Dracula, di Thomas Andersen

Scritto da , il 2021-05-28, genere etero

Gentili passeggeri, tra qualche minuto atterreremo all’aeroporto di Bucarest Otopeni, la temperatura esterna è di 21 gradi e l’ora locale segna le 17. Grazie per aver volato con noi.
Raccolgo il bagaglio a mano e cerco di uscire rapidamente dall’aeroporto per cercare un taxi. Son qui per lavoro, domani dovrò visitare un cliente che chiede una perizia elettromagnetica. Teoricamente dovrei raggiungere l’hotel, cenare e riposare per essere lucido e brillante il giorno seguente. Dovrei.
Contattare un taxi ufficiale richiede una pazienza smisurata, decido di rischiare per un trasportatore meno legittimato. Scelgo lasciandomi ispirare dai volti degli autisti fermi, cercando quello dal viso più rassicurante, finendo con l’affidarmi a quello meno inquietante. Il taciturno conducente guida verso la capitale. Il traffico tipico di quest’ora mi permette di viverne il grigiore, tra scorci eleganti ed edifici maestosi, mi perdo nell’aria austera e velata di tristezza. Chiedo di poter deviare il percorso per osservare il palazzo del parlamento di Ceausescu, vederlo rende l’idea più dei libri di storia, avevo letto che è l’edificio più pesante al mondo e, osservarlo da breve distanza, suscita una sensazione di distacco dalla realtà. Risalgo sui sedili in vissuta e robusta pelle nera del taxi che mi accompagna all’hotel.
Doccia per ricompormi, scendo in città; sono quasi le 20, ho prenotato in un locale chiamato “Linea close to the moon” che permette di cenare all’aperto su un grattacielo con visuale notturna della città; entro nel palazzo, salgo in ascensore, direzione ultimo piano, vengo ricevuto da una cameriera che mi accompagna al tavolino; è già calato il buio sulla metropoli. Mi colpisce la dimensione dei pipistrelli di questo luogo, a prima vista non avevo capito cosa fossero quei volatili notturni.
Non sono però quei chirotteri i veri vampiri della mia attenzione, ma le due tipe al tavolino accanto. Quando la cameriera mi chiede cosa desidero, rispondo che opto per la stessa pietanza che stanno gustando le signorine, aggiungendo di addebitarmi una bottiglia che vorrei offrire loro. Arriva la zuppa di legumi, ortaggi e maiale affumicato servita dentro una grossa mica di pane scavato, poi la cameriera porge la bottiglia alle due intriganti femmine che ricambiano sorridendo e chiedendomi in inglese se possono affiancare il tavolino al mio per sorseggiarla insieme: prevedibilmente acconsento.
La luminosità è scarsa, riesco però a metterle velocemente a fuoco mentre si adagiano, una è mora, capelli lunghi scuri, lisci, occhi direi sul verde, non strepitosa come lineamenti ma attraente, sguardo indecifrabile, quegli occhi potrebbero celare qualunque cosa, non trasmettono dolcezza ma incutono timore, una diffidenza che mi affascina, abbastanza alta, mani curatissime, parla inglese e scherzando mi chiede se mi rendo conto in quale guaio io mi stia cacciando. L’altra meno espansiva, qualche centimetro più bassa, un biondo tendente al castano che le arriva alle spalle, occhi azzurri con una sclera bianchissima e un taglio felino mai visto dal vivo in vita mia: così attraente e bella da inquietarmi. Sono stordito dal precipitare rapido degli eventi, di fronte a me si siede la mora; oltre al viso, anche il modo di porsi sembra totalmente inaffidabile, alla sua sinistra l’altra, dicono di essere entrambe rumene, parlano un inglese spigliato, socializziamo, bevono almeno quanto me.
In momenti come questo ho sempre il sospetto che le cose stiano andando troppo oltre le aspettative e la diffidenza insorge, ma alla fine le ho cercate e provocate io, loro inizialmente mi stavano ignorando. Provo a trovare un difetto alla creatura bionda, forse il sorriso non è cinematografico, ma non basta per macchiare quell’opera d’arte della natura umana. Parla poco, ha momenti in cui quei lineamenti della dacia lasciano trapelare una criptica tenerezza, se sparisse e rimanesse un onirico ricordo sarebbe più semplice. La cameriera, su mia richiesta, continua a servire cibo e vino, inizio a perdere contatto con la razionalità. Quel luogo adesso onora il suo nome e ad essere davvero così vicino alla luna. Devo elaborare qualcosa, confrontarmi velocemente con me stesso e capire cosa io voglia fare della serata, il lavoro che dovrò svolgere l’indomani ormai è fottuto ma non me ne importa, devo scegliere se accontentarmi del piacevole diversivo e andarmene in hotel o ascoltare quel desiderio di perdizione. Non riesco ad oppormi al risucchio della curiosità, è il momento di cambiare posto, mi alzo, saldo l’intero conto, e chiedo loro se han voglia di un ultimo drink in uno dei locali che pullulano nel quartiere. Mi seguono, camminiamo palesemente alticci, prendo la direzione dell’hotel e ci infiliamo in un enorme bar buio con musica altissima. Ci accolgono e accompagnano a un tavolino con divanetti, la mora si siede accanto a me, la mia preferita nel divanetto accanto. Non capisco cosa mi chieda la dipendente del locale ma accetto, arriva un magnum di uno champagne che non conosco, tutto accade sempre più precipitosamente, il senso del tempo svanisce. Verso il nettare nei bicchieri, quasi metà se ne va sul tavolino, brindiamo, adoro come sta cercando di mascherare la sbronza la bionda, sta facendo una fatica enorme, si tradisce quando porta il bicchiere alla bocca rovesciandone parte sull’abitino, la mora ingurgita tutto d’un fiato, è sempre più scomposta, bevo, ne versiamo altro, la mora brinda e subito dopo il tintinnio dei cristalli, fingendo di perdere l’equilibrio, raggiunge la mia bocca, non ho nemmeno il tempo di reagire, sento entrambe le sue mani prendermi una il mento e l’altra i capelli, e un morbidissimo muscolo umido inseminarmi la bocca, un’unica impetuosamente delicata dose di lingua, per poi ritrarsi ridendo e fingendo nulla. L’amica sembra quasi stia aspettando la mia reazione, sono in un limbo ingestibile, un altro bicchiere, una mano scorre sulla mia coscia, verso l’inguine, sbircio per capire a quale corpo appartenga quel braccio, ma la bionda è troppo distante, continuo a fissarla mentre l’amica fa di tutto per impossessarsi della mia attenzione, mi inonda di saliva l’orecchio destro, mi volto per un secondo a guardarla, è molto più affascinante di quanto non sembrasse prima, ma la mia mente è nel divanetto di fronte. L’avvenente pantera se ne accorge, si siede sulle mie gambe faccia a faccia e mi guarda da pochissimi millimetri, deglutisco, la bocca di questa bella, spavalda, sconosciuta, straniera ubriaca è quasi appoggiata alla mia. Aspetta una mia mossa, la capisco, sono ad un bivio, per assurdo sento che baciarla sarebbe come tradire la bionda. Ma quella che ho addosso è comunque un diavolo di altissimo livello di provocazione, la musica rimbomba potentissima, scelgo di estrarre quasi impercettibilmente la lingua e percorrerle lento tutto il contorno delle labbra, senza muovere minimamente il viso; dalla sua visuale, la bionda non dovrebbe scorgere nulla.
Propongo di seguirmi entrambe in hotel, le due si parlano in rumeno incomprensibile, si alzano, prendono le borsette e mi fanno cenno di far strada. Pochi passi e siamo a destinazione, ho la chiave perché l’orario di chiusura della reception è passato, saliamo in ascensore, sembrano più distaccate, io medito senza riuscire a mettere a fuoco nulla. Osservo nello specchio della cabina, vedo me, non vado fiero della cosa, sono a migliaia di km da casa, con due sconosciute poco di buono, me ne sto fottendo del mio lavoro, degli ideali che mi hanno insegnato, me ne sbatto di tutto pur di non interrompere questa adrenalina. La bionda incrocia il mio sguardo, è disarmante, mi accorgo che potrei fare qualunque cosa lei chieda. Capisco, per la prima volta, chi perde la testa per qualche donna che viene da lontano. Entriamo in camera, loro si guardano attorno, io le ignoro, mi spoglio camminando verso la doccia, denudandomi durante il tragitto, entro, apro l’acqua nella penombra, mi sto per lavare quando arriva la mia prediletta, la mia rovina, la mia condanna, la mia unica ragione. Ha solo addosso un body nero e décolleté dello stesso colore, si avvicina, mi prende di mano la saponetta, si inginocchia ignorando di venir bagnata dall’acqua tiepida e mi insapona partendo dal sesso che prende forma fra le sue scivolose mani, risale sul petto, sul viso, mi fa girare, prosegue dalle spalle giù verso i glutei, non ho forza di reagire, passa più volte accarezzando fra le mie natiche, mi rigiro, fatico a respirare. Voltandomi, l’erezione si porta davanti al suo viso, mi guarda dal basso, mi infligge il colpo di grazia, lo fa sparire lento, senza mai smettere di guardarmi. C’è qualcosa in quegli occhi che non permette opposizione, se lo staccasse a morsi glielo permetterei inerme. Quanta deliziosa paura provo in momenti come questo, paura della possibilità di trovarmi nel momento più sensazionale della vita e che il futuro potrà riservarmi solo cose inferiori. Ma affronterò questo problema domani. Un turbine sessuale si impossessa di Noi, siamo in due nel vortice, non è un mio convincimento, il modo di baciarsi mentre l’acqua scorrendo avvolge le nostre labbra non lascia altre interpretazioni, le slaccio il body, lo sfilo, ci accoppiamo come se non esistesse una dignità, la sua schiena premuta dal mio corpo contro la parete della doccia, poi le sue mani ad appoggiarsi a quelle mattonelle,poi le sue gambe che tremano, il mio respiro che soffoca, i suoi denti che stringono, le mie dita che si piazzano tra le sue costole, la sua saliva che cola quanto i suoi umori, il mio getto che invade la sua spalancata gola assetata, il succo del nostro amore che scivola nell’acqua e scorre via dove mai potremo recuperarlo. Ci troviamo seduti, una sull’altro, sul piatto doccia. Mi chiedo come sia possibile che qualche ora prima la mia esistenza ignorasse la sua presenza su questo pianeta, dove potrò trovare respiro quando inevitabilmente smetteremo di baciarci, forse proverò ad affidare questo momento agli avventori di ER; attraverso il mio ignobile racconto potranno rivivere di riflesso qualcosa e sollevarmi dallo stordimento dolcemente dannato. Ci alziamo, lentamente ci asciughiamo, raggiungiamo il letto dove la mora probabilmente finge di essersi addormentata. Ci assopiamo a fatica, la tachicardia è impetuosa.
Apro gli occhi, sono solo, non ho idea di che ora sia, cerco il cellulare, non lo trovo, vengo preso da un’ansia paralizzante, metto a soqquadro la camera, lo trovo sotto un tappeto, sono le 12, dovrei essere al lavoro da 4 ore ma è l’ultimo dei miei problemi. Non rintraccio il portafoglio, fatico a respirare, nessuno dovrebbe svegliarsi così da un sogno, figuriamoci da una notte reale. Non riesco a raccogliere le idee, come ho potuto abboccare al loro gioco infame? Ma è accaduto, e proprio a me, mi sento il più coglione al mondo. Osservo la doccia, non ho nemmeno la forza di piangere. Come ha potuto? Potevano prendere qualche euro che avevo ma lasciarmi qui senza documenti è crudeltà. Mi sento strano, è come se la delusione dello pseudo amore fosse più forte che la disperazione per la situazione, cosa racconterò al lavoro? come tornerò in aereo senza documenti? come pagherò i miei prossimi movimenti?
Chiamo in ufficio comunicando al mio titolare di esser stato vittima di un furto e che non potrò svolgere la mansione prevista, il mio collega blocca la carta di credito e, in diretta con l’istituto di credito, mi comunica che il massimale del prelievo risulta già effettuato regolarmente con pin alle 6.30 a Bucarest. Ho un vuoto interiore che dilaga, cerco sul cellulare l’indirizzo dell’ambasciata per chiedere aiuto per i documenti. Devono aver spiato il pin quando pagavo al ristorante. Mi rivesto, ho freddo interiore, uno sconforto troppo profondo anche per un folle spensierato come me. Per fortuna la stanza è prepagata, saluto la tipa alla reception prima di uscire quando lei, in inglese, mi dice “mi scusi, stamattina è passata una tipa e ha consegnato questo portafoglio dicendo di averlo trovato fuori sul marciapiede, ho visto dai documenti che lei pernottava qui, non volevo svegliarla e ho aspettato che scendesse per restituirlo”. “ Mi descriva la tipa”. “Bionda, occhiali da sole, parlava rumeno, altro non saprei dirle, sembrava di fretta”. Apro il portafoglio, documenti presenti, posso tornare a casa tranquillo. Chiamo in ditta, mi mandano contanti con western union, resto qui vagando tramortito fino a sera, poi prendo il volo di ritorno.
Passa qualche giorno, sto passeggiando al tramonto coi pensieri ancora totalmente rapiti da quella notte, da quella meravigliosa ladra, non riesco ad odiarla, non è accaduto nemmeno per un istante negli ultimi giorni che io ce l’avessi con lei, mi interrogo se il mio sia masochismo o cosa, vibra il telefono, ricevo un sms inviato anonimamente da internet già tradotto in italiano:
“ Spero che tu puoi perdonare. Se un giorno tornerai, cerca strada Cxxxxxx 6B, edificio 4, ingresso 7, scala C, appartamento 18, chiedi e ti diranno dove trovarmi. Ricominceremo in modo diverso. Se non tornerai, ti ricorderò comunque per sempre.”
Rimetto il telefono in tasca, alzo lo sguardo verso il cielo stellato: “anch’io”.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.