La mamma sulla spiaggia dei nudisti

Scritto da , il 2020-12-20, genere voyeur

Paolo aveva 23 anni. Col suo amico e coetaneo Giacomo aveva deciso di andare su una spiaggia di nudisti, a pochi km dalla città. Erano curiosi all'idea di vedere qualche bella donna nuda e speranzosi di rimorchiare. Ne parlarono per alcune settimane e, alla fine, decisero di provare. Era un sabato mattina. La spiaggia non era molto grande, ed effettivamente qualche bella donna c'era, in mezzo anche a tante donne un po' attempate e non proprio attraenti. Ad un certo punto, mentre passeggiavano, la sorpresa...videro la mamma di Paolo e il suo compagno che prendevano il sole. Ovviamente nudi. Stefania aveva 48 anni, molto ben portati. Era una bella donna, mora, formosa, con una bella quarta misura di seno. Il suo compagno Mario aveva 51 anni. L'imbarazzo fu fortissimo per tutti e quattro. "Mam...mamma??!!" esclamò Paolo, balbettando. Stefania si coprì i seni con le mani, imbarazzatissima. "Cosa ci fai qui?", le chiese il figlio, incredulo. Lei, arrossendo, "la stessa cosa che ci fai tu...prendo il sole in libertà. Non sapevo che anche tu...altrimenti non sarei mai venuta". Mario, per toglierla dall'imbarazzo, intervenne..."ogni tanto veniamo qui. Non c'è nulla di male". Paolo e Giacomo si misero a prendere il sole a qualche metro di distanza dalla coppia, ancora increduli per la situazione a dir poco surreale. Paolo si accorse che Giacomo guardava sua madre con particolare attenzione, e glielo fece notare con disappunto. "Ehi, la smetti di guardarla?! Ci sono tante donne in spiaggia...guarda altrove...". Giacomo sorrise sornione. "Scusa, ma le tette di tua mamma mi sembrano proprio il piatto forte della giornata. E poi, se lei si mette nuda, mica è colpa mia" e si fece una risatina beffarda. Mentre rideva, l'uccello gli diventò bello duro. Era enorme. Paolo disse "ehi, tieni a bada quel coso!" e Giacomo rispose "se diventa duro non dipende da me. Ringrazia la mammina...". Mario e Stefania notarono la scena. Erano una coppia felicemente aperta e libertina, e capirono che forse era arrivato il momento di una piccante trasgressione. Mario si avvicinò a Giacomo e Paolo e trovò il coraggio di confidarsi. "Scusate la franchezza, ma credo sia doveroso essere chiari. Io e Stefania, ogni tanto, troviamo qualche amico con cui divertirci. Lei si svaga, ed io aspetto con curiosità". Paolo rimase senza fiato, mentre Giacomo disse "continua...". "In pratica, ogni tanto, Stefy si svaga con qualcuno. Paolo, lo so che la cosa può sconvolgerti, ma alla fine è una cosa normalissima, credimi. Non c'è nulla di male." Paolo muto. Giacomo, durissimo "continua...". "Giacomo, ecco...se a te va...Stefy vorrebbe andare in acqua con te...al largo...". "No, questo è troppo!" disse Paolo. Giacomo si alzò "io ci sto, invece...". Paolo si alzò anche lui "non puoi, stronzo..." e Giacomo, che fisicamente era il doppio di lui, gli diede una spinta, dicendo "ma va...". Paolo cadde a terra, malgrado la spinta non fosse troppo forte. Non si fece niente, ma la situazione gli stava scappando di mano. Mario lo guardò con compassione. "Lo so, ora fai fatica a capire. Quando la rabbia sarà sbollita, ci riderai su. Tranquillo". Giacomo si diresse verso la riva e Stefania lo raggiunse. Si voltò per un attimo, cercando lo sguardo di suo figlio, senza parlare, come a voler chiedere scusa. Paolo abbassò lo sguardo. Lei strinse le spalle e andò in acqua con Giacomo. Fecero dapprima il bagno nelle vicinanze. Lui le stava vicino e le mani, sott'acqua, sembravano vivaci. Poi si allontanarono e andarono al largo. Paolo si avvicinò a Mario e disse "si sono allontanati...ma tu non le dici niente?". Mario era duro, beatamente duro. "Lascia fare", rispose..."lascialo fare l'amico tuo". Paolo era sempre più inquieto e incredulo. "E' amico tuo, o no?" disse Mario. "Sì...ma..." rispose Paolo. "Ma cosa? Non si mettono i bastoni tra le ruote agli amici. Lascialo fare". "Ma...proprio con mia mamma..." "e lascia fare t'ho detto...lascialo fare...". Un tizio che stava lì vicino, a sua volta disse a Paolo "lascia fare...se proprio dev'essere che ti pompano la mamma, meglio che lo faccia un amico, ahahhahaahahah". La risata sguaiata dell'uomo portò Mario al culmine dell'eccitazione. Sborrò, senza toccarsi, al solo sentire quella risata. Paolo si rivestì e se ne tornò a casa. In macchina, cominciò a sentire una strana eccitazione, nel ripensare a quanto accaduto. Si sentiva quasi in colpa per quella sensazione, ma effettivamente gli era diventato duro. Tornò a casa e si masturbò selvaggiamente. Poi andò in camera sua a guardare il soffitto. Sua madre e Mario tornarono dopo alcune ore. Lui non uscì dalla stanza, e loro non gli dissero niente. Si fece vedere solo per cena, dopo che Mario era andato via (non abitava con loro). "Mamma, non riesco a crederci. Dimmi che con Giacomo non hai..." disse Paolo, con aria severa. Stefania arrossì. "Mamma, ti ripeto...dimmi che con Giacomo non hai fatto qualcosa...". Stefania, con un filo di voce, rispose. "Quello che succede in acqua, rimane in acqua...". Da quel giorno, Paolo ruppe la sua amicizia con Giacomo. Però il ricordo di quanto era accaduto non lo abbandonò. Furono mesi di seghe intense, pensando a quella maledetta spiaggia.

Questo racconto di è stato letto 7 7 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.