Una storia da raccontare 9 - Al glory hole con mia sorella e il cazzo ingabbiato.

Scritto da , il 2021-02-21, genere incesti

Come chiestomi da mia sorella,in sua assenza avevo guardato alcuni filmati con le sue incredibili performances da troia del marito inconsapevole cornuto e come da lei previsto mi ero consumato il cazzo di seghe.

Tra tutte le scene ugualmente pazzesche nella loro incredibile capacità di mostrarmi quanto fosse troia mia sorella,quella che più mi faceva arrapare era quella col cameriere nero nella sua camera d'albergo il secondo giorno del suo viaggio di nozze.

Era pazzesco vedere con quanta voracità gli succhiava quel cazzo di ebano spingendosi a leccargli i testicoli lisci come palle da biliardo e spingendosi persino oltre il perineo per leccargli il buco del culo.

E poi le sue contrazioni,il suo tremore e le sue grida quando la chiavava nella fica o se la inculava.

Tutto quello però era assolutamente niente rispetto a ciò che aveva fatto quando lui strappandosi il preservativo le si era seduto sul seno ed afferrandola per in capelli glielo aveva messo in bocca.

In quei frenetici pochi attimi,lei era riuscita a sfilarsi la fede per mettersela in bocca nel momento stesso in cui lui,grugnendo come un maiale,aveva cominciato schizzarle i suoi fiotti di sborra direttamente in gola.

Poi,con la naturalezza di chi compie un gesto scontato,se lo era preso tra le dita e lo aveva strusciato sulla cappella gocciolante per lasciarlo completamente intriso di sborra sul comodino di Piero.

Nonostante che avessi visto quella scena già diverse volte,anche allora,immaginando che anche mia moglie avesse fatto la stessa cosa col suo amante,me ne ero venuto senza neanche toccarmi.

La foia di Piero poi alsuo rientro,quando aveva visto la vera nuziale sborrata,si era scatenata come un animale e lui stesso aveva voluto sborrarla con l'anello infilato nella fica.

Quando mia sorella era tornata,bella e sensuale come sapeva essere quando si preparava (anche da ragazza)per andare a prendere cazzi,mi si era subito avvicinata per verificare se le avessi ubbidito.

Trovandomi il pisello molle come una pelle di daino ed i testicoli vuoti e raggriziti come i palloncini sgonfi dei bambini,mi aveva sorriso compiaciuta e accarezzandomi i capelli,mi aveva baciato sulla fronte.

-Abbiamo ancora più di un'ora a disposizione prima di uscire e useremo quel tempo per renderti più presentabile per l'impegno che abbiamo.

Come prima cosa,vai a fare un clistere con quella pozione che c'è in bagno.....io l'ho gia fatto dalla mia estetista perché non si sa mai.

Poi fai la doccia e dopo che ti sarai asciugato,verrò ad aiutarti a rasarti il cazzo e il buco del culo da quegli orribili peli.

Devo confessare che prima d'allora non mi ero mai depilato ed il fatto che mi fossi anche svuotato le visceri,mi faceva sentire davvero bene.

-Scommetto che quella troia di tua moglie non si è mai fatta vedere da te mentre scopava col suo amante...che troia!

Si divertiva solo a farti segare e farti sentire cornuto ai suoi racconti e poi,ti diceva pure di volerti bene.

Però a pensarci,forse ti voleva bene davvero se così è riuscita a far emergere,come facevo io da ragazza,il cornuto che c'è in te.-

Mi aveva detto mia sorella quando entrambi eravamo pronti per uscire.

Quando siamo entrati in quel porno shop,ero rimasto colpito dall'eleganza dell'ambiente e dal silenzio che avvolgeva quello strano ambiente pieno di vetrinette con esposti oggetti erotici di ogni genere e qualche angolo appartato con dei divanetti di velluto rosso sui quali si potevano vedere nella penombra alcune figure.

A quel punto,mi ero reso conto di essere esposto al pubblico per la prima volta nel ruolo che aveva deciso mia sorella.

Un senso di inquietitudine mi teneva sospeso il respiro mentre un tremolio del corpo accopagnava i battiti accelerati del mio cuore.

Mia sorella che aveva percepito quel mio stato d'animo,mi stringeva la mano e mi sussurrava parole rassicuranti,

Dopo aver girato per qualche minuto per curiosare tra gli ambienti e gli oggetti esposti,ci si era avvicinata una giovane ragazza che con modi cortesi ci aveva chiesto se poteva esserci utile.

-Certo!

Speriamo che davvero lei ci possa aiutare.-

Aveva detto mia sorella.

-Eccomi!-

Era stata la risposta della ragazza accompagnata da una specie di balzetto e da un freschissimo sorriso mentre spingeva le piccole e sode tette in avanti.

-Bene!-

Aveva aggiunto sorridendo mia sorella per riprendere subito dopo:

-Vede,io e mio marito abbiamo un problema di eiaculazione precoce.-

-Guardi signora,questo è il posto giusto per risolvere quel genere di problema.

Abbiamo rimedi naturali orientali "Sciroppi,creme e infusioni" e poi,pomate ritardandi che produciamo noi stessi oltre ai presevativi studiati ad hoc da una ditta tedesca.

L'altro giorno è venuta da noi una coppia che aveva quei problemi e in quella stessa settimana la moglie ci aveva telefonato soddisfatta per le prestazioni del marito.-

-Guardi che il nostro problema non è esattamente quello.

Mio marito è molto ben dotato e quando facciamo l'amore normalmente,non ha di quei problemi.

La sua incapacità di trattenersi si manifesta quando gli racconto dei miei incontri con altri uomini e,ancora peggio,quando anche lui è presente mentre sono a letto con altri maschi che mi trattano come una troia.

In quei casi si masturba in modo conpulsivo e se ne viene prima ancora che io abbia avuto il mio primo orgasmo.

A volte,basta il semplice fatto di sapere che andrò a scopare con un altro per farlo sciogliere senza neanche toccarsi.-

-Da come me lo dice signora,suo marito deve essere davvero molto innamorato....-

Stava commentando la ragazza subito interrotta da mia sorella:

-Guardi che si sbaglia,mio marito non è solo innamorato; Il fatto è che è un vero grandissimo cornuto che gode alla sola idea che io possa essere a letto a scopare con un altro.-

Quella conversazione dalla quale ero stato completamente escluso,mi aveva imbarazzato moltissimo al punto che,rosso in viso,se non fossi stato trattenuto per mano da mia sorella,me ne sarei andato via.

Devo per la verità anche aggiungere,che quel discorso mi aveva eccitato moltissimo ed anche se non ero in grado di avere una erezione,mi sentivo bagnare le mutande da goccioline di umori prespermali.

A quel punto la ragazza guardandomi con occhi tra il patetico e lo stupito aveva aggiunto:

-Be signora,se le cose stanno così non c'è altro da fare che rinchiuderlo in una gabbietta di castità!-

-Gabbietta?-

Era esplosa mia moglie:

-Che gabbietta e gabbietta,mio marito tra le cosce ha un cazzo che neanche si immagina!

Per lui ci vuole un gabbione gigante altroché!-

La ragazza con occhi sempre più stupiti:

-Be,in questo caso sono da escludere quelle in tondino di metallo.

Abbiamo dei nuovi arrivi in una plastica speciale studiati apposta per casi come questi.
Hanno l'intermo elastico e sono disponibili dalle misure miscro sino alle maxi.

Se venite con me in studio ve li mostro e nel caso può farne provare qualcuno a suo marito.-

Lo studio era attrezzato come quello di un ginecologo con un lettino per le visite ginecologiche e tutti gli attrezzi atti ad ispezionare la fica e l'ano.

Con mio grande imbarazzo la ragazza mi aveva fatto spogliare e distendere in posizione ginecologica e poi aveva mostrato a mia sorella il campionario e mentre glielo descriveva,aveva anche fatto un commento:

-Per me con un arnese che diventa così dopo una sega,può andare bene anche una misura media...-

A quelle parole mia sorella l'aveva subito interrotta guardi che si sbaglia,per lui ci vuole ben altro.

Dopo un ulteriore scambio di commenti,la ragazza si era assentata e dopo poco,era tornato con un medico il quale dopo un veloce sguardo ed una palpata aveva detto:

-A questo,se gli facciamo indossare un medio,alla prima erezione ci rimane.
Fagli indossare la misura XXX come quello che abbiamo dato il mese scorso a quel marito che ce l'aveva più grosso del fidanzato negro della moglie.-

Poi rivolgendosi sempre a mia sorella come se io non esistessi aveva aggiunto:

-Se avete intenzione di passare alle cabine della glory hole,posso fargli indossare questo campione che se va bene,sostituiamo con uno nuovo e questo lo laviamo e lo sterilizziamo in una macchinetta apposita.

Dopo quella proposta,mi aveva sollevato le gambe e mi aveva ispezionato il buco del culo infilandoci un dito per poi concludere,sempre rivolto a mia "moglie" lo sa signora che suo marito è vergine?

-Si!-

Aveva risposto lei imbarazzata con un tono incerto.

-Tenga conto signora che se indossa questo congegno di castità e comincia a frequentare ambienti come questo,sarà bene che cominci a prepararlo anche se un po avanti con l'età non è mai troppo tardi.-

Poi rivolgendosi alla ragazza aveva detto:

-Bruna prendi quel campione di strap-on arrivato ieri e dallo alla signora che nel caso lo può provare stasera e se le piace,glielo puoi dare con lo sconto.-

Quando la ragazza era tornata,aveva con se un cazzo di silicone color carne dall'aspetto assolutamente realista e collegata ad una cintura.

-Sa come funziona?-

Aveva chiesto rivolgendosi a mia moglie.

-Be si...qualche volta l'hanno usato con me però,se mi mostra come funziona è meglio.-

La ragazza senza battere ciglio,si era tolta la maglietta ed i pantaloni rimanendo completamente nuda.

Poi,dopo aver indossato l'arnese,l'aveva cosparso di una crema lubrificante che aveva poi passato anche sul mio sfintere anale.

Immediatamente poi,senza tanti complimenti me lo aveva puntato tra le chiappe e con una spinta secca,me lo aveva infilato tutto nel culo incurante del fatto che mi avesse procurato una fitta di dolore.(Per fortuna la pozione dell'enteroclisma aveva delle componenti emollienti altrimenti con quella spinta mi avrebbe davvero rotto il culo)

Dopo poche corse dimostrative,me lo aveva sfilato e mentre lo asciugava complimentandosi con mia moglie per quanto fosse pulito il mio retto, aveva chiesto a mia moglie se avesse capito e se le piaceva l'idea di averne uno in casa.

Con la gabbia montata e lo strap on nella borsetta,la ragazza ci aveva accompagnati all'ingresso del box glory hole.

Alla mia titubanza ed a quella di mia sorella che non vedeva maschi in giro,aveva subito chiarito che per motivi di privacy, le cabine avevno due accessi.

La prima dove eravamo noi,era riservata alle signore o le coppie,mentre l'altra dava sul salone dove aspettavano i maschi pronti ad infilare i loro cazzi nei numerosi buchi posti a tutte le altezze.

La porta che dava sul salone dei maschi arrapati e coi cazzi già pronti si poteva aprire solo dall'interno nel caso in cui si desiderasse avere compagnia.

La ragazza prima di salutarci aveva detto:

-Buon divertimento.

Lo so,vedendomi così avete pensato che sono una giovanissima puttanella che lo fa per soldi.

Vi sbagliate.

Io ho 26 anni ed ho un fidanzato a cui piace vedermi fare l'amore con altri maschi.

Vi sarete anche chiesti come mai così giovane sono già così esperta.

Posso solo dirvi che sono stata sverginata giovanissima da mio padre un bastardo che non ho più voluto rivedere da quando è finito in galera.

Quanto a voi,mi sembrate una bella coppia affidabile e seria come se ne vedono poche in questo ambiente e se vi farà fiacere,mi piacerebbe incontrarvi insieme al mio ragazzo per goderci qualche ora insieme e per raccontarci un po le nostre storie.

Non appena la porta si era chiusa alle nostre spalle,già da un buco faceva capolino un bel cazzo desideroso di attenzioni.

segue




Questo racconto di è stato letto 3 2 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.