Puttanello siriano storia medievale

Scritto da , il 2021-01-12, genere gay

Puttanello siriano storia medievale

Stava annottando e nella oasi a fianco di Aleppo, il caldo cedeva alla piacevole brezza notturna.
Nella tenda di Monroy , ora mio padrone, Selim l’eunuco mi stava preparando per la prima notte. Il padrone di cui era stato puttanello turco, avendo lui Selim fottuto la sorella del padrone era stato prontamente da questi castrato. Ma poi pietoso invece di cacciarlo il padrone lo aveva incaricato di educare i femminucci. Come tutti i cavalieri crociati, Monroy aveva giurato di astenersi dalle femmine, ma ridendo, assieme agli altri cavalieri, aveva espresso il parere che il divieto non si estendesse ai dolci culetti dei ragazzini.
Selim mi descrisse la possanza di Monroy la cui mazza lunga quasi un piede e grossa come un bastone di pellegrino, era conosciuta in tutta la Siria. Nel prepararmi, dopo aver constatato che non doveva rasarmi perché ero liscio come una bambina decenne, mi istruì come far godere il padrone. Dovevo ricambiarlo con gratitudine per avermi comprato dai mori danaiti che altrimenti mi avrebbero venduto a un bordello persiano. Selim fu esplicito : come leccare il membro sino a indurirlo, come prenderlo in bocca, come porgergli le mie piccole natiche rosee. Cercò di consolarmi per il dolore che avrei provato.
In verità non era necessario perché prima che arrivasse la pubertà mio padre e il mio fratello maggiore aveva più volte violato la mia innocenza infilando i loro cazzi nel mio buchino e forzandomi la bocca mi avevano riempito la gola di broda maschile. Così con una dieta di sugo di maschio diventerai più femminuccio avevano detto ridendo. Mia madre sapendo che mi avrebbero venduto, mi insegnò come stringere il muscolo del mio buchino per simularne la verginità e da donna esperta mi masturbò i capezzoli sino a farli diventare rossi e grossi come ciliegie del Caucaso.
La prima notte fu un sogno, Lo osservai mentre solo vestito della stretta calzamaglia che metteva in rilievo il grosso membro , si faceva massaggiare dallo schiavetto nero le spalle e l’ampio torace peloso. Venne profumato e quando si girà mostrandomi le potenti natiche muscolose odoranti di spezie, impazzii.
In ginocchio di fronte a lui urlai: padrone sono la tua troia e gli tolsi la calzamaglia. Il grosso cazzo eccitato si erse come una torre e lui ridendo con quello mi schiaffeggiò il viso e le labbra.
Alzandomi gli chiesi strizzami i capezzoli. Il dolore mi fece drizzare il mio piccolo uccello. Mi svegliç con dolci carezze su tutto il corpo, giocò con il mio gingillo facendolo indurire e baciandomi gli occhi disse. è ora di renderti mio femmino. Non volle prendermi come fossi una vacca. Si sdraiò sui cuscini con l’enorme pene eretto come una torre e mi fece sedere su di lui. La grossa punta iniziò a entrare nel mio buchino che Selim aveva abbondante unto. Non bastò però. Mentre piano piano il peso del mio corpo e la pressione delle sue mani sulle spalle forzavano la penetrazione, piansi per il dolore. Mi sentivo squarciato come se una spada mi avesse tagliato le viscere. Ma le sue carezze e il suo strizzarmi dolcemente i capezzoli, fecero il miracolo. Alla fi ne il mio culetto sulle mie gambe ripiegate, aveva preso in sé l’enorme membro. Non mi sentivo più squarciato, ma femmina posseduta. Grato gli sorrisi e accarezzai il suo volto che esprimeva piacere. Poi mi prese il corpicino fra le mani e iniziò ad alzarmi ed abbassarmi sul suo enorme cazzo. MI stavo eccitando e un senso di gioia e godimento mi riempiva. Il mio gingillo si induri e iniziò a fremere. Lui se ne accorse e si fermò. Era tutto grosso e duro dentro di me. MI morsicò con forza i capezzoli e schiacciò i miei testicoli con la sua forte mano sinistra. meravigliato non provai dolore ma dal mio cazzo scaturì un getto di liquido latteo e gelatinoso che raggiunse il padrone al viso. Tremante di quel mio primo godimento gridai. perdono padrone. Lui sorriso, col dito raccolse dal viso il mio sperma e poi si mise il dito in bocca. Buono, disse questo sugo di puttanello.
Brutalmente riprese a penetrarmi e finalmente il su e giù del membro nel mio culetto produsse l’uscita del suo copioso seme. Avevo il pancino pieno quasi fossi incinto e non osavo muovermi per poter assaporare questa farcitura del mio buchino. Quando mi alzai il suo seme uscendo a fiotti creò un lago. Quella notte dormii nel suo letto.
Per i due anni seguenti fui il suo puttanello femminuccio. Così femminuccio che accompagnandoli nelle visite agli sceicchi, questi si meravigliavano che il padrone invece di godere di un maschietto peloso si accontentasse di una femmina.
Pur troppo l’età si faceva sentire e con orrore mi accorsi che la pubertà stava arrivando e il corpicino di femmina stava diventando maschio e che mi stavo ricoprendo di peli.
Mi regalò, per festeggiare la data del mio acquisto, questa canzonetta malandrina.
Puttanello, biondo e di corpo, bello,
nel bosco mostra il culetto col buchetto tondo.
Poi gentile menami a lungo l’uccello.
Se me lo succhi bene, ci divertiremo un mondo.
Su , non fare il timido coglione!
Prendi in culo il mio grosso bastone.
Dentro di te voglio farlo saltare,
poi arrapato , da te farmi inculare.
Giochiamo gioiose assieme come troiette
Anche se per ora ci mancano le tonde tette
noi abbiamo grosso cazzoni,
adornati da pelosi coglioni.
La bocca avida, a succhiare intenta,
sarà sempre, uomo mio contenta.
Benché non fossi schiavo, mi sottomettevo con piacere alla sua perversa libidine. Ma ora, ingrato mi convocò.
Stai invecchiando e a me piace la carne giovane. Disse. Ho deciso di venderti.
Piansi disperatamente. Lui si commosse e decise che mi avrebbe portato in Francia. Ma non come suo amante.
Ma prima mi impose una grande umiliazione perché io e i suoi amici, tutti ricordassimo chi ero.
Con Selim preparai una grande cena per il padrone ei suoi sei amici Cavaleri Templari venuti da Gerusalemme.
La tavola, ornata di fiori era piena di cibi raffinati e vini preziosi. Ma, in verità io ero il pasto da consumare.
Prima di mangiare dovetti, nudo danzare stringendo e aprendo le natiche, carezzando le mie tettine, menandomi il gingillo per eccitarli.
Poi strisciando da uno scranno all’altro dove nudi sedevano, dovetti succhiare i loro cazzi e ingoiarne il sugo.
Quando finii mi permisero stremato di sdraiarmi sui tappeti e dormire.
Il loro festino proseguì. Al pomeriggio su ordine del padrone dovetti far accomodare prima i loro cazzi nel mio buchino e farmi fecondare, poi pulirli co la lingua e farli venire nella bocca.
Per colmo di umiliazione, tutti mi sculacciarono. Le mie chiappette in fiamme che contornavano in buchino rosso e gonfio come la bocca di una puttana, erano così sensibili che ogni tocco mi faceva indurire il gingillo dandomi brividi di libidine.
Per finire la serata dovetti sdraiarmi per terra , mi infilarono un grosso fallo finto di legno di ulivo che i Templari avevano portato da Gerusalemme e che loro mi avrebbero regalato come ricordo per il viaggio in Francia e dovetti per ringraziamento masturbarli facendo colare sul mio corpo il loro odoroso sperma.
Il mi padrone aveva nel frattempo disegnato vari bozzetti raffiguranti tutta la lussuria compiuta e tutti partecipanti nudi.
Così finì la storia d’amore col mio padrone.
Mantenne la sua parola e mi portò in Francia. Però mi esiliò nella fredda Normandia presso un convento isolato vicino al mare. Appresi a leggere e scrivere , a comporre canzoni, e anche a parlare latino.
Ma in compenso diventai il puttanello di quei monaci grassi e libidinosi che a volte mi prestavano come ragazzo di piacere ad altri conventi.

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.