L’Abisso / 05x01

Scritto da , il 2020-10-01, genere dominazione

La giornata passò davvero tranquilla. Tra ricordi e risate, chiaccherammo molto quel giorno, come non facevamo da tempo, anzi come non avemmo mai fatto prima. Grazie al sesso, eravamo entrambi scarichi di tutte quelle negatività che attanagliano il quotidiano. Non c’era il minimo nervosismo, ogni parola detta era presa alla leggera. Stavo comprendendo sempre di più l’importanza del sesso selvaggio nella vita di una donna.
Ben presto fu sera, il mio Ale si congedò con un leggero bacio sulle labbra dandomi la buonanotte e si ritirò nella sua stanza. Confesso che rimasi un po’ delusa, anch’io andai nella mia stanza dopo di lui, lasciai la porta socchiusa e la luce accesa nella recondita speranza che, nel caso di un ripensamento, sapesse che fossi ancora sveglia e pronta per essere di nuovo sbattuta come una cagna, ma le mie speranze furono vane, così desistetti e mi addormentai.
Il giorno dopo, fresca e riposata, mi svegliai di buonora. Mi misi subito alla ricerca del mio Alessandro ma non lo trovai. Era uscito prima che mi svegliassi. Ne approfittai per pulire un po’ la casa che avevo trascurato negli ultimi giorni. Si fece ora di pranzo e finalmente il mio Ale torna. Lo accolgo con un sorriso e lui ricambia con un sorriso ancor più grande. Ha in mano un sacchettino che mi porge subito, mantenendo quello splendido sorriso. Prendo il sacchetto, è leggero, tiro fuori una scatola quadrata, impacchettata a mò di regalo.

R: “MA, AMORE DI MAMMA, COS’È? UN REGALO? PER ME?”

Dissi con sincera sorpresa.

A: “TE LO MERITI. SEI STATA DAVVERO BRAVA IERI E CON QUESTO REGALO VOGLIO CHE IL NOSTRO RAPPORTO APPRODI AD UN NUOVO LIVELLO”

Quelle parole mi riempirono di speranza. Ma allora non è cattivo, mi vuole bene e tutto quello che mi aveva fatto, in fondo, lo aveva fatto per me e solo per me! Quindi, ho fatto bene a riporre in lui ogni mia speranza. Sapevo che lui era la porta d’accesso alla mia felicità!
La scatola aveva tutta l’aria, per aspetto, peso e dimensione, di contenere un gioiello.
Ero così eccitata, eccezion fatta per l’anello nuziale, non avevo mai indossato, né tantomeno ricevuto in regalo, un gioiello!

A: “MAMMA, LASCIA CHE SIA IO A METTERTELO, CHIUDI GLI OCCHI E LASCIA FARE A ME”

Fiduciosa obbedii.
Il mio Ale, mi prese la scatola dalle mani e si porse dietro di me. Sentii la scatola aprirsi e subito dopo sentii cingermi il collo da una pesante collana metallica, che io già immaginavo in oro giallo o bianco.

A: “VAI IN BAGNO DAVANTI ALLO SPECCHIO E GUARDA COME TI STA”

Aprii gli occhi e andai in bagno quasi di corsa tutta sorridente per mettermi davanti lo specchio e guardarmi con quella collana addosso. Entrai, ero in posizione, accesi la luce del bagno e…
Il mio sorriso sprofondò nella disperazione più totale quando vidi che quella collana altro non era che un pesante collare in metallo, quello che si usa per i cani di grossa taglia.
Mi presi un attimo per me stessa, spensi la luce e mi recai in cucina in cerca di spiegazioni. Doveva essere per forza uno scherzo, di pessimo gusto, ma sicuramente uno scherzo. Appena messo piede in cucina però capii che Alessandro non stava scherzando affatto. Si fece trovare con in mano una grossa catena a maglie spesse, del tutto identica al collare che avevo addosso.

R: “MA ALE, MA COS’È QUESTO? MA COSA VUOI FARE ADESSO?

Chiesi con la voce rotta dalla paura.

A: “MA COME COSA VOGLIO FARE, NON LO VEDI? SEI LA MIA CAGNA E QUINDI MERITI DI ESSERE MESSA AL GUINZAGLIO”

E così dicendo si avvicinò, mi prese per i capelli facendomi ruotare e da dietro sentii agganciare quella grossa catena al mio collare: mi aveva messo al guinzaglio.
Atterrita, lo guardo cercando di capire le sue intenzioni

A: “LE CAGNE NON STANNO IN PIEDI, ACCUCCIATI E METTITI A 4 ZAMPE!”

Spalancai gli occhi incredula a quelle parole, ma per tutta risposta ricevetti uno strattone al guinzaglio che mi fece crollare a quattro zampe sul pavimento.

A: “DAI ANDIAMOCI A FARE UN GIRO PER LA CASA”

E così cominciò a guidarmi per casa tenendomi sempre al guinzaglio. Io mi limitai a lasciarmi guidare, sempre carponi e sempre con lo sguardo basso.

A: “CHE FANNO LE CAGNE?”

Alzai lo sguardo in cerca della risposta alla sua domanda, ma lui la risposta la voleva da me.

A: “CHE FANNO LE CAGNE? ABBAIANO STUPIDA! DAI ABBAIA, NON COSTRINGERE IL TUO PADRONE A RIPETERSI, LO SAI CHE M’INCAZZO DI BRUTTO!”

Osai tentennare solo un secondo e uno strattone al guinzaglio mi fece trasalire.

R: “BAU… BAU”

Ed accennai persino una timida uscita di lingua, come ad implorare il suo benestare.

A: “FAI SCHIFO PERSINO AD ABBAIARE. DAI TORNIAMO IN CUCINA, SU!”

Lungo il ritorno, a metà corridoio, un calcio in culo mi fece capire di accelerare. Chissà cosa aveva in serbo per me una volta giunti in cucina.
Una volta lì, mi disse di preparargli il pranzo, mi costrinse ad alzarmi tirando in su la catena, che subito legò alla maniglia del frigo.

A: “DAI SBRIGATI CHE HO FAME!”

E una pesante pacca sul culo sottolineò la cosa, prima di uscire dalla cucina.
E fu così che mi ritrovai una libertà letteralmente limitata ad un metro e mezzo. Avevo amaramente compreso cosa mio figlio intendesse con “portare il nostro rapporto ad nuovo livello”, un livello più vicino al fondo dell’abisso nel quale aveva deciso, anziché scaraventarmici dentro, di accompagnarmi passo dopo passo, umiliazione dopo umiliazione, così da farmici restare per sempre da schiava insieme a lui.
Preparai velocemente la solita cotoletta, non potendomi recare da lui, volevo chiamarlo, ma avevo paura a farlo, fortunatamente fu lui a raggiungermi quando tutto era pronto. Apparecchiai, gli servì il piatto e poi mestamente preparai il piatto per me, accingendomi a sedere difronte a lui.

A: “E DA QUANDO IN QUA LE CAGNE MANGIANO A TAVOLA COI LORO PADRONI”

Non capii, lo guardai con sguardo interrogativo. Come sempre, lasciò ai fatti le spiegazioni, limitando le parole al minimo. Si alzò e andò giusto un attimo nella sua stanza per tornare con una ciotola in acciaio, la poggiò sul tavolo, tirò la catena per farmi inginocchiare e mi lasciò lì mentre lui si accinse a sminuzzare con dovizia il mio pranzo nel piatto per poi riversarlo tutto nella ciotola. La mise a terra, sotto la finestra della parete vicino al frigorifero.

A: “MANGIA!”

Mi ordinò con tono minacciosamente perentorio.
Lui tornò tranquillamente a sedersi a tavola a mangiare. Io mi ritrovai a quattro zampe tra il muro ed il frigo, a guardare quella cotoletta tagliata in piccoli pezzi dentro quella fredda ciotola metallica, ancora una volta mi abbandonai all’ennesima umiliazione, abbassai la testa e comincia a mangiare…
Con una mano mi tenevo i capelli, con l’altra sorreggevo parte del peso del mio corpo. Allungavo la lingua per raccogliere i pezzi di cibo dalla ciotola, li portavo alla bocca e mangiavo: proprio come fanno le cagne.
Arrivai a circa metà altezza della ciotola quando mi chiamò

A: “VIENI QUI, DAI SU! SOTTO IL TAVOLO, MENTRE IL TUO PADRONE MANGIA”

Feci subito come mi ordinò, non volevo altri strattoni al guinzaglio, lasciai il mio pranzo a metà e andai sotto il tavolo muovendomi rigorosamente a quattro zampe.
Una volta sotto mi ritrovai a dover stare accucciata ai suoi piedi mentre lui era intento a finire di mangiare. Nonostante la situazione surreale, il mio sguardo era fisso tra le sue gambe, lo ammetto avevo voglia di succhiarglielo, avevo capito che col suo cazzo in bocca mi sentivo realizzata e soddisfatta. Ma questo non avrei mai potuto dirglielo esplicitamente, anche se, ahimè, lui lo aveva capito benissimo ecco perché si spingeva sempre oltre con le torture e le umiliazioni.
D’un tratto allargò le gambe, ci siamo, pensai io, ma anziché calarsi i pantaloni della tuta, si tirò via le converse logorate dall’usura. Mi porse prima il piede destro, quasi sbattendomelo in faccia, facendomi capire che voleva gli togliessi il pesante calzino in spugna bianco ed annerito dal tempo. Lo stesso feci subito dopo col piede sinistro. Inutile dire che l’odore che si sprigionò non era dei migliori, i piedi gli puzzavano di umidità stantia. Fortunatamente poggiò i piedi in terrà, pensai così che volesse solo liberarsi un po’, rimanendo scalzo durante il pranzo, ma dopo pochi minuti mi riporse la pianta callosa del suo piede destro dritto in faccia

A: “LECCA!”

Oramai, non perdevo più tempo nel resistergli, sapevo che avrebbe solo peggiorato le cose. Voltai la testa da un lato per riempirmi i polmoni di aria non fetida, trattenni il fiato e cominciai così a dare delle timide leccate alla pianta del suo piede. Reagì dandomi uno schiaffo con lo stesso piede che stavo tentando di leccare

A: ”NON SEI UN CHIHUAHUA, CHE SONO QUESTE LECCATINE? SEI UNA CAGNA DI STAZZA GROSSA, QUINDI COMINCIA A LECCARE BENE!”

Trasformai così quelle piccole e veloci leccatine in ampie e lente leccate a lingua piena, partendo dal tallone duro e screpolato fino ad arrivare alla base delle dita passando per tutta la pianta del piede.

A: “BRAVA, È COSÌ CHE LECCA IL SUO PADRONE UNA VERA CAGNA. E ADESSO LE DITA, MI RACCOMANDO PULISCI BENE LO SPAZIO TRA LE DITA”

Mi armai di tutto il coraggio rimastomi e comincia a leccare con la punta della lingua lo spazio tra l’alluce e il melluce, il gusto si fece aspro e continuò a farsi sempre più nauseabondo man mano che con la lingua, scalando verso sinistra, arrivai fino allo spazio tra il pondolo ed il mignolo. Non contento, inarcò il piede, e comincio ad infilarmi forzatamente le dita in bocca. Con le mani, trattenevo la pianta del piede, ma lui spingeva, voleva farsi strada nella mia bocca con tutto il piede. Allora aprii quanto più possibile la mascella, riuscì a fare entrare quasi metà piede, fino a quando sentì sfiorare la mia ugola da una delle sue dita. Iniziai ad avere conati, che trattenni a stento, la salivazione aumentò riversandosi tutta sul suo piede che oramai non puzzava più di umidità, ma odorava della mia saliva. Anche le parti annerite della pianta del piede le avevo tirate a lucido, quasi mi compiacevo del lavoro che avevo fatto, così quando, evidentemente soddisfatto, mi porse l’altro piede, rifeci tutto da capo, ma questa volta, con maggior impegno e soddisfazione.
Evidentemente compiaciuto dal lavoro svolto dalla sua cagna remissiva, gli stessi piedi pregni della mia salivazione, li usò per tirarmi a se. Coi talloni premeva la mia nuca spingendo la mia faccia tra le sue gambe. Finalmente, mi ritrovavo di nuovo in contatto col suo cazzo, solo un lembo di stoffa ci separava. Gli calai subito pantaloni e mutande, gli scostai le ginocchia e finalmente ero a tu per tu con quel cazzo che tanto piacere mi aveva già dato e chissà quanto altro ancora me ne avrebbe dato. Ero moscio, ma poco importava, mi ci gettai subito e me lo infilai tutto in bocca. Inarcò un po’ la schiena sulla sedia così da facilitarmi il lavoro, avevo tutto il suo cazzo moscio in bocca e con la lingua gli leccavo le palle. Che troia che stavo diventando. Cominciai a pomparlo e già pregustavo l’ennesima sborrata in bocca. Succhiavo, leccavo e pompavo, ma l’erezione tardava a venire. Allora mi misi in una posizione più comoda, afferrai le sue palle con la mano destra e mi misi a pompare con tutte le mie energie. Volevo sentirlo crescere in bocca, lo volevo con tutta me stessa. Passavano i minuti, ma la situazione non cambiava, si era ingrossato un po’, ma eravamo lontani da quel cazzo duro come l’acciaio al quale mi aveva abituata. Evidentemente spazientivo, fa volare un ceffone da sotto il tavolo.

A: “NON SEI NEANCHE BUONA A FARMI VENIRE IL CAZZO DURO!”

Disse alzandosi e togliendomi il cazzo dalla bocca

A: “FAI CAGARE AL CAZZO!”

E scaraventò il piatto contro la parete della cucina, mandandolo in frantumi.

A: “PULISCI STO CASINO ADESSO, CAGNA INUTILE!”

E andò via fino alla sua stanza, sbattendo la porta con forza.
Aveva ragione, lo avevo deluso, mi ero illusa di star cominciando a diventare una troia a letto, ma non ero neanche buona a farglielo venire duro. Mi ritrovai quindi in ginocchio al centro della cucina, legata al frigo e abbandonata dal mio padrone insoddisfatto.
Avevo voglia di piangere, ma mi misi a pulire tutto, raccolsi tutti i pezzi del piatto rotto, sparecchiai il resto della tavola e pulii per bene. Per fortuna la lunghezza della catena, se pur ridotta, mi permise di fare tutto senza grandi impedimenti. Avevo voglia di chiamarlo, ma avevo paura che fosse ancora arrabbiato e deluso. Decisi quindi di aspettare il suo ritorno. Mi sedetti sulla sedia, ma poi l’istinto mi portò ad accucciarmi vicino la mia ciotola, avevo fame e finii di mangiare l’ormai fredda cotoletta sminuzzata. Non usai le mani, ma mangiai come una cagna. Anche se non era presente, volli onorare le sue voglie, se questo mi avrebbe portata al suo cazzo. Ero una cagna ed è così che le cagne mangiano. Una volta finito, rimasi a terra, accucciata con le braccia a sostegno della mia testa. Mi appisolai in attesa del suo ritorno…

Questo racconto di è stato letto 2 1 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.