Halloween! Una scommessa sissy.

Scritto da , il 2020-10-26, genere bisex

Halloween

Mi chiamo Alex e sono sposato con Claudia da due anni.
Abbiamo entrambi 40 anni.

Mia moglie e originaria di Matera, alta 1.89, fisico tonico, fa tanta palestra, un bel seno, una terza abbondante e capelli neri medio lunghi...io sono di Bologna, questa è la storia di halloween 2019.

La nostra relazione è sempre andata a gonfie vele, anche a letto ma questa avventura ve la devo proprio raccontare.

Una settimana prima di Halloween ci trovammo a cena a casa di due amici, Layne e Cristina.

Come al solito dopo qualche bottiglia abbiamo cominciato ad approfondire diversi argomenti.. e tra una chiacchiera e L altra andammo a parare sulla differenza maschi e femmine..

“E vero che anche se siamo nel 2019 le donne sono ancora sottovalutate.. non hanno responsabilità sociali, la discriminazione sociale e ancora presente.. “ disse Cristina

“Ma non diciamo stupidate.” Rispose a tono Layne..” LA discriminazione esiste solo quando fa comodo a voi.. le donne che hanno coglila ottengono tutto, quelle che si rilassano e fanno lavorare i mariti poi vanno a dire che c’è discriminazione..” continuo lui.

“Non è vero,” disse Claudia, “ la discriminazione c’è e voi uomini ve ne approfittate... “

“Non sono d’accordo.. le donne hanno molto più potere degli uomini.. basti pensare che siamo noi a chiedervi di sposarci e non viceversa.. magari in certi paesi si, c’è discriminazione.. ma in Italia? Oggi? Non c’è discriminazione.. io nella prossima vita voglio nascere donna, così non me la meno a lavorare, sposo uno ricco e scopo chi mi pare... voi donne lo potete fare.. noi maschi no” dissi io.

“Sono d’accordo con Lui,” mi appoggio layne, “ voi donne siete sempre a fare le vittime e poi potete fare quello che volete.. “

“Da quando? Da quando possiamo fare quello che vogliamo?” Disse Claudia
“Il paradigma della questione.. io te lo do o non te la do non fa parte della discriminazione..” continuo.. “certo che se gli uomini sono concentrati sempre e solo a quella cosa lì, allora noi diventiamo oggettivamente...”

“Oggettivamente basta farvi vedere due tacchi alti per farvi ululare.. poi quando si tratta di avere posizioni di responsabilità la donna è sempre in secondo piano.. e la cultura che la Donna in carierà è e deve essere stata comunque puttana e comune in ogni dove” disse Cristina.

Layne sghignazzo.. “se fossi stato donna io avrei fatto uguale.. “ e si verso ancora da bere.. “essere maschio oggi è più incasinato che essere femmina...” continuo

“Il vostro più grosso problema è che non ve la diamo, avete in testa solo il sesso, i siti porno vi hanno ipnotizzato, le donne non sono tutte ninfomani come vi fanno credere, e il risultato di tutto questo è che vi super eccitate e venite in 5 minuti.. poi vi lamentate che non ve la diamo abbastanza e che abbiamo mal di testa..” si intromise Claudia..

“Bum!!” Disse Layne.. “qui mi sa che ci si sta rivolgendo a qualcuno” affermo guardandomi..

“Cosa ti ridi, che tu hai una collezione di porno che fa invidia a siffredi.. “ disse Cristina maliziosa... “se fossi un uomo ti farei vedere io come si chiava una donna , non una botta e via mensile tanto per fare e poi al bar, a fare la voce grossa..”

“Bum!!” Gli risposi io a tono... “ma se una persona e fredda e passiva quando fa L amore non aiuta..” dissi poi io.

Claudia mi guardò arrabbiata « ah, e quindi io sarei fredda... ma se appena cambiamo posizione vieni subito e mi lasci a secco cosa dovrei fare?” Affermo decisa

“Bum!!!” Ribatte Layne

“Bum cosa? .. anche tu a bum bum non vai micca forte..” gli rispose a tono Cristina... “una donna non la da perché un uomo non sa come chiedergliela.. “

I toni si facevano incandescenti ed il vino bevuto non aiutava di certo.. in vino veritas.. come si suol dire.

Mi accesi una sigaretta e affermai “ beh, sicuramente in questa casa la discriminazione non esiste, vista la libertà di parola.. tra una settimana sarà halloween, vi dovreste travestire da maschio..” buttai li

“Haha, questa si che è un idea, e facciamo a gara quanti numeri di telefono portiamo a casa” disse Cristina un po’ più distesa..

“Ah no,” disse Claudia.. “se io mi travesto da uomo, tu ti vesti da donna!” Disse lei

“Ma cosa c’entra!” Dissi io.. “voi avete cominciato”

“Noi ci vestiamo da uomini e voi da donne.. e vediamo quanti numeri di telefono portiamo a casa.. allora si che la sfida è alla pari” rilancio Claudia.

“Haha giusto” aggiunse Cristina.. “la notte di Halloween.. e avete interesse a vestirvi bene .. altrimenti non rimorchiate neanche con il carro attrezzi”

“E cosa ci giochiamo?” Chiese Layne

“Mah, non so.. se vinciamo noi ci pagate una bella crociera a Natale...” disse Claudia

“E se vinciamo noi?” Chiese Layne

“Se vinciamo noi dovrete, prima di tutto scusarvi, e poi un abbonamento allo stadio per la prossima stagione. Risposi io

“Tribuna VIP” aggiunse Layne

“Sento già il sole dei caraibi sulla pelle.. “ rispose Claudia.

La conversazione fini li.. ed io e Claudia tornammo a casa.

In macchina non smise di parlare.. la crociera, Halloween, il sesso.. arrivati a casa facemmo L amore, con passione e fino li.

Il giorno dopo andai a lavorare tranquillo, Claudia era a scuola e la giornata scorse tranquilla.

Poi su what’s up mi arrivò L invito ad un gruppo: Halloween 2019, i partecipanti eravamo io, Layne, Claudia e Cristina.

Cristina fu la prima a scrivere.
“Due tavoli prenotati in discoteca.. andiamo alla villa delle rose.. bottiglia di champagne su ogni tavolo...”

“Due tavoli?” Digitai io

“Uno per le donne ed uno per i maschi.. o viceversa..” rispose

“Allora a quello dei maschi ci vuole il black label, lo champagne e per ragazze..” risposi

“😨” rispose lei
“Allora se e così cambio prenotazione”

La sera tornai a casa e a cena Claudia mi disse che Cristina era partita in quarta.. aveva prenotato per halloween un truccatore professionista... e pure un attore per insegnarci i movimenti ed essere più credibile.. “in ogni caso ci sarà da ridere.. ma vi consiglio di fare lo stesso se volete avere qualche probabilità di vincere” aggiunse.

Nei giorni successivi parlai a Layne.. “cazzo, fanno sul serio.. mi sa che dobbiamo entrare nella parte..” disse con un tono serio.

Claudia mi disse che avrebbero avuto 3 lezioni sabato e domenica e mi passo in segreto il numero della compagnia teatrale per avere almeno un contatto in più.

Layne mi chiamo mercoledì sera... “jackpot!” Disse al telefono.. un agenzia di cinema.. trans formazione completa e noleggio dei vestiti per 24 ore 250 euro a testa.. questi sono professionisti.. vinceremo sicuro” mi disse entusiasta.

Durante la settimana ci organizzammo.. sabato sera alle 21.30 scattava la prenotazione.

Le regole erano chiare: dalle 22.00 alle 2.00 saremmo stati nello stesso locale.. poi alle 2 ci saremmo riuniti allo stesso tavolo per contare i punti.

Ci saremmo lasciati sabato mattina e non ci saremmo rivisti fino a sera...

Venerdì sera L ultima cena prima del giorno x.

Arrivammo in pizzeria verso le 20.00.. Layne e Cristina ci stavano già aspettando.

“Allora, pronti per domani?” Chiese Claudia.

Layne annuii.. eccome.. farete fatica a riconoscerci..

“Vedremo se voi riconoscerete noi!” Disse Cristina... e comunque abbiamo una sorpresa per voi due.. dato che domani dovrete comportarvi da tali.. non avrete diritto ad eccitarvi ...” continuo..

Claudia scoppio in una forte risata..

“In che senso ?” Chiesi io perplesso.

Cristina estrasse dalla borsetta due pacchetti regalo rosa sghignazzando...

“Siamo andati da uno psicologo che conosco.. il libido maschile e più forte della donna.. se vogliamo fare un incontro alla pari.... beh aprite..!” Disse perentoria.

La pizza arrivò e non ci badammo.. quando aprimmo il regalo fummo sorpresi..


“Si chiama e-lock, e una cintura di castità maschile collegata con un app ai nostri cellulari.. la cintura non può essere disattivata che con i nostri iPhone, abbiamo già provato, funziona..” disse Claudia...

“La scatola dice che c’è un gps incorporato” replicai io.

“Giusto..” rispose lei

“E a cosa serve?” Chiese Layne

“A bloccarvi l erezione e ad abbassare il libido al livello che è normalmente presente in una donna..” rispose Claudia

“Ma in questo modo voi sarete avvantaggiate..” disse Layne

“In Che senso?” Chiese cristina

“Nel senso che voi domani con la vostra app saprete sempre dove siamo... non sono d’accordo... se volete che indossiamo questo la indosseremo a partire delle 16.00, non prima” spiego Layne.

“Per me va bene” disse Cristina...

“Anche a me..” disse Claudia...

“Eh no!” Risposi io, “il. Ostro libido scende a quello di una donna.. anzi mi è già sceso solo all idea di questo arnese.. ma voi dovrete avere un tasso di libido più alto, a livello maschile.. per cui dovreste pensare continuamente ad un sesso eterosessuale en non omosessuale-lesbico, e dovrete vostro malgrado cercare di attrarre donne e non ragazzi.. se il vostro libido sale.. automaticamente avrete voglia di sesso.. ma sarete forzate a malavoglia di abbordare ragazze.. io la cintura non la metto perché secondo me diventa una sfida impari, non è giusta” spiegai io.

“Tanto perderete lo stesso “ disse Cristina

“Non è vero!” Risposi io, “ se vuoi veramente che sia una scommessa alla pari.. allora perché domani mattina non vai in farmacia e ti compri una scatola di Vyleesi? Il nuovo viagra per donne.. dicono che se ne prendi due pillole ti girano gli ormoni come sulle montagne russe..” continuai io.

“E tu come lo sai?” Mi guardò stupita Claudia..

“Conversazioni da bar.. ma hanno sempre un fondo di verità!” Aggiunsi.

“Confermo! “ disse Layne... “las fida deve partire alla pari!, metteremo le cinture solo quando avremmo le prove che voi avete preso le pillole “

“Va bene” disse Claudia

“Ok” aggiunse Cristina

Poi tornammo a casa, ebbi una delle migliori scopate con Claudia.. la cosa ci ecctava da morire.
I’l mattino seguente alle 9 incontrai Layne al bar..

“Ma siamo sicuri?” Gli Chiesi a bruciapelo mentre stavamo prendendo il primo caffè..

“Vai tranquillo.. dai.. è solo per una sera.. stadio VIP, dai.. perché no?” Rispose lui

“Allora alla salute LILY!” Gli dissi io

“Haha, alla tua ALESSIA!” Rispose lui

“E loro come si chiameranno? Claudio e Cristiano? Hahahaha!”

“ non lo so davvero!” Rispose lui “dai andiamo! Dobbiamo essere la alle 10.00”

La sede dell agenzia era in uno stabile appena fuori Bologna, arrivammo puntuali ed ad accoglierci fu una graziosa ragazza..

Una volta controllata la prenotazione arrivò un ragazzo, molto effemminato, si chiamava Gianluca, dopo una piccola introduzione , ci disse che a Halloween aveva molte richieste di quel tipo.. e vista la nostra situazione particolare ci chiese 200 euro in più.. “sarete irriconoscibili!” Garanti.

Accettammo.. e lui con ghigno malizioso ci disse di andare prima ad una spa li vicino per la preparazione del corpo.

Ci recammo al condominio da lui citato, 3 ragazze vietnamite ci fecero accomodare poi ci vennero a chiamare separatamente.

Mi portarono in una stanza, mi fecero cambiare e mi fecero stendere su un lettino.

Cominciarono un massaggio rilassante poi con mincosparsero di una crema aromatizzata alla citronella, almeno credo, poi con minuzia e con un sottile rasoio levarono ogni pelo dal mio corpo, poi fecero ancora 30 minuti di massaggio con olii essenziali... mi ritrovai alla reception dello stabile dopo 2 ore ci Layne.

“Mi sento dolce come il culo di un bambino..” mi disse


Tornammo all agenzia e li passammo davanti ai 6 clienti che aspettavano.

Gianluca ci fece entrare in due camere separate

Nella mia c era una pila di indumenti e accessori.. il ragazzo effemminato mi chiese di spogliarmi, mi chiese di indossare delle mutandine in pizzo nere e di mettere delle cale autoregenti nere.


Poi mi squadrò per qualche secondo e disse con convinzione “una terza”


Spari e torno con un un top con due tette in silicone realistiche.. il body in lattice aderiva perfettamente al mio corpo, ed il colore rosa carne in qualche modo si adattava aderentemente al mio corpo.

Era una sensazione strana, mi sentivo eccitato, cominciai ad avere un erezione.

Il fatto si trovarmi in quella situazione in qualche modo mi eccitava.. poi, l assistente minuto mi fece sedere su una sedia , come dal barbiere, comincio un lungo procedimento di trucco, smalto alle unghie e capelli.

Mi infilo una retina per i capelli e termino con una parrucca.. “no, non va bene.. “ disse il ragazzo.. quindi spari e torno con una maschera in silicone super sottile.. “questa coprirà il pomo di Adamo e la fisionomia..” disse..

Mi spennello la faccia già truccata con una sostanza viscida.. Vedrai che dopo che finito.. neanche tua mamma ti riconoscerà’” disse sorridendo “ma perché lo fai?” Chiese..

“Una scommessa, una stupida scommessa .. “ affermai..

“Beh, non è stupida se ci mettiamo tutti i soldi che avete speso.. “ rispose..

Poi mi aiutò a indossare la maschera a fatica, mi spiego che era L ultimo modello della roanyer, che era difficile da indossare ma super realistica.. e che non c era nessuna controindicazione.. la maschera in effetti si modello perfettamente alla mia faccia.

Poi passo una seconda parte di trucco sulla maschera.. ero sempre seduto guardando un muro bianco..

Gianluca in quel momento entro nella stanza “ottimo” disse verificando i dettagli.. “ora vestiamo la questa bambola..” continuo e mi prese per mano portandomi nel guardaroba.. mi mise prima una parrucca a capelli neri e lisci lunghi, poi una capelli ricci corti.. decise che quella a capelli lunghi, neri e lisci era la più adatta a me.. quindi fece provare un reggiseno nero e poi un completo rosso tutto di un pezzo con la cerniera posteriore... prima di chiudere il vestito si bloccò..” qui manca qualcosa.. dove la tua cintura?... mi chiese..
“Quale cintura?” Risposi io imbarazzato... “quella che abbiamo installato al tuo amico.. mi ha detto che anche tu je hai una.. allora? Dai che ho altri pazienti.. » capii a cosa si riferiva e indicai il tavolino dove avevo posato i miei vestiti..

“Prima di completare l opera vai in bagno e inseriscila.. ti aspetto qui..” disse Gianluca.

Entrai nello sgabuzzino che chiamava bagno e misi la cintura di castità come da copione.. quando uscii GIanñuca era sulla porta.. “bene “ affermo. “Ora proviamo questo vestito..

L’abito era un completo in pelle nero, me lo infilai ed aggiunse un corsetto rosso per risaltare i’l seni, quindi mi passo un paio di scarpe, tacco 16 .

Quando alla fine mi guardai allo specchio ebbi un colpo al cuore.. ero una gran fica, pensai tra me e me che con il tacco ero quasi 1.90 cm.. ero decisamente transformato.

Mi porto una bibita e si assicuro che la maschera in l’attrice era ben aderente al mio viso.. “ prova a bere.. prova a masticare .. sbadiglia.. “ aggiusto qualche dettaglio e mi assicuro che la maschera sarebbe stata una seconda pelle per le prossime sei ore.. quindi diede istruzione all’ assistente di sistemare la colla per fissare la parrucca.

L assistente si diede da fare e quando mi alzai mi volle a tutti i costi fare una foto.. “se fossi etero cascherei ai tuoi piedi.. “ disse.. fammi vedere il culo... “come?” Risposi un po’ imbarazzato.. “dai.. le ragazze lo hanno morbido e tondo.. fammi vedere..” mi girai.. “ non male.. “ secondo me stasera trovi un fidanzato.. mi disse.

Guardai il telefono e vidi L ultima notification. Un selfie , delle ragazze che prendevano le 2 pillole di viagra per donne. “A presto ragazze” digito Cristina.

Tornai alla reception e vidi una ragazza in abito da sera, capelli rossi, ricci, indossava un tailleur ben composto ed un paio di occhiali da vista.. stivaletti con le borchie..

Mi sedetti nella poltroncina a fianco.. erano ormai le 20.00

Mandai un messaggio a Layne.. “ok sono fuori” digitai “t aspetto alla reception..” come mandai i messaggi vidi la ragazza seduta vicino a me controllare il telefonino.. ci guardammo automaticamente con stupore..

“Ahhh, non ci credo! Sei tu??” Dissi sconcertato!

“Cazzo non ti avevo riconosciuto! “ disse lui .. “il taxi e qua fuori, perché non l hai detto subito che eri tu?” Disse

“Perche non sapevo che eri tu!!” Risposi io

“Dai andiamo! “ disse.. salutammo la ragazza alla reception e ci dirigemmo verso il taxi.. “certo che questi ci sanno fare “ buttai li..

“A proposito mi devi 200 euro..” mi disse..

“200 euro? E per cosa?” Chiesi stupito

“Le maschere in l’attrice che abbiamo noleggiato.. o passavamo per due trav effemminati oppure noleggiavamo il meglio.. e ho detto a Gianluca che non c era verso di perdere.. se siamo arrivati fino a qui, tanto vale farlo bene..” disse

“ cazzo mi sento strano.. ma ormai siamo in ballo” dissi io

“Ascolta, andiamo adesso in un bar in via farini e ci facciamo una bella bottiglia.. poi ho un idea.. quando andremmo in discoteca le due saranno lì a cercarci e magari a riconoscerci.. allora ecco qua.. “ disse cercando in un sacchetto.

“Cosa fai?” Chiesi..

“Mi sono organizzato.. ecco qua due cover rosa per il telefonino e due sim card.. non e che possiamo arrivare in discoteca e farci sgamare subito.. quindi avremmo dei numeri di telefono diversi.. ed ora andiamo al pub. Ci creiamo un nuovo profilo Instagram è un profilo Facebook.. ci facciamo un po’ di foto e facciamo il set up.. “ spiego con entusiasmo

“Andiamo dai.. passami la sim.. “ Risposi convinto.

Arrivammo in un bar ed ordinammo una bottiglia di champagne.. ci facemmo qualche foto e montammo i nostri profili..

“Come mi chiamo? .. Alessia.. suona bene Alessia.. Cognome? Cognome? .. Rossi.. tanto per stare nel vago.. “ dissi ridendo

“Allora io sarò Lily.. Lily la beau!” Disse lui..

“Come la pornostar?... noo.. io direi piuttosto Lililiana.. per le amiche Lilly, cognome Casta.. dato che sei casta e in castità.. hahaha..” ribattei a tono scherzoso..

“ e sia per Liliana!” Rispose lui.. “tanto è solo per una sera.. a proposito ho un idea..” disse “ora finiamo la bottiglia poi al locale ci andiamo separati.. loro saranno sicuramente li ad aspettare.. o tu o io arriviamo prima.. facciamo un giro di perlustrazione e ci raggiungiamo dopo..” disse ormai Lillly.

“Tanto ci sgamano lo stesso..” risposi io.. “la tua donna ha prenotato il tavolo.. e appena ci sederemo su quei divanetti sapranno subito chi siamo..” spiegai io.

“Eh no mio caro.. o meglio.. mia cara Alessia.. ho prenotato un altro tavolo.. in una zona più ViP, con tenda e Privee.. a nome Lily.. per cui studieremo L area e loro guarderanno un divanetto vuoto fino alle 2 del mattino.. Haha!” Disse Lily

“Noi, bella pensata socio, cioè.. scusa .. sorella.. Dai vai.. io finisco la bottiglia e arrivò” dissi

“ ok , chiedo il conto.. “ disse Lily..

“Tranquilla, la bottiglia la assorbo io.. vai e spiana la strada.. ci vediamo tra mezz’ora ora..” risposi con tono pacato “hai già fatto tanto.. questa te la meriti!” Gli dissi compiaciutA.

“A dopo allora” e si dileguò.

Rimasi dieci minuti da solA a impostare il telefono quando un ragazzo dal nulla appari e si mise a sedere... “scusa ma guardavo te e la tua amica.. posso offrirti qualcosa? .. ma se aspetti qualcuno me ne vado!” Disse il ragazzo.

“Se paghi la bottiglia ti può sedere .. tra 10 min devo andare.. “ dissi in maniera fredda..

“E dove vai la notte di halloween senza maschera? “ mi chiese..

“Tutti noi abbiamo una maschera . Anche tu stasera ne hai una.. la maschera del figo che ha voglia di ficcare.. paga la bottiglia.. sgancia il numero di telefono e domani.. se non ho niente di meglio da fare ti chiamo e ti faccio un pompino da svuotarti lo stomaco..” gli dissi a bruciapelo.. “cosa ce? Non è questo che volevi? Non mi dire che ti sei seduto perché volevi chiedermi in matrimonio.. se vuoi il mio numero paga la bottiglia e spera che ti chiamo domani” gli dissi convintA.

I’l ragazzo rimase scioccato.. quindi allungai la gamba e misi il mio piede tra le sue gambe.. sotto il tavolo.. “allora.. ?” Continuai..

“Un altra bottiglia?” Disse lui timidamente..

“Il conto per favore!” Dissi io al cameriere, il quale dopo pochi secondi porto lo scontrino..

“Allora ? Pago io o paghi tu?” Dissi con innocenza..

“Happy halloween my princess !” Rispose il ragazzo con un sorriso.. “questo è il mio numero.. abito da solo.. puoi chiamarmi a qualsiasi ora...”

E detto questo allungo la sua carta di credito al cameriere..

“Come ti chiami?” Chiesi

“Riccardo” rispose..

“Piacere, IO sono Alessia..” e detto questo memorizzai il suo numero gli mandai un messaggino.. “a domani 🥰😂”

“Perché non adesso?” Mi disse lui..

“Te L ho detto, ho un appuntamento.. ma se va male .. domani ti chiamo ..” risposi fredda.

Il ragazzo si dileguò e lo vidi tornare dai suoi amici con aria di esultanza.

Ebbi una sensazione strana, mi trovai a sentire un emozione di superiorità, il ragazzo aveva pagato la bottiglia e non aveva realizzato chi ero.. feci una capatina in bagno prima di lasciare il locale.. stetti attento a non sbagliarmi ed entrai nel bagno delle donne..

Mi guardai allo specchio con attenzione.. ero in effetti una bella figa, le gambe erano snelle ed i miei seni erano in risalto, non c era più niente di me che mostrava che ero un uomo.. il viso ben truccato e la maschera ben aderente era un capolavoro.. le ragazze che entravano accompagnate non badavano a me.. cominciai ad avere un erezione.. ma ebbi dolore.. cazzo dovevo stare calmo.. rimasi 10 minuti ad osservarmi e cominciai a fare selfie.

“Serve qualcosa dolcezza?” Disse una voce dietro di me.

“Scusa?” Chiesi io

“Hai bisogno di qualcosa?” Disse una ragazza mentre si lavava le mani.

“No grazie..” risposi

“Vuoi delle pillole?” Chiese

“Che pillole” rispose

“Extasy.. e Halloween.. faccio lo sconto.. ho le più buone della città.. con le mie farai un halloween sulle montagne russe.” Continuo mentre si asciugava le mani..

“Quanto?” Chiesi

“20 al pezzo, 100 per sei” disse

Presi dalla borsetta una banconota e glie la porsi.

Lei mi porse a sua volta una bustina.

“Divertiti dolcezza.. con queste stasera ti diverti di sicuro ” e detto questo se ne ando.

Misi le pillole in borsetta.. poi indugiai.. ripresi la bustina e presi una pillola e la ingoiai direttamente.. quindi mi diressi verso L uscita.

Ormai mi ero abituato a camminare sui tacchi e mi resi conto che stavo cominciando pure a sculettare senza accorgermene.. all uscita mi diressi verso il marciapiede dove c erano dei taxi che aspettavano.

Erano ormai le dieci e venti.. mi diressi verso la discoteca.

La villa delle rose era un locale situato un po’ fuori città.. un ambiente vip, una vecchia Villa signorile con un parco enorme, parcheggio ampio e con la pista da ballo nel giardino principale, all interno c erano 4 stazioni bar e due sale privee. Il proprietario portava ogni mese DJ famosi, e aveva transformato la villa in una macchina da soldi.. ogni sabato sera faceva almeno 600 persone.. ad Halloween si aspettava almeno 1000.

All entrata il buttafuori mi diede una mascherina in pizzo rosa.. “per chi non ha la maschera” disse.

Mi diressi verso il parco e mandai un messaggio a Layne..

Andai verso la zona vip che mi aveva spiegato.. non mi ricordavo più con era vestito.. c erano tante ragazze.. qual era..

“Ma che bel filetto!” Disse una voce schiaffeggiandomi una chiappa..

La ragazza era lui.. “ciao! Non mi avevi riconosciuta in mezzo a tutta questa gente vero?”

“No, proprio no, e difficile distinguerci.. “ sorrisi

“Vieni il tavolo e la” disse

Lo seguii e trovai al tavolo un magnum di champagne.. “offerto dalla casa hahaha” disse ridendo “essere donna è un po’ puttana ha i suoi vantaggi.. avevo ragione.. ho preso due numeri di telefono e ho guadagnato un magnum di moet.. salute Alessia!!”

“Salute risposi.. ci sono novità delle ragazze? “ chiesi

“Ho fatto un giro di perlustrazione.. e ho chiesto al cameriere che tavolo avessero prenotato.. me lo ha indicato, e dall’ altra parte.. sono passato due volte ma non c era ancora nessuno..” disse

“Muoio dalla voglia di vedere come si sono conciate..” dissi divertito..

Poi ad un tratto ebbi un mancamento, sentii un calore avvolgermi.. appoggiai la testa sul divanetto per qualche secondo e mi raddrizzai..

“Ehi? Tutto ok?” Mi chiese Lilly

“Cazzo!” Affermai, “cazzo che botta” dissi io

“Tutto bene? Che cosa hai?” Mi chiese

“Wow, che botta! Ho comprato delle pillole in bagno prima.. ne ho presa una..” spiegai

“Che pillole?” Chiese LIlly

“Che pillole? Secondo te..” e porsi la bustina...

“ non ci credo.. e come ti senti?” Mi chiese

“Da dio, ho voglia di ballare, di divertirmi.. ho caldo e sono eccitato.. L unico problema è sta cazzo di cintura.. non c’è verso di disattivarla?” Risposi

“No pultroppo.. e collegata ad un applicazione ai loro cellulari.. e comunque non ti lascio da sola..” e così dicendo ingoio una pillola.

Sorseggiammo champagne e osservavamo le persone .. la discoteca era piena imballata..

“Dai andiamo a farci offrire da bere da qualcuno.. “ dissi io.. lo champagne stava cominciando a dare alla testa.. mi dovevo muovere. “Fammi vedere il tavolo delle ragazze..” dissi

Vidi Lilly diventare tutta rossa..

“Fatto colpo eh?” Gli dissi

“Wow... sono su di giri.. neanche all università ero così euforico... andiamo!”

Attraversammo il parco e trovammo il famoso tavolo.. una bottiglia di whisky a metà e due bicchieri erano lì.. ma dei due ragazzi nessuna traccia..

“Scusate, avete una sigaretta?” Ci chiese un ragazzo sulla trentina.. carino e atletico..

“Non hai una scusa migliore?” Disse perentoria LIlly..

“Dai non lo scoraggiare.. se mi trovi un pacchetto ti faccio ballare.. ho lasciato le mie in macchina..” gli dissi

“Se me lo chiedi con due occhi così ... dammi 5 minuti e torno” disse e andò viA..

“Un altro numero da aggiungere.. haha.. e poi dicono che le donne sono discriminate.. vado a prendere da bere.. “ dissi

“Ok ti aspetto qui!” Rispose Lilly.

Mi diressi verso il bar.. era incredibile come nella calca ci fossero tante mani morte.. mi sentivo toccare, a ogni contatto la mia pelle lanciava segnali di eccitazione.. mi dovevo calmare.. il mio uccello stava cominciando a scoppiare..

Tornai dopo pochi minuti con due gin tonic.. il ragazzo era lì.. stava fumando con Lilly..

Mi offri il pacchetto e mi accesi una sigaretta...

“Mi devi un ballo principessa..” mi disse in maniera galante..

Mi diressi con lui verso la pista e cominciai a lasciarmi andare.. ballavo come non avevo mai fatto prima.. mi sentivo diverso.. cominciai a strusciarmi con lui.. ero eccitato e il mio uccello scoppiava.. poi innocentemente gli appoggiai la mano sulla patta dei jeans.. lui si avvicinò e comincio un bacio lungo e con la lingua.. ero perso.

“E già duro!” Mi disse lui in un orecchio

Quella cosa mi eccitava.. avevo un male cane.. quindi lo allontanai con le mani..”abbiamo detto un ballo.. dammi il tuo numero.. ti chiamo domani..” gli dissi

“Ma come mi lasci così?..” disse il ragazzo frustrato

“Dolce attesa..” risposi

Mi diede il numero.. si chiamava Roberto

Tornai al tavolo non trovai Lilly.. quindi ritornai verso il tavolo delle ragazze.. rimasi perplesso.. al tavolo ora c erano 4 bicchieri e quattro ragazzi.. come poteva essere? Mi accesi una sigaretta e osservai la situazione.. non riuscivo a distinguere Claudia e neanche Cristina... la storia si faceva complicata.. i ragazzi avevano L aria di divertirsi e continuavano a bere whisky.

Poi ripensai a quello che era appena successo.. mi ero eccitato a toccare il cazzo di un uomo? Ero entrato troppo nella parte pensai.. bevvi un altro sorso di gin tonic e decisi di andare a ballare da sola.

Neanche dopo un minuto due ragazzi cominciarono a ballare vicino a me, uno dei due si mise dietro di me e mi prese per i fianchi.. cominciai a sculettare.. ero super eccitato.. mi girai e cominciai a balllare con aria provocatoria.. gli guardai i jeans e vidi un rigonfiamento.. ancora una volta non resistetti.. allungai la mano e strinsi .. poi mi avvicinai al suo orecchio.. “dammi il numero”.. il ragazzo scrisse il suo numero sul mio telefono.. quindi lo lasciai con il suo amico del tutto euforico.

Mi sentivo puttana.. il cazzo mi stava esplodendo.. non sapevo più dov era Layne e non me ne fregava un cazzo.

Avevo voglia di toccare cazzi.. avevo voglia di sentirmi donna.. tornai al tavolo e presi dalla borsetta un altra pillola.. vidi che ne restavano 3.. Layne doveva essere nelle stesse condizioni.. sorseggiai ancora un po’ di champagne, fumai una sigaretta e mi diressi verso i bagno.. controllai il trucco, tt ok, tornai in pista.

Era ormai L una.. mancava ancora un ora allo scadere.. ripassai davanti al tavolo delle ragazze.. non c era nessuno, le bottiglie erano vuote.

Tornai a ballare.. ero ingoiato perso, il cazzo mi scoppiava nei pantaloni.

Sentii due mani possenti stringermi i fianchi.. mi lasciai andare.. ballai e mi strusciai.. quando mi girai vidi un ragazzo di colore, muscoloso, pantaloni attillati in pelle e canottiera bianca.. lanciai la mia mano tra le sue gambe.. ebbi un sussulto.. era decisamente uno stallone.

Continuai a strusciarmi.. poi azzardai .. “fa caldo.. ti va di prendere un po’ d’aria?” Chiesi..

Il ragazzo mi sorrise, quindi mi prese per mano ed andammo a fare una passeggiata nel parco.. vicino ai parcheggi non c era nessuno.. e qualche coppia limonava dietro qualche siepe..

Trovammo una panchina appartata ..

“Sei bellissima” mi disse..

“Grazie” risposi

“Come ti chiami?” Chiese lui

“Alessia.. “ dissi io e cominciai ad accarezzargli i jeans tra le gambe.. lui allungo la testa e partimmo in un bacio passionale, ero eccitato.. gli slacciai i pantaloni e tirati fuori il suo pene.. era già duro, grosso.. doveva essere almeno 22 cm.. cominciai a segarlo e a baciarlo nello stesso tempo..

“Ti pics il cazzo nero Alessia?” Disse lui dolcemente

“Siii,” risposi io in estasi “come ti chiami?” Chiesi

“Joshua” rispose

Cerco di infilare la mano sotto la gonna ma lo bloccai.. “non vuoi?” Chiese

“Mi piace comandare! “ risposi

“Lo vedo!” Disse lui..

Il suo cazzo era diventato di marmo, smise di baciarmi, mi mise la mano dietro la nuca e mi spinse la testa verso quel bastone in tiro...

Aprii instintivamente la bocca e cominciai a succhiargli la cappella..

Aveva un sapore salato.. non doveva essere proprio pulito.. affondai la sua verga fino in gola quando sorprendentemente fui accecato da una luce forte..

“Cosa succede qui?” La voce era vaga

Un guardiano notturno ci aveva scoperti..

Joshua si riallaccio velocemente i pantaloni ed io mi alzai di scatto...

“E vietato, atti osceni in luoghi pubblici.. via via! O chiamo i carabinieri...” aggiunse

Ci alzammo e tornammo verso la villa.. gli dissi che la mia amica mi stava aspettando.. ci scambiammo quindi i numeri di telefono e ci separammo.. a malavoglia soprattutto sua..

Mi sentivo colpevole.. cazzo.. ero diventato gay? Mi chiesi..

Poi pensai alla scommessa.. dovevo trovare Layne.. erano quasi le due..

Tornai al tavolo, mi versai dell altro champagne e mi accesi una sigaretta.. Layne non si trovava.. decisi quindi di andare a vedere il tavolo delle ragazze.. magari era L da qualche parte..

Attraversai la pista e vidi due ragazzi soli seduti al tavolo sospetto con una bottiglia di whisky..

Vidi Layne, o meglio Lilly arrivare con un due gin tonic e sedersi al tavolo con loro.. mi accesi una sigaretta e li guardai da lontano.. ridevano.. ma i due ragazzi non sembravano proprio le nostre mogli.

Mandai quindi un messaggio a Lilly
“Dove sei?” Chiesi

Vidi Layne prendere il telefono e rispondere..

“Al nostro tavolo tra 5 minuti” rispose

Tornai al tavolo e mi servii dell altro champagne, erano ormai le 2 meno 10 ..

Lilly arrivò con un sorriso beffardo..

“Che figata essere donna.. “ disse

“Allora, ti ho visto al tavolo delle ragazze.. ci hanno scopero?” Chiesi impaziente

“No, non sono loro.. Li ho osservato per un po’, poi ne ho seguito uno in pista.. e ho provato ad abbordarlo.. altro che ragazza.. mi sono trovato in mezzo a quattro maschi arrapati.. che casino.. poi sta pillola mi ha fatto venire tendenze gay..” continuo dopo essersi acceso una sigaretta..

La serata era ancora viva.. tanta gente non era ancora rientrata..

“Ti fa male?” Mi chiese

“Mi sta scoppiando..” risposi

Mi passo un pacchetto di sigarette.. vai in bagno a farti due righe.. la notte e ancora lunga e questa te lo butta giù.. io non ne potevo più.. dopo due righe mi sono calmato e sono tornato lucido.. le tue pillole hanno effetti strani..” mi disse

Mi diressi verso i bagni e come al solito ignorai le mao morte che si scontravano con il mio culo o il mio seno..

Mi chiusi nel gabinetto e sniffai due righe abbastanza grosse.. tornai davanti allo specchio e vidi che il trucco e tutto il resto erano ancora a posto.. mi feci due selfie.. ero veramente una bella figa, pensai.

“Tutto a posto dolcezza?” Disse una voce..

Guardai indietro e vidi la stessa ragazza che mi aveva venduto le pillole..

“Sei veramente bella.. come che non ti ho Mai incontrato?” Chiese

“Sono qui a trovare dei parenti..” risposi tranquillo

Lei si avvicino e non mi diede il tempo di reagire.. mi mise le mani tra le gambe e mi spinse verso il lavandino.. fece per baciarmi poi si bloccò... sentii L sua mano toccare la cintura di castità.. “nooo, non ci credo.. hahaha.. bravo! Bravo!” Disse facendo un passo indietro.. “sei riuscito a confondermi.. davvero complimenti, bel lavoro!” Disse

“Grazie” risposi.. ed uscii in fretta verso Layne

“Guarda il gruppo!” Disse lui

Guardai il cellulare.. Claudia e Cristina alle due precise chiedevano nostre informazioni.. “game over! Dove siete?” Chiedeva Claudia.

“Tavolo 58 “ rispondeva Layne

“Arriviamo”

Ci versammo ancora dello champagne e cominciammo a sorseggiare..

“Possiamo farvi compagnia principesse?” Disse un ragazzo che si era avvicinato con un amico

Aveva capelli neri, corti, portava un maglione girocollo nero e dei pantaloni in pelle, aveva una maschera che gli copriva gli occhi, bianca, con un trucco leggero vicino al labbro, sembrava sangue che colava.. sorrise.. e i suoi denti mostrarono i canini di un vampiro.

“Se offrite la bottiglia e ne ordinate un altra siete i benvenuti ..” risposi io

“Non c’è problema! Vero Claudio?” Rispose il secondo ragazzo.

Il secondo ragazzo aveva un paio di pantaloni neri .. una camicia rossa ed una cravatta nera, indossava una maschera bianca.. tipo fantasma dell opera.. aveva capelli biondi corti.

Si sedettero e il secondo ragazzo comincio a ridere.. “piacere, io sono Cristiano”

“Hahaha.. togliamo la maschera Cristiano, dolce fantasma..” dissi io

Lui si levò la maschera e svelo un volto maschile, occhi verdi e un pizzo biondo ben curato.

“ allora tu sei Cristina e tu Claudia!” Disse Layne.. “incredibile!”

“La cosa incredibile è che ti sei sbagliato!! Haha.. ci siamo invertiti i nomi, io sono Cristina e lui è Claudia!” Disse il primo ragazzo.

Scoppiammo in una risata generale..

“Voi piuttosto.. come vi chiamate?... aspetta aspetta.. fammi indovinare.. tu ti devi chiamare Alessia.. “ disse indicando Layne...

“No” rispose Layne.. “Alessia è lei.. io mi chiamo Liliana, LIlly per le amiche.”

Scoppiammo ancora in una risata generale..

Cristiano mi guardava stupito.. mi accarezzo la guancia poi il seno.. “tesoro sei tu? Hahaha, non ci credo.. sei una gran figa!” Disse

“La Mia e piu figa della tua!” Disse Claudio

“Questione di gusti” rispose Cristiano

Ci mettemmo ancora a ridere e spiegammo a vicenda come e dove eravamo andati per mascherarci.

“Allora quanti numeri di telefono?” Chiesi io..

“Tranquilla.. abbiamo tutto il tempo” disse Cristiano.. “perché non balliamo?” Mi chieae..

Mi alzai e allungai la mano..

“Ma cosa fai.. sono io il cavaliere stasera.. hahaha” disse Cristiano.

Lasciammo i due a tavola ed andammo in centro pista.. cominciammo a strisciarci e a baciarci.. lui mi toccava il seno ed io ero attaccato a lui, poi di istinto misi la mano tra le sue gambe.. rimasi perplesso.. c era qualcosa.. non poteva essere..

“Stupito?” Mi sussurro all orecchio.. “non potevo non provarlo..” disse lui

“Che cosa e.. ??” Chiesi

“Sorpresa.. dopo lo potrai vedere..” rispose lui

Tornammo al tavolo dopo quasi 10 min.. erano ormai le 3.00... sbadigliai. « Allora? Ci avviamo verso casa?” Chiesi io..

“I vampiri vanno dormire all Alba..” disse Claudio .. « la serata non è ancora finita.. c’è un motel qui vicino.. siamo noi gli uomini stasera.. e voi sarete le nostre conquiste.. sarà eccitante!” Disse Claudio

“Cosa avete in testa?” Chiese LIlly

“La notte di halloween non è finita tesoro.. ti voglio scopare.. sei proprio figa!” E detto questo Claudio comincio a limonare con LIlly.

“Piano, mi sta scoppiando.. “ si stacco lui..

“Cristiano si alzò.. « andiamo.. prima che sorga il sole.. vieni tesoro..” disse porgendo mi la mano.

Uscimmo dalla discoteca, mano nella mano, le ragazze avevano persino noleggiato un hammer .. « visto che macchina figa? » disse Claudio.. “abbiamo rimorchiato parecchi numeri con questa stasera..” continuo..

Cristiano si mise al volante e ci dirigemmo verso un motel sulla tangenziale.

Le ragazze, o meglio i ragazzi avevano prenotato due camere comunicanti con il salotto.

Scesi dalla macchina Claudio prese una bottiglia di whisky e prese sotto Bracci LIlly.

I’l motel era un 4 stelle.. roba da prostitute.. le camere erano pulite con divanetti Rossi ed in palo da lap dance nel centro del salotto.. le camere comunicanti praticamente avevano una porta che dava sul salotto della camera più grande.

Entrammo e ci accomodammo.. cominciammo a bere un bicchiere quando poi la conversazione si accese..

“Allora! “ disse Claudio.. “in questi casi le donne si spogliano.. e nel frattempo fanno lo spogliarello..” disse

“Esatto!” Disse Cristiano.. “forza ragazze.. fatecelo venire duro.. haha.. e vedremo di sbloccarvi la cintura..”

Mi alzai e presi LIlly per la mano.. Claudio mise un po’ di música.. quindi cominciammo a spogliarci a vicenda..

“Vi hanno depilato bene!” Disse Cristiano..

Ci levammo gli indumenti e restammo con in intimo.. quindi i due ragazzi cominciarono ad aprire le gambe.. io mi avvicinai e mi misi in ginocchio davanti a Cristiano... gli toccai la patta dei pantaloni e cominciai a massaggiarlo.. c era qualcosa .. ma non capivo.. mi sembrava impossibile.

LIlly seguii il mio esempio e fece come me...

Claudio si slacciò i pantaloni e davano a
Me si eresse uno strapon.

Un fallo fintó, rosa, grosso.. era davanti al mio naso.. rimasi ipnotizzato.. rimasi titubante e mi girai la mia sinistra.. vidi Claudio con un fallo in bella vista.. nero.

Cominciammo a succhiare lo strap on.. contemporaneamente..
“Che belle troiette..” disse Claudio.. “hai visto come succhiano... avanti.. succhia puttana.. se vuoi essere Liberato succhia” continuo..

Poi afferrai i pantaloni di Cristiano e cercai di sfilarli.. lui si alzò.. si tolse la camici e si sfilò i pantaloni.. rimase solo con lo strap on ben ancorato alla vita.. andò verso la camera da letto e torno con una boccetta di lubrificante e con un doppio fallo di gomma..

Ero sempre in ginocchio.. osservai le sue gambe muscolose e toniche girare per le stanze..

Nel frattempo Claudio si spogliò a sua volta.. il suo fisico tonico era eccitante.. ed il suo strapon nero era in risalto.

Si avvicinò a LIlly e gli prese la testa tra le mani.. “avanti succhiacazzi.. fottimi..” disse

Cristiano mi prese per mano e mi fece sdraiare a pancia in giù sul letto.. sentii un liquido freddo colare sulla mia chiappa.. mi abbasso le mutandine e comincio a massaggiare il mio buchetto, avevo il cazzo che scoppiava.. non fece tanti complimenti e mi sentii affondare lo strap non con un colpo secco..

“Happy halloween puttana” disse, e comincio ad affondare con colpi secchi..

All inizio ebbi un forte bruciore.. poi il dolore si trasformò in piacere..

Sentii LIlly gridare, poi gemere.. anche lui doveva prendere lo stesso trattamento...

“Allora Alessia? Ti piace? Ti piace sentirti troia? Muovi il culo, se vuoi venire devi muovere il culo.. “ disse Cristiano accellerando i colpi..

Ero in balia di mia moglie.. stavo sudando freddo.. cominciai ad assecondare i colpi.. godevo come una puttana..

Poi la sentii uscire.. rimasi qualche secondo in trance quando dell altro lubrificante colo sul mio culo..

“Adesso tocca a me!” Disse Claudio, le due ragazze si erano scambiati gli ruoli.. sentii Cristina giocare con il mio buchetto poi schiaffo violentemente il suo strap on nero nel mio culo.

“Ahhhhhj, piano, fai male!!” Urlai io

“Zitta puttana!! , Claudia guarda che puttana che è tuo marito! “ disse

Cristina aveva un fisico decisamente palestrato.. dava colpi regolari e veloci.. sentii un calore interno.. stavo per venire ma non riuscivo a venire.. cominciai ad assecondare i suoi colposo.. più mi inculava e più sentivo L
Orgasmo arrivare.. ma non riuscivo a stimolare il cazzo.. ero assatanato..

“Ne vuoi ancora puttana? Ne vuoi ancora?” Disse pompando

“Siii , siii!! Scopami, scopami il culo! Più forte! Più forte!!” Urlai

“Sei proprio un rotto un culo..” disse cominciando a pompare ancora di più...

Non capivo più niente.. era la prima volta che godevo così.. stavo per venire, avevo la sensazione di stare per venire, ma non riuscivo ad esplodere... poi ad un tratto ebbi dei fremiti su tutto il corpo e sentii una sensazione di fare la pipì... Claudio era una macchina.. continuava sbattere il suo strap on senza pietà!!!

Spinsi i muscoli anali come se stessi facendo la cacca e la sensazione si moltiplico.... quindi venni in un copioso orgasmo che colo dalla mia cintura di castità...

“Ahhhhh” urlai...

Claudio non si fermò, come mi aspettavo ma continuo! “Haha, Claudia guarda , la puttana è venuta!! Ho fatto venire tuo marito prima di te!! Haha che puttana!!” Disse..

Sentii Layne mugugnare e urlare

“Ahh basta, basta, sto venendo siii, basta.. ti prego” urlava

“Bastaa bastaa, urlai anche io, sono venuto, basta! Mi fa male” urlai..

Le due ragazze smisero e tolsero i loro cazzi.. predefinì telefonini e disastrino le cinture di castità.. mi mossi a fatica, riuscii a liberare il mio cazzo e lanciai la cintura due metri lontano da me..

Quindi Claudia venne a baciarmi.. basta , e finita.. disse baciandomi. Poi prese il mio uccello in mano e comincio un pompino dolce.. e lungo.

Mi alzai e Claudia mi aiutò a togliermi la maschera... avevo il viso arrossato, ed andai a fare una doccia con lei.

Cristina rimase con Layne, nella sua camera.. sentii Layne urlare ancora 1 minuti.. Cristina non ne voleva sapere di smettere.. poi il silenzio.

Mi addormentai nelle braccia di mia moglie.. e verso mezzogiorno ci svegliammo.. facemmo L amore, e venni copiosamente....

Questo successe L anni scorso.. quest anno non abbiamo festeggiato halloween, siamo a casa causa COVID con un bimbo di 3 mesi..

Questo racconto di è stato letto 5 7 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.