Per quel sorriso - parte 2

Scritto da , il 2020-12-02, genere gay

"Alzati e rivestiti, puttana. E sparisci". Quella frase continuava a riecheggiare nella mia testa, letteralmente giorno e notte. Era passata ormai una settimana da quando Francesco, dopo aver abusato del mio culo e della mia bocca, mi aveva ricoperto la faccia del suo seme e mandato via a malo modo. "Alzati e rivestiti, puttana. E sparisci": e io non avevo potuto far altro che raccogliere i miei vestiti ammucchiati sul parquet, indossarli alla svelta e andarmene. Avevo cercato inutilmente un cenno di saluto o almeno di incrociare il suo sguardo: Francesco si era voltato dall'altra parte e quando dalla mia bocca avevo provato a far uscire un flebile "Allora vado" non avevo ottenuto alcuna risposta. Avevo preso l'auto e guidato fino a casa. Avevo ancora la faccia impiastricciata della sborra di Francesco: per fortuna i miei erano ancora a lavoro. Era passata ormai una settimana: una settimana in cui le sue parole riecheggiavano nella mia mente. Rimbombavano nella mia testa anche di notte rendendo il mio sonno frammentato e agitato: sognavo spezzoni di quell'incontro in maniera caotica e confusa, come se fossi in preda a un'allucinazione. Poi mi svegliavo e davo vita a masturbazioni selvagge. Perché sì, lo confesso, quello che era successo con Francesco mi aveva mortificato, ma anche eccitato in un modo strano e perverso. Le sue parole, il suo fare dominante, il suo cazzo, la sua sborra, persino quel piede con cui aveva calpestato la mia mano: tutto si affastellava nella mia mente e contribuiva a farmi montare l'orgasmo. Sborravo a fiumi e poi, passata l'eccitazione, cadevo in preda ai sensi di colpa per quello che era successo. Furono giorni stranissimi, vivevo quasi in stato confusionale, non avevo voglia di far nulla, passavo molte ore a letto a rimuginare e a masturbarmi. Di Francesco nessuna notizia. Finché una mattina mi arrivò un suo messaggio "Ma noi non dovevamo finire qualcosa?". Cazzo, era vero: mancavano tre giorni all'appello e noi non ci eravamo più visti per ripassare insieme. "Certo", mi affrettai a rispondere, in preda ad un mix di sollievo e agitazione. "Ti aspetto tra mezz'ora da me": il suo messaggio non lasciava spazio a esitazioni. Feci una rapida doccia, indossai una tuta e mi recai da lui. Salii al secondo piano della palazzina in cui abitava e arrivato alla porta del suo appartamento la trovai accostata. La aprii leggermente: "Francesco, ci sei?". La sua voce dal salotto rispose di rimando "Entra!", il tono era asciutto, secco, quasi inespressivo. Non sapevo cosa aspettarmi. Avanzai di qualche passo e lo trovai seduto sul divano scalzo, a petto nudo, con solo un paio di jeans addosso. Era solito stare molto sciolto in casa. Quello che non era affatto normale è che dalla patta sbucasse il suo cazzo e che se lo stesse allisciando come se niente fosse. Provai a cercare di recuperare un po'di naturalezza, ma mi venne difficile. Fu lui a rompere il silenzio: "Allora, Daniela...". Doveva aver notato un certo stupore nei miei occhi e quindi riprese: "Beh sai, il cazzo lo prendono le femmine, quindi da oggi per me sei Daniela. Chiaro, puttanella? Ma se il tuo nome non ti piace puoi scegliere un altro nome, magari un nome più da vacca". Avrei dovuto reagire, spaccargli la faccia o quantomeno mandarlo a fanculo, ma ancora una volta fui ipnotizzato dal suo sorriso e mi limitai a farfugliare: "N...no, Daniela va benissimo". Scoppiò a ridere compiaciuto: "Lo vedi che sei proprio una puttanella?". Ancora una volta mi limitai a farfugliare: "S... sì". A quel punto si rabbuiò: "Sì cosa?". Arrossii, chinai la testa e sibilai: "Sì, sono una puttanella". "Non ti sento, alza la voce e guardami negli occhi mentre parli" fece secco lui. I miei occhi cominciarono a riempirsi di lacrimoni, mi vergognavo e poi c'era il fatto che della nostra amicizia sembrava non essere rimasto più nulla. Mi feci forza e tra le lacrime gli urlai tutto d'un fiato: "Sì, sono una puttana, sono la tua puttana". Non si scompose minimamente, anzi sul suo volto ricomparve quel maledetto sorriso: "Brava, Daniela. Sai, io non voglio essere amico delle puttane. Però...". E fece una brevissima pausa. Lo guardai. Riprese: "Sai Claudia, fa tante storie: già per farmi dare la figa devo sempre ripregarla. Io voglio farle anche il culo, ma lei si rifiuta". Claudia era la sua ragazza. Era un paio d'anni più piccola di noi, frequentava l'ultimo anno delle superiori. Comunque capii quale piega stesse prendendo quel discorso e non mi piaceva affatto. Credo mi si leggesse sul viso, ma lui sembrò non farci caso o forse, più probabilmente non gli interessava. Così riprese: "Le puttane come te servono a questo". Lo guardai torvo, ma lui continuò incurante e sempre più compiaciuto: "E poi a te posso venirti dentro senza preoccuparmi di metterti incinta". Ero in piedi di fronte a lui e incapace di qualsiasi reazione. Mi porse un pacchetto: "Per te, Daniela. L'ho ordinato online". Presi il pacchetto, ma rimasi ancora inerte. "Avanti, aprilo, puttanella: è per te". Lo aprii quasi per inerzia: era un jockstrap. "Vedi, Daniela" continuò "a me delle puttanelle come te interessa solo il loro buchetto. In fin dei conti un buco è un buco e non bisogna farsi tanti problemi quando si tratta di svuotarsi le palle". Io ero completamente imbambolato. Le sue parole mi travolgevano come un fiume e io restavo inerme. "Adesso vai in bagno. Spogliati. Fatti una sega: non voglio che godi mentre ti scopo. Quelle come te devono solo dare piacere. Pulisciti e rivestiti poi torna qui. Ovviamente al posto delle mutande metti il jockstrap". Non mi ero mai sentito più umiliato, ma eseguii come un automa. Quando tornai in salotto lo trovai esattamente come l'avevo lasciato. Mi chiese di consegnargli le mutande. Poi prese una felpa rosa con cappuccio, la avvicinò al volto e la annusò: "È la felpa di Claudia. La lascia sempre qui. Quando viene a trovarmi se ha freddo se la mette addosso. C'è ancora il suo profumo. Dai indossala". Stavo per togliere la felpa della tuta, ma mi fermò:"Non perdere tempo, puttanella. Indossala sopra. E tira su il cappuccio". Eseguii. "Brava, così, Daniela. Ora tira un po' giù i pantaloni, fino a scoprire il tuo culetto". Ancora una volta obbedii supinamente. A quel punto mi restituì le mutande: "Mettiti a quattro zampe sul tappeto. Queste mettile in bocca. Non voglio sentire le tue urla di dolore". Cominciai a preoccuparmi, ma eseguii nuovamente. Ero in ginocchio a quattro zampe sul tappeto del suo salotto, con la felpa della sua ragazza addosso e il cappuccio in testa, i pantaloni calati quel tanto che basta a offrire il mio buchetto. Dietro di me c'era lui seduto sul divano, a cazzo di fuori che penzolava barzotto dai jeans. Si alzò e venne alle mie spalle. Sentii la sua mano accarezzarmi in mezzo alle natiche: era fredda ed umida. Mi stava lubrificando. Poi passò la mano sul suo cazzo e alla fine me lo infilò con un'unica sciabolata che mi fece mancare il fiato. Il mio urlo fu soffocato dalle mutande che avevo in bocca. Non so esattamente per quanto tempo, ma mi scopò a lungo e senza alcuna delicatezza. Ogni tanto per aumentare il dolore sfilava completamente il cazzo e poi me lo rinfilava con un colpo secco. Ero sfinito. Alla fine venne riempiendomi il culo di sborra e con un urlo ferino si sfilò da me e andò ad accasciarsi sul divano. "Sai, Daniela, non c'è soddisfazione più grande che svuotarsi le palle nel culo di una puttana. Però adesso devi finire il tuo lavoro. Gattona fino a me". Mi voltai gattonando in sua direzione e avanzai verso il divano. Nel farlo lo guardai con aria interrogativa. "Devi ripulirmi il cazzo. A cosa pensi che serva la tua lingua se non a questo?" mi disse con grande naturalezza, ma che lasciava trasparire un certo sadismo. Stavo per eseguire quando si bloccò, il volto divenne corrucciato. Non capii: "Ti sei sborrato addosso. Ti avevo detto che non dovevi godere mentre ti scopavo". Inclinai la testa all'indietro e notai che effettivamente sul jockstrap si era formata una grossa chiazza. La cosa lasciò piuttosto sbalordito anche me: avevo eseguito perfettamente le istruzioni di Francesco, mi ero segato ed ero venuto abbondantemente prima di lasciarmi scopare. "Sei proprio una troia in calore" mi apostrofò lui e allungò una gamba fino a poggiarmi la pianta del suo piede sulla faccia per spingermi via. "Alzati, ricomponiti e vattene. Ci vediamo domattina alle 8:30. Le mutande lasciale qui". Mi alzai, sollevai i pantaloni, tolsi la felpa di Claudia che ripoggiai accanto a lui insieme alle mie mutande e me ne andai mortificato mentre lui, senza degnarmi di uno sguardo, si ripuliva il cazzo ricoperto dei nostri umori con un kleenex e lo rimetteva nei jeans.

Questo racconto di è stato letto 1 5 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.