Gioca con il mio culo con dolcezza

Scritto da , il 2021-03-21, genere fisting

Quando vidi entrare Marco in casa, dentro di me risi dicendomi: e ora che ci faccio con questo?

Sì perché Marco non è certo il tipo di uomo che piace a me.

A me piacciono gli uomini virili, attivi, di poche parole, autoritari e ben dotati, cioè con un membro di almeno 5 cm di diametro. Mi piacciono gli uomini un pò egoisti che quando entrano in casa mia, vedendomi, si eccitano e, toccandomi il culo, mi accompagnano nella stanza da letto; qui mi siedo, loro si sbottonano i pantaloni, lo tirano fuori e lasciano che io assapori il maschio e lo senta crescere in bocca; poi, a pecorina sul letto mi prendono decisi, per finire sborrandomi in bocca. Quindi si rivestono, un bacetto sulle labbra, grazie e "ciao bella, alla prossima...".

Marco non è niente di tutto ciò, avrà 40 anni, aspetto giovanile ed un po’ effeminato: alto circa 1,80 m ma con le spalle strette, bacino un po’ largo, capelli lisci e lunghi. Marco è gentile. Una persona quindi per niente virile, glabro, dalla pelle liscia e con un pisellino infantile (circa 3 cm diametro per 7 di lunghezza).

Che ci faccio con questo mi dissi quindi, ed invece con Marco è nata una relazione di amicizia ed affetto impostata sulla dolcezza e rispetto reciproco.

Marco è obbediente ed asseconda i miei desideri. Ci vediamo una volta per settimana o una ogni due, la sera verso le 9, resta da me un paio di ore e ci amiamo.

Per lui mi vesto poco, sempre ben truccata, indosso un top o una guépière corta, autoreggenti, e scarpe con tacco (10 cm) nere o rosse.

A volte niente, solo le autoreggenti e sopra una vestaglia.

Sono totalmente depilata, lascio un triangolino di peluria al pube, sopra al clitoride e bella liscia intorno alla mia figa.

Lui arriva, si spoglia e viene verso di me, io lascio cadere la vestaglia.

Un bacetto sulle labbra e poi si inginocchia, prendendomi il clitoride nella bocca, dove comincia ad ingrossare.

Però, poverino lui, lo faccio smettere quasi subito, mi giro e mi metto in ginocchio sul letto a pecorina, con le spalle quasi a toccare le lenzuola e con la mia figa-anale aperta e sempre ben pulita, umida e lubrificata con gel profumato.

Marco già sa: comincia a leccarmi la figa, succhiando dolcemente le piccole labbra, e poi su, passando in mezzo ai glutei, per poi soffermarsi sulla figa; col tempo, seguendo le mie istruzioni, ha imparato a leccare benissimo e si eccita a farlo.

La sua lingua inumidisce e rilassa la mia figa-anale, entra dentro come un serpentello e succhia la mia figa slabbrata.

Godo da matti e lui si eccita a sentirmi godere.

Poi quando è ben eccitato ed io bagnatissima, mi penetra, sdraiandosi sopra di me, io con la pancia in basso.

Assecondo i suoi movimenti, facendo perno sulle ginocchia e sollevando a ritmo il bacino, la mia figa anale si apre e chiude per sentire l’entrare ed uscire del suo pisellino.

Marco ansima, sento il suo respiro sul collo, mi bacia le spalle, prende le mie mani: dita tra le dita.

Non viene subito, a volte non viene per niente, il suo stantuffare dura almeno 10 minuti ed io lo assecondo perché so che mi ricompenserà.

Finalmente, baciandomi le spalle, sospira: “sto per venire …”, sento il caldo del suo (poco) sperma dentro di me .

Un attimo di riposo, un ultimo suo bacio sulle mie spalle e poi mi rimetto a pecorina.

Marco, instancabile, assaggia il suo sperma che esce dalla mia figa, succhiando e leccandomi.

Poi, ad un mio cenno, si mette i guanti da fisting e prende una buona quantità di gel lubrificante, che eccita e facilita la dilatazione.

Marco con il tempo è diventato un esperto di fisting, lo fa benissimo, obbedendo alle mie indicazioni sussurrate.

Comincia entrando dolcemente con 2, 3, 4 dita, facendo leggermente pressione fino ad entrare con la mano che quasi non mi accorgo: la mia figa anale è già naturalmente dilatata e slabbrata per gli anni di dilatazioni.

Quindi spingendo con decisione entra più in profondità con la mano, e la muove girandola dentro di me, esce lentamente e rientra spingendo ed entrando ancor più con tutto il polso.

Quindi gli chiedo di accelerare, adesso entra ed esce veloce sempre con la mano chiusa ad astuccio (diametro sui 9 cm), lasciando il mio culo vuoto ed aperto per qualche secondo ad ogni uscita.

Quando sono ben dilatata ed eccitata gli chiedo di entrare con il pugno chiuso (diametro 10-12 cm), lo sento entrare deciso: urlo dalla eccitazione.

A questo punto Marc, sempre obbediente, prende il totem che ci guarda dal comodino: è un grosso dildo, un cazzone di gomma nera, con la cappella di 12 cm di diametro ed il membro di 10 per 25 di lunghezza.

Marco, seguendo le mie indicazioni lo abbocca e spinge nel culo, è sempre difficile farlo entrare.

Io lo incito ..."dai tesoro, spingi non aver paura...".

Il dildo, sotto la cappella, ha tre filettature che rendono l'entrata ancor più ... diciamo "impegnativa e un poco ... dolorosa" ma a me piace moltissimo..." dai tesoro ci sei .... ahhh!..." ecco che entra il dildo, come risucchiato con tutti i suoi 25 cm, ufff....

Marco lo lascia dentro e lecca tutto intorno al mio culo e attorno alla figa e il mio clitoride, adesso piccolissimo.

Marco obbedisce alle mie indicazioni: " giralo tesoro, lentamente, adesso muovilo avanti ed indietro ma senza farlo uscire, ...sì così!", sento il dildo che mi riempie, ..." adesso, amore mio, tiralo fuori veloce, aspetta un attimo e rimettilo dentro sempre veloce, non farti impressionare dai miei gemiti... ahhhh! sìììì! uuuuh!"

Dolore e piacere assieme!

Continuiamo un po’ così, finché spossata e con il culo dolorante sussurro a Marco - silenzioso, ubbidiente, ma eccitato - di togliere il grosso dildo.

Mi sento adesso vuota ed aperta e non smetterei mai di prendere dei bei cazzi, ora che ho il culo sfatto e la figa iperlubrificata.

Marco pulisce con cura il suo giocattolo, la mia figa e il mio culo, e ricomincia a leccarmi e succhiare il mio culo, io sono fuori di testa per l'eccitazione. Urlo come una pazza!

Sono stanca, mi giro sulla schiena, tiro su le gambe, lui continua a leccarmi e poi comincia a succhiare il mio clitoride, è la sua ricompensa, non aspettava altro.

Lo fa con dolcezza, lentamente, ed il clitoride cresce e cresce nella sua bocca, mentre con le dita continua a farmi un ditalino nel culo slabbrato.

Finalmente vengo nella sua bocca, ma lui si diverte a farmi fremere e continua a succhiare facendomi contorcere in preda alla passione, ..."basta tesoro, basta...".

Allora lo prendo per il viso, lo tiro a me per farlo smettere, e ci baciamo lungamente e con le lingue fino in gola, assaporando il mio sperma ed abbracciandoci.

Ci rilassiamo carezzandoci a vicenda.

Lui si riveste. Io mi rinfresco la figa e il culo, mi rassetto, pettino, sistemo il trucco, il rossetto. E... “ciao Marco, tesoro, alla prossima”, “oui mon amour” dice lui.

Questo racconto di è stato letto 4 1 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.