Per quel sorriso - parte 1

Scritto da , il 2020-11-28, genere gay

"Allora, dove lo mettiamo questo bel cazzone?". Francesco mi guardava dall'alto in basso con quel sorriso sadico dietro al quale tante volte si era persa la mia fantasia. Adesso ero a quattro zampe, davanti a lui. "Avanti, rispondi", mi incalzò. Non riuscii a trattenermi più e lasciai andare quel briciolo di dignità che mi rimaneva: "In bocca" risposi in preda all'eccitazione "ti prego, mettimelo in bocca, voglio sentire il tuo sapore di maschio".
La situazione era veramente imbarazzante. Com'ero finito a starmene carponi sul tappeto che occupava la parte centrale del salotto del mio migliore amico ad implorare per avere il suo cazzo in bocca? È più semplice di quanto pensiate: eravamo lì a studiare per un esame quando lui sorrise per qualcosa che non ricordo e io mi persi per l'ennesima volta da quando lo conoscevo fantasticando sulle sue labbra. Ma quella volta non mi limitai a questo: tentai di baciarlo. Non notai stupore nella sua reazione. Probabilmente sospettava già che io fossi gay: non sono affatto effemminato, anzi e devo dire che ho un discreto successo con le ragazze. Ma io e Francesco siamo come fratelli e quindi riusciamo a intuire spesso cose l'uno dell'altro. La mia omosessualità doveva essere una di queste. Mi respinse: "Non li bacio i frocetti". Rimasi interdetto, ma fu lui a togliermi dall'imbarazzo: "Spogliati puttana e mettiti a quattro zampe come si confa alle cagne in calore". Avevo obbedito e lui s'era alzato dalla sedia e s'era venuto a posizionare davanti a me, con i piedi scalzi poggiati sul parquet, il petto nudo e un paio di jeans di cui sbottonò la patta cominciando a sventolare il suo grosso pene a pochi centimetri dal mio volto. Ed io ero lì ad implorarlo: "Ti prego mettimelo in bocca, voglio sentire il tuo sapore di maschio". Sorrise malefico: "Ahahahah! Ma io voglio mettertelo nel culo". Rimasi interdetto: Francesco mi piaceva, ma mai avrei pensato di spingermi così in là. Ma era troppo bello con quel fisico da dio greco e quel volto così magnetico. "V...va bene" balbettai a mezza voce, come se mi mancasse il fiato. "Va bene cosa?" mi incalzò lui con tono autoritario. Le guace mi avvampavano, la voce faceva fatica a uscire: "V...va bene, mettimelo nel culo". Ma a Francesco non bastava, voleva umiliarmi totalmente: "Non così, Dany, non sono mica ai tuoi comodi. Mi devi implorare". Stavo impazzendo, qualcosa in me voleva ancora lottare, ma quel sorriso... "Francesco, ti imploro, dammi il tuo cazzo nel culo. Ti prego: sfondami il buco del culo col tuo cazzone". Francesco scoppiò a ridere beffardo: "Ahahahahah! Che puttana che sei, Dany". Mi girò intorno fino ad essere alle mie spalle. Fece colare un grumo di saliva sul mio buchetto vergine e cominciò a sditalinarlo con un dito, poi due dita e poi tre. Mugolavo di piacere. E lui mi apostrofava: "Dio sei proprio una puttana, Dany. Godi col culo come le cagne in calore" poi fece colare un altro grumo di saliva sulla sua cappella e senza troppa cortesia cominciò la penetrazione. Provai un misto di dolore, piacere e umiliazione indescrivibile. Io continuavo a mugolare e lui ansimava: "Troia, dov'è che lo volevi il cazzo? In bocca? E lo avrai. Appena lo caccio da questo buco merdoso te lo ficco in bocca e me lo succhi senza fare la schifiltosa". Non avevo la forza di oppormi, anzi, ad essere precisi non avevo proprio la forza di rispondere. Continuavo a mugolare. Francesco sfilò d'un colpo la sua erezione dal mio culo lasciandomi con uno strano senso di vuoto. Stavolta non si mosse: ordinò a me di girarmi in modo da avere nuovamente il suo pene davanti alla mia faccia. "Apri la bocca troia". Obbedii come un automa e lui cominciò a scoparmi la gola con la stessa mancanza di delicatezza con cui mi aveva aperto il culo. I miei occhi erano pieni di lacrime per lo sforzo, la mia faccia una maschera di saliva e umori, mi mancava il fiato. Lui non si fermò, anzi, quasi mi avesse letto nel pensiero, mentre continuava a dare colpi di bacino mi disse con trono sprezzante: "Non era questo che volevi? Non volevi il mio cazzo in bocca? E allora prendilo tutto in gola come le troie". Non c'era più nulla in quella voce e in quegli atteggiamenti del mio amico. Oramai ero solo un oggetto per il suo piacere. Mentre ero assorto in questi pensieri la sua voce mi arrivò come un colpo di frusta: "Ok, il divertimento è finito". Feci per rialzarmi, facendo pressione con le mani sul tappeto, ma prima che potessi farlo mi calpestò una mano con un piede: "Non muoverti troia. Aspetta il gran finale". E cominciò a masturbarsi furiosamente a pochi millimetri dal mio viso che nel giro di qualche secondo fu ricoperto da abbondanti fiotti di sperma che andarono ad aggiungersi a tutti gli umori di cui ero già impiastricciato. "Alzati e rivestiti, puttana. E sparisci".

Questo racconto di è stato letto 2 0 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.