due dita nel culo, e con l'altro braccio mi abbraccia, appoggiando la testa alla mia. Così infine decido: guardo intensamente negli occhi andrea, faccio cenno di sì, e chiudo nuovamente gli occhi. Andrea allora con una rabbia liberatoria dà tre ultimi, lenti, fortissimi colpi. io con tutti i miei buchi pieni e con un corpo che non è più il mio, aspetto che la mia vita cambi per sempre. O meglio, che venga sancito con quell'ultimo gesto disperato che la mia vita, una piccola concessione alla volta, è già cambiata per sempre.
L'ultimo colpo è violentissimo, il cazzo di andrea smette di pulsare, e un fiume abbondante di sborra calda si riversa nella mia gola. L'abbondanza e la violenza del getto sono tali che mi prende un conato di vomito, più forte dei precedenti, andrea mi lascia la testa, e una poltiglia di vomito, saliva, sangue e sperma si riversa sul pavimento. Andrea ci dà un ultimo perentorio ordine: "pulite tutto con la lingua, puttane di merda!" Io e marika ci guardiamo, quasi sollevate, e ci mettiamo a passare con la lingua avidamente il pavimento dell'ascensore, non trascurando ovviamente di interrompere ogni tanto la pulizia per condivire quanto raccolto baciandoci appassionatamente e sputandoci quella purea a pezzettoni da una bocca vogliosa all'altra. Come ultimo gesto di spregio, andrea si scrolla il cazzo e, per purlirsi dalle ultime tracce di sborra rimaste, ci piscia addosso, avendo cura di mirare alle faccie. Noi ovviamente ingolliamo tutto avide, e lecchiamo la piscia di un malato di HIV l'una dalla faccia dell'altra. Mentre siamo a pecora che lecchiamo da terra vomito e sperma mentre andrea ci piscia sopra, improvvisamente si riaprono le porte, e tutti i nostri colleghi tornati dalla pausa pranzo sono lì davanti a guardarci. Alziamo la testa un attimo, con un ultimo fugace dubbio sul da farsi. Poi riabbassiamo la testa e riprendiamo a goderci il premio per cui tanto abbiamo faticato.

Ovviamente sono stata licenziata, e da allora lavoro insieme a marika come fattorina della pizzeria. Sono anch'io sporca, trascurata e piena di tatuaggi. La paga fa schifo, così quando posso arrotondo, e oltre che la pizza consegno anche pompini a domicilio, quando il papà di famiglia me lo chiede.
Ero a un mese dalla promozione a manager, e ora succhio cazzi a degli sfigati per una mancia extra di 5 euro.

Ah, nel caso vi steste chiedendo della mia salute...
Che cazzo ve ne frega?! andate a farvi una bella sega e sperate prima o poi di incrociare una troia sfondata come me.

Simona

Questo racconto di è stato letto 1 3 3 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.