Evoluzione di una pratica estrema 7 (segue)

Scritto da , il 2021-04-23, genere fisting

Ho tirato fuori le mie dita dal culo di Dora, il suo buco luccicante era leggermente spalancato.

Il momento della verità era arrivato.

Quattro dita erano facili, anche cinque dopo un sufficiente riscaldamento, ma poi il buco nero doveva inghiottire la parte più ampia della mia mano, le nocche e oltre fino al polso.

Quella sarebbe stata la vera sfida, il punto a cui quasi tutti inevitabilmente puntano.

Ci alzammo entrambe, Dora si precipitò in bagno e tornò con un asciugamano e una bottiglia piena di liquido trasparente. Mi mise la bottiglia in mano e poi drappeggiò l'asciugamano su uno dei cuscini del divano, salendo e mettendosi di nuovo a quattro zampe.

Mise le mani sul bracciolo e inarcò la schiena mentre sollevava in aria le grosse natiche del suo splendido culo dorato.

"Ne ho preparate diverse di queste bottiglie", ha affermato accennando alla bottiglia.
"Quindi non esitare ad essere generosa nell’utilizzarlo."

Già vedendo la bottiglia e quanto fosse viscoso il fluido, avevo intuito che si trattasse del J-Lube.

"Nessun problema." risposi.

Mi sono posizionata dietro Dora, mettendomi in ginocchio e strofinando una delle mie mani sul suo sedere liscio prima di versare una quantità abbondante di lubrificante denso nel mio palmo della mano.

Ho spalmato ben bene il suo buco, versandone altro nel mio palmo e iniziando a lavorare con le dita all’imbocco del suo culo.

Era strana la sensazione di avere le mani piene dell’incredibilmente scivoloso J-Lube, che rende la penetrazione più semplice e minimizza i rischi di avere problemi.

Le mie dita scivolavano con estrema facilità dentro e fuori dal caldo buco di Dora.

Rapidamente arrivai ad inserire tutte e cinque le dita, scivolando fuori e spingendo la mia mano fino alle nocche ad ogni spinta, mentre Dora gemeva sottovoce.

Dora fece un respiro profondo seppellendo la testa nel divano.

"Fallo," sussurrò lasciva.
"Sono pronta. Infila quella fottuta mano dentro di me."

Mi tirai indietro un'ultima volta. La mia mano premette senza sforzo fino alle nocche.

Cercando di avventurarmi più a fondo in lei e sperando di esaudire il suo desiderio, ho sentito decisamente resistenza.

"Mettilo dentro quel maledetto pugno!" pregò Dora.
"Inseriscilo e basta!"

Spinsi più forte, la parte più ampia della mia mano che improvvisamente fu aspirata dal suo buco.
L’intera mano scivolò dentro il suo culo, finché lo stretto anello di muscoli non fu avvolto intorno al mio polso.

Dora rimase a bocca aperta, la testa che si muoveva a scatti.

"Tienilo inserito!" gemette, guardandomi e dritto negli occhi.

"Lascia che la mia figa anale si abitui per un minuto e poi sarà tutto tuo."

La mia mano era sepolta nelle sue parti interne strette e setose.
Non era stato necessario che poco riscaldamento. Rispetto alle altre mie esperienze di fisting era davvero insolito come fosse stato facile questa volta. E soprattutto, a differenza delle altre che erano riuscite a raggiungere il risultato, lei non mi stava implorando immediatamente di tirarlo fuori.

Se Dora era davvero la ragazza più talentuosa che avessi mai incontrato in vita mia.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 8 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.