L’Abisso / 07x01

Scritto da , il 2020-10-06, genere dominazione

Mi svegliai nel cuore della notte ancora teneramente abbracciata al mio Alessandro. Quel momento di tenerezza non lo avevo mai vissuto. Con mio marito, quando si degnava di dormire con me, era sempre uno schiena contro schiena. Mi toccava solo per spostare il mio culone così da avere più spazio per lui. Ora invece, mi sto godendo un tenero abbraccio col mio uomo che mi ha dimostrato di essere in grado di far godere la sua donna. Che bello che è e com’è dolce quando dorme. Ha ragione quando dice che sono nata per succhiargli il cazzo, da quando me lo ha fatto assaggiare a forza, lo vorrei sempre in bocca, notte e giorno a ciucciarglielo in attesa che mi venga in bocca.
Che pensieri da puttana che sto facendo, in cosa mi sta trasformando?
Chissà se mi sta sognando, non resisto, ho voglia del suo cazzo, ma ho paura che se lo sveglio s’incazzi di brutto. Io però ho troppa voglia, voglio che quando apra gli occhi mi veda già prona sul suo uccello, magari apprezza, correrò il rischio.
E così scesi giù, gli allargai leggermente le gambe e mi posizionai tra di esse. Ero sotto le coperte pesanti, faceva caldo, ma quando glielo presi in bocca ero in ebollizione. Cominciai a succhiare con foga, massaggiandogli le palle in attesa del suo risveglio. Ero già pronta a subire l’ennesimo ceffone o calcio in culo ma se le cose fossero andate come speravo avrei avuto invece uno di quegli orgasmi che ti sconquassano le viscere. Speriamo.
Poco dopo sento che si muove, alza un po’ le coperte

A: “E QUINDI ADESSO È LA CAGNOLINA CHE CERCA IL PADRONE”

R: “SÌ PADRONE, HO BISOGNO DEL TUO CAZZO PER VIVERE, TI PREGO DAMMELO, DAMMELO OVUNQUE!”

A: “ESSIA!”

Scostò completamente le coperte, eravamo di nuovo completamente nudi sul letto

A: “VIENI QUI, METTITI SOPRA DI ME E SIEDITI SULLA MIA FACCIA!”

Rimasi un po’ perplessa a quelle parole perché non avevo ben capito cosa intendesse, ma cosa sempre me lo fece capire a forza. Mi prese per le braccia e mi fece girare di centoottanta gradi, si posizionò sotto di me, mi fece salire col culo verso la sua faccia e a quel punto mi afferrò con forza le natiche allargandole fino a farmi male, neanche il tempo di dire “ahi” e si fionda con tutta la faccia dritto nel buco del culo.
Mi assalì l’ansia, speravo che fosse abbastanza pulito da non farlo schifare, ma ben presto i miei pensieri lasciarono il passo a quella sensazione nuova, strana ma piacevole, una lingua che lecca bene e in maniera approfondita la parte più intima e nascosta di te: l’ano.
Era completamente zuppo oramai ed io per goderne ancora di più mi alzai inarcando la schiena. Ero letteralmente seduta sulla sua faccia! Mentre godevo della sua lingua, guardavo il suo cazzo ergersi sempre di più, mi chiamava a sé ed io a costo di disobbedire al mio padrone non potei far altro che scaraventarmi su quel cazzo rosso pompeiano, avvinghiandomi come fosse la mia unica ragione di vita. Ci ritrovammo quindi in 69 cazzo-culo: nella mia bocca quello splendido uccello in tutta la sua erezione, nella sua il buco del culo di sua madre più la figa ridotta ormai ad una cascata di umori che potevo sentire scivolargli tutti sulla faccia. Quella lingua aveva cominciato ad irrigidirsi e tentava sempre di più di penetrarmi l’ano. Pensai che non avesse limiti, voleva leccarmi pure le viscere!
Poi la lingua torna sulla figa, ma lascia spazio a quello che sembra essere il suo dito indice. Nessuno mi aveva mai violato quell’orifizio, mio marito aveva tentato più volte, ma sempre senza successo, si era sempre arreso di fronte le dimensioni ridotte del mio buchetto. Diceva che non ci sarebbe passato neanche uno spillo. E invece il dito di suo figlio era entrato e debbo dire anche con una certa facilità visto tutta la saliva che c’era a contorno. Ma l’indice dentro durò poco, giusto il tempo di fare da esploratore perché questo, presto, cedette il passo al pollice. Sentii una forte pressione, ma poi si fece strada e cominciò ad allargare le pareti dell’ano massaggiandomi da dentro.
Riuscivo a vedere la scena, come se fossi a bordo letto: io sopra mio figlio mentre gli succhiavo con gusto il suo super cazzo, mentre lui mi leccava la fregna tenendomi ben salda dal culo, col pollice tutto dentro. La sensazione che mi dava quel dito era di un leggero fastidio, ma comunque ampiamente ripagato dai piaceri della sua lingua in figa e soprattutto dal suo abbondante pene nella mia boccuccia. Ad un certo punto, evidentemente stufo di starmi sotto, mi spinse via lasciandomi comunque a pecora. Mi dispiacque vedermi tolto dalle tonsille il mio giocattolo del piacere, ma in compenso sapevo che presto me lo avrebbe messo dove meritava stare: dentro di me!
Mi preparai ad essere penetrata abbassando ancora di più la testa schiacciando le mie enormi tette sul materasso, afferrai con entrambe le mani i bordi del letto e chiusi gli occhi in attesa che il mio padrone mi usasse per il suo piacere.
Il cazzo però tardò ad arrivare, arrivarono invece due vigorose pacche sul culo, subito dopo afferrate con forza e ricominciò a leccarmi il buco del culo ancora con più veemenza di prima. Fu una tortura, avevo scoperto che mi piaceva molto essere leccata lì, ma io volevo solo il suo cazzo sbattuto dentro. Continuò ancora per un bel po’ ad infradiciarmi la zona attorno l’ano, quando finalmente alzò la testa, sentì che si stava inumidendo il cazzo, finalmente, ero pronta, ogni terminazione nervosa della mia vagina era pronta ad accoglierlo e a sentirlo, quando… sento un’enorme pressione al buco del culo! Ma che fa!

R: “NO!”

Urlo terrorizzata!

A: “COME OSI DIRE NO. TU FAI QUELLO CHE DICO IO. A ME PIACE COSÌ, QUINDI TI ADATTI. SE DECIDO DI INCULARTI, TU STAI ZITTA E TI FAI INCULARE! HAI CAPITO TROIA?”

R: “NON L’HO MAI PRESO LÌ, PAPÀ C’HA PROVATO TANTE VOLTE, MA È TROPPO STRETTO, FA MALE E POI IL TUO È TROPPO GRANDE, NON PASSERÀ MAI!”

Quelle parole lo aizzarono ancora di più risuonando nelle sue orecchie come una sfida.

Spinse con tutte le sue forze, io d’istinto mi irrigidivo chiudendo l’orifizio, provò a farmi mollare con pesanti schiaffi sul culo, ma fu tutto inutile, non riusciva ad entrare. Allora provò a prendermi per i capelli, mi tirò a sé con violenza, mi fece male ed urlai, lui provò ad approfittare di quel momento per infliggermi il colpo che mi avrebbe definitivamente aperta, ma sentii che appena la punta del glande passò e già quello mi stava devastando dal dolore. Comincia a piangere e a supplicarlo di smettere

R: “TI PREGO MIO PADRONE, FAMMI TUTTO CIÒ CHE VUOI MA NON QUESTO, SCOPAMI, VIOLENTAMI, FAMMI INGOIARE CIÒ CHE VUOI MA QUESTO NO, MI FA TROPPO MALE!”

A quelle parole si fermò, possibile che finalmente stava mostrando un minimo di pietà nei miei confronti?
Le sue parole, come sempre, chiarirono ogni mio dubbio.

A: ”UN CULO COSÌ GROSSO E NON SEI BUONA NEANCHE A PRENDERLO DA DIETRO. SEI UNA FALLITA ANCHE COME PUTTANA. NON TI SCOPO, NON TE LO MERITI, MA VIENI QUI E SVUOTAMI LE PALLE CHE SONO PIENE”

Io ancor più umiliata da quelle parole e in lacrime mi reco a quattro zampe verso di lui decisa a consolarmi almeno facendogli un pompino come si deve.
Doveva essere davvero eccitato, perché mi sono bastati pochi colpi di lingua e poche succhiate perché mi prendesse la testa dai capelli e

A: “ADESSO LECCAMI LE PALLE MENTRE IO TI VENGO IN FACCIA. NON MERITI NEANCHE DI INGOIARE PUTTANA SVUOTA PALLE”

R: “SÌ MIO PADRONE, USAMI PER VENIRE, SERVO SOLO A QUESTO”

Risposi in preda alla voglia di riscatto.
Mi appoggiò le sue palle sue labbra che cominciai a leccare avidamente, il suo cazzo svettava tra i miei occhi e poco dopo una doccia di sperma mi coprì copiosa la faccia. Schizzava di continuo e quell’orgasmo sembrò non finire più anche se si limitò molto nei versi di goduria. Non volle darmi soddisfazione. Mi lasciò lì, con tutto lo sperma che colava, non potevo neanche aprire gli occhi. Gli chiesi umilmente un asciugamano, ma invece lo sentì prendere il suo cellulare dal comodino e poco dopo udii il classico click di quando si scatta una foto.

R: “CHE VUOI FARCI CON QUELLA FOTO?”

A: “SE MI GIRANO LA MANDO A QUEL CORNUTO DI PAPÀ. VOGLIO CHE SAPPIA CHE ORA SEI MIA!”

R: “TI PREGO AMORE NON FARLO!”

A: “COME MI HAI CHIAMATO? IO NON SONO IL TUO AMORE, MA IL TUO PADRONE, LURIDA SCHIFOSA! NON TI PRENDO A SBERLE SOLO PERCHÉ MI FA SCHIFO TOCCARTI LA FACCIA ORA! VAI A PULIRTI PUTTANA DI MERDA!”

Non ribattei oltre, ormai poteva dirmi e farmi ciò che voleva. Aveva ragione, ero sua, mi sentivo sua come non ho mai sentito di esserlo con suo padre e poi, l’idea di sbattere in faccia a quel coglione del mio ex che ora ero una donna pienamente soddisfatta mi stuzzicava. Potevo dimostrargli che era lui a non essere stato in grado di trasformarmi a pieno in una donna. Non c’era riuscito in 30 anni mentre suo figlio lo aveva fatto in pochi giorni.
Ma che dico, sto delirando. T’immagini il casino se si venisse a sapere quello che succede in questa casa? Meglio tacere e fare di tutto affinché questo rimanga un segreto tra me e il mio carnefice.

Questo racconto di è stato letto 2 2 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.