Dracula, di Thomas Andersen 3/3

Scritto da , il 2021-06-06, genere sentimentali

L’auto si sta addentrando in una vegetazione sempre più fitta e i paesini si diradano. Da sempre, ciò che più mi fa render conto di essere lontano dai miei luoghi, non sono i paesaggi, ma le case rurali. Vengo stregato da queste dimore con mura spesse, tinte con tonalità chiare e dai geometricamente imperfetti tetti aguzzi, ripidissimi per vincere la neve e l’inverno che qui dev’essere spietato. La strada è sempre più stretta, il sole inizia a lasciare il posto alle ombre allungate delle conifere, il cartello ”Sinaia” sembra guardarmi arrivare, augurandomi buona fortuna. Mi fermo in una bettola a mangiare un boccone, fatico a comunicare, vengo squadrato dagli avventori, per fortuna ho qualche LEI, la moneta locale, e riesco a pagare in contanti. Il navigatore indica di svoltare verso la foresta, qualche tornante in salita e fermo l’auto, ci sono. Mi guardo nello specchietto e scendo prima che il buio comprometta la mia audacia. La casa è una piccola villetta poco curata, composta senza apparente logica da cemento e legno scuro. Il cortile incolto si sfuma nella boscaglia, nessuna recinzione, non ci sono auto; se, una volta entrato, dovessi trovarmi vittima di un tranello, lo meriterei assolutamente. Mentre cerco invano il campanello, suona il cellulare, è lei: “ciao, entra, è aperto”. Avrei preferito che uscisse, per sorriderle, per abbracciarla, ma sono ormai disposto a tutto, qualche passo, la mia mano spinge titubante il portone, lei mi aspetta a qualche metro, in piedi.
Chiudo la porta, una penombra poco confortante impone qualche secondo prima di focalizzarla: perdo la capacità di aprire bocca, di muovere qualsiasi arto, quella di fronte a me è la ragazza mora! Ed è coperta soltanto di una svolazzante leggerissima tunica di un bianco trasparente che lascia intravedere tutta la sua nudità. Deve essersi accorta che la mia sorpresa non è dovuta al palesarmi le sue forme strabilianti: “quale faccia hai? non dirmi che pensavi che sono l’altra? Davvero non avevi capito? Quella sera ti volevo più di ogni cosa a mondo ma tu continuavi a rifiutarmi per lei, non stavo dormendo, ma piangendo quando siete tornati a letto, lei non è angelica come sembra, suo viso dolce e silenzioso inganna e tu ti fatto fregare da mia apparenza di inaffidabilità, da miei inquietanti capelli scuri. A mattino lei voluto anche tuoi soldi, non ho fermato lei perché ero offesa di te ma poi ho insistito che ti porta in hotel almeno documenti. Ti scritto io, lei non sa niente, scusa ma non riesco dimenticarti”. Osservo la sua frangia da Cleopatra, taglio diverso dalla prima sera, cerco di ricomporre il puzzle del mondo che mi è appena crollato addosso. Scendo con lo sguardo sul corpo, longilineo, punto vita stretto, una terza di seno imperiale, la vagina liscissima, le gambe da sfilata, sandalo nero che la slancia almeno ai miei 182cm. Avevo colto solo in parte quella sera quanto fosse un magnifico esemplare di donna, ma io non amo lei. “Sono davvero i tuoi genitori quelli che ho conosciuto?” Non so se cerco un appiglio di veridicità in un vortice più destabilizzante della labirintite, oppure di demolire questa versione inaccettabile per il mio cuore. Prende il telefono e, avvicinandosi, mi mostra una foto dove è abbracciata a Cornelia con sottostante una torta con la scritta “happy birthday mom”, posa il cellulare, mi prende una mano, sono lontanissimo dalla lucidità e provo a dirle, sotto voce, se le va di cenare insieme, ma lei:”vuoi umiliarmi per seconda volta? Se proprio non mi vuoi, vattene adesso” sto per chiederle quanti soldi vogliono per chiudere questo gioco e lasciarmi vivere ma, con la mano che ancora tiene la mia, mi porta verso una sedia, la osservo, che cazzo ci fa una savonarola qui? Robusta, larga, con un cuscino porpora dai ricami strepitosi. Ma perché mi concentro su questo dilemma? Mentre penso, mi spinge facendomi sedere. la seduta ha teste di leone ruggenti al termine dei poggia gomiti; quanta gente ha derubato per acquistarla? quanti uomini ha ucciso su questo trono? Continuo a pormi stupide domande mentre si inginocchia, mi slaccia le scarpe, le sfila, stesso trattamento per i pantaloni, sbottona la camicia, continua a osservarmi negli occhi.
Proseguo con le mie paranoie, perché la sua vagina sembra quella di una bambina?nonostante sarà stata trafitta migliaia di volte da qualche impalatore come Vlad Tepes? Possibile che davvero lei sia interiormente pura? Penso da giorni solamente alla mia complice bionda, voglio lei, il mio cuore si ribella nel petto, ma sembra che qualcosa debba sempre andare storto. Perché?Cerco mille giustificazioni per convincermi che colei che mi sta sfilando i boxer sia un angelo caduto dal cielo e non il diavolo. Sfilandosi l’abito zanzariera, si volta piegandosi e con le mani apre le sue natiche mostrandomi quel fiorellino maledetto; il demone che risiede in me, in tutti Noi, fa la sua mossa e risveglia l’erezione. Non c’è abbastanza luce per scrutare bene ma sembra una fessura quasi immacolata, è tutto così anomalo, mi aspetto da un momento all’altro la fine del gioco e l’assalto da parte di alcuni rom che chiederanno un riscatto ai miei. Invece mi prende un dito, lo conduce nella piccola porta degli inferi, spinge dentro una falange, lo sfila, si gira, sale sulla sedia e con le movenze della più oscena troia mai contemplata, mi porta il dito alla sua bocca e, succhiandolo, mi raggiunge, petto a petto: Lecchiamo quel polpastrello come fosse la chiave di accesso per l’inferno, svincola la mano, ci baciamo come pervertiti ma non come due innamorati pervertiti. Le sue gambe abbracciano sempre più il mio inguine, si infilano dove una savonarola non ha lo schienale. Ho sempre desiderato un amplesso su quel tipo di sedia, prendo questa coincidenza come incentivo, ma il cuore mi maledice. Lei, tenendosi sui robusti braccioli, si impala. Piano. Lenta. Più decisa. Ansima. Insiste. Continua. Mi usa. Mi stupra. Mi cavalca. Ripetutamente. Di più. Bacia come nemmeno le francesi sanno fare. Sto limonando il diavolo, stringo con le mani i volti dei leoni che gemono da secoli in quell’espressione intarsiata. Si flette. Cerca un’angolazione precisa. Grida. Si contorce. Mai visto un così bel diavolo godere. Cola sui miei testicoli. Mi preoccupo per il cuscino sottostante. Sfila. Percepisco uno schizzo breve e infinito. Trema. Si impala ancora. Bacia spingendosi in bocca. Qualche contorsione. Si sfila; altri schizzi, cuscino spacciato, ora temo per il parquet, la guardo annebbiato, non la amo, ma le mordo un capezzolo, gemiti, cigolii di legno, odore di sesso non protetto, si avvicina, lascia colare saliva nella mia bocca, la sfilo, e subito mi serve quel pertugio maledetto, il suo buio foro profano, si puntella su me, scende, lentissima, sento ogni sua viscera mentre si sodomizza. Scende qualche millimetro poi risale appena, continua imperterrita fino a trafiggersi fino in fondo. Non credo più a nulla, porto la mano nella sua intimità, è vuota, sfioro il suo germoglio, un altro schizzo inverecondo sporca me e tutto ciò che ci circonda. Tappo la bocca a Satana, trivello il fondoschiena demoniaco, come per vendetta per quello che mi ha portato, sfondo senza dar respiro questa Lilith. Lo riempio fino all’ultima goccia di ribellione. Ansimi. Baci. Schifo. Lingue. Canini affondano il mio collo. Sangue. Carezze dolcissime. Schifo. Baci leggeri. Teatro. Lenta delicata amorevole mossa per sfilarsi. Si alza, gocciola di me, di sé, di Stige. E mentre il mio seme da lei gronda:”cazzo quanto goduto vincere scommessa con mia sorellastra, pensavo perdere sai? Io e lei abbiamo stessa madre ma padre diverso. Ti racconto una cosa: lei anni fa si sposata, con un marito che voleva scoparmi, lei non mi credeva, allora ho dovuto mostrare lei la verità e loro divorziare. Oggi, come qualche anno fa, le ho detto che tu mi avresti scopato fino orgasmo. Lei era sicura che non avresti ceduto, credeva davvero tanto in te, mai avevo visto lei così convinta di amore, diceva che mi avresti rifiutata, come prima sera, e che lei poi ti avrebbe seguito per sempre fidandosi di te”

giro il viso verso destra....... il viso di Catalina, quegli occhi, la loro sclera, ora non bianca, ma rossa, le lacrime che scendono silenziosamente da chissà quanto. Ho freddissimo. Come ho potuto tradirla ancor prima di ritrovarla? Mi aveva avvisato sua mamma prima di lasciarmi andare, avevo anche trovato la certezza, negli occhi di Gheorghe, che fosse sua figlia.

Quella sera Savonarola non assorbì il mio sesso, un vampiro si prese la mia anima.

Catalina se ne andò, non la vidi mai più.

L’amore a Sinaia ha perso contro il diavolo, a volte accade.
E’ toccato a me.

Tornai in Italia, Ripensai ad ogni dettaglio e non aprii bocca per giorni, arrivò un sms da internet “chiesto troppo a te, ma avevo bisogno di uno amore più forte di tutto, vivi tua vita, mancherai, ti dico solo una cosa: crucea caraiman, una croce su una montagna rumena, 3 ore a piedi, tra dieci anni precisi, Catalina”

Sono passati 9 anni e 340 giorni, ho vissuto la mia vita. Come, solo Voi potrete capirmi.
Thomas

Questo racconto di è stato letto 8 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.