La mia storia con Giulia; I segreti di Giulia (Capitolo sette)

Scritto da , il 2021-04-01, genere trio

La mia storia con Giulia -l segreti di Giulia (capitolo sette)

Quel messaggio aveva messo in moto dubbi e paure nuovi, ma ero abituato a ben altro perciò tra un pisolino agitato e momenti di veglia la luce del sole iniziò ad entrare dalle fessure e poi ancora, il vociare sommesso degli abitanti del villaggio fino al chiasso della spiaggia che denunciava un’ora tarda per chi come noi solitamente si alzava all’alba. Mara continuava a dormire placidamente ogni volta che io riaprivo gli occhi dai pisolini che avevano caratterizzato quella notte, perciò lasciavo che anche i miei occhi potessero tornare a chiudersi. Erano circa le dieci quando si girò sul fianco e con un braccio mi cercò, ancora con gli occhi chiusi. Le andai incontro con il mio abbraccio. Come si è svegliata tardi la mia mammina: oramai la chiamavo così.
Lei sorrise, ci stringemmo per qualche minuto, poi abbassò una mano e preso saldamente alla base il cazzo, lo scrollò e rivolgendogli la parola come fosse un essere senziente gli disse: mio caro, adesso dovremo trovarti degli spazi ben dedicati, la tua patatina non sarà più ben disposta e sempre pronta come prima perché ha paura che tu possa cacciare nei guai il suo prezioso ospite. Io obiettai che forse non c’erano rischi, mi rispose che lei non voleva saperne e che lo avremmo fatto solo dopo aver sentito la sua ostetrica, per il momento preferiva così. Tentò di farmi un pompino, ma proprio non ci sapeva fare. Il cazzo stava ritto solo perché obbediente a stare sull’attenti ogni volta che veniva anche solo guardato, ma avrei raggiunto l’orgasmo per sfinimento con Mara, lei lo sapeva, perciò dopo un po’ iniziai a darmi qualche colpo di sega ed eiaculai su una salvietta.
Con lei preliminari di ogni tipo non avevano mai avuto un gran successo così il sesso orale. Mia moglie mi piaceva e ne ero innamorato, ma con lei il sesso era solo quello con i genitali. Era sempre stato così e mi sono immaginato da sempre come sarebbe stato quando fosse rimasta in cinta. Adesso eravamo giunti al dunque, e c’era pure in ballo sta rogna con il padre di Giulia. Preparai la colazione e gliela portai a letto, poi feci toletta rapidamente per uscire in spiaggia a giocare. Ovviamente prima portai sotto il nostro gazebo i cuscini ed il cestino con le riviste e il necessario per l’uncinetto in modo che Mara avesse tutto ciò che le serviva. Ai campetti del volley c’era già parecchio fermento e quando mi videro ci fu un bel movimento di braccia per attirare la mia attenzione e adesione.
Bastava questo a distrarmi dai cattivi pensieri. Tutti i piani studiati nei momenti di veglia della trascorsa notte, erano appuntati come dei post it nella bacheca della mia mente. Li avevo elaborati uno ad uno trovandoli pronti per essere applicati a seconda di come gli eventi si fossero presentati. Adesso dovevo distrarmi ed un paio d’ore immerso in quella compagnia con l’argento vivo addosso, mi avrebbe ritemprato preparandomi a qualsiasi battaglia. In campo c’era ovviamente anche Giulia e, (cosa mai accaduta prima), tra le riserve, pronto ad entrare in campo, il cugino Matteo. Avrei dovuto abituarmi, ora avevo iniziato a scoprire la pentola e di cose strane ne conoscevo abbastanza da non temere ritorsioni da parte del genitore di Giulia. Ciò che mi teneva sul filo era comunque la naturalezza con cui aveva continuato la sua perversione nel tempo, ed ancora non demordeva.
Iniziammo a giocare e per due ore fu entusiasmo e fatica, sudore e sabbia appiccicata addosso, grida di incitazione ed imprecazioni per la delusione di azioni perdenti. Tutto nella norma, ma quel mattino sembrava tutto più colorato, intenso, carico di un significato pregnante come se fosse vissuto per la prima volta così ed il dopo, non lasciasse spazio a nient’altro di costruttivo. Quando l’arbitro decretò la fine della partita, tutti in mare a nuotare per togliersi la sabbia ed il sudore di dosso. Tornando dal bagno, a piccoli gruppi, commentando qualche azione significativa della partita appena conclusa, ebbi la prima occasione di scambiare due parole con Giulia. Appena due parole, il solo rievocare il messaggio scritto la notte passata, le aveva fatto riempire gli occhi di lacrime.
Ci vedremo appena possibile disse infine. È stata una tragedia ieri sera, fino a quando ti scrissi il messaggio la cosa non finiva mai. Non so se riusciremo ad incontrarci oggi, ho paura, ti scriverò appena capirò come potremo muoverci. Feci una rapida doccia all’aperto per liberarmi dell’acqua salata e andai a prendere qualcosa di pronto al self service del villaggio. Avevamo deciso di prendere cibo da asporto o di uscire al ristorante per evitare affaticamenti e garantire una vacanza degna di questo nome per entrambi. Adesso più che mai vista la condizione nuova che ci stavamo apprestando a vivere. Mara sembrava la serenità fatta persona, ogni sua azione si svolgeva con una pacatezza che induceva serenità e se non fosse per i conati di vomito che di tanto intanto rompevano quell’equilibrio magico, avevo la sensazione di vivere con una donna completamente diversa,
Quindi sesso basta, azzardai mentre impiattavo il rotolo di vitello arrosto con le patatine fritte ancora croccanti. Lei si stava sedendo dopo aver aggiunto le ultime cose sulla tavola apparecchiata. Presi posto osservando il sorriso divertito sul bellissimo volto di Mara. Beh, esordì con calma portando alla bocca una patatina che masticò con calma; adesso non mi sento tranquilla se non ho il parere del medico, mi sembra si possa fare del male al nostro bambino. Io so che non è possibile, ma non faccio obiezioni la assecondo. E continua pacatamente, so che per te sarà impossibile restare senza sesso, troveremo il modo per far trascorrere questo tempo nel miglior modo possibile. La rassicuro che vedremo il da farsi e decideremo assieme. Sembra serena, anche se dovrebbe sapere che per me è inconcepibile. Probabilmente la sua condizione la rende incapace di vedere oltre la realtà del suo nuovo mondo.
Confesso che mi sento un po’ in colpa per la smania che mi ha preso con Giulia, sono coinvolto e questo appesantisce la coscienza rispetto al sesso fatto solo per appagare l’uccello. Dopo pranzo ci rifugiamo nel nostro letto, e si addormenta ancora come una bambina. Resto li a guardarla per un po’ poi mi alzo, prendo un libro e mi siedo sul divanetto della cucina. Il divanetto della mia prima con Giulia. Mi si rizza il cazzo solo a pensarci ed è inutile che tenti di leggere, si fa sempre più ingombrante pretendendo attenzioni. Mi sento per la prima volta intrappolato a casa con mia moglie. Non mi va di uscire senza che lei lo sappia. Avrei potuto dirglielo e tentare una sortita alle foci del fiume, magari trovavo qualche coppia in cerca di aiuto. Tropo tardi, mi abbandono al ricordo della notte con Giulia ed inizio a segarmi piano. Prendo il flacone della crema dall’angoliera e gioco a una e poi a due mani pensando a lei.
Mi massaggio la cappella fino a farla diventare paonazza, indosso un cock ring in silicone che strizza il cazzo e aumenta terribilmente la durezza dell’erezione. Me lo guardo come fosse la prima volta. Percorso da grossi vasi che gli conferiscono un aspetto bitorzoluto per tutta la sua lunghezza. La pelle scura per l’usura. Pulsava e mi divertivo a toccarlo con massaggi che ne aumentassero l’eccitazione in maniera esasperata. Mi sembrava di essere tornato ragazzo, quando, nonostante le moltissime quotidiane esperienze, appena possibile mi appartavo per masturbarmi. Dopo averlo messo disposizione degli altri/e, segarmi era il modo per riappropriarmi del mio corpo.
Mi viene un’idea, vado nel bagno e prendo lo spazzolino da denti elettrico. Inserisco una testina morbida, la inumidisco con la crema ed inizio a lavorarmi la cappella già tesissima per la stretta dell’anello alla base del cazzo. È una piacevolissima tortura e devo fermarmi di tanto in tanto per evitare di sborrare troppo presto. È un gioco che mi riporta a tempi lontani, ma anche adesso lo trovo terribilmente eccitante. Indugio con lo spazzolino e completo il gioco con dei leggerissimi colpi di sega. È strano come non ci si soffermi mai a guardarsi il cazzo quando si fa sesso in compagnia. Sento la sborrata salire e non ho motivo di continuare oltre. Se Mara si sveglia e mi vede così, magari si sente in colpa visto che mi ha già detto come stanno le cose dal suo punto di vista. Perciò prendo il rotolo di carta mi riposiziono e stimolo il gioiello a muoversi come sa per eruttare tutta la sborra che può. Esplodo con una gittata epocale. Non vedevo tutta quella roba uscire dal mio cazzo, non so da quanto tempo. Mi pulisco e aspetto che mia moglie si svegli.
Da Giulia nessun segnale, non la reputo buona cosa ma non posso farci nulla. Continuo a ripassare nella mia mente i piani d’azione elaborati durante la notte. La sborrata autogestita ha contribuito a rilassarmi e a mente fredda mi sembra proprio di non aver nulla da temere per me, resto però preoccupato per lei. Come se ne avesse percepito il pensiero, ecco arrivare il messaggio della piccola. Ci troviamo stasera da Lucia dopo cena. Bene, significava come sempre che sarebbero passate da me le tre donne, avrebbero chiacchierato fino allo sfinimento delle loro cose, cioè niente di più serio che i colori degli ombrelloni e le coperture dei gazebo in spiaggia, spingendosi fino a scarpe e borse; e adesso, ai completi per neonati.
A sera infatti la ripetizione del solito cliché non smentì le aspettative. Come sempre Gianna si ritirò prima di tutti dopo aver assunto il solito sonnifero mentre Giulia e Lucia si intrattennero fino a che mia moglie andò a dormire e solito epilogo a casa di Lucia. Con la solita naturalezza però si capiva che il clima non era quello delle altre volte. Lucia andò nella sua stanza dicendoci di chiamarla quando avessimo terminato. Capii che Giulia aveva chiesto lo spazio per poter parlarci con tranquillità. Seduti vicini sul solito divanetto, azzardai un bacio per la gioia di essere lì, insieme e soli. Fu una bella mossa per rompere il ghiaccio. Iniziò a voce bassa, quasi impercettibile a raccontare, ma non da una storia recente. Mi parlò di carezze ricevute nel lettone, dal babbo e dal cugino prima a; a queste, in seguito, si aggiunse anche il fratello Alberto. Nessuno sapeva cosa stessero in realtà facendo. Era il gioco del dottore o il gioco dei mamma e papà.
Sentiva con il passare del tempo che c’era qualcosa che non andava ma nessuno dei tre aveva il coraggio di dire nulla. Bisognava tacere per non subire punizioni temibili quali il dover rimanere chiusi in casa o non avere la mancetta per le piccole cose prima e poi niente sostegni per frequentare amici, abbonamento a palestra, cinema, autobus, telefono, materiale scolastico, abiti ecc. tutto passava attraverso la disponibilità ai giochi. Non c’era alcuna violenza fisica per cui ognuno dei tre proponeva cosa poteva fare e come condividere o esibire agli altri la propria prestazione. In questo la ricerca della novità era apprezzata. Sembrava oramai una cosa naturale, ci eravamo abituati a questa routine. Continua: eravamo molto legati tra noi e anche se lui era sempre presente ai nostri giochi partecipando con apprezzamenti verbali, carezze e qualche foto che non ci ha mai fatto vedere; sviluppammo l’idea che ci fosse qualcosa che non andava in quei giochi che facevamo ogni volta si trovava solo con noi.
Mia madre era spesso fuori e, (continua la ragazza), una mattina eravamo a casa io e lei da sole, (avrò avuto quindici anni), tentai di parlarle dei comportamenti di mio padre. Mi bloccò subito dicendomi di stare attenta perché mio padre è un porco e meglio per me sarebbe stato stargli alla larga. L’argomento per lei era chiuso. E continua: noi tre oramai eravamo abituati a quella routine e addirittura ci accordavamo prima di ogni incontro su quali giochi avremmo inscenato alla prossima occasione. Qualche volta ci scambiavamo delle coccole con mio fratello o con mio cugino, per la gioia di sentirci amati ed apprezzati e non per esibirsi davanti ad una persona che ci faceva sentire sempre più a disagio con il trascorrere del tempo.
Nei miei confronti, (continua Giulia), già dai tredici anni mi ha spiegato esponendo i particolari con modalità da terrorismo psicologico, come avrei dovuto preservare la mia verginità senza permettere a nessun maschio di toccarmi per evitare gravidanze indesiderate e nel contempo, essere presa in giro dagli uomini che nascono solo per scopare le ragazze per poi abbandonarle. Era invece sempre ben disposto nei confronti di Matteo e di Alberto. Li chiamava la luce dei suoi occhi. Aveva regalato vari giocattoli che potevamo condividere: piccoli dildo di varie forme, anelli da mettere alla base del pene per i ragazzi e naturalmente lubrificanti profumati. Ci avevamo fatto l’abitudine, ma dall’adolescenza in poi, vivevamo sempre con maggior apprensione quei momenti.
Lui sembrava averlo capito e diradava sempre più i momenti dei giochi comuni, sceglieva il momento per isolarsi con Matteo o con Alberto mentre con me si limitava a spiarmi o a tenermi in braccio per qualche minuto accarezzandomi il culetto mentre prendeva il caffè o guardava la televisione. Mi diceva: sai che sei sempre la mia bambolina. Adesso alzando lo sguardo Giulia sembra indagare il mio pensiero. Le sorrido e la esorto a continuare serenamente; sono qui per ascoltare ogni tuo respiro le dico. Non oso toccarla, non ora! Dopo qualche secondo di pausa continua: ora Matteo vive da solo e ci vediamo saltuariamente mentre Alberto ha appena compiuto diciotto anni e sta pensando di cercarsi un lavoro per uscire di casa. Magari potrebbe condividere l’appartamentino con il cugino, sarebbe un buon trampolino di lancio per iniziare a vivere.
Tutti noi abbiamo vissuto la stessa storia (conclude Giulia), affrontata con un bagaglio diverso ma pagata con la stessa moneta, il nostro corpo come merce di scambio. Io mi sento la più forte, quella che non ha mai subito che qualche viscida carezza magari mentre mi iniziava all’utilizzo del dildo sul culetto, leccato, lubrificato, sacrificato per mantenermi vergine. Ma quale verginità poi? Diversa cosa per i ragazzi, loro oltre alle manovre col dildo hanno dovuto condividere la sua carne a conclusione di giochi solitari, dietro le solite rassicurazioni/minacce. Io ho raccolto le loro frustrazioni condividendo il pianto di ogni azione vigliacca che hanno dovuto subire presi dalla disperazione come se nulla avesse mai potuto cambiare. Si accascia appoggiando la testa sulla mia spalla. Sento le lacrime scendere a bagnarmi il collo. La abbraccio dolcemente sussurrandole parole rassicuranti.
Dopo pochi minuti fissando lo sguardo sul mio chiede. Come giudichi quello che ti ho descritto? Rispondo che capisco ora la presenza di Matteo nel nostro rapporto e se la cosa la aiuta a sentirsi a posto, per me va bene. Non sono abituato a giudicare a priori, preferisco valutare le cose nel loro insieme e adesso, se posso azzardare una preoccupazione, è quella di sapere che suo padre è il dirigente responsabile della squadra dove lavora mia moglie. Lo so risponde Giulia, me l’ha detto quando mi ha sbattuto in faccia la notizia che sapeva con chi avevo perso la mia verginità. Non approvava lo avessi fatto con un uomo sposato. Secondo lui mi scoperai come una puttanella per il periodo estivo lasciandomi poi nel fondo di un cassetto come un abito usato che non piace più.
L’ultima frase mi aveva ferito, soprattutto nel modo in cui l’aveva detta. Ripresi quindi da lì, non potevo certo offrirti un futuro, lo avevo detto sin dall’inizio, ma per tutto quello che posso ci sarò, e non per come voglio io, ma proprio come andrà meglio a te. Risponde prontamente, questo è quello che pensa lui, io sto bene con te e mi sento realizzata finora, per tutto. E mi bacia con dolcezza abbracciandomi. Ho capito tante cose, forse troppe anche per la mia apertura mentale. La sua non era spregiudicatezza, era stata allevata a pensare normale qualcosa che andava bene forse per le triangolazioni dei film porno, non certo per l’educazione sessuale di una bambina ne tantomeno per una (oggi più consona) educazione all’amore.
Tant’è, questo era quello che mi trovavo tra le mani! Non sono certo uno stinco di santo, anzi, nel mio passato di abusato, sdoganato e messo in soffitta, ne ho fatte di esperienze e non mi faccio certamente degli scrupoli. La mia priorità è la famiglia, sicuramente mio figlio o figlia, l’aiuterò a crescere educandolo/a all’amore, poi farà le sue scelte avendo tutte le carte per poterlo fare. Giulia conosce la guerriglia e vorrebbe fare pace con se stessa e con il suo mondo almeno, cercherò di fare tutto quello che posso per stare dalla sua parte. Di sicuro Lucia sapeva tutte queste cose e non ha reputato farmene partecipe. Adesso sono in ballo e ballerò, il fatto che il padre della ragazza si sia preso il disturbo di mettere la figlia al corrente di essere il responsabile del settore dove lavora mia moglie, significa che ha intenzione di sfruttare in qualche modo la cosa, quindi mi aspetto qualche rivendicazione al proposito.
Una delle riflessioni ricorrenti in merito al quadro illustratomi da Giulia riguardava la posizione del padre, non ha mai guardato la piccola come donna, rivolgendo le sue attenzioni ai due maschietti, il figlioletto ed il nipote. Quindi sicuramente l’orientamento del soggetto scivolava maggiormente verso i partner maschili e magari molto giovani. Dovevo attendere le sue mosse, ma secondo me era meno temibile di quello che potevo immaginare. Con quello che sapevo di lui, doveva temere uno scandalo lui molto più di me; questa considerazione mi fece rilassare notevolmente. Non dissi nulla a Giulia, lei continuava a vivere il dramma del suo mondo, con i disegni che adesso iniziavo ad intravedere anche se solo a livello di bozzetto. Forse anche lei affrontava le cose secondo il verificarsi degli eventi.
Non mi sembra che la serata possa concederci altro li, su quel divanetto. Lucia si affaccia alla porta e chiede se può entrare; vi siete spiegati? Continua, io annuisco e così Giulia. È ancora presto, ma mi sembra non ci sia spazio per altro perciò mi alzo, la ragazza mi segue e usciamo sul terrazzino. Lucia ci saluta e va a dormire. Facciamo due passi chiedo e lei si limita ad annuire. Camminiamo distanziati fino alla spiaggia, superiamo le file di sdrai del villaggio e ci addentriamo al buio nel solito angolo privo di illuminazione e passatoie. Lo troviamo vuoto e come se avessimo predisposto tutto, le mani si cercano e le lingue inscenano una danza desiderata allo spasimo. Ci baciamo fino a toglierci il respiro, come se non lo avessimo fatto da chissà quanto.
Prima di sederci sulla sdraia che troviamo vicino a noi, non abbiamo nemmeno uno straccio addosso e lei è così bagnata come se avessimo utilizzato un flacone di lubrificante. Mi corico spinto con determinazione da quelle braccine che sanno bene come muoversi e mi monta allargando le gambe sui bordi della sdraia iniziando un estenuante su e giù. Si sceglie il ritmo e la quantità di cazzo da prendere. Vuole che stia fermo. Fatico a farlo ma sto al gioco. Sono bagnato e sento i liquidi scorrere tra i glutei. Lei mugola, farfuglia parole spezzettate, la sento dire più volte: “vengo” e “sborro”. Mi artiglia i pettorali e si aggrappa ai bicipiti. Quando mi sembra stia raggiungendo l’orgasmo dopo una cavalcata selvaggia, mi serra le mani alla gola e mi porta una mano alla sua. Stringo un poco e la cosa la esalta.
Poi passa alla sdraia vicina, si corica e mi dice: adesso montami tu, fammi vedere quanto ti piaccio e quanto mi desideri. Inizio con dolcezza, ma mi rendo conto che c’è della rabbia da metabolizzare, si muove a scatti, mi incita ad aumentare il ritmo e non me lo faccio ripetere due volte. Ha le gambe appena divaricate quindi anche se colpendo duro all’affondo, resta fuori sempre un bel po’ di cazzo e non ho paura a farle male. Procedo con colpi ben assestati ma non ne servono molti, viene colta da una serie di orgasmi che sembrano svuotarla di ogni forza. Mi fermo, ci baciamo con passione e riprende subito la posizione di battaglia incitandomi: forza amore, fammi godere di te, sei il mio uomo dammi tutto. Così dicendo lentamente apre le gambe gradualmente, frenandomi con una mano sul pube mi limita gli affondi; mantengo il ritmo. L’orgasmo feroce, scuotente che la lascia senza fiato, non tarda ad arrivare. Altra piccola pausa, baci, carezze.
Si siede sulla sdraia e mi chiede di stare in piedi. Messa così ha il viso all’altezza del cazzo. Se lo strofina sul viso, sugli occhi strusciandolo come fosse un massaggio di bellezza. Tenendolo a due mani inizia il suo gioco del guardo soppeso ma anche succhio e mordo. Le faccio cenno che potremmo fare sessantanove ma il cenno di diniego è immediato e ribadisce: hai detto che farai come andrà meglio a me? Rispondo: per te tutto mia dolce creatura. Continua il gioco con lecco succhio disegno la cappella ed i suoi contorni con le mani e poi ancora leccate e succhiotti con qualche cenno di sega. Mi fa stendere ancora e mi monta piano poi, sdraiandosi sul mio petto mi bacia. Continuiamo così e gli orgasmi sono più pacati, meno drammatici anche se continui.
Penso sia stanca, non l’ho mai sentita così molle, rilassata, ma evidentemente avevo ancora tutto da imparare con lei. Si avvicina all’orecchio per chiedermi quanto stanco sono; (figuriamoci), le rispondo semplicemente: dimmi cosa vuoi fare e lo faremo. Sembra sorridere mi accarezza poi si siede sul cazzo fino ai testicoli e sento la cappella schiacciata sul fornice teso. Struscia avanti e indietro, i nostri bacini si amano e lei sa che così non potrei resistere molto. È quello che vuole, lo capisco adesso che sta aumentando leggermente il ritmo, senza farlo uscire di un centimetro. Mi prende una mano e la appoggia sulla parete addominale, dove si sente la punta del cazzo formare un bozzolo quando le sbatte contro! Avanti e indietro e avanti e indietro, spasima e arcua la schiena che pare spezzarsi quando l’ennesimo orgasmo si impossessa di quel corpo.
Non molla, so che in quella posizione così costretto il cazzo perde un po’ della sua consistenza marmorea, dovrebbe mollarlo un po’ dandogli respiro, ma non sembra ancora intenzionata a farlo, anzi. Insiste ancora mantenendo il ritmo ma aumentando l’escursione regalandosi un altro paio di orgasmi finché, avanzando verso il mio ombelico, con un rumore di scroscio, si è fatta uscire il cazzo cadendo quasi di peso con il suo corpo sul mio, poggiando la testa sulla spalla. Mentre si riprendeva dal fiatone, mi baciava dolcemente il collo gli orecchi e mi accarezzava un po’ ovunque dove arrivava. Che creatura pensavo, e con la mano andai a constatare la mia erezione, chiuso in quel caldo nido bagnato, lo sentivo come anestetizzato. Al tatto era ancora bello duro invece, e adesso stava anche riacquistando sensibilità e rinnovata consistenza.
Giulia si riprende (almeno io credevo stesse capitolando) e mi sussurra all’orecchio prima di alzarsi: adesso voglio che mi riempi con una bella colata del tuo buon sperma caldo, però poi …… Senza lasciare spazio di replica, tornò a succhiarlo per poco però, vi si accomodò come prima senza stringerlo dentro tutto. Scivolava avanti e indietro con qualche affondo per aumentare l’eccitazione diminuendo il ritmo solo quando lo sentì ingrossarsi per farsi riempire dalla mia sborrata oramai non più prorogabile. Portò la mano sotto i testicoli e da lì spremendo le balle addosso al perineo, svuotava completamente l’uretra nella sua calda patata. Senza proferire parola con una mossa fulminea, tamponandosi con una mano, mi mise la figa in bocca e prima che potessi iniziare a bere tutto quel bel di dio, lei si sposta a pulirmi il cazzo leccandolo.
Mi sento al settimo cielo e lecco e bevo tutto seguendo la sua azione di lecca mento. Una pulizia del membro compreso il perineo. Avverto anche qualche leccata al buchetto che mi fa istintivamente chiudere le gambe. La sento ridere per quella mossa e sale a baciarmi mettendosi sopra di me come fossi il baccello sul quale nascondersi. Ci baciamo per qualche minuto poi dandomi uno schiaffo sul cazzo ancora in tiro dice: visto che non è ancora mezzanotte, ti va se adesso chiamo Matteo? Resto in silenzio per un secondo e lei subito incalza: amore non hai detto che farai di tutto per farmi felice e sembra la ragazzina che fa il broncio. Mi riprendo subito rassicurandola chiarendo però che il mio buchetto non conosce quella forma di piacere per una scelta ben ponderata. Lei si trattiene la risata ma si vede chiaramente che ha capito. Prende il telefono e la sento invitare il cugino così: ciao Ma’, se sei libero vieni a fare i giochi con il mio uomo in spiaggia? L’altro risponde semplicemente di si. Allora siamo due stabilimenti dopo la spiaggia del villaggio, l’ultima fila vicino alle docce.
Mette via il telefono, aggiornandomi: tempo cinque minuti e arriva. Intanto facciamoci scorrere un po’ d’acqua addosso. E con un salto è già sotto la doccia dove la raggiungo. Sento l’acqua fresca scorrere su tutto il corpo, i capelli cortissimi non hanno problemi perciò entro ritto come un birillo nel getto mentre Giulia fa attenzione ai capelli che tiene con una mano. Ne approfitto per lavarla frizionando a piene mani quel corpo da ninfetta che profuma ancora di verde acerbo, o forse sono io che la vedo così. Usciamo dalla doccia e cerchiamo di togliere le gocce rimaste. Lei saggiamente richiama il cugino chiedendogli di portare delle salviette di carta passando dai bagni del villaggio. Matteo arriva con il necessario pochi minuti dopo, ci asciughiamo e nel terzetto, cerco di mettere tutta la naturalezza di cui sono capace. Loro sono assolutamente affiatati, si scambiano tre parole che non riesco a cogliere, ma di sicuro si sono accordati sul cosa e come fare.
Ancora in piedi Giulia inizia a baciarmi e mi accompagna alla sdraia dove mi invita a coricarmi supino, riprende a baciarmi e sento che Matteo mi divarica le gambe esercitando una piccola trazione per spostarmi verso la fine della sdraia. Mi posiziono e sento già le sue mani forti accarezzarmi dall’ombelico in giù, riempendosi la bocca con il membro già barzotto, che, in pochi secondi, sotto le sapienti carezze e succhiate viene pronto all’uso. A questo punto penso sia giusto incoraggiarlo. Appena sento la sua mano salire per accarezzare l’ombelico, gliel’accarezzo invitandolo a salire anche più in su, poi torno ad accarezzare la ragazza che sembra più preoccupata a distrarmi che a baciarmi con il trasporto che ben conosco.
Sto giocando al triangolo, tanto vale che lo faccia bene. Lei lo capisce quando Matteo sale a succhiarmi i capezzoli, smette di baciarmi e accostando il suo viso al mio, accarezza il cugino sulla testa. Lui alza gli occhi, ci sorride e torna giù continuando a baciare ed accarezzare ogni cm del mio corpo. Poi inizia quello che oramai definisco un pompino da maschio, misto di forza bruta e dolcezza infinita, strizzando e segando l’asta a due mani alternando ingoi sempre più profondi che talvolta, nel tentativo di prenderlo tutto in bocca, gli procurano sonori sforzi di vomito. Giulia tiene sempre il viso vicino al mio, mi accarezza, ci mordicchiamo le labbra e ci succhiamo la lingua. Mi sussurra: ti piace amore sai quanto ti desidera, lo senti con che passione si dedica a te? La rassicuro e lei ripete: ti piace? Non ho avuto il tempo di pensarci e la rassicuro che con lei mi piace tutto.
Intanto Matteo continua il suo gioco sega e succhia la cappella e quello che riesce a tenere in bocca, poi lecca l’asta in tutta la sua lunghezza. Succhia anche una alla volta le grosse balle tirando leggermente lo scroto. È una manovra che non apprezzo molto e appena posso glielo dico. Si scusa e continua fino a che sento il profilattico ammantare il membro ed una svitata a tutto cazzo per lubrificarlo. Giulia mi offre la fighetta da leccare e sento che con le mani lo aiuta nella penetrazione tenendo il cazzo in posizione. Lui inizia l’introduzione lentamente e presumo mi stia dando le spalle in quanto mi accarezza le gambe. Entra abbastanza velocemente e lo sento come l’altra volta, caldo e stretto.
Deve aver utilizzato una buona dose di lubrificante perché lo scrich scrach del su e giù risulta abbastanza vivace. Continua così e sento che Giulia lo incita, si è spostata dalla mia bocca, la sua attenzione concentrata su ciò che sta facendo il cugino, in piedi a cavallo della sdraia lo spinge sulle spalle imprimendogli il ritmo. Lo sta prendendo tutto e anche se quando scende fino al contatto con il pube soffoca un lamento di dolore, ripete la battuta ancora ed ancora. Azzarda sottovoce, quasi avesse paura di essere sentito: senti come mi hai aperto? Voglio essere tuo! E giù di brutto con la ragazza che lo incita a immolarsi su quel palo. Poi rivendica il suo turno! Non credo ai miei orecchi, vorrei poterli vedere chiaramente, ma il buio mi permette solo di intravedere i loro volti e di ascoltare con il sottofondo della risacca lontana, le voci dei miei amanti così affiatati.
Matteo si toglie e prontamente si gira a sfilare il profilattico. Pulisce l’eccesso di lubrificante con una salvietta e umidifica per bene il membro leccandolo. Pronto per la cugina che nella stessa posizione prende il suo posto chiedendomi di descrivere la differente sensazione.
Inizio con entusiasmo: vorrei dire che la cosa più eccitante è sapere e vedere che è lei, la mia splendida ninfa impalata sul mio cazzo, e non un maschietto, per quanto da lei vissuto come un prolungamento della sua esperienza sessuale. Ma questo devo tenerlo per me, sono in gioco e devo giocare. La prima sensazione riguarda il calore della carne senza il diaframma del profilattico. Sento la tua carne morbida, la tua è più una calda stretta e le morbide pliche interne avvolgono il membro in un abbraccio intenso, umido e totale. Come tante lingue che lo leccassero continuamente in ogni porzione dai testicoli al glande senza sosta. Quando ti fermi sembra prendere fuoco tanto è il calore che irradiano i due organi così a stretto contatto. Se non mi controllassi potrei dirti che esploderei il mio orgasmo per il piacere di farlo morire dentro di te amore.
Lei continua a salire e scendere impalandosi sul membro accompagnando le mie parole con lamenti di godimento. Non si masturba, perché si tiene puntellando le mani sulle mie gambe mentre Matteo sta in piedi vicino a me e si masturba selvaggiamente guardandoci. Lei pare accorgersi dell’esclusione del cugino dal nostro godere, si ferma e mi chiede di farlo accomodare seduto sopra di me con la schiena appoggiata alla sua. È una scena strana, mai vista prima; sento il cazzo avvolto dal suo culetto ed il ritmo del saliscendi aumenta ma davanti a me o il cazzone del ragazzo che ha smesso di masturbarsi rendendosi conto di essere molto vicino alla mia faccia. Cerco di superare me stesso e di metterlo a suo agio accarezzandogli il torace scolpito e glabro, ma probabilmente non sono pronto e Giulia sperimenta per la prima volta la sensazione di sentirsi il cazzo ammosciarsi nel suo caldo pertugio.
Capisce al volo di che si tratta, si sfila, mi invita ad alzarmi facendo stendere il cugino con la testa penzoloni sul bordo della sdraia poi mi fa piegare le ginocchia in modo che col cazzo barzotto inizi a scoparlo in bocca. Matteo mi dice proprio cosi: scopami in bocca! Lo introduco e mi muovo avanti ed indietro, al secondo colpo è già rigido e provoca un conato al ragazzo. Faccio l’atto di fermarmi ma sento le sue mani artigliarmi i glutei e attirami; si fa fottere in bocca con determinazione, sento gli sforzi ma le sue braccia mi incitano a continuare. È terribilmente eccitante, sento il cazzo duro come il marmo, non ce la fa più come i primi colpi a prenderlo tutto fino in gola, ma continuava a sbatterselo fin dove riusciva a farlo entrare producendo quantità industriali di saliva. Giulia dal canto suo continuava ad accarezzare il mio addome e la sua gola, quasi a misurare fin dove riuscisse a penetrare quell’oggetto dei nostri giochi. Godevo e non lo potevo nascondere, cercavo di evitare di dare colpi, ma la smania di fottere era feroce.
Mi fermarono loro, insieme quasi, Giulia smise di accarezzarmi e Matteo si tolse dalla posizione mi invitarono insieme a stendermi, la ragazza venne a baciarmi accompagnando anche il cugino in un abbraccio fraterno (tenendolo per le spalle), vedevo la scena ad occhi socchiusi ed il buio mi proteggeva in quel frangente. Quando furono vicinissimi, lui non ebbe il coraggio di baciarmi e spinse verso di me la testa di lei, scendendo a succhiarmi i capezzoli e ad accarezzarmi il torace. Scese poi a prendersi nuovamente cura del cazzo, trascurato nella sua splendida forma eretta. Il bacio durò pochissimo, il gioco continuò così: adesso amore te lo succhieremo insieme finché ci regalerai il tuo succo che poi se vuoi condivideremo.
Non c’era molto da aggiungere. Mi lasciai andare alla geometria che mi iniziava ad una forma tutta nuova di piacere. I due scesero e mentre con una mano mi accarezzavano il torace fin dove arrivavano, con l’altra, ognuno per la sua parte e poi a sconfinando, assieme alle bocche, accarezzavano, succhiavano e leccavano, segavano e mordicchiavano. All’inizio ero in grado di distinguere il succhia cappella di lei da quello di lui, dopo pochi minuti il sincronismo ed il susseguirsi delle azioni fu tale che nulla era più distinguibile, ero coinvolto in un vortice di piacere che mi avrebbe portato in pochissimo tempo ad esplodere, ma volevo durasse ancora.
Le carezze erano sempre più intriganti e mi trovai a succhiare delle dita che si intrufolarono nella mia bocca mentre le carezze si facevano insidiose anche nel perineo ed attorno al mio buchetto, ero vigile, ma non infastidito; succhiavo le dita che mi si porgevano senza capire di chi fossero, il mio uccello era all’apogeo riuscivo a trattenermi con grande difficoltà e i miei partner non mollavano pertanto decisi di trattenermi finché potevo senza condizionarmi troppo e di esplodere quando non ce l’avessi più fatta. Mi abbandonai anche a lamenti di godimento senza alcuna remora (cosa che scoprii essere terribilmente eccitante per i due carnefici che aumentarono la forza delle loro attenzioni). Le manovre durarono ancora per pochi minuti, il glande era dolente per la tensione ed i testicoli pure.
L’orgasmo non li sorprese, nella penombra vedevo le due teste toccarsi attorno al membro tenuto per lo scroto forse dalle mani di lei, (dal tocco), per avvicinarlo alle bocche ed ai volti come neanche nel più tosto dei film porno avevo avuto occasione di vedere. Dovevano essersi impiastricciati di saliva e di sperma fino alla radice dei capelli da quanto avevo sborrato e da quanta saliva avevano impegnato in quella armoniosa sintonia del pompino in tandem. Dopo aver raccolto l’ultima goccia insieme salirono verso la mia bocca e mi portarono parte del contenuto umido raccolto. Giulia mi baciò invitando anche il cugino a farlo. Il ragazzo però si fermò sul torace e bagnò i pettorali salendo fino al collo con baci caldissimi. Sentii il calore delle sue labbra indugiare perplesse sulla morbida pelle del collo appena sotto gli orecchi e prima di staccarsi mi sussurrò un grazie stampandomi un candido umido bacetto sulla guancia. Anche Giulia scivolò dalla bocca al collo con i suoi baci sussurrandomi all’orecchio amore sei stato stupendo, grazie, prima di alzarsi.
Mi tesero le mani uno per parte, ci incamminammo così verso il mare, nudi, i membri barzotti che sbandieravano nell’ombra notturna. Facciamo due bracciate assieme suggerì Giulia. Dovemmo fare una passeggiata per arrivare ad immergerci almeno fino al bacino, la marea era veramente bassa e l’acqua tepida ci accolse placida, quasi a confermare la pace che avevamo raggiunto in quel frangente, grazie al triangolo amoroso. Non era solo una sintonia erotica e sensuale quella che avevo visto e della quale ero stato partecipe. C’era sicuramente un legame affettivo che travalicava gli aspetti di genere. Erano stati educati a questo tipo di normalità ed entrambi volevano affrancarsi dalla regia del padre di Giulia per vivere la loro sessualità seguendo le abituali fantasie ma decidendo il come e con chi.
Silenziosamente ci immergemmo e appaiati solcammo la placida superficie per qualche metro. Cercai il fondo e mi alzai in piedi sull’acqua, anche i miei partner lo fecero contemporaneamente. Vicinissimi, come in una grande vasca da bagno ci siamo massaggiati il corpo a vicenda. Spontaneamente lavai Giulia e lei lavò me poi le sue mani mi portarono sul corpo del ragazzo e trovai naturale lavarlo dal collo alle granitiche chiappe che mi avevano dato piacere. Lei mi si era appiccicata da dietro tenendomi le braccia attorno al collo e le gambe ancorate ai fianchi e mi suggeriva cosa fare. Lavagli anche il pisello mi diceva mordendomi il lobo dell’orecchio. Lo feci, constatando come fosse diventato piccolo nell’acqua, glielo feci notare ridendo. Lui fece altrettanto lavandomi il mio superando l’imbarazzo. Ne ridemmo tutti avviandoci verso casa.
Rimaneva sospeso il come avremmo affrontato il padre di Giulia per il nostro rapporto, ma adesso ne io ne lei sembravamo interessati alla cosa. Appena resi presentabili indossando per quanto possibile i nostri abiti, ci incamminammo per raggiungere le nostre dimore distanziati anche temporalmente per evitare sospetti nel caso qualcuno ci avesse visti, perciò Giulia e Matteo tornarono per primi, io feci il giro per l’ingresso laterale delle piscine ed arrivai davanti alla stradina del bungalow un buon quarto d’ora dopo. Domani avrei pensato a come affrontare e risolvere il resto; con il film che avevo appena girato e visto la mia notte fu meravigliosa.

Nota: Se volete leggere come continua “la mia storia con Giulia”; i capitoli successivi verranno pubblicati sempre su questo sito ma nelle pagine di altri “generi”. Grazie

Questo racconto di è stato letto 1 4 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.