Operatore call center 899 linea hot line

Scritto da , il 2020-12-29, genere bisex

Quante volte ci avete chiamato? prima dell'era dei siti internet? quando la vostra unica opzione erotica erano giornaletti porno e videocassette comprate,con modo imbarazzato,nel angolo discreto del giornalaio;quello sconosciuto in periferia.
E poi nelle notte insonni, quando il vostro giocattolino non vi faceva dormire neanche facendo un buco al materasso...ed era allora che si accendeva la tv, andavate nei programmi regionali, quelli che di solito nn caga nessuno e via a guardare eccitati la zoccoletta che si masturbava invitandovi a chiamare l'899 per scatenare le vs fantasie erotiche, mentre la moglie ignara dormiva in camera...
E si io sono uno di quegli operatori. ops non dico operatrici...no no, sono un maschietto (gay) con un bellissima voce femminile.
Ero entrato a lavorare in uno di questi call center come cartomante, perchè di giorno si offriva questo servizio, ma ogni volta che la linea cadeva e richiamando chiedevate al centralino di me, mi chiamavate la signorina andrea. cosi i titolari non ci misero molto a capire che potevano sfruttare la mia voce anche per fare il servizio erotico.
E ALLORA ECCOMI, sono la vs Tiziana Valenti, quella che ne vale almeno 20 (cm si intende) rosso fuoco perchè rosso di peo pazza d'oseo (rosso di pelo pazza di uccello). una quarta di seno abbondante tanto da esserne imbarazzata soprattutto quando dovevo correre per prendere il tram che tutto mi ballonzolava....una fiammella rossa in mezzo alle gambe pronta a farti infiammare l'uccello.
In tutto questo come avrai capito il mio compito nn era farvi godere e basta, se no la chiamata sarebbe durata pochi minuti..o qualche secondo; giacche ad un pronto ciao sono TIZIANA, poteva capitarti di risposta un ansimo e un : sono venuto! e click chiamata chiusa. Quindi l'intento era farvi sognare, farvi credere di essere un sogno raggiungibile...infatti se chiamavi da milano io ero a pavia, se chiamavi da napoli io ero a sclafani....vicino ma nn cosi vicino da poterci vedere subito, quindi si doveva approfondire la conoscenza, conoscere i vs gusti le vostre voglie e fantasie per poi decidere un incontro....ovviamente che nn avveniva mai.
Quanti ne ho fatti innamorare? nn saprei, molti direi, alcuni di questi diventavano veri e propri clienti che chiamavano una due volte la settimana. certo i salassi delle bollette del telefono permettendo.
ALCUNI si erano fatti furbi ti regalavano e spedivano il cellulare, all'epoca erano solo utili a fare chiamate e mandare sms. però in questo modo avevi sempre la ricarica garantita e loro d'altronde pensavano di aver instaurato un rapporto piu reale. peccato che per un motivo o per l'altro il cell stava sempre spento. o accesso per mera strategia.
Ma ancora non vi ho parlato di me, io sono andrea, moretto bassino,modi fini ma nn effemminati, gay versatile. normodotato e con un favoloso culetto.
Iniziai a fare questo lavoro all'eta di 26 anni ora ne ho 47. ma conservo la stessa splendida voce e fortunatamente invecchio pochissimo.
Ovviamente ognuno nel proprio lavoro ha le proprie debolezze, e io le avevo, eccome se le avevo.
Dai su ragazzi, immaginate di sentire ogni santo giorno tanti uomini, ragazzi eccitati che si menano l'uccello sentendoti parlare di cose eccitanti...ovviamente anche a me drizzava,con qualcuno. E quel qualcuno di solito erano ragazzini sui 18 anni (dovevi averne 18 per chiamare la linea erotica adulta) che si lasciavano andare nelle loro fantasie erotiche tanto da spingerli a giocare come volevo io.
E Tiziana era una vera troia in questo, una cagna in calore dominatrice. Perchè se agli uomini piaceva vedere due lesbiche giocare tra loro, a me piaceva vedere e avere due uomini che si inchiappettavano tra loro. E gia nE avevo anche io di fantasie erotiche da soddisfare.
E allora li facevo sperimentare....lo hai duro? mmm amore ti lecco tutto il cazzo fino alle palle, ti faccio un pigiamino di saliva su tutto il tronco, la mia saliva ti deve sgocciolare sulle palle....uhmm che cazzo che hai...dai su amore alza le gambe voglio leccarti sotto le palle anche il culo...lo sai che ti viene durissimo come un bastone se ti lecco il culo?.....dai mi metto a 69 così mi lecchi la figa e il culo con le tue passate di lingua, e anche io lo faccio a te....adesso amore sputati sulle dita cosi.....fai scivolare un dito in culo cosi ummmm ti succhio tutto il cappellone e ti infilo le mie dita affusolate nel culo....ahhh si amore la mia figa è tutto uno sgocciolamento. amore sai che faccio fallo anche tu! ho qui una bottiglietta....la hai anche tu? una bottiglietta? prendila ... lo faccio io....fallo anche tu....
-e lui si infilava il collo della bottiglia su per il culo...
come sapevo che era vero e che nn faceva finta? si sentivano gli urletti di dolore misti a piacere da capire che lo stava facendo , mi ubbidiva pur di godere.
Penserai che nn mi richiamavano piu? e invece no....ero molto ricercata, anche quando alla fine confessavo di essere un ragazzo, ma loro erano cosi drogati di me che nn smettevano di chiamarmi e segarsi con me al telefono. ed ad alcuni di questi ovviamente lasciavo il cellulare.
ad uno di questi gli dieti il num di cellulare anche perche era in un paese vicino alla mia città.
ero seduto in postazione e ricevetti proprio una chiamata sul cellulare... risposi ciao LUCA, ma dall'altra parte del telefono nn era luca...ciao sei Tiziana? e io :si sono Tiziana chi ti ha dato il mio numero? l'ho fregato a luca sai è mio amico..e so che sei una grande porca e cosi volevo conoscerti.
Fui risentito, ma covai tutto dentro, cercando di sedurlo e carpire ogni cosa.
dimmi tesoro cosa sai di me? SAI TIZIANA HAI UNA VOCE FAVOLOSA E IL MIO UCCELLO è GIA DURO A SENTIRTI.
ma porca puttana almeno a luca avevo fatto fare decine di chiamate all'899 prima di dargli cell e questo si faceva cosi furbo da pretendere lo stesso servizio gratuitamente?
Amore se vuoi sentirmi calda hai un numero dove chiamarmi...899.
Senti Tiziana io nn sono qui per farmi una sega ma per conoscerti...anche perchè luca mi ha detto che sei particolare e fai fare giochi da paura.
e si sono particolare, ma come ti chiami? Salvo? senti salvo io sono un ragazzo, nn so se te lo ha detto luca e se per particolare intendevi questo.
Salvo rimase per circa un minuto in silenzio, basito ...no dai nn ci credo che sei un ragazzo...LA TUA VOCE mi rizza l'uccello..e poi luca mi ha detto che ti piace farlo con due ragazzi e siccome io e lui spesso ci siamo segati insieme...non ci imbarazzeremo a scoparti insieme.
a ecco era quella la cosa particolare..che mi piace farlo con due ragazzi? non che Luca ama infilarsi le mie dita in culo mentre glielo succhio? (OVVIAMENTE TUTTO VIRTUALE).
CAZZO veramente mi dici Tiziana?! ecco perche l'altra volta che si stavamo masturbando nella sua stanza con un giornalino lui si è infilato il dito in culo...e mi ha detto di provare anche a me....CAZZO FU UNA SEGA STREPITOSA, non avevo mai sborrato cosi tanto.
Però dai nn ci credo che sei un ragazzo...ho voglia di vederti di scopare con te, so gia che mi farai impazzire.
Senti salvo se hai voglia di vedermi mettitelo in testa...io mi faccio scopare come una cagna in calore e sono superporca ma tu devi capire che sono un ragazzo,ma da quello che ho capito nn hai molti taboo giusto?...le porcate di piace farle e non sei per niente un tipo timidino, visto che freghi il num di cell dalla rubrica del tuo amico e ti fai seghe con lui in assoluta intimita....alla fine se vuoi io ci sto per un incontro, al massimo ti fai una sega con me come te la fai in compagnia di luca.
Tiziana sei una troia a parlare....prendo il treno e ci vediamo a mezzogiorno sono in citta. pero io nn sono gay...
Amore nessuno lo mette in dubbio IO voglio solo il tuo cazzone....voglio tutto spompinarlo , mettermi a smorza candela e cavalcare la tua bestia fino alle palle su e giu impalandomi e poi a pecora davanti ad uno specchio....sai ne ho proprio uno grande nella mia stanza dove puoi vedere il tuo uccello mentre entra ed esce dal mio culetto sgocciolante che si riempie del tuo bastone.
OK- disse SALVO- ci sto ci vediamo domani alla stazione centrale. come ti riconosco?
salvo salvo ti riconosco io mettiti qualcosa di rosso...UNA SCIARPA VA BENE? e lui: ma perche nn posso riconoscerti io?
perche sono sicuro che se mi riconosci tu mi lasci li alla stazione come un coglione.
invece io ti fermo e nn mi puoi scappare, senza almeno avermi sentito dal vivo con la mia voce calda.
OK hai ragione Tiziana.
chiamami pure tiziana anche se mi chiamo andrea.
---------------
cadde cosi la chiamata....che mi lasciò eccitato ma dubbioso.
Il giorno dopo mi presentai alla stazione, lo riconobbi e mi fermai davanti a lui...fumava e gli chiesi se aveva da accendere.
Mi sedetti nella stessa sua panca...ed ad alta voce dissi guardando l'orologio e parlando tra me e me : certo che ste stronze fanno sempre buca.
poi lo guardai e gli dissi anche tu aspetti una ragazza? Ma questa volta usai la mia voce calda di Tiziana.
LUI RICONOBBE SUBITO LA MIA VOCE....nooo cazzo veramente allora sei tu?
mi misi a ridere....questo mi servi per rompere il ghiaccio : e che ti aspettavi? che una ragazza veniva a prenderti per essere scopata? è vero che siamo nel 21 esimo secolo ma è piu facile scopare con un ragazzo che con una ragazza che ha sempre bisogno di essere corteggiata prima di dartela.
Allora? rimaniamo qui oppure sali su con me in macchina?
mi seguiii in macchina e ci mettemmo a parlare un po...cercavo di levargli tutto l'imbarazzo che si poteva creare e arrivare cosi ad una certa intimità....gli chiesi delle sue fantasie di cio che faceva con luca....MA IN definitiva si trattava solo di seghe fatte singolarmente in compagnia e nulla piu....e io gli chiesi, ma nn ti ha mai sfiorato? e tu a lui? almeno provare una mano diversa dalla propria...a quel punto avvicinai il palmo della mano e iniziai ad accarezzargli il pacco dei pantaloni, che riservava un regalino niente male....strusciai con il palmo della mano tutta l'asta dentro i suoi pantaloni e lui si fece accarezzare....
ALLORA TI VA DI ANDARE DA ME? nON disse niente e io misi in moto.
salimmo su, lo feci accomodare offrendogli un caffe...e notai che con la coda dell'occhio guardava la stanza da letto con lo specchio grande ... E BRAVO SALVO, hai trovato la mia stanza da letto? ti piace lo specchio e mi sedetti proprio di fronte...facendogli segno di sedersi accanto a me per guardarsi riflesso anche lui.
si sedette...le nostre immagini riflesse allo specchio ed io scivolai piegandomi al suo FIANCO, per nn intromettermi tra lui e lo specchio e dargli modo di godersi lo spettacolo.
Sbottonati il pacco si alzò quel tanto per sfilargli i pantaloni e il bozzo dentro lo slip si fece piu grosso a contatto con il mio respiro, le mie labbra lambirono il cotone iniziando a mordicchiare morbidamente il gonfiore del suo pacco....che aveva assunto dimensioni notevoli...cosi si alzo e gli sfilai l'ultimo rimasuglio della sua eterosessualita . il suo cazzo svettante saltò su come una molla all'attenti al richiamo della mia bocca che si avvinghio sul bastone...succhiandolo stuzzicandolo con la lingua e lucidando tutto quel cappellone rosato e turgido...e in tutto questo come se avessi piu tentacoli, gli sfilavo maglione maglia lasciandolo a petto nudo....sali su sul suo ombellico con la lingua che lasciando una scia come una lumaca su tutto il suo dorso...e poi su sui suoi capezzoli duri....da mordicchiare , e il mio corpo strusciava e si arrampicava sul suo, tanto da avere i ns cazzi duri, il suo cazzo nudo ed il mio ancora stretto nella morsa dei pantaloni ma duro da farsi sentire attraverso il jeans. gli lambivo il collo le orecchie e lui si lasciava andare socchiudendo gli occhi ma senza mai perdere il film che si rifletteva allo specchio. allora mi allontani da lui ormai il suo cazzo era bello pronto...mi sfilai jeans e continuai a tastare il cazzo contro il mio che rimaneva contenuto dentro l'intimo....cazzo contro cazzo,divisi e forse per questo ancora piu eccitati da un leggero lembo di mutande, e fu allora che lo tirai fuori e strinsi entrambi in un unica sega muovendoli su e giu lentamente scappellandosi a gioco alterno....nn ce la facevo piu avevo una voglia di farmi fottere di mettermi su a smorza e sentirlo tutto nel mio culo,volevo che mi riempisse con la sua carne, che mi impalasse. mi girai frontalmente allo specchio mi piegai continuando a strusciare le chiappe contro il suo cazzo ,facendogli una spagnola con il solco del mio culo...nel mentre piegato sfilavo cio che era rimasto degli indumenti; e iniziai a puntare la sua cappella sulla mia rosellina...ma che cazzo succede? il suo cazzo si stava ammosciando stava perdendo quel vigore che doveva permettergli di penetrarmi di farsi strada nel mio culo....NON POTEVA ESSERE UN ETERO CONVINTO! NON ORA, NON A QUESTO PUNTO DELLA SITUAZIONE!
glielo succhiai ma niente mi sembrava di averlo perso se nn che iniziai a leccargli le palle...e poi sotto la pelle che congiunge le palle al culo...quella cicatrice che porta dritto dritto alla rosellina del culo...lo leccai e infilai la lingua nel suo buchetto...e li mentre continuavo a serrargli il cazzo con la mia mano masturbandolo che le sue gambe si alzarono e anche il suo cazzo inizio a riprendere l'orgoglio virile...
FU UN ATTIMO. l'azione fu piu veloce del pensiero, forse l'esperienza davano i suoi frutti....gli alzai le gambe appoggiandole sulle mie spalle e la mia lingua aveva gia fatto il suo lavoro.il suo culo sgocciolava della mia saliva gli puntai la cappella gliela feci sentire sfregandola contro il suo stretto buco e piano piano mi feci strada...lo sentii mugolare un sussurro UN FOTTIMI DETTATO CON IL PENSIERO....e fui dentro di lui che si gemeva come una troia....con il mio uccello sbavato dal suo culo bagnato che entrava ed usciva con colpi lenti e poi via via con un ritmo piu serrato seguendo il ritmo dei suoi ansimi....e aveva il cazzo che gli svettava dritto e duro sull'ombellico....
godeva salvo ,godeva l'etero che sognava di sfondarmi il culo e che veniva sfondato...
ad ogni colpo un ahhhh ahhha si ancora ahh dai dai dai.....allora lo girai lo misi con la testa penzolante a bordo letto e salii sul letto alzandogli ancora di piu le gambe e scopandomelo quasi in piedi, tuffando il mio uccello dentro il suo culo....permettendogli cosi con la testa all'ingiu di guardarsi allo specchio....che spettacolo si presentava ai suoi occhi? : un cazzo che si tuffava nel suo culo e la sua minchia dritta dritta che puntava alla sua faccia. chissa quante volte aveva visto la stessa scena in qualche film porno oppure immortalato in qualche foto di giornaletti erotici...perchè così con gli occhi sbarrati la bocca aperta con la lingua in cerca del suo stesso cazzo che venne, senza toccarsi...un fiotto di sborra che scese dritto dritto nella sua stessa bocca aperta e poi una seconda scaricata ....veniva con piu sussulti tremando di piacere tutti i suoi nervi tesi si rilassarono e a quel punto sfilai il mio uccello e gli sborrai anche io in bocca nel mentre anche il suo cazzo stava buttando la terza scaricata di sborra densa e succulente....e come una fonte bevve tutto il mio seme immischiato al suo....
----------------
la sera mi arrivò un messaggio: non ho mai goduto cosi tanto in vita mia è stato troppo bello.
--------
ed io pensavo e bravo l'etero. nel mentre stavo rispondendogli quando vuoi, magari ti presenti con luca.
din din secondo messaggio.
-----------
cazzo sarebbe troppo bello... mi è piaciuto troppo ma ho paura di farlo ancora non voglio scoprire che mi piace tutto piu della figa e che sono gay.
-------
al massimo salvo sarai bisex....cmq ciao. e digli a luca che lo aspetto ammiccai con un ;)

Questo racconto di è stato letto 2 3 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.