Una vita quasi normale 6

Scritto da , il 2021-06-16, genere tradimenti

e non ti azzardare ad aggredirla, capito?
Sento che Maria parla al telefono, non so con chi, ma al termine capisco che parlava con Lucia, ora sono io che sono curioso, aspetto un pò poi sondo il terreno e Maria sorridente mi comunica che la sera ha invitato Lucia a cena.
Infatti alle 20 vado ad aprire la porta e Lucia viene in casa, vestita così fa davvero una gran figura, non sembra la donna sciatta che tutti sono abituati a vedere. Vedo Maria molto sorpresa, sta valutando la sua rivale di letto, ci mettiamo a tavola e mentre ceniamo:
Maria) Senti Lucia, so che ultimamente ti sei presa cura di mio marito, di questo ti ringrazio, ma non vorrei che ti illudessi, lui è mio, e lo rimarrà sempre, anche se tu cerchi di portarmelo via.
Lucia) Stammi a sentire, sono due anni che ti fai sbattere dal tuo ex compagno di scuola, tutti gli amici ti considerano una poco di buono, non te ne rendi conto. Non puoi fare la morale a me, dovresti essere tu a fare un esame di coscienza e analizzare come ti comporti e come tratti Mauro, che proprio non se lo merita, anzi ti dico e te lo confermo che se mi riuscirà, te lo porto via con tanta felicità, perchè Mauro è un uomo fantastico, non lo dico perchè è qui presente, ma la stessa considerazione l'ha pure fuori.
Maria) E tu Mauro cosa hai da dire? Noi siamo qua che discutiamo su di te, tu cosa hai da dire?
Io) Al momento mi sto divertendo a vedere come state litigando per me. Se tu cara mogliettina non fossi così presa da quello stronzo, fino ad arrivare ad ignorarmi, non saremmo qua a discutere del sesso degli angeli, Lucia non mi ha irretito, mi ha solo trattato da uomo, deluso dalla vita e dalla sua compagna, non si è messa contro di te, ma di fianco a me, c'è una bella differenza. Mentre la discussione tra loro due procede, suona il campanello, vado ad aprire, c'è lui, Maria mi chiede chi c'è, io rispondo che è arrivato lo "stronzo", lui mi fa una faccia truce, ma deve stare attento, io sono in casa mia e non sono poi così debole, ad ogni modo capisco che tutto questo è stato programmato da mia moglie, per farci fare l'abitudine gli uni con gli altri.
Vedo lo "stronzo" a disagio di fronte a Lucia che lo sta squadrando con tanta attenzione, lui non ha ancora aperto bocca se non per salutare quando gli è stata presentata Lucia, rimane lì per un pò, poi dicendo che si è fatto tardi se ne va accompagnato alla porta da Maria. Quando torna, Lucia non aspetta un secondo a definirlo un "troglodita cretino". Maria si inalbera per la definizione, ma lascia cadere il discorso.
Dal sabato successivo Sandro comincia ad avere un comportamento strano (almeno dice Maria), infatti non rimane a scopare fino a tardi, ma a mezzanotte se ne va, spesso non la saluta neppure, a me non importa quasi nulla, ma Maria già dalla sera della Domenica mi mette a parte di quello che lui le fa. Prima non era mai successo, adesso mi devo sorbire anche le sue manchevolezze e il suo scopare svogliato e non più irruente, come aveva abituato Maria. Le rispondo sempre che era quello che aveva voluto lei, quindi non doveva pretendere, e se fosse anche, ne avrebbe dovuto discuterne direttamente con lui.
Il sabato pomeriggio presto, come sempre, intanto che Maria si prepara, io esco e vado da Lucia, so che rimango da lei fino alla domenica pomeriggio tardi, quindi siamo in casa tranquilli. Lucia si prepara perchè vuole andare in un Outlet, dove c'è una firma che sta facendo degli sconti e ne vuole approfittare, l'Outlet non è molto distante ma neanche vicino, siamo appena arrivati, quando Maria incazzatissima mi telefona per dirmi che lo "stronzo" questa sera salta il giro per non so quali problemi, io candidamente le rispondo come a suo tempo lei aveva risposto a me " se vuoi puoi sempre fare da sola ". Così Maria riattacca, Lucia mi sgrida facendomi notare che ero stato molto villano sebbene avevo dato a lei la stessa risposta che avevo ricevuto io. Però facciamo gli acquisti che interessavano a lei, ma anche su mio consiglio, poi torniamo a casa e all'ora di cena Maria si presenta a casa di Lucia, con le lacrime agli occhi chiedendoci un pò di compagnia. Lucia non se la sente di rimandarla a casa, così ceniamo assieme, ma mia moglie è a disagio, si sente quasi esclusa, così dopo cena si scusa e se ne torna a casa. Io rimango e andiamo a letto, dove ci coccoliamo e ci diamo reciproco piacere, torno a casa il pomeriggio dopo, la trovo in lacrime, mi dice che si sono sentiti e che lui per un periodo salterà molti incontri, per non so quali motivi. Così dopo qualche giorno, Maria torna a fare le moine con me, dopo due anni, dapprima mi sforzo di non accettare, ma la amo ancora, quindi torniamo a fare l'amore. Lei ora non si comporta più come prima, sembra apprezzarmi di più, quasi rimango fregato, infatti il sabato dopo lo "stronzo" ritorna e lei me lo comunica con un sorriso splendente. Vado da Lucia e ne parliamo, le racconto tutto quello accaduto in settimana e da donna intelligente mi dice che approva che io sia stato disponibile con lei ( è sempre tua moglie ), ma ore credo di non sentire tutto il trasporto che avevo prima. Lucia mi dice che purtroppo per lei io sono ancora innamorato di Maria e questo la rattrista, ma che non perde la speranza per il futuro.
Su questo mi trova d'accordo, in fondo Lucia mi piace, fisicamente non è come Maria, ma è comunque una donna molto intelligente e questo la rende piacevole e desiderabile, poi dal punto di vista fisico è cambiata tanto, a volte sembra quasi un'altra donna, ora è più femmina.
A casa Maria non la chiamo più per nome ma la definisco la mia seconda donna, loro due si sentono spesso, anche più volte la settimana, Lucia me lo racconta, oppure dopo che si sono parlate, mi telefona e mi dice tutto, così è posso capire se Maria mi dice davvero la verità, arriva anche a sapere che lo "stronzo" ha cominciato a vedersi con una donna molto più giovane e libera, che sta per fidanzarsi e che con Maria sta per finire tutto. Stavolta è Maria che piangendo mi racconta delle sue vicissitudini amorose, io le faccio notare giustamente che se con lui fosse stato solo sesso, come aveva sempre affermato, adesso non sarebbe così depressa. Quando le dico così scoppia a piangere e io con cattiveria " non era solo sesso, tu eri innamorata per davvero, non mi sbagliavo quando ti dicevo che sei una puttana". Mi dà ragione, ma che lui era sempre venuto dopo di me (che bugiarda). Comunque il sabato continuo ad andare da Lucia, non ritorno a casa la domenica pomeriggio ma la mattina, così pranzo con Maria, Lucia è d'accordo con me della decisione. Inizia un periodo difficile per me, mi trovo a dover soddisfare due donne, una (Lucia) mi ha accettato così come sono, ma mia moglie (Maria) che si era assuefatta alle dimensioni dello "stronzo", fa di continuo il confronto, e da quello io sono sempre sconfitto, però si deve accontentare.
Dopo quasi tre anni, Maria vuole tornare a fare la moglie, ma io ancora non sono certo di tornare a fare il merito, per due anni sono stato una pezza da piedi, però per Lucia da un anno sono un uomo ancora.
La storia continua

Questo racconto di è stato letto 2 6 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.