Il dominio all’ospizio Cap2

Scritto da , il 2020-02-22, genere dominazione

Ormai erano passati alcuni mesi, da quando Gianni era all’ospizio e la quantità di tempo che passava con la figlia e la nipote Federica , era quasi maggiore di quando stava a casa. Aveva però notato un grande cambiamento da entrambe, se prima guardavano con disgusto la signora Maruja, adesso erano quasi accondiscendenti, se non reverenziale. In più notava un certo imbarazzo di Teresa quando parlava di lei. L’unica che si vedeva poco era Marta, ma comprendeva che essendo più grande aveva altri interessi che andare a trovare un vecchio.

Quel martedì pomeriggio era venuta Teresa, si era messa a chiacchierare con Sara e amabilmente parlavano tra di loro. Finché non sopraggiunse Maruja, “ avere bisogno di supporto Teresa, Sara il signor Claudio ha bisogno di te” , Sara sbuffò e se ne andò. Teresa vedendosi da sola con Maruja iniziò a sentirsi stranamente eccitata. “ cosa ti serve Maruja?” Chiese Teresa, quella avvicinò alla bocca un dito, “ succhiare!” Era un ordine bello e buono, ma Teresa eseguì con piacere e si mise a succhiare quel dito tozzo e sporco, infatti Il sapore non era affatto dei migliori. Maruja mentre osservava la scena soddisfatta chiese “ ti vergogni a stare con me?”, Teresa interruppe per rispondere “ no è che ... dopo l’ultima volta sono in imbarazzo “. Maruja sorrise e disse “ tu stare tranquilla! E poi io non vedere te completamente nuda” , Teresa arrosi ripensando vivamente all’evento e rispose “beh ecco... nemmeno io”, “ a tu volere vedere me nuda?” Incalzò Maruja, “ no no .... è per dire che non c’è imbarazzo ecco” rispose Teresa imbarazzatissima. Maruja però si tolse la veste mostrando tutto il suo corpo imperfetto e fuori misura, oltre a ciò anche l’odore che emanava era davvero orrendo. Teresa rimase di sasso, se tempo prima quella azione l’avrebbe disgustata adesso la eccitava. “ beh come essere?” Chiese Maruja, Teresa riuscì solo a dire “ bellissima!” , allora Maruja la fece alzare e la iniziò a baciare e toccare. All’improvviso contatto Teresa quasi arrivò subito all’orgasmo ma quella di arrestò, “ questa volta toccare a me! “ e prese la mano di Teresa e la infilò dentro la sua vagina. Quella sentì tutta mano intrisa di qualcosa di appiccicoso e piacevole al tatto e iniziò a muoverla, facendo ansimare Maruja. Continuò per non poco tempo, cercando di muoverla sempre più veloce, ma quella donna oltre a mugolare sempre di più, non decideva a venire, ormai Teresa era intrisa di sudore e liquidi. “ ah ah forza tu fare venire me” disse Maruja, prendendo di forza Teresa e avvicinando la tutta alla sua vagina. Teresa fu trascinata in basso vicino alla vagina di Maruja che ora gli stava attaccata, e quella pronta la spinse sempre più vicina, fino a quando non la appiccicò. Teresa a quel punto tra eccitazione, odori e la forza opprimente di Maruja , iniziò anche a leccargli la vagina, ignorando qualsiasi sapore. Al contatto della lingua Maruja dovette davvero resistere, ma dopo poco , accompagnato da un grande urlo venne con una squartata che bagnò tutto il viso di Teresa. “ piacere ?” Chiese Maruja osservando Teresa ancora sotto di lei, cosa che non gli dispiacque, “ Si tantissimo, è davvero eccitante farti venire “ disse Teresa stordita da tutto quanto. Maruja si rivestí e ammirando quella donna che si stava asciugando e sistemando, sorrise, l’avrebbe resa la sua concubina, pronta a fare qualsiasi cosa e magari in competizione con la figlia.

Finito di sistemarsi, Teresa ancora eccitata , sia da tutto ciò che era successo, sia perché non era stata appagata, sentendo che stava tornando Sara, si avvicinò a Maruja e chiese “ quando toccherà a me? “ , Maruja guardandola attentamente, vedendo tutta la sua voglia , disse sprezzante “ quando te lo meriterai” e chiuse la porta della cucina. Teresa quasi in lacrime, salutò una Sara affaticata e se ne andò.

Federica nel frattempo era ormai persa nei suoi pensieri, qualsiasi cosa facesse o pensasse, l’unico pensiero era quello di stare sotto Maruja, essere di nuovo la sua sguattera e rivederla. Non sapeva proprio il perché, forse era complice che era la prima a capirla davvero. Mentre era assorta nei suoi pensieri sentì vibrare il cellulare, senza guardare rispose : “ pronto?” , “ avere bisogno di te! Venire!” E riattaccò. A Federica gli ci volle un attimo a vestirsi e a uscire senza nemmeno accorgersi di che orario fosse. Arrivò allo spizio in un baleno e suonò il campanello e gli fu aperto. Una volta entrata una serie di sensazioni la pervasero, non poteva credere che finalmente avrebbe rivisto Maruja. Arrivò in cucina e la vide seduta, con il solito aspetto che a chiunque avrebbe fatto girare dall’altra parte e anche per l’odore. “Finalmente essere qui, tu sapere che tu dovere a me molto favori , vero?” Chiese Maruja, “ sì certo è stata gentile a mantenere i miei segreti “ disse Federica ancora sull’uscio della cucina. “ mia gentilezza deve essere conquistata oggi, a causa di tua madre ho lavoro indietro, tu oggi aiutare me” disse Maruja , che vide un filo di fastidio sul volto di Federica, mentre nominava la madre. “ cosa posso fare?” Chiese Federica, “ tu dare ramazzata a mia casa”disse guardandola, quella rimase impalata, non sapeva dove fosse, vendendo in difficoltà la giovane sorrise e gli indicò la scala che scendeva . Federica quindi scese in quella topaia, dove il pavimento appiccicava, il muro era consumato e per terra c’era un letto sfatto, l’odore era insopportabile. Federica disgustata iniziò a spazzare sollevando la melma. Dopo poco scese anche Maruja e chiese “ piacere mia casa?” , Federica con il volto impolverato rispose “ veramente abiti qui?” , “ io non essere viziata come te, alternativa camper isolato, però te non rispondere” disse Maruja, “ beh sinceramente no signora” disse Federica ricordandosi dell’appellativo imposto. Maruja sorrise e disse “ io sapere che tu non desiderare questo posto ma me, volere servirmi, ma tu dovere sapere cosa aspettare a te” , Federica ancora una volta rimase sorpresa dalle parole di Maruja e di quanto l’avesse capita. “ ma se tu volere me amare questo posto” disse Maruja, Federica la fissò e disse “ come vuole signora!” , Maruja sorrise e disse “ tu ammettere quindi di volere me “ , Federica ormai scoperta rispose solamente “ si signora”, “ beh tu dovere meritare , mettere nuda e dichiarare tuo amore “ disse Maruja. Federica rimase paralizzata, ma ormai quella donna orrenda gli era entrata nella testa, così lentamente si spogliò completamente, lasciando cadere in quella specie di pavimento i suoi abiti. Una volta nuda disse “ signora io la amo “ , “ tu non convincere me, prostrati e dichiara meglio” disse Maruja divertita. Federica ormai sconfitta lentamente si prostrò facendosi un tutt’uno con quella melma e disse “ signora io la amo” , “ ora meglio ma tu non avere me finché non meritare, non essere privilegiata come tua madre!” Disse Maruja enfatizzando l’ultima parte. Federica sentendo quella cosa, provò una fitta immensa di gelosia e sebbene era già prostrata e nuda, volle umiliarsi ancora di più e avvicinandosi ai piedi di Maruja, nelle sue ciabatte, prese baciarli e disse “ farò qualsiasi cosa per lei” , Maruja soddisfatta volle approfittare della situazione e disse “ tu chiamare me padrona ! Venire prima di ogni cosa, chiaro?”, Federica che a quelle parole e a quella situazione si stava eccitando, rispose “ certo padrona!”. Maruja si godé ancora i baci di Federica sui piedi, giova nel vederla sporca, nuda e ai suoi piedi, ed era solo l’inizio, l’avrebbe resa la sua schiava assoluta. “ ora schiava rendimi vero omaggio e venera tua padrona!” Disse Maruja, Federica che ormai tra i vari sentimenti si sentiva realmente impotente davanti a quella donna, rimanendo appiccicata ai piedi di quella disse “ lei è una dea, posso solo presentarmi sempre così è prostrarmi davanti a lei” e bacio i piedi, Maruja sorrise compiaciuta rispose “ lo spero”. Attese ancora un po’ e alla fine disse “ tu dovere a me molte cose ma ora vestiti e saliamo” e se ne andò. Federica rimasta lì da sola, prese i suoi indumenti ma non se li infilò e sali portandoli sottobraccio, voleva con tutto il cuore conquistare Maruja , alla faccia della madre. Quella che la vide arrivare in cucina nuda e sporca ne fu contenta , aveva già compreso il suo ruolo. “ vedo tu decidere dare importanza a tue parole, e ora fare tuo lavoro da sguattera, lavare piatti” indicando i piatti traboccanti, “ si padrona “ rispose Federica . Quella sgobbò per circa un ora, sotto i rigidi comandi di Maruja, la quale ormai si limitava a fissarla, rendendola nervosa ed eccitata, anche se la stanchezza sopraggiungeva. “ bene penso tu potere andare, un po’ di clemenza conquistata” Disse Maruja, a quelle parole la reazione di Federica fu quasi sconvolgente, si prostrò e iniziò a piangere e singhiozzante chiese “ cosa avete fatto insieme a mia madre padrona ?” , Maruja sorpresa penso bene di affondare “tu meritare di sapere , ora vestiti e sparisci da mia vista” . Federica lentamente ma ancora piangente si vestì e se ne andò sconsolata da quella situazione, ma sicura che avrebbe fatto di tutto per ricevere le stesse attenzioni della madre.

Questo racconto di è stato letto 3 4 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.