L'incredibile storia di Alice e Giulia 3

Scritto da , il 2021-02-01, genere feticismo

Racconto 3

La giornata proseguì bene, Alice era raggiante, tutto stava andando bene come previsto. Giulia nel pomeriggio aveva letto i link inviategli da Alice. Avendo tempo solo per parlare con la sua domestica di tali argomenti, è stato per lei facile prenderli per veri senza porsi troppe domande, per di più se così ben costruiti.
Aveva espresso la volontà di avere saliva da poter usare per le mani e per i piedi.
A questo proposito Alice si era preparata qualche sito e qualche isterzione di eBay di saliva di cane ed umana. Quella di cane 200€ 100ml, mentre quella umana 400€ la stessa quantità. Questi prezzi erano alti anche per chi guadagna ottomila euro al mese come Giulia. Soprattutto se rapportati alla quantità corrispodente a due o tre utilizzi. Questo rese naturale per Alice dire:"secondo me Giuli, non ha senso spendere quelle cifre, anche se te lo puoi permettere, dal momento che hai comunque un cane, che ti può leccare mani e piedi quando vuoi."
" Si, hai ragione, però non posso disturbare sempre Blanche ogni volta e poi quella umana funziona il doppio meglio ho letto... Dovrò mettermi a sputare dentro dei vasetti, ma ci vorrà una vita, non ho tutto questo tempo e poi spesso ho il rossetto.. dai, comprane un po' non è un problema."
Alice aveva ottenuto quello che voleva sentirsi dire.
"No Giuli, mi rifiuto, piuttosto nel tempo libero faccio io dei tubetti con la mia saliva, anche se per via degli enzimi, non trattata, bisognerebbe tenerla in frigorifero, s e no perde quasi tutte le proprietà. Le salive che si comprano comunque hanno dei conservanti seppure in piccole quantità..."
Alla parola conservanti Giulia storcette il naso come previsto da Alice.
"Ripeto posso darti la mia saliva quando necessario, non userò rossetti, e comunque la metterò in un tubicino, così potrai applicarla tu anche nelle tue stanze. ne potremo tenere anche una piccola scorta in frigorifero. Poi c'è sempre blanche.."
A questa disponibilità di Alice, non poté altro che essere felice e rassicurata. In fondo le doveva tutto quella ragazza.
"Grazie mille Alice cara. Se per te non è troppo possiamo provare così, se poi non hai salivazione da poter riempire i flaconcini vedremo che fare."
Dette queste cose, Alice riempì tre Falconcini con parte della sua saliva e parte delle creme più costose(inodori) ammorbidenti per la pelle(comprate di nascosto). Così da avere effetti garantiti. Per il rimuovere i calli sarebbe bastata una pedicure più radicale ogni volta (erano solite due volte al mese). La sera stessa il massaggio solito fu preceduto da una lubrificazione di Blanche. Il resto procedette normalmente.
Nei giorni successivi Alice si svegliava ssmpre presto per osseravre come il cane svegliasse la sua padrona, come leccava, per quanto tempo. Nel frattempo, Giulia usava la 'saliva marca Alice' soprattutto per le mani, ma anche per i piedi prima di dormire o dopo la doccia. Effettivamente Giulia percepì miglioramenti soprattutto ai piedi, dovuti quasi interamente ad una pedicure più scrupolosa ed impeccabile. Tanto è che prima dei massaggi serali smise di chiamare Blanche ed in compenso si faceva applicare -sempre dal flacincino del frigorifero-(altri modi sarebbero stati forse sconvenienti agli occhi di Giulia) la crema alla saliva di Alice.

Trascorse un mesetto senza nessuna novità senonché Alice decise che aveva abbastanza informazioni per potersi sostutuire a Blanche nella 'sveglia mattutina'. Aveva notato che il cane su quattro settimane svegliava Giulia circa 5/6 giorni su sette, quasi sempre ma non sempre. Le leccate erano veloci e larghe, partivano senza metodo ma andavano a ricoprire tutta la superficie delle piante, quando non ritratte prima da Giulia. Il tutto durava circa tre minuti. Molto poco e molto insoddisfacente. Ma era meglio di nulla. C'era un altro problema, due volte in un mese, Giulia si è alzata praticamente subito, prima dei tre minuti, dopo pochi secondi, forse perché sveglia già da prima per una nottataccia. Quelle volte ha visto il cane subito e lo ha portato sul letto. In quelle occasioni Alice ha dovuto spostarsi di lato di colpo per non farsi vedere. Era un gioco rischioso. Valeva la pena? Per Alice si.
La fatidica mattina prescelta arrivò. Alice era in pigiama, a gattoni raggiunse ila stanza ed il letto di Giulia. si era prtata il cellulare per immortalare il momento prima, per ricordarselo. Le piante erano perfette, rivolte verso il basso. Giulia stava dormendo a pancia in giù. La pelle liscissima non aveva la benché minima imperfezione (ci mancherebbe solo con tutte le cure che riceveva) i 42,5 erano un cuscino morbidissimo e roseo, sul quale Alice avrebbe voluto affondare il volto. Le dita snelle ed affusolate erano appetitose come patatine fritte pronte da essere mangiate. Dopo la foto di quell' insieme iniziò a lambire. Alice cercò di concentrasi, ma i suoi sensi erano in subbuglio, sperava di fare le leccate giuste. Era in estasi. Tutto ciò che aveva desiderato era bello come immaginato. Il tempo trascorse in un baleno, sebbene fossero passati più di tre minuti, circa cinque, Alice non se ne rese conto. ma ad un certo punto Giulia ritrasse i piedi e per poco non sfiorò il volto di Alice. Dopo questo spavento, Alice torno gattonando in fretta nella sua stanza, e appena chiusa la porta ebbe il miglior orgasmo autoindotto della sua vita. La missione era andata a buon fine. Una variabile che non aveva considerato era il tempo. doveva mettersi un orologio, meglio se con il cronometro integrato, al polso da poter leggere rapidamente. Forse giulia non si era svegliata subito perché era stata fin troppo delicata nel leccare, non come avrebbe fatto più freneticamente un cane. Altra incognita era il fatto che avrebbe potuto essere colpita da un piede, che al tatto, non avrebbe sentito la pelliccia di Blanche. Per questo Alice ebbe un'idea che poteva essere considerata a seconda del temperamento di chi l'avesse vista, da film horror oppure estremamente ridicola. Avrebbe fatto una 'maschera di pelliccia' in modo che se dovesse essere sfiorata al tatto fugace dovrebbe sembrare un cane. Così prese l'interno di un cappuccio della sua giacca e ne fece questa ridicola machera spaventosa che lacsiava occhi naso e bocca scoperti. Il naso infatti pensava che avrebbe dovuto bagnarselo ogni volta, così da sembrare qulelo di un cane.
Con queste precauzioni prese, Alice pensava che avrebbe potuto fare questo giochetto un paio di volte a settimana, per non sfidare troppo la sorte, che per adesso era stata molto benevola.
Le settimane passarono normalmente. Alice, furtiva come un ninja, perfezionava di giorno in giorno la tecnica. Solo una volta è ststa sfiorata, sulla pelliccia, sicuramente scambiata per il cane(anche perché ci vuole molta fantasia per immaginare altro).
Aveva notato che con lei Giulia non si svegliava subito, anzi, poteva andare avanti anche per 5/6 minuti, ma non si spingeva mai oltre i 6 anche se non si svegliava. Anzi l'ideale era non svegliarla. Però doveva 'non svegliarla', cioè sostituire il cane, solo due volte a settimana e non gli stessi giorni, per non destare alcun sospetto.
Questa pratica però non era molto soddisfacente per Alice; perché i piedi di Giulia erano sempre puliti la mattina per la doccia serale, quindi privi quasi totalmente di sapore in più era una cosa molto rischiosa, doveva sfruttare il fatto di averla convinta che la saliva umana sia la migliore crema per il corpo. Per questo aveva un'idea molto ambiziosa. Natale era alle porte, voleva farle (o forse farsi) un regalo che avrebbe cambiato possibilmente le cose. Alice avrebbe scritto un piccolo libro di cento pagine, di un dottore sconosciuto ambientalista specializzato in pratiche antiche ed ecosostenibili. Questo libro contenente, in maniera sottile ma decisa, molti riferimenti a quanto sia salutare la saliva su mani e piedi, specialmente quella umana, meglio fresca, meglio se applicata 'naturalmente' con la lingua, perché la lingua, come quella dei gatti, ha dei micro uncini che fanno una azione di rimozione di impurità miscroscopiche ecc ecc. Queste baggianate dovevano convincere Giulia che la lingua sui piedi faceva benissimo ed era una cosa naturalissima e per nulla strana. Ma siccome il salto dall'avere letto il libro ad offrirsi di leccarle i piedi era ancora troppo grande. Alice decise di inventare un applicatore in 'silicone biologico' che imitava, seppure non come l'originale, l'effetto dei pori della lingua sulla pelle e dunque ottimo per splamare la saliva.questo applicatore consisteva in un manico di pennello modificato per avere una lingua di silicone, di quelle usate i trucchi di magia o gli scherzi, al posto delle setole. Questo ridicolo oggetto doveva abituare Giulia al fatto che la cosa migliore comunque fosse una lingua, umana(perché migliore delle altre) per applicare la saliva.
Ovviamente questo bizzarro oggetto doveva essere falsamente presente su internet anche con recensioni etc. Questo non era un problema per Alice.
Arrivarono le vacanze di Natale, dove le settimane precedenti furono nella norma, con addirittura un giorno Alice-Blanche aveva ricevuto dei complimenti da Giulia per la 'sveglia' mattutina: "Bilance sei diventata più brava con le leccate!"
A Natale per due settimane Alice tornò nel suo paese vicino a Varese dai suoi parenti. Giulia andò anche lei a Roma dalla famiglia della madre. Blanche fù affidata ad una signora anziana del piano di sotto. Il regalo di Alice per Giulia erano due libri, uno sulla storia delle calzature, l'altro quello, tanto laboriosamente creato da lei, con annesso quel ridicolo pennello-lingua promosso nel libro.
Giulia aveva regalato ad Alice un paio di scarpe da 700€, apprezzate ovviamente.
Nei giorni di lontananza entrambe le ragazze sentirono la mancanza reciprica. Giulia dai suoi parenti non era viziata e trattata come una dea, ma veniva trattata normalmente, doveva essere autosufficiente senza una schiava pronta a fare tutto per lei. Il che le fece rendere conto dell' imporanza della comodità di avere una sottoposta e anche una amica a cui parlare.
Alice dal canto suo era in crisi di astinenza di piedi. Si era portata dietro qualche paio di calze usate della sua dea, ma non bastavano, ora che era abituata a svegliarala qualche mattina.
Finalmente le vacanze finirono, un giorno dei primi di gennaio, le ragazze tornarono a Milano. si ritovaraono in stazione centrale verso le 10 di sera per consentire ad Alice di aiutare Giulia con le valigie. attorno alle 10:30 erano già nell' appartamento. Giulia era molto stanca per il viaggio in treno da Roma e dunque dopo qualche discorso di quanto fosse bello tornare a casa e di quanto si mancassero andò velocemente a letto.
Alice in crisi di astinenza dopo poco tempo, incurante dell' incertezza che la padrona stessa dormendo, si avventò sui fantasimini neri ancora caldi dal viaggio lasciati nelle Adidas bianche. Fù un tripudio estatico. Dopo così tanto tempo quel profumo così rinvigorente le pervadeva il viso e la riempiva di buon umore.
La mattina seguente, Alice senza pensarci troppo si svegliò presto e diede la 'sveglia' alla padrona di casa. Non aveva mai leccato dei piedi così saporiti, era una cosa incredibile, era il massimo per lei, tutto ciò ceh aveva sempre sognato. Fare scorrere la lingua piena di saliva su quelle curve perfette che tanto conosceva. Guardò l'orario e stava da più di 5 minuti ma non riusciva a staccarsi.
Ad un tratto i piedi di Giulia si ritarassero sfiorando la maschera di pellicia, la voce assonnata e rauca di Giulia disse:".. Blanche, lasciami dormire ancora un po'. è presto..."
Sentite quelle parole, il cuore di Alice saltò un battito, per poi accelerare all'impazzata. La paura pervase il suo corpo. Come aveva fatto ad essere così ingenua? La sua smania lussuriosa di leccare le aveva fatto dimenticare un dettaglio fondamentale. Banche era ancora giù dalla vicina. La sera precedente erano arrivate tardi e per non svegliare la signora Piera avevano convenuto di prendere Blanche la mattina seguente.
Il panico era totale.

Questo racconto di è stato letto 1 6 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.