L’Abisso / 06x01

Scritto da , il 2020-10-03, genere dominazione

Stavo dormendo non so da quanto, quando a svegliarmi furono delle gocce calde cadute sulla mia guancia destra, subito seguite da un fiotto consistente di liquido ugualmente caldo come le gocce precedenti. Mi alzai di scatto e davanti i miei occhi si parò l’ennesimo spettacolo osceno. Non potevo crederci, quel liquido dall’inconfondibile puzzo era… piscio!
Se ne stava lì strafottente a continuare a pisciarmi in faccia, anche dopo che mi svegliai. Provai a ripararmi quanto più possibile coprendo il volto con le mani, ma lui si regolava di conseguenza e continua imperterrito a scaricarmi addosso tutto il suo piscio cercando sempre di centrarmi in faccia.
Quando ebbe finito, si calò leggermente per portare il cazzo, ancora grondante di qualche goccia di piscio, davanti ai miei occhi

A: “PULISCI IL TUO PADRONE, CAGNA”

Disse con tono infinitamente sprezzante.
Era troppo. A tutto c’è un limite. Ammetto che ero presa dal suo cazzo, ma ero pur sempre sua madre. Un minimo di rispetto me lo doveva. Un moto di rabbia partì dallo stomaco ed arrivò fino alle mani, mi partì uno schiaffo dettato dall’ira sulla sua coscia sinistra.

R: ”BASTA ALE, SONO TUA MADRE CAZZO!”

Le mie parole non sortirono il minimo effetto su di lui, ovviamente, ma alzando lo sguardo, capì immediatamente che fu un grande errore: non avevo i mezzi per contrastare la sua reazione, che non tardò ad arrivare.
Mi fece ritornare subito coi piedi per terra, spegnendo ogni mia residua velleità di orgoglio. Afferrò la grossa catena che mi legava al frigo, dapprima mi tirò a sé con forza, poi la slegò dalla maniglia del frigo e mi trascinò in malo modo fuori dalla cucina. Entrò in bagno e mi lasciò lì fuori, accucciata davanti la porta che rimase aperta solo per lo spessore della catena che teneva ancora in mano per l’altro capo.
Sentii che alzò la tavoletta del bagno, che si sedette e poi udii i getti di pipì seguiti da abbondanti flatulenze fino ad udire il tipico “splash” degli stronzi che cadono in acqua. Stava cagando ed io non potevo fare altro che rimanere lì fuori la porta, accucciata, come fanno le cagne in attesa del ritorno del padrone. Da quel piccolo spiraglio rimasto aperto tra la porta e lo stipite cominciavano ad uscire odori davvero forti, volevo girarmi con la faccia dall’altra parte ma le corte dimensioni della catena non me lo permettevano. Cominciai a respirare con la bocca e chiusi gli occhi, inconsapevole di quanto tempo ancora sarei dovuta rimanere lì in attesa del mio padrone. I rumori dei suoi espletamenti erano cessati e nel silenzio più totale cominciai ad udire un tintinnio metallico, era frenetico e costante. Non capivo bene cosa fosse ma volevo scoprirlo. Dal poco spazio rimasto aperto della porta non vedevo nulla, mi concentrai e feci mente locale. Ma sì, non poteva essere altro che lo sfregare dei suoi due bracciali metallici che portava sul polso destro. Ma quindi… si stava… si stava masturbando! La cosa mi deprimette, perché voleva dire che aveva ragione, non ero neanche buona a farglielo venire duro per questo era costretto a masturbarsi. Mentre stavo lì ad avvilirmi, aprì di colpo la porta del bagno e fui subito investita da un tanfo di fogna. Lui era lì, seduto sul cesso e lì rimase. Tirò la catena a sé talmente forte che feci quasi un balzo direttamente su di lui. Mi ritrovai così in ginocchio tra le sue gambe aperte dove al centro trionfava un cazzo rosso fuoco già in erezione, l’asta nervoluta sembrava pulsare. Non si degnò di sprecar parola, mi afferrò per il collare e mi spinse a forza verso quel blocco di carne dura. Ormai d’istinto aprii la bocca e cominciai a succhiarglielo di gran foga. Mentre lo spompinavo, sentivo quell’odore terribile farsi ancora più forte, aprii gli occhi e non credetti a ciò che vedevo. Non si era nemmeno degnato di tirare la catena e mi stava obbligando a succhiargli il cazzo a pochi centimetri dalla sua merda!
Quel giorno era particolarmente violento nello spingermi il cazzo in gola, evidentemente non avrei dovuto farlo arrabbiare prima in cucina e adesso mi stava facendo pagare il prezzo del mio accenno di ribellione. Mi stava letteralmente violentando la gola, ogni colpo superava abbondantemente le tonsille, complice questo trattamento, complice il puzzo che esalava dal cesso sin dentro le mie narici, cominciai ad avere pesanti conati di vomito

A: “NON OSARE VOMITARE, PERCHÉ TI FACCIO RACCOGLIERE TUTTO CON LA LINGUA, PUTTANA DI MERDA. MEGLIO CHE COMINCI AD ABITUARTI ALLA PENETRAZIONE IN GOLA PERCHÉ È COSI CHE MI PIACE ESSERE SPOMPINATO!”

Io ci provai, vi giuro che provai a resistere con tutte le forze, e ci riuscì anche per interminabili minuti, ma alla fine lo stomaco non resse e ampie calate di vomito misto a muco gli inondarono il cazzo per tutta la sua lunghezza fino alle palle.

A: “PRIMA NON RIESCI NEANCHE A FARMELO VENIRE DURO, POI OSI RIBELLARTI AL TUO PADRONE E ORA NON SAI NEANCHE RESISTERE A DUE COLPI IN GOLA, CHE TROIA INUTILE CHE SEI, MI STAI QUASI FACENDO PENTIRE!”

Quelle parole mi ferirono profondamente, sembra assurdo, ma furono peggio delle umiliazioni inflittemi.
Scoppiai a piangere mentre glielo stavo ancora succhiando, ero ridotta ad una maschera di saliva, muco e vomito ma glielo stavo ancora succhiando.

A: “DAI PULISCI STO CASINO, RIPRENDI FIATO E LECCAMI VIA TUTTO IL VOMITO E RINGRAZIA CHE NON TI FACCIO PULIRE ANCHE IL MIO BUCO DEL CULO. SBRIGATI PRIMA CHE M’INCAZZO SUL SERIO!”

Smisi di piangere, mi passai l’avambraccio destro sulla bocca per pulirmi un po’ e mi proposi di pulirgli via il macello che avevo combinato. Cominciai a leccarlo tutto, specialmente le palle, anche se avvicinarmi col naso alla sua cagata non era per niente facile. Mi misi di buona lena, con la mano destra gli tenevo il cazzo e con la lingua pulivo partendo dalla base del suo pene risalendo su fino alla cappella. Ci misi un po’, ma alla fine glielo tirai a lucido ed ebbi persino un sussulto di soddisfazione quando finii, ma quel barlume di felicità svanì quando mi accorsi che nel frattempo il bel cazzo duro e fiero che il mio padrone mi aveva messo a disposizione, ero riuscita a farlo tornare smorto e floscio. La colpa era mia e lui non lesinò insulti per ribadirlo

A: “DIO CANE! IO FACCIO TANTO PER DARTELO DURO E PRONTO E TU ME LO FAI RIDURRE COSÌ! PUTTANA INGRATA!”

Aveva ragione, aveva perfettamente ragione.
Non potei far altro che abbassare lo sguardo in segno di resa, non sapevo come farmi perdonare, ma come sempre, pensò lui ad un modo. Un modo che ovviamente non poteva che non passare da un nuovo livello di umiliazione che mi portasse un grandino più vicino al fondo dell’abisso.
Si alzò di scatto, mi strappò via la vestaglia, il reggiseno e le mutandine, lasciandomi completamente nuda con addosso solo il mio guinzaglio. Finalmente tirò lo sciacquone e nel contempo tirò anche i miei capelli, talmente forte che quasi mi sollevò da terra. Apre l’anta della doccia e mi scaraventa dentro. Io mi ritrovo in ginocchio, spalle alla parete della stretta doccia, lui rimane fuori, mi guarda con sguardo compiaciuto, si mette in posizione allargando le gambe, prende il suo cazzo moscio in mano e lo orienta verso di me. Faccio appena in tempo a calare lo sguardo dalla sua faccia al suo cazzo per vedere partire un fiotto di piscio che mi prende in pieno volto. Sono stretta all’angolo, stanca di combattere e consapevole che ogni resistenza da parte mia servirebbe solo a prolungare quella tortura, quindi stavolta non tento neanche di coprirmi, lo lascio fare, chiudo gli occhi e mi faccio inondare da quel liquido caldo che dal centro della faccia calava abbondante sui miei seni per poi perdersi nello scolo della doccia.
Il getto era particolarmente concentrato attorno la mia bocca, che io ovviamente tenevo sigillata premendo le labbra una sull’altra

A: “APRI, APRI QUELLA CAZZO DI BOCCA CHE VOGLIO SCARICARTI IL MIO PISCIO DIRETTAMENTE IN GOLA!”

Ogni singola cellula del mio copro mi diceva di no, di non farlo. Io non volevo farlo con tutta me stessa, ma le sue parole furono come una formula magica che mi fecero aprire la bocca seppur contro la mia volontà. La sua pipì cominciò ad entrami in bocca, ed io aprii gli occhi per essere certa che la centrasse bene. Sigillai la gola per non ingoiare e così la bocca si riempì velocemente. Una volta piena fino all’orlo il liquido dorato cominciò a sgorgarmi da entrambi i lati della bocca. Quella pisciata fu davvero abbondante, rimasi in quella posizione così umiliante per parecchi secondi. Quando finalmente il getto si fece meno intenso fino a scomparire del tutto, si avvicinò a me e scrollò le ultime gocce direttamente su di me. A quel punto sputai tutto, lentamente, su mio petto così da inondare le mie grosse tette della sua urina.
Ultimato quel rito, prese in mano il soffione della doccia, aprì l’acqua e un forte gettò freddo colpì la mia spalla sinistra. Sussultai un po’ ma subito dopo l’acqua diventò abbastanza tiepida. Alzai il braccio per prendere il soffione, non pensavo che volesse perdere ancora tempo con me, ma lui lo scostò e cominciò a pulirmi. Partì dal volto, passandomi la mano sulla testa che quasi sembravano delle carezze di compiacimento, almeno così volevo interpretarle. Poi mi infilò due dita in bocca, così da farmela aprire e puntò il getto d’acqua in gola come a volermela pulire per bene. A quel punto mi fece finalmente mettere in piedi e con mia grande sorpresa prese il bagno schiuma e cominciò ad insaponarmi per bene con la mano sinistra mentre con la destra continuava a tenere in mano il soffione. Mi lavò molto accuratamente, indugiando particolarmente sulla figa e sul culo visto che sfregò la sua mano in quella zona moltissime volte. Quando si ritenne soddisfatto chiuse l’acqua. Mi fece rimettere a quattro zampe, mi fece uscire dalla doccia ancora bagnata fradicia e tirandomi per il guinzaglio mi portò nella mia stanza, mi fece sedere sul letto e con mia grande sorpresa mi tolse la catena, lasciando solo il collare. Uscì e tornò subito dopo con un asciugamano, si sedette sul letto accanto a me e cominciò ad asciugarmi accuratamente. I suoi tocchi dall’altra parte dell’asciugamano sembravo quasi carezze, specialmente quando mi teneva la testa tra le sue mani. Adesso è diventato così amorevole con me. Si è sicuramente calmato ed io mi godo appieno quei gesti di infinita tenerezza. Una volta essersi assicurato di avermi asciugata per bene, mi invitò a mettermi sotto le lenzuola

A: “HAI FREDDO MAMMA?”

Accennai un fanciullesco sì con la testa, così prese un piumone più pesante posto in alto nell’armadio e mi coprì con cura quasi a rimboccarmi le coperte tra la spalla, il collare ed il mento.

A: “ADESSO CERCA DI RIPOSARE MAMMINA, IO VADO A FARMI UNA DOCCIA”

Si alzò, spense la luce e lasciò la stanza, ma non chiuse la porta. Io provai a riposare gli occhi chiudendoli, con in sottofondo lo scroscio dell’acqua della doccia di mio figlio. Credo che non chiuse neanche la porta del bagno. Dopo qualche minuto il getto d’acqua si fermò, lo sentì uscire dalla doccia e poi uscire dal bagno. Rientrò nella mia camera, stavolta chiuse la porta dietro di sé, si sedette completamente nudo sul mio letto e mi chiese:

A: “POSSO RIPOSARE UN PO’ CON TE MAMMA?”

Accennai nuovamente un timido sì con la testa. Lui non se lo fece ripetere due volte e subito s’infilò sotto le coperte, ponendosi viso contro viso. Le nostre fronti si toccavano e anche i nostri nasi cominciavano a sfiorarsi. A quel punto mi avvolse in un caldissimo abbraccio, mi strinse forte a sé, come a volermi chiedere scusa se alle volte era costretto ad essere così severo con me, ma sentivo che in fondo mi voleva bene e che in qualche modo lo faceva per me. Mi stava accarezzando la schiena e le spalle, io mi strinsi ancora di più a lui, finalmente sapeva di buono, mi lasciai andare ad un bacio sul collo, lui ricambiò con uno sulle labbra. Avevo voglia di farmi perdonare quindi i miei baci diventarono leccate e scesi con la mia mano sinistra alla ricerca del suo cazzo, ma mi stoppò subito, facendomi capire di non averne voglia. Rimasi un po’ delusa, ma sapevo che avrei avuto presto altre occasioni per farmi perdonare, decisi quindi di godermi la dolcezza di quel momento fino in fondo, così poggiai il mio capo sul suo ampio e finalmente profumato petto.
Chiusi gli occhi aspettando il mio riscatto di donna, di mamma, di amante, di cagna…

Questo racconto di è stato letto 2 4 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.