Amore deviato

Scritto da , il 2020-11-07, genere prime esperienze

Innamorata pazza di lui ho faticato tanto lui è stato bravo un giorno era gentile un giorno era burbero mi baciava mi faceva scendere dalla macchina dicendo che gli stavo facendo perdere tempo non ero innamorata e io piangevo ma lo cercavo sempre tremavo vicino a lui avevo paura che se cedevo mi avrebbe usata e scaricata ma quella sera a casa sua tra un limoncello che abbassata le difese lui ne ha approfittato mi ha riempita di baci carezze e promesse di un futuro ho deciso di premiarlo mi ha spogliata e baciata da per tutto e sono capitata bene avevo sentito nei pantaloni quando si eccitava ma dal vivo grosso lungo doppio ho provato a succhiarlo ma facevo fatica era bravo con le mani che tremavo e ansimavo bagnandomi tutta mi ha fatto godere leccandomi e succhiandomi poi mi sbattuta in tutte le posizioni e sono venuta tre volte quando aveva voglia mi portava subito a casa sua e dovevo soddisfare le sue voglie mi faceva vestire da suora oppure da cameriera e mi saltava addosso mentre facevo le pulizie una volta da mignotta con la parrucca e facevamo dei giri in macchina e io succhiavo il cazzo mentre guidava oppure nelle piazzole di soste mi faceva salire sulle sue gambe e godeva facendosi vedere fare sesso è successo che una notte due camionisti si sono avvicinati e appoggiavano i cazzoni al vetro masturbandosi e lui mi chiedeva di leccare il vetro la sborra dei due e godevo lui mi era entrato nel cervello ero stregata ogni cosa che mi chiedeva non sapevo dire di no poteva fare tutto ormai ero troppo innamorata eravamo a casa sua sentiamo suonare mi dice di andare in camera sento delle voci due uomini uno con accento straniero poi si apre la porta un omone alto grosso lo teneva stretto per il collo e un coltello appoggiato alla gola e altro venuto verso di me mi ha afferrata spingendomi in sala e tenendomi per le braccia mi diceva stai zitta se no lo uccidiamo guai a te se urli vi ammazziamo tutti e due lui mi guardava avevo il terrore negli occhi il tuo amichetto ci deve dei soldi stasera doveva portarceli ma non si è visto adesso siamo venuti a riscuotere e mi accarezzava il viso e poi scendeva sul collo e aprendo la camicia mi ha afferrato i seni stringendoli guardano lui e gli dicono adesso la tua amica ci fa divertire e salda il conto e noi non vi facciamo niente e dopo andiamo via se no sfasciamo tutto e vi accoltelliamo lui mi guarda e mi dice amore ti prego aiutami ti amo salvami fai quello che ti chiedono lo fanno sedere e gli legano le mani e le gambe alla sedia mi mettono in mezzo togliendomi i vestiti e anche loro poi mi calano e mettono i cazzoni in bocca quello alto robusto ha un cazzo largo doppio altro grosso lungo con un cappellone da sfondamento appoggiata in ginocchio sul divano le gambe divaricate uno in bocca altro mi da sotto mi leccava la fica bravo strusciava il mento sul clitoride e mi strizzava i seni ho avuto dei brividi e mi ha ficcato le dita dentro ho urlato dal orgasmo poi a turno mi hanno scopata sul tappeto a gambe aperte prima uno poi altro poi uno sotto io sopra e altro in culo spingendoli fino alla radice e ho goduto ancora guardo il mio amore e aveva il cazzo duro fuori dal pantalone duro come il marmo e se lo faceva scivolare nella mano occhi lucidi e vogliosi mandandomi dei baci dicendomi sei brava falli godere mi ecciti alla grande e incitava i due a sbattermi forte e li ho a bocca aperta scaricandomi lo sperma in gola mi hanno trascinata sul cazzo di Mario e salivo e scendevo mentre loro si sono vestiti e sono usciti e lo sciolto e lui mi ha sbattuta per terra e mi ha scopata alla grande dicendomi che sono la sua puttana quante volte ho goduto e cosa ho provato e lui era impazzito e siamo venuti insieme e mi sono accorta che lo amo troppo e per lui farei tutto

Questo racconto di è stato letto 3 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.