Ricordi delle vacanze da ragazzo con mio cugino e i miei zii

Scritto da , il 2021-04-14, genere incesti

Questi sono altri ricordi che fanno seguito al racconto precedente sulle mie esperienze in collegio da ragazzo che hanno poi determinato cio' che sono stato e sono tutt'ora con il mio approccio al sesso e alla trasgressione.
Ricordo che le mie esperienze fino ai 18 anni erano pressoche' con altri ragazzi (e adulti del collegio) visto che sono stato in collegio fino a quell'eta' con il diploma.
Per me era diventato normale fare certe cose. Non era "strano".
Mi ricordo che in estate passavo un paio di settimane al mare nella casa dei miei zii e di mio cugino che aveva un paio di anni piu' di me.
Ovviamente c'era complicita' fra noi ragazzi anche in tema di sesso ed esperienze.
Lui mi chiedeva scherzando se era vero quello che si raccontava dei collegi e io gli confermavo che effettivamente certe esperienze si facevano. Erano normali in quei luoghi e a quell'eta'.
Lui era rapito dai miei racconti e anche se mi chiamava "il mio cugino frocetto" in realta' si eccitava e mi chiedeva di essere sempre piu' esplicito e di raccontargli le varie cose che facevo.
Il fatto e' che mentre io raccontavo queste cose noi eravamo in costume perche' a luglio vicino al mare a casa loro faceva ovviamente caldo e quindi potete immaginare gli slip (mi ricordo andavano di moda marchi come Speedo o Arena) che si riempivano di bozzi enormi dei nostri cazzi che si indurivano.
Io notavo anche le aree piu' scure e umide quando il liquido pre-cum iniziava a quanto pare a uscirgli dal glande.
Io saro' stato un frocetto ma a quanto pare certe cose lo eccitavano parecchio!
Non ci volle molto a vederlo passare all'azione quando raccontavo le mie esperienze in collegio e lui iniziava prima a toccarsi e poi a toccare me.
Mi tirava fuori il cazzo dal lato del costume e lo teneva in mano per poi tirarmi fuori anche le palle e iniziare a toccarmele e a masturbarmi. Era come rapito dal mio uccello e lo guardava e toccava con occhi quasi spiritati.
Quando si senti' pronto inizio' a prenderlo in bocca per rivivere anche lui le cose che gli raccontavo. Quando stavo per venire lo avvertivo e lui mi faceva venire guardando lo sperma che prima usciva a fiotti e poi lentamente sulla sua mano.
Poi si masturbava furiosamente e veniva in pochi secondi per poi assumere un'aria colpevole di chi aveva fatto qualcosa che in teoria non si doveva fare.
La cosa piu' assurda e' che poi non mi ha mai chiesto di succhiarlo o altro ma si masturbava e si metteva dietro di me per penetrarmi senza dirmi nulla e io sapevo che non dovevo dire o fare nulla ma rimanere passivo e lasciarlo fare fino a che non veniva dentro di me cosi' che poi si rimettesse il suo costume e uscisse dalla nostra stanza.
Era ovvio che godesse di quelle cose ma non lo poteva o voleva accettare.
Il problema era che i suoi costumi erano sempre pieni di residui di sperma o umidi o seccati e mia zia non poteva non accorgersene visto che li metteva nel cesto per farseli lavare.
Lei sperava fossero solo dei residui delle seghe che ogni ragazzo si fa in continuita' a quell'eta' adolescenziale ma in realta' sospettava qualcosa.
Un giorno ci ha beccati mentre suo figlio mi scopava a pecora rientrando in casa dalla spiaggia visto che noi non arrivavamo piu' (eravamo anche abbastanza stupidi...).
Rimase sulla porta della camera ad occhi aperti mentre io e lui la guardavamo col suo uccello ancora piantato dentro di me.
Mio cugino allora si sfila e rimane col cazzo ancora semi eretto ad aspettare la sceneggiata.
Che in realta' non arrivo'!
Lei sorrise e si diresse verso il divano dove eravamo nudi come vermi sedendosi fra di noi.
Mi accarezzo' sulla testa ricciuta che avevo allora e mi accarezzo' anche il sedere dicendomi che sembrava quello di una ragazzina. Poi fece i complimenti alle dimensioni del membro ormai a riposo del figlio dicendogli che aveva preso dal padre.
Ci disse che non dovevamo ne' preoccuparci ne' vergognarci.
Non era ne' la prima volta ne' sarebbe stata l'ultima fra ragazzi dello stesso sesso.
Aggiunse che se ci avesse imposto di smettere o ci avesse minacciato avrebbe causato a noi danni ancora maggiori per la nostra crescita.
Il fatto che fra la fine degli anni 60 e l'inizio dei 70 fosse una mezza Hippie aiutava decisamente molto... Mia madre mi avrebbe preso a sberloni!
Prosegui' dicendo che fare esperienze col sesso faceva parte della formazione di una persona per la sua cultura aperta di vedere le cose ma che era meglio tenere il tutto fra di noi per evitare che il marito lo venisse a sapere e desse fuori di matto.
Rimasi, lo ammetto, a bocca aperta quando alla fine del discorso mi chiese di alzarmi e mi tocco' le gambe e il sesso all'inizio per poi farmi girare e toccarmi il culetto infilandomi un dito dentro per poi chiedermi se era tanto che mi facevo penetrare.
Le risposi che erano ormai diversi anni che mi facevo scopare da altri ragazzi e qualche adulto del collegio.
Mi disse che capiva e mi chiese allora se mi dava piacere o se ero costretto a fare certe cose.
Quando capi' che per me era ormai normale fare certe cose sorrise e disse che in effetti avevo il fisico e le fattezze efebiche che potevano attirare i maschi anche etero.
A quel punto sorrisi io. In sostanza stava dicendo che suo figlio non era gay ma che era un ragazzo attirato da me che avevo fattezze abbastanza femminili. Vabbeh: per una madre, per quanto "moderna", era un pensiero comprensibile.
Guardo' il figlio sorridendo dicendo che, per come stavano le cose, per lei non c'era problema che continuasse a fare sesso con me: bastava non farsi scoprire da mio zio.
Si volto' di nuovo verso di me e mi tocco' di nuovo sotto le palle per poi ancora inserire due dita dentro di me per sentire quanto fossi aperto dietro. Il fatto e' che la cosa mi eccito' anche perche' non avevo molte esperienze con le ragazze e il mio cazzo prese consistenza.
Lei sorrise e prendendolo in mano scopri' il glande tirando giu' la pelle dello scroto e osservo' uscire una goccia di liquido pre-cum.
Mi guardo' negli occhi e mi disse che era troppo vecchia per me ma che suo figlio mi avrebbe fatto dato il giusto piacere.
Si alzo' e se ne ando' via senza aggiungere altro.
Io mi ero eccitato e chiesi a mio cugino di fare qualcosa per aiutarmi. Lui era talmente imbarazzato della situazione che senza fiatare me lo prese in bocca e mi fece venire in meno di un minuto.
Da quel giorno, dopo il frastornamento iniziale, iniziammo a vivere la cosa senza piu' farci problemi particolari.
Io in realta' godevo nel farmi scopare da mio cugino ma non riuscivo a dimenticare i tocchi della madre sul mio corpo.
E lo dissi apertamente a lui. Ancora' si imbarazzo' molto al comportamento della madre e capii che quello era il suo punto debole. Gli chiesi se l'aveva mai vista nuda e lui ammise che succedeva spesso perche' da ex Hippie libertaria pensava bene che girare per casa mezza nuda non fosse un problema ma una cosa naturale per togliere ogni tabu'.
Peccato che a un ragazzo di sedici anni magari puoi suscitare qualche "effetto secondario"...
Io allora feci di tutto per attirare l'attenzione della madre facendo rumore se scopavamo in camera se lei era in casa per farla entrare e farci vedere ancora per mio sommo godimento e grande imbarazzo di suo figlio perche' lei comunque rimaneva e guardava la scena e sempre veniva a parlarci ancora e comunque guardava e mi toccava chiedendomi se mi ero aperto ancora di piu' li dietro viste le dimensioni del cazzo del figlio delle quali era molto orgogliosa.
Io ovviamente le chiedevo di verificare lei stessa e lei non se lo faceva ripetere.
Mi toccava davanti e regolarmente mi toccava i glutei per poi infilare due dita dentro di me, guardare la mia reazione, e tornare a toccarmi il cazzo scappellandolo sperando di vedere una goccia di liquido sul glande.
La cosa veramente border line fu che mio cugino alla terza volta che assisteva a quella scena si eccito' e il cazzo gli divenne duro davanti a noi due.
Io sorrisi di gusto e sua madre per capire di cosa nel voltarsi si accorse dell'accaduto e dopo un momento di sbigottimento si riprese e si mosse da quella donna di mondo che era.
"Sei eccitato perche' mi hai visto toccare il tuo cuginetto? Che porcello che sei, Filippo. Pero' e' naturale. Non c'e' niente di male." E inizio' a toccare anche lui con l'altra mano. In realta' le mani ci stavano masturbando all'unisono e non ci volle molto perche' venissimo quasi insieme sporcandole le braccia e la camicetta bianca.
Si rialzo' dal divano dove era seduta con noi in piedi davanti a lei togliendosi la camicia dicendo che doveva andare a lavarsi per colpa nostra.
Io non capivo piu' nulla e dissi a mio cugino che la volevo vedere nuda sotto la doccia e che non me ne fregava niente se lui non era d'accordo.
Mi disse che in realta' non gli importava nulla e io andai allora verso il bagno dove sentivo scrosciare l'acqua della doccia.
La cosa assurda era che la porta era semplicemente socchiusa e io aprendola leggermente potei vedere sua madre sotto la doccia insaponarsi per togliersi ogni traccia di cio' che aveva fatto poco prima.
Io ero li estasiato a guardarla e a masturbarmi quando arrivo' anche mio cugino che era, sinceramente, ancora piu' porcello di quanto potessi esserlo io considerato che stava li anche lui a passare lo sguardo dal mio cazzo in erezione al culo di sua madre.
Che nel frattempo si stava sciacquando e senza piu' bagno schiuma in faccia ci vide dalla doccia.
Chiuse l'acqua e si diresse nuda e bagnata, con le goccioline d'acqua che scendevano dai peli pubici folti e scuri della sua fica, verso di noi.
"Cosa devo fare con voi due? Siete diventati incontenibili. Alla vostra eta' avete gli ormoni sempre in circolo".
Io continuavo a toccarmi e lei allora mi fece una proposta: "ascolta... se racconti anche a me cosa hai fatto in collegio con i supervisori delle camerate ti aiuto a stare meglio. "
Io non me lo feci ripetere e iniziai a raccontarle di come mi dicevano di andare nella stanza del padre superiore per avere la giusta ramanzina e punizione per le cose che sapevano facevamo fra di noi ragazzi e poi regolarmente iniziavano a toccarmi e poi a farsi toccare fino a scoparmi apertamente per godere venendo dentro di me.
Lei ascoltava con gli occhi spiritati e si eccitava. Altro che Donna moderna e di mondo! In realta' era molto trasgressiva e perversa e si eccitava con cose border line.
Mi masturbava e quando le raccontavo del fatto che coi loro cazzi da adulti mi scopavano il culetto non perdeva occasione, per l'ennesima volta, di infilarmi due dita dietro con la scusa di sentire quanto fossi aperto.
Io le chiesi se potessi toccarla e lei mi disse di si a condizione che andassi avanti coi miei racconti.
Quando iniziai col racconto delle volte che il supervisore e il prelato mi prendevano insieme con un cazzo in bocca e l'altro nel mio culetto lei era come in trance e io ne approfittai per infilarle due dita nella fica. Era fradicia! E sapevo perfettamente che non era solo il racconto. Ma era la situazione. Suo nipote che la desiderava e suo figlio a guardare il tutto a bocca aperta.
Io iniziai a masturbarla oscenamente e lei faceva lo stesso con me mentre io continuavo a raccontare.
Mio cugino allora inizio' a farsi una sega anche lui e lei si eccito' ancora di piu'.
Si chino' verso di me e me lo prese in bocca al che io non resistetti piu' di qualche secondo e venni senza controllarmi con degli spasmi che mai avevo provato prima. Mio cugino venne anche lui sporcando il pavimento del bagno.
Tutto stava diventando assurdo e oltre quello che puo' essere definito come il comune senso del pudore.
Divenne ancora piu' complesso quando un giorno che Filippo era in spiaggia con gli amici e io in casa con gli zii, vennero in camera a dirmi che lei aveva dovuto raccontare al marito di me e di Filippo per evitare che lo scoprisse da solo e facesse scenate. Io non capivo. Non aveva alcun senso tutto cio'.
Dopo poco pero' capii quando mia zia mi invito' a spogliarmi perche' voleva dimostrare al marito il motivo per cui Filippo era attratto da me.
Voleva fargli capire che il mio corpo efebico e il mio culetto potevano essere quello di una ragazza acerba.
Lei mi faceva girare su me stesso e intanto mi toccava inavvertitamente sapendo che mi avrebbe eccitato come in effetti successe.
A quel punto mio zio disse che iniziava a capire e comincio' a toccarmi anche lui.
Mi tocco' il cazzo guardandomi il glande rosso e mi tocco' i glutei completamente lisci e glabri per far scivolare un dito dentro di me.
La moglie subito gli confido' che io stesso le avevo confessato che ero stato ripetutamente sodomizzato da cazzi adulti e che quindi ero abituato a prendere membri di dimensioni generosi.
Lui allora si tolse pantaloni e boxer e disse che voleva vedere fino a che punto ero aperto.
Adesso capivo tutto! Mia zia mi aveva fatto parlare non solo per il suo piacere ma per capire se poteva coinvolgere quello che ormai avevo capito essere il porco di suo marito.
Aveva un cazzo di tutto rispetto con una cappella piu' larga della base.
Si sedette sul divano e mi disse di salire sulle sue gambe. Punto' la punta del suo uccello verso il mio orifizio anale e piano piano entro' dentro di me.
Mi fece adattare alle sue dimensioni e poi inizio' a farmi andare su e giu'.
Mia zia assisteva alla scena rapita dimostrando apertamente la sua perversione.
Godeva nel vedere il marito scopare il nipote.
Io non dicevo nulla e mi godevo la scena di lei che si masturbava davanti a noi.
Mio zio allora le ordino' con fare perentorio, da quel padre-padrone che era, di inginocchiarsi e di mettere la sua bocca a mia disposizione mentre il mio cazzo ballonzolava sbatacchiato dai suoi colpi.
Lei ubbidi' e inizio' a farsi scopare la bocca dal mio cazzo mosso dalle stoccate dello zio dentro di me.
Quando io venni gemendo nella bocca di mia zia lui si eccito' e riverso' i suoi fiotti dentro le mie viscere.
Queste situazioni si ripeterono più' volte quando mandavano mio cugino fuori casa con varie scuse.
Non ci si puo' meravigliare se oggi a distanza di decenni io sono cosi' e ho fatto e faccio determinate cose col sesso nelle sue forme piu' trasgressive.
Anche coinvolgendo mia moglie.



Questo racconto di è stato letto 3 9 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.