La storia di Manuela : l’ascesa

Scritto da , il 2021-05-06, genere dominazione

Cap 1

Manuela appena tornata a casa era un poco stordita da tutto quello che aveva fatto, ma anche da quello che aveva sentito, tanto che il percorso di ritorno fu quasi automatico, senza nemmeno pensarci. Entrò nel suo palazzo senza salutare il guardiano, anche se non era solito farlo, lo inteneriva, era un uomo sui 40, un po’ sovrappeso, con un viso un po’ stanco forse per le lunghe notti, pochi capelli e vestiva quasi sempre con una tuta macchiata. Quando se ne accorse tornò indietro e disse “ salve Luigi ! Scusami ero pensierosa !” , quello si alzò dalla sedia, aveva un mini ufficio con una scrivania, un telefono , un paio di televisori , degli scaffali e ovviamente tante chiavi, era molto sporco. “ non si preoccupi signora Manuela “ disse quello alzandosi, aveva addosso una tuta molto larga verde , scarpe da ginnastica. “ quante volte ti ho detto di chiamarmi Manuela?” Disse quella sorridendo. Sapeva che quello aveva un debole per lei, ma più lui si esponeva e più cercava di metterlo al suo pari, infatti era più delle volte che lei aiutava lui che viceversa, che era come Anna? “ dove è andata così ben vestita ?” Chiese curioso, “ sto seguendo un corso di aggiornamento... sai le solite cose “ menti si vergognava a dire a qualcuno dove andava e soprattuto cosa faceva, “ te invece ?”, “ sono andato dal medico ha detto che devo curare di più la mia salute fisica... ma i miei piedi sono sempre cotti a forza di averli chiusi dentro le scarpe da ginnastica “ disse quello con voce lamentosa . Manuela non seppe il perché ma si immagino a leccare i piedi di quello, la cosa la fece eccitare e non seppe bene il perché... così disse a battuta “ forze nei momenti di pace dovresti toglierli da quelle” , quello la guardò e disse “ terrò conto... ora però devo andare la signora del 3 piano ha bisogno di assistenza “ . Manuela rimase un po’ delusa ma alla fine era meglio così , prese l’ascensore ed entrò dentro casa.

Non sapeva cosa gli era preso ma se una volta a casa si mise nuda e si iniziò a toccare, non riuscì a smettere finché Claudio non rincasò. Era strano stava facendo tutto questo per lui, ma ogni volta che la toccava o provava a eccitarla non vedeva lo stesso effetto. Decise però di appagare la sua voglia, così dopo cena lo buttò sul letto si mise nuda, e iniziò a sedurlo, quello rimase impalato, improvvisamente con voce entusiasta, mentre quella gli toccava il cazzo, chiese “ amore dai dimmi quello che hai fatto oggi lì “ , quella lo guardò e chiese “ vuoi veramente sapere ? O vuoi scoparmi?” , quello la guardò e disse “ dimmi sono curioso “ , Manuela non insiste cosa che nel suo pensiero avrebbe reso insoddisfatto Luca, ma quello voleva sapere quello che aveva fatto. Così gli raccontò sommariamente di ciò che aveva fatto e dei pazienti, la cosa strana era che Claudio si eccitava ad ascoltare alla fine gli venne sulla mano come un adolescente. Quando andarono a dormire Manuela aveva ancora voglia, avrebbe fatto qualsiasi cosa per appagare la sua voglia, così tenendosi la vestaglia e sotto niente, anche perché si era preparata per suo marito, si diresse verso il telefono, fece un sospiro... lo faceva per lei o suo marito ora? Chiamò il portiere , “ Luigi! Ciao sono Manuela” , “ ei che succede ?” Chiese quello con voce semi addormentata, “ mi sono dimenticata una cosa lì nel tuo ufficio oggi ti dispiace se scendo?” Chiese inventandosi la cosa, “ se vuoi te la porto io” disse quello, “ no no tranquillo vengo io” e attaccò, era eccitatissima, prese le pantofole e le chiavi e uscì . Il pericolo di essere vista aumento la cosa, arrivò davanti all’ufficio e trovò Luigi scalzo che guardava in giro, si voltò e rimase senza fiato, quella si tolse la vestaglia e rimase nuda, si avvicinò e baciò l’uomo. Quello là staccò e chiese “ è ubriaca ?” , “ no ma pensavo ti sarebbe piaciuto!” Disse quella toccandogli il pene , “ certo ma lei è sposata!” Disse quello, “ lo so... lo sto facendo per lui... gli piace guardare “ disse quella con voce ferma ma vogliosa, sapeva che non era vero ma non riusciva a resistere. “ quindi ci sta guardando ?” Disse cercando fuori, “ si ma è nascosto..” , quello sorrise e tirò giù i pantaloni e le mutande e disse “ spero si goda lo spettacolo “ e iniziò a scopare Manuela. Quella finalmente gode , la fece mettere a pecora e la sbatte fortissimo, aveva un bel cazzo, lo sentiva benissimo. Dopo un po’ era venuta un paio di volte, “ mmm non vedevo l’ora... ogni volta che la guardavo ... la immaginavo nuda” disse quello seduto mentre quella gli succhiava il cazzo, quella lo guardò e con gusto si staccò e disse “ lo so ... mio marito se ne è accorto e per questo che l’ho fatto “ , “ che porco... che altro ti ha detto di fare?” Chiese, quella leccava il cazzo e disse “ vuole che divento sempre più ... disponibile ”disse quella tra una succhiata e l’altra , quello sorrise e irrigidendosi disse “ inizia con bere il mio seme”, e venne in bocca a quello. Prima di andare Manuela volle togliersi lo sfizio anche se implicava abbassarsi a quell’uomo, “ Luigi ... senti a mio marito piace che lecco i piedi agli uomini...” disse quella, quello rise e disse “ pervertito... beh chissà un giorno lo farò, ora sono stanco, tornate a casa” . Manuela tornò al letto soddisfatta ma parzialmente.

Il mattino seguente si svegliò frastornata, Claudio era in cucina a prepararsi, appena arrivò disse “ sai amore... ieri è stato bellissimo “ , Manuela sorrise e lo baciò e disse “ lo sai che faccio quelle cose per te vero?” , Claudio ricambiò il bacio e disse “ lo so” . Mangiarono insieme come sempre poi Claudio uscì per andare a lavorare. Manuela invece si preparò per andare il al centro, si mise un abito unito non troppo elegante e non troppo lungo, come gli aveva detto Luca senza biancheria e si mise dei tacchi , si trucco e uscì . Quando uscì dal l’ascensore si fermò davanti alla portineria, Luigi la guardò e disse “ è molto elegante “ , Manuela sorrise e guardò la sua tuta lercia , “grazie... anche te!” Disse, quello rise e disse “ sai... i miei piedi ora stanno meglio , nudi a terra” era chiaro che la sua richiesta gli era rimasta in presso, Manuela avrebbe voluto dire qualcosa ma quello continuò “ magari stanotte “ e rispose al telefono che iniziò a squillare.

Lungo il percorso Manuela si domandava se Luigi avesse capito che gli aveva mentito . Quando arrivò dentro il centro si rese conto che la segretaria non era lì dietro al suo solito posto, così decise di aspettare , non sapendo se già Luca fosse arrivato. Quando arrivò Vittoria, era vestita con dei stivali, un vestito rosso attillato, quando mi vide sorrise e disse “ buongiorno!sei in anticipo ! Il dottore non è ancora arrivato... ma ci sta un paziente che ha chiesto di te è Maur, già sta nella sua stanza” , Manuela non voleva andarci sapeva che quell’uomo era pericoloso ma allo stesso tempo era curiosa, così disse “ va bene ci passo subito “ e si avviò.
Non era difficile individuare la stanza di Maur era quella con la porta più grande, quando aprì si trovò lui nudo con Anna chinata a leccargli il culo. “ ma cosa fai!” Urlò non nascondendo un filo di gelosia , “ l’ho incontrata all’entrata ... nemmeno mi sono dovuto mettere nudo pensa” disse quello sogghignando, “ è in cura come te !” Disse Manuela, “ questa schiava vorrà sempre obbedire vero” disse quello, “ mmm certo padron Maur sono sua” disse quella vogliosa, sembrava piacergli veramente visto che gli colava la vagina . Manuela non sapeva che fare e vedere Maur nudo non la aiutava, “ non ti preoccupare Luca non lo scoprirà....ma adesso mi serve un altra schiavetta che mi succhia il cazzo” e lo mosse , Manuela non doveva cadere nella tentazione ma vedere Anna lì che con una mano già gli toccava le palle. Si tolse il vestito e si avvicinò prese quel pene e lo infilò in gola, lo succhio con gusto e voglia e più lo faceva più ne voleva, intanto Maur la spingeva con le mani. Restò in quel modo per un bel po’ , finalmente venne copiosamente in bocca a Manuela, “ non ne sprecare nemmeno una goccia “ , così fece lo bevve tutto. “ ti garantisco che Luca non ne saprà niente “ disse quello sedendosi sul divano, Anna era lì nuda che attendeva ordini mentre Manuela era in piedi anche lei nuda con i tacchi, “ anche perché sennò dovrà rimanere qui ancora un bel po’ “ disse Manuela cercando di essere severa, quello rise e disse “ chissà cosa succederebbe se rimanessi eh?...ma mi devi convincere... leccami i piedi “ era un ordine bello e buono, Manuela guardò quei piedi ben piantati a terra, non riuscì a resistere si chinò e iniziò a leccare quei piedi. Maur nel frattempo schiaffeggiò sul culo Anna e gli disse “torna nella tua stanza” è quella subito si rivesti e disse “ a più tardi padron Maur”. Quando chiuse la porta Maur guardò Manuela che gli stava leccando le piante dei piedi con voglia e gli disse “va bene basta... prima di andare però promettimi che tornerai dopo la visita da me, completamente nuda” , “ va bene Maur ma ti prego non dire niente a Luca “ disse quella, “ certo “.

Cap2

Manuela non seppe quanto tempo era stata li dentro ma quando arrivò allo studio lo trovò aperto. “ Manuela! Vittoria mi aveva detto che eri arrivata...entra iniziamo la sessione “ disse quello che era seduto sulla sedia dietro la scrivania, Manuela subito chiuse la porta e subito si mise nuda con i tacchi, “ aah vedo che non porti biancheria bene bene... allora come sempre raccontami come procede con Claudio “ disse quello alzandosi. Così Manuela raccontò di come aveva provato a fare sesso con Claudio ma aveva ottenuto una sborata sulle mani e di come aveva sedotto e fatto sesso con Luigi fingendo che lo faceva per il marito.

“ questo non va bene... forse fare da mia assistente ti ha confuso, non dovresti più seguirmi nel caso “ disse quello, dispiaciuto, Manuela subito disse “ no no è che mi sentivo insoddisfatta” , “ comunque è male ... mettiti chinata che ora ti punirò “ disse quello duro, eccitata si mise in quel modo in mezzo alla stanza e improvvisamente fu colpita da qualcosa di duro, “ conta” e la colpi e subito Manuela “uno” e di nuovo “ due”. Prosegui così finché “ cinquanta “ ormai con le lacrime agli occhi, “ bene , ora dovrai capire l’umiliazione che dai a tuo marito... a carponi vai da Vittoria e pregala di farti leccare i suoi stivali “ disse Luca duro. Manuela dolorante disse “ va bene “ e a carponi uscì dalla stanza. Arrivò in quel modo da Vittoria che la guardò e sorrise “ siamo state cattive?” , “ si molto... ti prego Vittoria mi fai leccare i tuoi stivali?” Chiese quella chinata davanti a lei nuda, “ certamente!” Disse quella, subito quella iniziò a leccarli, avevano un sapore nuovo . Mentre eseguiva Vittoria disse “ vedrai presto ti piacerà tutto questo “ ma forse già gli stava piacendo. Dopo un po’ quella disse “ va bene basta puoi andare!” E si scostò da Manuela, quella capi che era il momento di tornare e si avviò a carponi. Quando rientrò nella stanza trovò Luca sulla sedia vicino al divanetto, aveva solo il suo grembiule bianco, era nudo, metteva in mostra la sua pancia, il suo pene un po’ floscio senza peli, Manuela rimase stupita.

quello la guardò e disse “ siamo pronti a passare alla seconda fase... dovrai abituarti ad avere a che fare con il corpo maschile nudo e a renderlo voglioso di te “ , Manuela non capiva dove volesse andare a parare, “ quindi ora prova a fare qualcosa per eccitarmi!” Disse quello. Quella rimase un po’ allibita , il fatto che era nuda e chinata doveva dare qualche eccitamento, ma decise di fare qualcosa, si avvicinò a quattro zampe a quello e piano piano sali sbattendogli in faccia le tette, con una mano prese il pene e iniziò a muoverlo. Dopo poco senti che stava ingrossando e sentiva il fiato pesante di Luca, “ mmm arriva fino in fondo “ così la prese e la mise sul suo cazzo e iniziò a scoparla. La mise sul lettino a novanta e la scopò a lungo , nel frattempo la colpiva sul culo, Manuela godeva non riusciva però a pensare a Claudio, lo faceva per lui e questo gli dava forza. Nonostante l’aspetto Luca durò tantissimo Manuela venne un paio di volte e ormai si lasciava scopare, ormai sfinita, finalmente Luca venne fuori sul suo corpo. “ bene...” disse con il fiatone, si mise dietro la scrivania e sedendosi “ dovremmo lavorare molto sulla resistenza “ , quella era ancora sdraiata sul lettino, era stordita dalla cosa, gli ci volle un po’ per rendersi conto che Luca si stava rivestendo .

Quando uscirono dalla stanza Manuela era di nuovo in ordine e vestita, Luca con la sua cartellina si incamminavano come se nulla fosse nella struttura. Il primo da quanto gli aveva detto Luca era un signore anziano di nome Andrea aveva 78 anni, gli disse che era venuto lì da poco, per sua spontanea volontà. Quando entrarono trovò davanti a se un signore molto elegante, mostrava meno della sua età, con qualche capello castani e occhiali spessi che nascondevano gli occhi marroni, aveva addosso una bella giacca blu , insomma rispetto anche allo stesso Maur o Paolo non sembrava avere qualche problema. Luca si mise seduto sulla sedia posta vicino il divanetto, quella camera era forse la più piccola , aveva poche cose e nemmeno il letto forse perché quello aveva preferito andare e tornare. “ Buongiorno dottore, mi scusi se ieri non sono venuto... ma come sa la situazione ormai è difficile “ disse quello con voce calma, “ non si preoccupi, l’importante è che stiamo facendo progressi “ disse quello, “ ci ho provato, davvero ma se mandavo qualcuna fuori casa, minacciava di restare lì per sempre rischiando anche di congelarsi “ disse l’uomo con voce non proprio sconsolata, Luca sospirò “ per quanto riguarda le tre che mi diceva?” , quello sorrise “ mi hanno detto che piuttosto continuano così se non peggio “, “ insomma non ci sono molte strade da percorrere ... su l’altro versante ?” Chiese quello, “ lì si... ho iniziato a rifiutare di vederle, ora come ora ponendo scuse ma per ora non si arrendono “. Manuela non stava capendo molto, intuiva che stava parlando di donne o ragazze ma non capiva il perché e come mai le doveva rifiutare. “ Ottimo! Allora la lascio un attimo nelle mani della mia assistente... Manuela vado un attimo a scrivere queste cose al compiuter torno subito “ e si alzò e se ne andò. Quello la guardò e chiese “ non capisci vero?” , Manuela sorpresa disse “ no anche perché se si presentano di loro volontà!” , “ sono ragazze molto anzi troppo giovani... se fossi te invece... potrei farti entrare diciamo” disse quello squadrandola con voglia dal basso all’alto, Manuela stupita disse “ ma che dice?” , quello per tutta risposta si slacciò i pantaloni e li tirò giù , facendo emergere il suo pene... era enorme, Manuela rimase stupita batteva tutti quanti a lunghezza e larghezza. “ devi sapere che prima non sapevo di questa capacità poi grazie a Carla sono diventato una specie di signore di ragazze e donne .. mi hanno fatto scoprire questo e come usarlo a mio favore “ disse quello divertito , Manuela non riusciva a staccare gli occhi da quel pene , era come ipnotizzata , nemmeno rispose ad Andrea che divertito disse “ direi che è ora di mettersi nuda e a quattro zampe!” , Manuela si mosse in automatico si tolse il vestito e i tacchi e si mise come detto, non molto distante da quel pene. “ bene è ora che fate conoscenza, leccalo!” Disse quello, e subito Manuela iniziò a leccare quel pene, aveva un sapore molto buono pure, questo rese molto più facile aumentare la voglia, intanto Andrea si godeva la scena divertito. Quando rientrò Luca la trovò in quel modo, e disse “ le avevo detto di prendersi cura ma non così “ era però divertito, “ mmm... non si preoccupi gliela restituisco subito “ disse quello godendo, mentre Manuela si sentiva osservata, stava leccando il pene di un uomo appena conosciuto davanti a Luca con il quale aveva appena fatto sesso. Andrea le prese la testa e gli infilò il pene in gola, Manuela lo succhio con voglia, era davvero irresistibile, nel frattempo Luca guardava divertito, “ è così che è iniziata la cosa?” Chiese , “ mmmm... più o meno...mmm non sa che piacere svegliarsi con tre donne che lo fanno e che competono per farmi venire “ disse quello godendo. La cosa durò un bel po’ e finalmente Andrea venne abbondantemente e senza avvisare, Manuela ingoiò tutto quanto un po’ sorpresa.

Cap 3
Quando uscirono dalla stanza Manuela era ancora nuda, Luca aveva deciso così “ devi capire cosa comporta tradire tuo marito “ , così era nuda con solo i tacchi e ora sarebbe stata la volta di Paolo, era un po’ spaventata perché se avesse scoperto di Maur non immaginava cosa gli avrebbe fatto fare. Entrarono nella stanza e subito Paolo sorrise a vedere Manuela in quel modo e disse “ vedrai diventerai peggio della mia Anna” , Luca sorrise e disse “ a quattro zampe e salutalo come si deve “ , Manuela per non peggiorare le cose, o forse perché voleva, si mise a quattro zampe e raggiunse i piedi di Paolo e lì lecco. “ domani ho deciso di dimettervi... ormai quello che potevo fare l’ho fatto!” Disse Luca, “ un po’ mi dispiace non vedrò più la tua assistente “ disse quello , “ beh in realtà dovrei punirla quindi te la lascerò in affidamento per un po’ nel frattempo vado da Anna” e uscì dalla stanza .

“ bene adesso mi chiamerai Padrone... mettiti questo” e gli diede un collare per cani un po’ più allargato, Manuela lo infilò ma fu subito colpita, “rispondimi !” Disse quello “ si padrone!” Disse quella subito, “ bene ora ti renderai conto di cosa vuol dire essere la mia schiava... attaccati questi sulle tette” erano due morsetti di ferro, Manuela lì prese e disse temendo un altro colpo “ si padrone “ e subito si infilò quelli sui bozzetti era molto doloroso, “ bene e ora sdraiati sul letto e supplicami di scoparti il culo” disse quello severo, Manuela non ne voleva sapere sarebbe stato troppo degradante ma dopo un po’ quello la iniziò a colpire così esegui e si mise sul letto e con voce rotta disse “ la prego... padrone... mi inculi” quello sorrise si spogliò la fece mettere a 90 e con un sol colpo infilò il pene nel culo. Il dolore la lasciò senza fiato, ma piano piano la cosa iniziò a piacergli , iniziando a godere ma ogni volta che mugolava quello la colpiva. Non seppe quanto restò in quel modo modo ma venne svariate volte, fino a quando si accasciò sul letto. “ bene schiava é ora di ringraziarmi” disse quello con il pene ancora rigido, si mise sul divano e Manuela capi che doveva fare , si mise chinata davanti a lui e disse “ mi faccia succhiare il suo cazzo” , “ sbrigati “ e iniziò a succhiare con voglia il cazzo rigido mentre quello la colpiva , dopo un po’ gli venne copiosamente in bocca. “ sai? Scommetto che quando ci rivedremo sarai te a supplicarmi “ disse quello rivestendosi, Manuela pure si si ricompose ... una cosa era certa aveva già perso dignità.

Quando uscì non trovò Luca ad aspettare, voleva assolutamente rivestirsi non poteva andare alla mensa nuda, sarebbe stato un gradino troppo in basso al suo degrado, mentre tornava alla stanza di Andrea si domandava con che velocità si era già abituata a fare tutte quelle cose per Luca, Paolo , Luigi e Maur e non per suo marito. Entrò nella stanza che ora era vuota ma non trovò alcun vestito, sicuramente era opera di Luca, voleva che andasse alla mensa nuda, anche perché con l’appetito che aveva lo avrebbe pure fatto , per fortuna però Andrea si era dimenticato il giubbotto, era lungo e marrone molto spesso, l’avrebbe coperta molto anche il collare che gli aveva infilato Paolo si sfilò e andò alla mensa. Appena entrò vide che c’era meno gente rispetto al giorno precedente, non c’erano ne Paolo ne Anna, e altri che non conosceva , nemmeno Vittoria ma c’era Maur che la fissava sorridente, appena lo vide si ricordò che doveva portargli il pranzo , infatti lui non aveva preso niente , così prese un vassoio e facendosi mettere un po’ di tutto lo portò a Maur, con la promessa che avrebbe pagato prima di andare via. Quando glielo portò era pronta ad andare via ma appena poggiato quello disse “ non andare di corsa... fermati qui” , Manuela temeva il peggio dopo tutto sotto era nuda. “ presto mi dimetteranno penso massimo dopo domani, quindi ora mi segni il tuo numero e il tuo indirizzo “ disse quello passandogli il cellulare, Manuela fece solo un cenno con la testa e segno il numero e L’indirizzo, lo diede a quello che sorrise e disse “ ti aspetto puntuale dopo” , Manuela disse solamente “ certo “ e se ne andò sollevata .

Quando finito di mangiare andò verso l’ufficio di Luca trovò Vittoria dentro una delle stanze con un paziente, non lo conosceva, era un giovane ragazzo forse sulla trentina ,biondo e occhi azzurri, carnagione chiara, era nudo quindi metteva in evidenza il suo pene che non era male mentre Vittoria era ancora vestita, si avvicinò e spio la scena. “ allora lauro che dobbiamo fare?” Chiese quella dura , “ non lo so decida lei!” Disse , “ non va bene così verme, ora chinati e lustrami gli stivali “ il tono di Vittoria stupi anche Manuela ma vide il ragazzo chinarsi e iniziare a leccare gli stivali. Vittoria rise e disse “ verme...dillo che vuoi essere trattato come la nullità che sei” e lo colpi con un frustino, quello disse “ si padrona sono un verme” e continuava a leccare gli stivali. Quella sorridente disse “ verme vedrai che ti dimenticherai anche di avere le palle... mettiti la tua cintura di castità, sono stanca di vedere penzolare quel coso” disse quella colpendolo , e subito quello si mosse prese una specie di cintura a forma di pene e se la infilò a fatica, perché aveva il pene eretto. Quando termino Vittoria si sede sul divano e disse” sfilami gli stivali “, subito quello si avvicinò e sfilò gli stivali mettendo a nudo i piedi di Vittoria . “ bene e ora leccali per bene come il verme che sei” disse quella e quello rispose “ certo padrona” e subito iniziò a leccare con ardore. Manuela si toccava e guardava quei piedi e immaginava di entrare e supplicare di leccarli anche lei, sarebbe stata disposta in quel momento a diventare la schiava di quell’uomo, quella voglia le fece dimenticare qualsiasi cosa. Così mentre si godeva la scena di Vittoria con uno strap on inculava Andrea godeva in mezzo al corridoi, quando finalmente arrivò all’orgasmo chiuse la porta e continuo verso lo studio di Luca.

Cap 4

Per fortuna lì trovò tutte le sue cose e si poté rivestire , sebbene era chiaro che avere quel ruolo gli piaceva altrettanto era che dentro quello studio non si aiutavano le persone anzi le metteva in condizioni ancora peggiori, alla fine lei faceva tutto quello per il marito ma fino a quel momento l’aveva solamente tradito e cornificato , era diventata dipendente dei piedi ma anche di alcune persone come Maur, era stata umiliata , aveva fatto davvero tante cose e ora voleva andare a pagare i pranzi e andarsene. Entrata in mensa però trovò Luca che la guardò e disse “ finalmente ti ho trovata” , quella rispose “ sperava che ero nuda ancora vero?”, quello la guardò e disse “ forse si ma sarebbe stata l’ultimo atto” , “ non ci sarà nessun altro atto ho visto Vittoria con un paziente e non lo stava certo aiutando... come lei con me... non credo che scopare con lei mi aiuti con mio marito “ disse quella tutto di un fiato, quello la guardò e disse “ eppure mi pare che fa progressi “ . Era vero comunque da quando aveva iniziato la cura erano molto migliorata la cosa, “ e il paziente che ha visto è un autolesionista grave, pensi ha venduto tutto alla sua ragazza solo per accontentare... ma non sono qui per convincerla se vuole andare vada pure... non si preoccupi per i pranzi già lì ho pagati io” disse quello sereno , Manuela rimase di stucco si sarebbe aspettata qualche minaccia invece niente era lì sereno forse si era sbagliata.

Uscì comunque dal l’edificio aveva detto che era stanca e Luca gli aveva detto di tornare tra un paio di settimane per la seduta, se voleva. Aveva evitato accuratamente Maur sapeva che era pericoloso, così si avviò verso casa ma tutta la sua decisione andò a sbattere contro Luigi. Quello era nel suo stanzino con la solita tuta e appena la vide disse “ tornati presto?” , Manuela si ammorbi e disse “ si mi sento un po’ stanca oggi” , “ peccato... sai i piedi attendevano solo te” disse quello sorridente, non doveva ma immaginare quelli nudi a terra la eccitò terribilmente e disse “ per quelli potrei avere energia “ , quello rise e disse “ entra forza!” Appena entrò lo vide scalzo e con i piedi ben piantati a terra , si avvicinò ma fu fermata “ calma... prima mi devi farmi felice “ , capì subito cosa intendesse e si mise nuda e gli sfilò i pantaloni e iniziò a succhiargli il cazzo. Quello gode come un matto e poi la prese per i capelli e la sollevò e la fece mettere sul suo cazzo, iniziarono a scopare con voglia e ardore, Manuela venne un bel po’ di volte e ormai si lasciava trapanare , Luigi cercò di durare il più possibile ma alla fine gli diede una pacca, quella si tolse e infilò in gola e ingoiò tutto lo sperma . “ mmm adesso si mettiti sotto la scrivania e leccali “ disse quello finalmente Manuela si mise lì sotto e iniziò a leccarli con gusto, ignorando completamente il sapore.

Non seppe quanto restò lì sotto a leccarli, ma sicuramente era ormai sera, Luigi si scostò e disse “ penso che possa bastare no?” , quella che era incollata alla pianta del piede disse semplicemente “ come vuoi..” e si sfilò da lì sotto. Luigi la guardò rivestirsi e disse “ sai ho molti amici che non gli farebbe schifo conoscerti “ , Manuela lo guardò e disse “ lo faccio a te perché voglio... mi hai sempre attirato ma altri non so” , Luigi si avvicinò e disse “ e se te lo ordinassi? Se ora ti dicessi di metterti nuda e pregarmi di fare di te qualsiasi cosa?” Quella lo guardò e le parole di Paolo gli risuonarono, non disse niente e se ne andò .

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.