Friendzone 6

Scritto da , il 2020-10-30, genere dominazione

Fui richiamato a casa loro un paio di sere dopo.
Entrai e c'erano solo i genitori.
La mia amica non c'era.
La madre mi disse che era impegnata e ne avremmo parlato dopo e mi condusse in camera "allora come ti abbiamo detto noi abbiamo bisogno di una servetta che faccia quello che vogliamo e che soddisfi le nostre esigenze. Tranquillo, non ti farò pulire, torni utile per molto altro. Per prima cosa spogliati."
Mi spogliai.
"ecco, so che mia figlia ti aveva depilato, ora è ricresciuto tutto. Ora ti insegno a depilarti, è molto importante. O lo fai a casa tua oppure vieni prima dell'orario concordato e ti prepari."
Mi portó in bagno, prese tutto il necessario e tolse la poca ricrescita che avevo.
Poi mi aiutó a vestirmi con culotte, reggiseno e tette finte, calze autoreggenti bianche e vestitino da domestica, così corto che non arrivava neanche alle calze.
Mi truccó e mi mise la parrucca. Poi le scarpe col tacco.
Tornammo in salotto.
Il marito era sul divano a guardare un film.
"eccola qua, ti ricordi cosa ti avevo detto l'altra volta su mio marito?
Me lo ricordavo, ci avevo pensato più volte.
"sì che avrei dovuto offrirmi spontaneamente senza dover essere legato..."
"intanto devi parlare di te stessa al femminile quando indossi questi abiti. Sì è vero, questo sarà il tuo rituale, poi lui potrà dirti di sì o di no, sarà una sua scelta."
Pensai a come fare, a questo punto volevo proprio compiacerli.
Mi misi di fronte a lui, mi girai e mi chinai leggermente in avanti. I tacchi mi facevano alzare il culo, lo avevo notato subito.
Calai le mutandine per scoprire il culo.
"signore, se ne avesse voglia potrebbe usare il mio buchino."
"brava! Brava! È proprio così che ti voglio!"
"tesoro, accetterò l'offerta, però potresti farmelo venire duro?"
La moglie gli aprì la patta, tiró fuori il cazzo e iniziò a leccarlo e succhiarlo. Io restai nella posizione in cui ero, aspettavo istruzioni.
Quando fu pronto, la moglie mi fece indietreggiare.
"ora ti siederai sul cazzo di mio marito, ti aiuto io."
Lo tenne ben dritto con la mano e mi guidó fino ad appoggiarmi alla cappella.
Poi mi calai lasciando che entrasse dentro di me. Scesi fino in fondo. Mi faceva male ma non feci un fiato.
"bene, ora piano piano alzati e scendi, un bel su e giù."
Mi tirai su e di nuovo giù finché non sentii i muscoli rilassati e il culo aperto poi su indicazione della moglie aumentai il ritmo.
Arrivai fino a saltare su e giù poi quando mi disse che stava per venire lo moglie mi ordinò di andare fino in fondo e di muovermi solo col bacino.
Ricevetti tutta la sborrata più in fondo che potevo. Mi fecero alzare, e la moglie mi tiró su immediatamente le mutande. Tutto lo sperma mi uscì fuori nei minuti successivi riempiendo la culotte.
"senti amore tu ti sei divertito, ma io?"
"hai ragione, beh senti, mi hai detto che sa leccare bene, fammi vedere. Ehi servetta, lecca mia moglie e falle avere un orgasmo, altrimenti vedi che punizione!"
La moglie si accomodó sullo stesso divano, per prima cosa tirò fuori le tette dal reggiseno. Me le fece succhiare per bene, mugolando fin da subito.
Quindi si tolse le mutandine e spalancò le gambe piazzandomi la testa sulla figa, era già molto bagnata. Mi misi a leccare con tutto il mio impegno, tra i suoi mugolii di piacere.
Sentii una mano in mezzo alle gambe, era il marito che mi stava segando da sopra le mutandine.
"avanti continua, vediamo se vieni prima tu o lei."
Venni dopo poco e subito dopo anche lei.
Avevo il trucco completamente sfatto e le mutandine piene davanti e dietro.
Mi portò in bagno per rifarmi il trucco.
Quando tornammo di là arrivò la figlia che disse qualcosa all'orecchio della madre.
"ma certo tesoro, prendilo pure e quando ha finito puoi rimandarlo a casa."
La mia amica ora padrona come il resto della famiglia mi portó in camera.
"sono stata tutto il pomeriggio e stasera a scopare. Mi serve una bella pulizia."
Si spoglió e cominciò a dirmi dove leccarla, il seno e il collo e mi raccontò come aveva fatto venire uno facendo una spagnola, poi sul ventre perché uno aveva voluto per forza venire fuori, infine si fece leccare e pulire la figa il culo, ovviamente accompagnando la mia lingua con il racconto dettagliato di quanto ne aveva preso in entrambi i buchi.
"bene, per stasera hai finito, vai di là e cambiati. Ti chiameremo quando servi."

Questo racconto di è stato letto 2 9 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.