Il domino 1

Scritto da , il 2021-03-04, genere incesti

Ricordi, fino ad un anno fa, si poteva andare in pizzeria, al bar, alle fese dagli amici. Tempi passati…
Nel mio ricordo vado anche un po' più indietro, quando avevo 15 anni.
Eravamo in periodo di carnevale, Ricardo, un mio compagno di scuola, mi chiama e mi dice che ha due inviti per una festa di carnevale, che i suoi genitori non possono usare perché hanno un altro impegno.
Io- Ma che ci andiamo a fare ad una festa organizzata per gente grande come i genitori, non conosciamo nessuno, non ci daranno neppure da bere. Non potremo fumare. Meglio riunirci fra noi.
Lui- Fidati di me, so che è una festa particolare, è vero che è per grandi, ma si va mascherati e nessuno ci manderà via o ci rimprovererà se ci facciamo un goccetto o due tiri. Non è organizzata dai soliti amici dei miei, ma da gente che non conosco. E’ in villa fuori città. Passo a prenderti in motorino verso le 20.
Bah proviamo, penso, magari ci divertiamo.
Avviso mia madre che la sera dopo andrò ad una festa con Ricardo. Lei, 45enne è separata da un paio di anni. Dimostra i suoi anni e da quando è separata si cura un po' di più di prima. Cerca di perdere qualche chilo, invano. Ma insomma non è alta, non è grassa, non è una figa da urlo. E’ la mia mamma, dolce, premurosa, e si fida di me e non mi fa troppe domande. Ah bene tesoro, anche io domani sera vado ad un incontro con amici.
La sera successiva viene Ricardo a prendermi. Ciao mamma, io vado, magari faccio tardino. La abbraccio, si sta vestendo e combattendo con i capelli. Ciao tesoro divertiti…
Facciamo una decina di km col motorino. Arriviamo ad un giardino di una bella villa. Richi tira fuori dallo zainetto due costumi neri. Mi spiega che sono dei genitori, sono dei domino particolari, ricoprono con un mantello chiuso tutto il corpo e la parte superiore è costituita da un cappuccio con due piccole aperture per gli occhi.
IO- ma che siamo due del KKK con costume nero?
Richi- ma dai, col biglietto di invito spiegano che tutti gli invitati devono essere mascherati così. Non devono avere segni di riconoscimento ed il gioco consiste nel non parlare e farsi capire solo a gesti.
Io- va beh strano, adesso siamo qui e entriamo. Se ci spalliamo ce ne andiamo presto.
Ci avviamo, Richi consegna gli inviti, in cambio ci danno due numeri, non sequenziali e pari per me e per Richi, che, si raccomandano, dobbiamo nascondere sotto i costumi. Entriamo. E ci avviamo verso il salone. Non c’è tanta gente, è ancora presto. E’ piuttosto grade, al centro vuoto, e tutto intorno divani e poltrone. Una scalinata porta al piano superiore. Noi individuamo il tavolo dei liquori e ci facciamo una prima dose di liquore. Sotto il costume ci si sente protetti … ed al sicuro. La gente gira col bicchiere in mano. Pochissimi in coppia. Molti da soli. Nessuno parla con gli altri. Musica soft.
Tutto abbastanza noioso. In fondo alla sala un piccolo palco. Si alternano degli speudo intrattenitori con gag e barzellette. Una ragazza ogni tanto canta. Si abbastanza noioso, io e Richi ci teniamo a debita distanza e possiamo mangiare e bere in abbondanza.
Passiamo così una oretta, adesso la gente è aumentata e compare un tizio con un sacchetto. Che sia una tombola?
Andiamocene , faccio segno a Richi. No non è una tombola. Il tizio estrae quattro numeri da un sacchetto dei pari, ed altri quattro dal sacchetto dei dispari, e chiama gli estratti. Ho capito, forma delle coppie per ballare. Che palle ballo di gruppo. Ma no, nessuno balla.
Il tizio- cari amici, quelli che hanno già partecipato ai nostri giochi sanno già tutto. Per i nuovi solo due istruzioni. Devono continuare a non parlare e non farsi riconoscere, e se non intendono continuare io gioco, devono solo farlo capire e possono ritrarsi in qualunque momento.
(continua)

Questo racconto di è stato letto 6 5 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.