Eli e Silvi due sorelle ed un'estate calda 1-5

Scritto da , il 2021-02-22, genere tradimenti

Ciao mi presento sono Elisa ho 25 anni e vi voglio raccontare di quando molto più piccola sono stata costretta ad andare al mare con mia sorella a casa del ragazzo....
Era luglio qui a Benevento faceva un caldo infernale e nonostante passassi tutto il giorno in piscina e le sere in giro con il mio gruppo di amici il caldo la notte era insopportabile, mi giravo sudata nel mio letto fino ad addormentarmi sfinita dal sonno.
I miei genitori sono separati da quando io avevo 2 anni, mia madre convive con un uomo molto simpatico e premuroso un secondo padre, mentre mio padre fa lo scapolo vive a Roma dove fa il manager di una società farmaceutica, nonostante la distanza ci sentiamo spesso per telefono e anche se viene poco io approfitto per trascorrere dei bei fine settimana a Roma, specialmente quando ci sono i saldi.
Ho anche una sorella più grande al tempo aveva 20 anni, in verità è una sorellastra in quanto è la figlia di mia madre avuta con un ragazzo che quando seppe della gravidanza non ne volle sapere.
In quel periodo mia madre e il mio patrigno decisero di dedicarsi un po' di tempo tutto per loro e prenotarono una crociera sul mediterraneo, io speravo di partire con le mie amiche, mentre mia sorella voleva andare a casa del suo ragazzo che possiede una casa nel centro di Positano, i miei genitori invece avevano ben previsto che saremmo andate al mare con mio padre il quale ogni anno ci porta in un noiosissimo hotel a Rimini, e nonostante la località non ci faceva andare in discoteca o ritirarci dopo mezzanotte e mezza mentre lui passava i pomeriggi e le serate a giocare a carte o a vedere la tv.
Io e Mia sorella scatenammo l'inferno litigammo con mia madre per giorni interi, (Silvia mia sorella mi diceva:" tu devi stare zitta sei piccola e quindi vai con papà"). Dopo un paio di giorni di tensione arrivo mio padre da Roma, cosa più unica che rara, e dopo un po' di ragionamenti decisero che io
non potevo andare con le mie amiche, ma che se proprio non volevamo andare con mio padre saremmo potute andare a Positano da Matteo il ragazzo di mia sorella, ma per non far dispiacere mio padre dovevamo promettere che avremmo passato una settimana in montagna in inverno.
La cosa non mi piaceva, ma almeno non avrei avuto la ritirata e poi Positano non è distante da Benevento e quindi le mie amiche quelle poche che sarebbero state in città ad agosto potevano sempre raggiungermi.
Mia sorella non era molto contenta, ma siamo molto legate e la cosa se la faceva piacere... Infondo o cosi o nulla!
Le decisioni erano prese mio padre ci avrebbe accompagnate il sabato dopo cosi poteva controllare la casa e i molteplici pericoli ( un po' paranoici i miei).
Inutile dire che mia sorella mi fece un sacco di raccomandazioni di carattere morale del tipo " non rompermi i coglioni o sparisci quando capisci che non è aria", ma questo lo capivo anche se non me lo diceva e poi sapevo che mia sorella ed il ragazzo avrebbero voluto, come dire..... Rimanere soli a fare le proprie cose?!?!
Il sabato prescelto mio padre si presenta alle 9.00 sotto casa dopo i saluti a mia madre e al Giacomo il mio patrigno e dopo le consuete raccomandazioni... Telefonate non fate tardi mettete la crema ecc.. Passammo a prendere il padrone di casa.
Il viaggio fu breve anche se trovammo un po' di traffico sulla costiera tre ore e fummo nella magnifica Positano.
La casa era carina al secondo piano di una palazzina rossa nel centro su di una scalinata che parte quasi dalla spiaggia, la cosa più bella era la vista infatti sia dalle due camere da letto che dall'entrata camera da pranzo cucina si poteva vedere il mare e poi da un piccolo terrazzino si saliva con una scala a chiocciole su un terrazzo molto bello.
Mi padre ci offri il pranzo in un ristorante sulla spiaggia e verso le due per evitare il traffico andò via.
Noi non perdemmo tempo andammo a casa per metterci il costume e fare il primo vero bagno.
Mi misi il costume comprato per l'occasione il giorno prima un bikini bianco visto che ero già molto abbronzata mentre mia sorella si mise un costumino molto mini molto colorato floreale.
Matteo quando la vide rimase di stucco infatti lo slip lasciava il sedere per meta nudo.
Premetto che io e mia sorella siamo molto diverse io sono bassina 1,60 carnagione chiara anche se divento subito scura, capelli castano chiaro sono magra, diciamo che ho un fisico minuto, ma nonostante ciò ho un bel seno una terza e un sedere invidiabile, mentre mia sorella ha preso dal padre è alta 1,75 .... Beata lei.... Capelli biondo naturale pelle chiara, ma ha la particolarità che quando si abbronza diventa dorata in pochi giorni, lei ha un seno più piccolo una seconda (non poteva essere perfetta in tutto) e visto i suoi trascorsi pallavolisti ha un sedere e delle gambe di granito.
Andammo al mare dove trascorremmo un bel pomeriggio, mia sorella non ama farsi il bagno mentre io e Matteo siamo stati spesso in acqua a nuotare scherzare e a schizzare Silvì che faceva la schizzinosa sul suo asciugamano.
Tornammo a casa verso le sette e mezza fortunatamente avevamo portato anche da cucinare perché sarebbe stato troppo costoso andare a cena fuori tutte le sere, entrati in casa mi fu dato il compito di preparare la cena misi l'acqua per fare pasta col tonno mentre mia sorella andò a farsi la doccia per prima.
Misi la tavola e mi sedetti sulla poltrona dopo un paio di minuti sentii la porta del bagno aprirsi mi girai e vidi che Matteo stava entrando, ingenua pensai che Silvi fosse uscita quindi mi alzai ed andai nella camera che sarebbe stata la loro, ma non ci stava nessuno capito la sorellina?!
Cosi mi diressi verso la poltrona per aspettare che finissero i loro comodi, ma passando davanti la porta non resistetti mi piegai e iniziai a spiarli dal buco della serratura, all'inizio non si vedeva nulla probabilmente erano sotto la doccia, ma proprio mentre stavo per demordere vidi mia sorella bagnata che si appoggiava al lavandino e subito dopo Matteo nudo che l'abbraccia a sé.
Mi sento una scema a guardarli, ma si sa La curiosità e donna vedo Matteo che bacia il collo di mia sorella le sue mani scendono sulla schema per poi chiudersi a coppa sui seni mentre lui pian piano scende con la lingua accarezzando i suoi seni per poi accogliere i capezzoli nella bocca e succhiarli.
Rimango inginocchiata a fissarli è una scena bellissima Silvì è appoggiata al lavandino abbandonandosi alle sue attenzioni.
Matteo per scendere sul corpo di mia sorella stava sul ginocchio destro lasciano a me,la vista del suo corpo nudo ancora bagnato, vedevo distintamente la pelle bianca lasciata dal costume, il suo cazzo era duro potevo vedere questo bastone di carne completamente esposto, la sua cappella era
totalmente scoperta.
Matteo continuò a scendere con i suoi baci arrivando al suo ventre, prese una gamba e l’alzò, potevo vedere la fica totalmente rasata di mia sorella.
Con una mano teneva alzata la gamba mentre si tuffava sul fiore, mia sorella gli teneva le mani nei capelli, dopo pochi minuti quelle mani stringevano sempre di più i folti capelli di Matteo, più stringeva e più vedevo che lui aumentava il ritmo mentre con la mano libera accarezzava la gamba tesa ed i seni.
Riuscivo a vedere la fica bagnata ed oscenamente offerta ai baci di Matteo il quale ricambiava donandole più piacere possibile.
Io ero lì che come una ladra, mi rendevo spettatrice di quel loro momento solo allora mi accorsi che ero un lago, ero eccitata, appoggiai un mano sul collo scendendo lentamente sui miei seni dalla stoffa del costume riuscivo a sentire i capezzoli che premevano eccitati da ciò che vedevo continuai a far scivolare la mano sul ventre, avevo le mani fredde, giunsi all’elastico degli slip con le dita alzai l’elastico e continuai a far scorrere la mano, le dita si immersero nel ciuffo di peli. Continuavo a spiare loro che godevano ero estasiata dal corpo nudo di Matteo il suo cazzo duro con le vene pulsanti e la cappella ben in vista era una calamita per i miei occhi, potevo vedere le gocce d’acqua che scendevano sulla sua schiena fino ad arrivare al suo sedere.
Le mie dita iniziarono ad accarezzare le grandi labbra, facevo scorrere il dito medio nel solco della fica mentre stringevo le grandi labbra tre l’indice e l’anulare, pian piano iniziai a spingere il medio nella fica, i miei umori facevano scorrere le dita senza problemi, tanto ero bagnata che nonostante mi muovessi lentamente si sentiva quel classico rumore di sciacquettio.
D’un tratto vidi mia sorella tremare spingere il bacino contro la bocca di Matteo per la prima volta sentii mia sorella ansimare cercando di trattenere le urla di piacere.
Matteo si alzò mia sorella lo bacio a lungo, vidi la mano scendere sul cazzo e afferrarlo per iniziare una lenta sega, mentre continuava ad assaporare il gusto dell’orgasmo appena avuto sulle labbra di Matteo, lentamente vidi che scese baciando il corpo scolpito da anni di pallanuoto si inginocchiò
trovandosi a pochi centimetri da quel fantastico cazzo con la mano continuava a segarlo guardandolo fisso negli occhi poi lo lecco dalla base continuando a guardarlo negli occhi.
La mano continuava a stringere il cazzo facendo su e giù mentre la bocca gustava la cappella ci volle veramente poco prima che Matteo venisse nella bocca di mia sorella.
Lei si alzo e ancora sporca lo baciò per poi pulirsi la bocca con l’acqua.
Mia sorella uscì dopo pochi minuti mi feci trovare davanti alla Tv facendo finta di nulla, si avvicino con l’asciugamano e mi chiese cosa avevo preparato, poi disse che Matteo si stava facendo la doccia e che lei si andava a vestire.

CAP. 2
La cena fu piacevole Matteo è un ragazzo simpatico e mia sorella era di ottimo umore, dopo cena uscimmo per una passeggiata esplorativa dove da bravo padrone di casa Matteo ci fece vedere tutti i vicoli e i posti più carini, non facemmo troppo tardi arrivati a casa andammo sul terrazzo, ma per l’una ero già a letto.
La mattina mi svegliai verso le nove e mezza la casa era immersa ancora nell’ombra tranne che per il balcone nella sala da pranzo il caffè era già pronto feci colazione sul balcone guardando il mare, poi mi venne in mente di salire le scalette a chiocciola che portano al terrazzo superiore da dove si poteva vedere la spiaggia.
Salita trovai Silvì sdraiata sull’asciugamano che prendeva, il sole non si accorse subito di me, rimasi qualche secondo ad ammirare il suo corpo, indossava solo lo slip e per di più aveva slegato i laccetti per non avere il segno bianco, la sua pelle era lucente dell’olio abbronzante, era una visione.
La chiamai per farla rinvenire da quel torpore lei alzo il busto e mi diede il buon giorno lamentandosi poi del fatto che a casa mi alzavo alle otto precise e che li poltrivo poi mi chiese se si era alzato anche Matteo per andare al mare. Mi sedetti su di una sedia vicino a lei e le dissi che di Matteo non avevo visto traccia e che quindi stava ancora dormendo, si sdraiò nuovamente. Scesi in casa vidi Matteo che si era appena svegliato e mi chiese di Silvì io mi diressi in camera per mettermi il costume mentre lui saliva sopra, presi dall’armadio un bel costume questa volta un po’ più succinto del giorno precedente, anche io non volevo troppi segni del costume, uscii dalla stanza e visi che Matteo usciva di casa allora salii sopra per chiedere cosa succedeva mia sorella mi disse che Matteo andava a prendere il cugino che si fermava da noi per un giorno per poi prendere il traghetto da Salerno per andare in Sardegna dai suoi. Le chiesi se voleva andare in spiaggia, ma alla fine decidemmo di prendere il sole sul terrazzo tanto Matteo ed il cugino sarebbero stati a casa tra un paio d’ore.
Presi un telo e mi misi vicino a Silvì, ma io non amo stare come una lucertola al sole e mi annoiavo e cosi la costrinsi a parlate, almeno cosi sarebbe passato prima il tempo.
Lei meno infastidita di quanto mi aspettassi inizio a prendermi in giro dicendomi che ero stata discreta per il ritardo del bagno del giorno prima e per non aver fatto storie per i rumori della notte, che io devo dire non avevo sentito, io sorrisi ma avevo una paura cane che mi avesse scoperto, anche se non era possibile.
Continuammo a parlare del più e del meno fin al momento che mia sorella decise di girarsi per prendere il sole alla schiena, io la imitai, Silvì era bellissima si era spostato il costume sul sedere in modo che i laccetti e la poca stoffa dello slip ricadessero nello spacco di quel marmoreo culetto, girò il volto dalla mia parte e mi chiese, Vuoi che ti passi un po’ di crema sulla schiena? Sei ancora poco abbronzata e rischi di scottarti!! Non ero preparata a questo tipo di attenzione da parte di mia sorella ma le dissi, Si grazie! Vidi Silvì che prendeva la crema e ne metteva un po’ sui palmi e poi la passò sulla mia schiena, sentii le sue dita che con delicatezza spalmavano la crema, mi abbandonai a quel minimo massaggio poi Silvi mi chiese perche non mi slacci almeno il regi seno? io le spiegai che la cosa mi imbarazzava, ma lei mi fece notare che non poteva vederci nessuno e che lei mi aveva vista più di una volta nuda, cosi mi feci convincere e presa dall’entusiasmo non solo mi levai il regi seno, ma spostai anche lo slip come mia sorella.
Mi sentivo libera e per nulla imbarazzata per la prima volta sentivo i raggi del sole battere sulla pelle delicata del mio seno, era una sensazione nuova mi faceva venire i brividi di piacere, sembrava che qualcuno alitasse calore sui miei capezzoli che per la situazione si erano eccitati. Presi la crema e ne misi un po’ sulle mie mani e iniziai un leggero massaggio sul mio seno, i capezzoli si indurirono, ma io feci finta di nulla. Lei continuò a parlare, mi disse che la prima volta che si era messa a seno nudo in spiaggia era per esaudire una fantasia di Matteo e che la cosa le era piaciuta tanto che se la spiaggia non era troppo affollata preferiva togliere il pezzo di sopra a quel punto la mia curiosità si risveglio e le chiesi se si era limitata al solo topless, lei con una risatina imbarazzata mi confesso che un paio di volte l’estate precedente era andata con Matteo in una spiaggia vicino a Fasano frequentata da nudisti e che lei si era concessa al sole ed agli sguardi della gente totalmente nuda, io finsi un’espressione sbigottita e lei scherzando prese il telo che aveva piegato per usarlo come cuscino e iniziò a colpirmi dandomi della puritana tra una risata e l’altra mi ritrovai anche senza slip, lei mi guardo e mi diede il benvenuto nel club.
Diventai rossa in quanto nel muoversi anche lei aveva il costume alle ginocchia, Silvì allora mi disse:” che c’è di male? E poi mi rompo a stare sempre li a legarlo e a slacciarlo! E poi se non ci fossi stata tu in questa vacanza chi l’avrebbe messo il costume in casa!?” non potevo dirle nulla e poi la cosa non mi dava fastidio cosi continuammo a prendere il sole nude. Il sole mi baciava tutto il corpo come un amante focoso, Sarà stata la situazione, ma mia sorella mi sembrava più simpatica del solito e mi sentivo a mio agio anche quando iniziò a farmi delle domande sul mio ex ragazzo sulle mie esperienze se avevo fatto sesso ecc… io le risposi senza molti problemi le dissi che avevo perso la verginità con il mio ex ragazzo e che avevo avuto anche altre storie, ma mi ero sempre fermata a carezze seghe e qualche pompino. Alla parola pompino mia sorella scoppio a ridere dicendo che non avrebbe mai pensato che la sorellina si era già data tanto da fare.
Restammo a parlare stese al sole per non so quanto. Silvì si era messa di schiena con il viso girato dalla mia parte per poter parlare, tutte quelle domande e quelle piccole confessioni da parte di mia sorella mia avevano un po’ eccitata, iniziai a guardare i suoi seni e sbirciavo ogni tanto la sua fica depilata, io piegai le gambe c’era un debole venticello, che si insinuò tra le mie gambe colpendo la mia fica un po’ umida d’umori, la prima folata mi fece sobbalzare, ma mi piaceva il vento accarezzava la mia fica quasi come se la desiderasse, era strano ed eccitante parlare con Silvì mentre senza preavviso mi arrivava un po’ di vento sulla fica.
Ad un certo punto eravamo entrambe sedute con la schiena vicino al muretto mentre Silvì fumava una sigaretta vediamo spuntare la testa di Matteo che era tornato a casa, rimase con gli occhi spalancati non ci eravamo rese conto che eravamo entrambe ancora nude resami conto della cosa cercai di coprirmi con le mani alla bene e meglio mentre mia sorella non fece nulla per sottrarsi alla vista.
Matteo disse che il cugino era in bagno e che aveva comprato della mozzarella per il pranzo, vidi lo sguardo di Matteo che indugiava sul mio corpo nudo e la cosa mi eccitò, avevo il cuore che mi batteva a mille e mi sentivo tutta scombussolata.
Ci rimettemmo il costume mia sorella scese al piano di sotto con lo slip ed una maglietta di cotone molto sottile tanto che non si faceva fatica ad intravedere le forme dei capezzoli il tutto poi era agevolato dal fato che l’olio rendeva il corpo appiccicoso.

CAP. 3
Scendemmo per conoscere il cugino di Matteo si chiama Sandro era un bel ragazzo alto quanto basta magro quasi esile, ma allo stesso tempo si vedevano i muscoli delle braccia aveva i capelli ricci corti, era proprio un bel ragazzo aveva più o meno una ventina d’anni.
Senza neanche farci la doccia pranzammo, dopo pranzo mia sorella sistemò il letto in camera mia cosi la notte avremmo dormito io e lei in una stanza e gli uomini nell’altra, porto il minimo indispensabile tanto Sandro doveva stare solo una notte.
Mentre eravamo in camera venne Matteo che ci invitò a prendere un gelato in spiaggia e cosi prendemmo le borse e uscimmo.
Ci sedemmo ai tavolini di un bar vicino la spiaggia li potemmo conoscere bene Sandro era un tipo allegro simpatico vivace molto spigliato, entrammo subito in simpatia.
Il pomeriggio passò molto veloce ridemmo scherzammo io e Sandro entrammo subito in simpatia tanto che Matteo e Silvì non perdevano occasione per fare battutine o prendermi in giro.
Tornammo a casa tardi prima ci fermammo a prendere un aperitivo, per strada i ragazzi decisero di comprare la pizza per cena mentre io e Silvia saremmo andate a casa a fare la doccia.
Arrivate andai in camera e mi spogliai poi con l’asciugamano mi diressi nel bagno, ma appena entrata vidi che mia sorella mi aveva preceduto stava per entrare nella doccia io feci per uscire, ma lei mi chiese di restare per parlare mi sedetti sul water guardando lei che si faceva la doccia, lei non faceva altro che chiedermi di cosa ne pensassi di Sandro, le dissi che era un bel ragazzo che lo trovavo simpatico poi lei uscii ed entrai io, lei mentre usciva dal bagno mi guardò e mi disse:” beh se te lo chiedo è perché lui ha detto che sei molto carina e ha apprezzato molto il tuo culetto e devo dire che ha veramente ragione”. Mia sorella non aveva mai fatto accenni sul mio corpo e la cosa mi fece piacere, e notai che anche sotto la doccia il suo sguardo continuava a perlustrare il mio corpo.
Dopo la doccia andai in camera ripensando ancora a quelle parole cosi decisi di giocarmi le mie carte presi un pantaloncino molto corto nero attillato ed una maglietta corta molto colorata mi misi davanti lo specchio, ma non mi piaceva che lo slip non mettesse in risalto le due semisfere del mio culetto cosi mi levai il pantaloncino mi sfilai lo slip e misi un perizoma mi guardai allo specchio cosi ero perfetta.
I ragazzi arrivarono dopo più di un’ora con le pizze delle birre ed una busta con delle bottiglie di alcolici, mangiammo la pizza sparecchiammo ed uscimmo, ma essendo fine settimana ci stava troppa gente cosi verso mezzanotte decidemmo di ritornare a casa.
Andammo sul terrazzo la vista era stupenda Sandro scese in casa e ritorno dopo poco con due bottiglie di vodka e le carte da gioco cosi decidemmo di giocare a poker con degli stuzzica denti io non so giocare, ma le prime mani sono state fortunate dopo una decina di mani Matteo fece la proposta di giocare con dei pegni altrimenti tutti andavamo ad ogni mano decidemmo di fare cosi.
Le prime mani i pegni erano stupidi come prenditi a schiaffi urla delle brutte parole mettiti le dita nel naso poi Sandro che aveva vinto contro Matteo gli disse di levarsi la maglietta lui senza batter ciglio rimase a torso nudo.
La mano successiva la vinse Matteo contro mia sorella quando calò una coppia più alta aveva un sorriso beffardo le chiese di levarsi la maglietta lei lo fisso per un secondo, ma non disse nulla rimanendo in regi seno.
La mano successiva fu mia sorella a vincere conto tutti e tre, l’alcol scorreva e ad ogni mano si doveva bere mezzo bicchierino, dopo la terza mano io non capivo poi molto anche se ero graziata dal fatto che Matteo me ne metteva di meno che agli altri, mia sorella ordino a Matteo di levarsi i pantaloni lasciandolo in mutande, a me e a Sandro ci disse di darci un bacio, inutile dire che ero imbarazzatissima, ma l’alcol faceva effetto lui si alzò e venne verso di me, in quel momento mi dissi perché no?!?! E cosi ci baciammo fu un bacio sulle labbra completo di lingua insomma un vero bacio che duro pochi secondi, ma che mi fece molto eccitare.
La mano seguente la vinsi io scoprendo un bluff di mia sorella cosi le dissi di alzarsi e di levarsi la mini che indossava, lei prima si rifiutò, ma se ci si rifiutava c’era la regola di un bicchierino fino all’orlo così senza alzarsi si levo la gonna e me la lanciò.
Nelle mani seguenti ridiedi un bacio a Sandro e persi anche il pantaloncino, ma io mi alzai per levarli mostrando così il mio culetto a tutti. Sentivo i loro occhi addosso il mio culetto era alla loro mercé ed io non facevo nulla per sbrigarmi. A quel punto eravamo un po’ tutti ubriachi Sandro era l’unico ancora con i pantaloni io e mia sorella in intimo come Matteo.
La mano seguente era importante io e mia sorella potevamo perdere anche il reggiseno io non giocai, si giocarono il piatto Silvì e Sandro, ma mia sorella rilanciò proponendo che se vinceva lui si sarebbe levata tutto, ma se perdeva sarebbe stato lui a levarsi tutto, accettò e manco a dirlo vinse, mia sorella perse con un tris, si doveva levare tutto.
Silvì non se l’aspettava guardo Matteo il quale ridendo le disse che i debiti di gioco si pagano, mia sorella indispettita per la mancata gelosia si levò il reggiseno poi si alzo e si sfilo il perizoma mostrando a tutti la sua fica completamente rasata poi si risedette per continuare.
Io ridendo dissi che non aveva più nulla da giocarsi, ma lei disse che il gioco era pagare pegno non spogliarsi quindi poteva giocare.
La mano successiva Silvì gioco contro Matteo il quale perse il boxer, Matteo si alzo mostrando a tutti noi il suo cazzo duro, ora potevo vederlo da vicino, era veramente bello ed eccitante, Silvia gli disse peccato che stanotte non dormiamo insieme buttando giù il bicchierino per la mano successiva.
Era la mia mano scala servita contro Matteo e Sandro, ma non sapevo cosa chiedergli cosi come pegno dissi che Matteo che ormai era nudo avrebbe dovuto levare il pantalone a Sandro con la bocca, fu divertentissimo non senza poche difficoltà ci riuscì.
La mano seguente Matteo vinse contro me e Sandro io persi il regi seno che mi levai con molto imbarazzo, Sandro il boxer, si alzò e se li levò, lo vidi per la prima volta nudo era ancora moscio, ma aveva un cazzo magnifico lungo doppio la cappella era tutta fuori si vedevano le vene di quel bastone che pulsavano rimasi estasiata da quella vista, forse anche troppo visto che mia sorella se ne accorse e non mancò di fare una battutina. Che ti succede? non ne hai mai visti?
Le mani seguenti furono vinte da Sandro sempre contro Matteo al quale furono inflitte pene pratiche come vai a prendere le sigarette giù e un’altra bottiglia visto che una era finita.
Poi ci fu una mano alla quale parteciparono mia sorelle Matteo e Sandro, vinse quest’ultimo poi si accese una sigaretta per riflettere sul pegno poi li guardò e propose che Silvì prendesse in bocca per due minuti il cazzo di Matteo, mia sorella rimase interdetta non si aspettava una cosa cosi e si rifiutò adducendo che il pegno era solo suo e che non poteva fare una cosa simile davanti a me, ma Sandro disse che il pegno di Matteo era quello di non poter venire poi mi chiese se mi avrebbe dato fastidio, io ridendo dissi no anzi voglio vedere se ha il coraggio. Ma la verità era che volevo vederli da vicino e volevo che fossero consapevoli che li guardavo, Ci volle un poco di tempo per convincerla, ma alla fine ci riuscirono io ero stata nominata arbitro presi il cellulare, Matteo scostò la sedia dal tavolo Silvia si inginocchiò davanti e appena poggiò la bocca sul cazzo feci partire il cronometro.
Mia sorella lo leccava dalla base alla cappella girava la lingua intorno la cappella poi lo infilava in bocca e lo succhiava, si sentiva il rumore della bocca che saliva e scendeva su quel palo di carne, Sandro si alzo e per vedere meglio si mise alle mie spalle adducendo di controllare il tempo si vedeva Matteo che godeva della bocca di mia sorella. Sandro si avvicinò al punto che sentivo il suo cazzo strusciarmi sulla schiena, non mi mossi e continuai a controllare il tempo, ma l'eccitazione saliva. Ogni tanto vedevo lo sguardo di mia sorella che mi guardava senza però scostare la lingua dal cazzo. Sandro era alle mie spalle ad un certo punto mi sentii toccare il braccio mi girai e vidi che il suo cazzo, era diventato duro, era veramente grosso, un brivido mi percorse, ma il tempo finì.
Silvì si alzo e Matteo esulto vittorioso dopo un altro paio di mani mia sorella disse che doveva andare a bagno e Matteo l’accompagnò perche le scale erano pericolose e lei non era non poco ubriaca.
Sul terrazzo rimanemmo io e Sandro, nonostante fossimo entrambi nudi non ero a disagio, ci sedemmo sul dondolo io mi misi con le gambe incrociate e Sandro si accese una sigaretta, mi chiese se mi ero imbarazzata a vedere mia sorella che faceva un pompino io risposi di no anzi che era stata una cosa eccitante, il suo cazzo era ancora duro e mentre parlavo lo vidi che si avvicinò e mi baciò ricambiai il bacio, sapeva baciare benissimo.
Le sue mani iniziarono ad accarezzarmi le spalle le braccia il seno, mi sentivo eccitata mentre le sue mani esploravano il mio corpo in più non smetteva di baciarmi, le mie mani che prima poggiavano sulle mie gambe iniziarono ad accarezzare il suo corpo i suoi muscoli erano tesi il sul petto era completamente glabro scesi strusciando le mie unghie sul suo petto fino a giungere a quel magnifico cazzo che avevo potuto vedere in tutta la sua grandezza poco prima, lo strinsi nella mia mano mi staccai dalla sua bocca e guardai in basso la mia piccola mano che stingeva quel pezzo di carne sembrava ancora più piccola.
Incominciai una lenta sega mentre lui portò le sue mani tra le mie gambe io per agevolarlo mi misi in ginocchio sul dondolo sentivo le sue dita entrare dentro di me senza mai dimenticarsi del mio clitoride, mi faceva impazzire si vedeva che era esperto.
Dopo pochi minuti io ero un lago sentivo il rumore dello sciacquettio delle sue dita dentro di me, a quel punto non riuscii a resistere e non so cosa mi venne in mente continuavo a baciarlo e mi misi a cavalcioni su di lui presi in mano il suo cazzo e me lo diressi dritto nella fica. Sentivo la sua cappella enorme per la mia fica farsi dolcemente strada dentro di me.
Lo spinsi dentro poco alla volta mi sentivo aprire la mia fica, non era certo abituata a quella misura, ma continuai a scendere fino a sentirlo che premeva sul fondo della mia fica cosi iniziai a cavalcarlo lentamente per poter gustare ogni centimetro di quel magnifico bastone, lui mi succhiava i capezzoli il collo mi baciava con una passione che sembrava volesse mangiarmi le labbra.
Le sue mani accarezzavano la mia schiena mentre io continuavo a cavalcarlo con ritmo sempre più veloce sentivo la sua cappella che spingeva sull‘utero e ogni colpo era un passo in avanti verso l'orgasmo, sentii le sue mani sul mio sedere mi facevano impazzire ad un tratto mi pose davanti la bocca due dita tese, iniziai a leccare a succhiare non sapevo perché volesse che gli leccassi le dita ma mi eccitava succhiare e cavalcare poi volevo dimostrargli che non solo mia sorella era brava a succhiare pochi istanti ancora e capii perché voleva che gli succhiassi le dita le poggiò sul forellino del culetto spinse con dolcezza, ma anche con decisione, mi fece un po’ male, ma spinse riuscendo ad infilarci un dito.
Non avevo mai permesso a nessuno di mettermi le dita nel sedere, ma in quel momento l'eccitazione il liquore e la voglia di godere mi fecero arrendere, lui iniziò a spingere violentemente il suo cazzo dentro di me costringendomi ad appoggiare il mio petto al suo in quella posizione non fu difficile per lui infilarmi anche l’altro dito nell’ano e spingerli tutti dentro sentii la sensazione di avere un altro cazzo dietro, mi fece impazzire mi contorsi urlai sentivo il cuore che mi batteva all’impazzata insomma ebbi un orgasmo magnifico .Sentii il mio corpo privo di forze, mi ero accoccolata a lui con ancora il suo cazzo ben piantato nella mia fica, Mi levai da sopra, in quel momento mi resi conto che lui non aveva il preservativo cosi per dare piacere anche a lui cominciai a fargli una sega lui mi posò una mano sulla testa invitandomi dolcemente a scendere sul suo cazzo, non feci molta resistenza scesi e iniziai a succhiarlo avidamente quasi per ringraziarlo dell’orgasmo ricevuto leccavo quel palo come un’affamata una mano accarezzava i suoi testicoli lo presi in bocca dovetti aprire tutta la bocca per riceverlo, e pensai solo per un istante a come si era dilatata la mia fica per prenderlo dentro, continuai e dopo pochi minuti sentii il suo bacino alzarsi e la sua voce roca dire che stava per venire, non avevo mai voluto farmi venire in bocca, ma continuai fino a farmi riempire la bocca del suo succo. Rimasi con la bocca piena per un paio di secondi non sapevo se sputarlo o che, poi lui mi prese e mi fece alzare mi avvicinò alla sua bocca e mi baciò e io lo ingoiai, il gusto era dolce non mi dispiacque anzi mi piaceva.

CAP. 4
Restammo seduti per un paio di minuti ero ancora eccitata non avevo mai goduto cosi e mai mi sarei immaginata che avrei fatto quello che avevo fatto! poi vedendo che non tornavano decidemmo di scendere. Andai in camera, ma non ci stava nessuno andando verso il frigo passai davanti al bagno capii dai rumori che si erano chiusi dentro Sandro venne da me io ero girata verso il frigo mi abbraccio e mi mise una mano sul sedere, poi mi sussurrò all’orecchio “ hai un sedere da favola mi fa venir voglia di mordicchiartelo” avevo i brividi, e lui se ne accorse io spavaldamente dissi “ e allora fallo” lui si chinò e inizio a baciarmi le natiche le sue labbra mi facevano tremare era dolcissimo poi dolcemente con le mani allargo le chiappe sentii allora la sua lingua che lentamente si avvicinò e mi leccò il buchetto del culetto mi diede dei piccoli morsi,mi piegai in avanti per facilitare l'operazione e lui continuo a darmi piacere, poi fummo interrotti dal rumore della porta del bagno Sandro fece un balzo per allontanarsi da me tanto da finire sulla poltrona.
Silvia mi chiese se andavo a dormire, con un po’ di rammarico salutai tutti e andai in stanza con mia sorella.
Entrate in camera mi misi il pigiama mia sorella si limitò allo slip.
Ci sdraiammo nel letto al buio, mia sorella mi chiese com’era stato il primo giorno le risposi che mi ero divertita lei ridendo mi disse
S: “ti credo se non uscivamo dal bagno a Sandro chiedevi anche il secondo round “
Io:” ci avete visto?”
S: “siamo saliti sopra una decina di minuti dopo e ho visto che ti davi molto da fare”
io:” solo tu o anche Matteo?”
S:” tutti e due e devo farti i miei complimenti non credevo fossi così intraprendente”
Io:” che vergogna ma che avete visto? Ma siete andati via?”
S:” siamo arrivati che vi baciavate e siamo rimasti li a goderci la scena!”
Io:” che vergogna”
S:” perché? Tu puoi vedere me che faccio un pompino e io non posso vedere te che scopi?”
Io:” si ma… la tua era una penitenza!”
S:” e che vuol dire ho notato che ti gustavi la scena!”
Io:” si vero”
S:” e poi che c’è di male hai scopato ti sei divertita e poi hai avuto un effetto dirompente su Sandro, prima in bagno non lo mantenevo più”
Io:” dai che vergogna!! “
S:” posso fati una domanda?”
Io:” tanto ormai!”
S:” ma anche il culetto non risparmi?”
Io:” non l’ho mai dato a nessuno!”
S:” ma se Sandro ci giocava con le dita e poi anche in cucina prima!”
Io:” si ci ha messo le dita e in cucina mi ha baciata, ti confesso che era bello ma non ho mai provato la penetrazione.”
S:” beh almeno in una cosa sono davanti a te!”
Io:” dai ti fai scopare il sedere? Ma non fa male?”
S:” La prima volta si, ma le volte successive fa male giusto i primi secondi poi è tutto piacere cara sorellina”
Io:” quindi sei un’esperta?”
S:” la prima volta l’ho fatto che avevo la tua età! E poi se non hai il preservativo con te lì non ne hai bisogno!”
Io:” com’è? Cioè godi?”
S:” si poi lui ha le mani libera e quindi può toccarti anche la fica!”
Io:” peccato che Sandro vada via”
S:” che maialina che sei!”
Io:” buona notte”
S:” notte sorellina maialina”
Io:” scema!”
La notte l'eccitazione mi fece dei brutti scherzi, sognai Sandro e immaginai di fare di nuovo sesso con lui, ma era un sogno!!
La mattina dopo ci svegliammo tardi e appena alzati andammo in spiaggia, fu una mattinata bella, ma mi dispiaceva che Sandro sarebbe andato via prima di pranzo prese il pullman e andò via.
Noi tre tornammo a casa a pranzare dopo mi misi a vedere la tv mentre mia sorella andò sopra a prendere il sole e Matteo si addormentò sul divano vicino a me. Mi ritrovai a guardare il suo corpo e feci dei paragoni con Sandro, ma alla fine pensai che erano belli tutti e due,
Il pomeriggio fu noioso andammo in spiaggia, ma Matteo non era molto vivace e mia sorella ormai vegetava al sole. La sera uscirono solo loro due io rimasi a casa a vedere la tv e poi non volevo disturbarli. mentre ero sul divano tornai alla sera prima con Sandro, passai i miei polpastrelli sulla pelle immaginando che fosse ancora lui, l'eccitazione saliva e io mi ritrovai a infilare due dita nella mia fica, mi bagnai molto poi curiosa provai a spingerle nel mio culetto, sentii di nuovo un po’ di dolore ma poi lentamente varcai la soglia anale e iniziai a provare un po’ di piacere, portai anche l'altra mano sulla mia fica e toccai il clitoride era gonfio bastarono pochi tocchi e scoppiò l'orgasmo.

CAP. 5
Quando tornarono mia sorella mi disse che avevano deciso di affittare un gommone per fare il giro della costa e se c’era tempo di arrivare a Capri, presi l’idea con molto entusiasmo.
Dato che dovevamo prendere il pullman per Sorrento alle otto, andammo a letto presto.
Mi giravo e rigiravo nel letto, faceva un caldo pazzesco per far passare un po’ d’aria avevo aperto il balcone e la porta della camera ed ero rimasta solo con il pantaloncino del pigiama con il seno nudo e senza slip, Ripensavo alla sera prima a com’era stato tutto molto eccitante ai cazzi dei ragazzi al fatto che per la prima volta avevo visto due cazzi nudi nello stesso momento al mio non imbarazzo a mostrarmi nuda a loro all’eccitazione di vedere mia sorelle mentre fa un pompino tutta nuda mentre altri la guardano alla magnifica scopata con Sandro, al fatto di non aver neanche pensato che potevamo essere visti.
Tutto ciò mi scombussolava ero eccitata le mie mani senza che me ne accorgessi, erano scivolate di nuovo sul mio corpo, i capezzoli erano già duri, dritti con una mano stringevo i miei seni soffermandomi a pizzicare i capezzoli l’altra continuò lentamente a scendere sul mio ventre cosparso di gocce di caldo sudore.
La mia mano giunse all’elastico del pantaloncino, feci una lieve pressione ed insinuai una mano dentro trovai la mia fica completamente aperta fradicia di umori e di sudore, iniziai con una mano a stringere i miei seni e con l’altra ad accarezzarmi il clitoride che svettava duro, mi sentivo donna mi sentivo eccitata.
Piegai le gambe portandole al seno afferrai l’elastico del pantaloncino e lo sfilai lanciandolo dall’altra parte del letto, mentre mi contorcevo per levarmi il pantaloncino un piccolo soffio di vento mi colpì la fica che bagnata di umori si contrasse donandomi un sussulto.
Ero sdraiata nel mio letto a donarmi piacere, nella mia mente le scene della sera precedente mi sconvolgevano e mi eccitavano ero bagnata di sudore le mie dita scopavano la mia fica indecentemente bagnata, mi ritrovai appoggiata sui talloni e sulle spalle con il bacino alzato.
Le mie dita che all’inizio si muovevo in maniera delicata e dolce, trasportate da quei pensieri si muovevano sempre più velocemente e se prima era solo un dolce massaggio ora esploravano prepotentemente la mia fica.
Più andavo avanti e più le mie dita si facevano largo, iniziai a gemere, in un secondo di lucidità girai il volto affondando la bocca nel cuscino per attutire il mio piacere, ma la foga non si fermò, anzi volevo godere, le dita scopavano la mia fica entrando sempre di più ero così bagnata che tre dita entravano senza alcuna resistenza.
Nella mia mente apparivano dei flash dei loro corpi nudi dei loro cazzi della schiena inarcata di mia sorella che piegata succhiava avida il cazzo di Matteo.
Le dita instancabili non si fermavano mai, l’altra mano accarezzava i miei seni il mio bacino il mio sedere, poi non ce la feci più infilai due dita in bocca per non urlare, ma invece di zittirmi mi ritrovai a succhiarle tenendole in bocca e giocandoci con la lingua.
Caddi stremata sul materasso bagnato dal mio sudore e dai miei umori, dopo pochi minuti un sentii Silvì e Matteo che parlavano e ridevano sottovoce stavano nella sala da pranzo, avevo una paura folle che mi avessero sentito, cercai di ascoltare quel che dicevano, ma non sentivo bene cosi mi spostai dall’altro lato del letto che stava più vicino alla porta.
Matteo diceva che era pericoloso che io avrei potuto sentirli, mia sorella lo tranquillizzava dicendogli che io sicuramente già dormivo profondamente, poi sentii lui che chiedeva di controllare, non so cosa mi prese, mi misi sul fianco rivolta alla porta e feci finta di dormire con il cuscino sulla testa cosi potevo tenere gli occhi semi aperti senza essere vista.
La poca luce del balcone in camera mia illuminava discretamente la mia stanza e dalla sala da pranzo arrivava oltre che la luce del balcone anche quella della camera di Matteo e Silvia. Vidi Matteo che si affacciò nella mia stanza era nudo, non riuscivo a vederlo in faccia il cuscino me lo impediva, quando mi vide tutta nuda, vidi il suo cazzo iniziare ad indurirsi poi arrivò mia sorella alle sue spalle che gli sussurrò: ” vedi che dorme?” poi si accorse del cazzo che si stava lentamente indurendo e vedi che la mano di Silvi lo prenderlo in mano mentre con l’altra gli accarezza il sedere poi si avvicinò all’orecchio e gli disse” ti piace la mia sorellina? Lo so che ti piace! Appena l’hai vista ti si è iniziato ad indurire! Ti scoperesti anche lei non è vero? Hai visto com’è carina con la fighetta non del tutto rasata?” dicendo questo continuava a fargli una lenta sega poi si chinò davanti a lui e iniziò a leccargli il cazzo.
Si rialzò e gli sussurrò:” Vienimi in bocca mentre guardi la sua fighetta” io ero lì non sapevo cosa fare, non sapevo se chiudere gli occhi, se dare un segno con un movimento un colpo di tosse per farli andare via…. Ma perché farli andare via? Mi piaceva guardarli, anzi l’unica vera voglia che avevo era quella di potermi toccare nuovamente.
Rimasi lì a guardarli mentre mia sorella si dedicava a succhiare quel magnifico cazzo, ogni volta che lo levava dalla bocca, il cazzo sembrava luccicare tanta la saliva che lasciava sull’asta, poi vidi mia sorella girarsi verso di me allargare le gambe e guardarmi mentre con una mano iniziò ad accarezzarsi la fica.
Ogni tanto facevo dei piccolissimi movimenti per mettere ancora di più in mostra la mia fica, durò una decina di minuti poi sentii Matteo che ansimava Silvia si mise davanti al cazzo e si fece venire in faccia, era una scena eccitantissima lei piegata davanti al cazzo, con una mano gli faceva una sega e l’altra un po’ gli accarezzava le palle un po’ gli toccava il sedere.
Mia sorella mentre lui veniva lo guardava dritto in faccia divertita con la bocca spalancata mentre lui guardava un po’ me ed un po’ lei.
Silvì si alzò e si sparse lo sperma che le era caduto sul seno come se fosse stata una crema solare,
poi si avvicinò alla spalla di Matteo proprio di fronte a me aveva ancora il suo cazzo in mano, si avvicinò al suo orecchio e gli sussurrò qualcosa che non capii
Matteo uscì dalla stanza mia sorella mi augurò la buona notte.
Per consigli commenti o foto Eli83bn@libero.it

Questo racconto di è stato letto 3 5 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.