Una famiglia incestuosa. The big bang.

Scritto da , il 2020-09-16, genere incesti

Di Tibet e Paoletta80


Riprendemmo la nostra avventura con la solita massima indecisione su dove dirigerci. Se temevamo che la polizia potesse associare noi alla morte dei machos? Assolutamente no! Anzi! Il denaro recuperato da quei bastardi ci diede una certa libertà nel muoverci, non solo potemmo cenare nei ristoranti, ma ci consentì anche di viaggiare con più velocità, senza soste forzate perdendo tempo a reperire il necessario con il baratto, così ci allontanammo in breve dal luogo dell'accaduto.

La sera? Di solito sostavamo nel parcheggio dello stesso locale dove mangiavamo e lì, passavamo la notte. Certo se si trovavano le giuste persone si scopava, ma solo se ci andava, insomma eravamo tranquilli, anzi di più... eravamo sereni.

Normalmente le volte che non avevamo compagnia, Rubia e Oastrok dormivano nella stessa cuccetta e per un bel po' prima di sprofondare nel sonno, si accarezzavano a vicenda, il camper si riempiva con l'afrore delle loro fiche calde e bagnate mentre si godevano. Io, Ruback? Se mi veniva voglia lo facevo con Nadine, ma era naturale che accadesse, il sesso per tutti noi, era molto importante, una componente essenziale.

Ma poteva essere tutto normale per una famiglia come la nostra? Ovvio che no... Fu Miserere a creare una strana situazione una sera, che ci diede da pensare. Che lei fosse collegata alla Morte, intesa come entità di riferimento a cui rivolgersi, era cosa stranota, ma che il legame potesse diventare così stretto e ossessivo? Non ce l'aspettavamo.

-Nadine, ragazzi... Voglio chiedervi una cosa. Devo assolutamente farla e ho bisogno del vostro aiuto... -

-Sarà un'altra delle tue pazze idee suppongo... Dai chiedi, lo sai che puoi dirci tutto.-

-Voglio godere, avere l'orgasmo insomma, mentre mi stringerete la gola fino a farmi svenire, lo desidero con tutta me stessa... e voi mi dovete aiutare! La Morte vuole che lo faccia e io voglio sentire cosa si prova!-

-Cioè...?-

-Mi avvolgerete una sciarpa di seta alla gola mentre Ruback mi scoperà forte... e io... quando sentirò arrivare l'orgasmo, vi darò il segnale di stringere il laccio più che potete, voglio perdere conoscenza e andare a vedere cosa succede nei mondi a noi collegati durante l'orgasmo. Non dite di no! Lo voglio fare e devo farlo!-

A me sembrò una delle sue stranezze, mettere in gioco la vita senza neanche avere certezza di cosa si possa provare e rischiare? Ma al solito la cosa prese un po' tutti, e decidemmo di accontentarla.

Vivemmo la questione come un rito. Ci fu una partecipazione completa, con le ragazze a leccarle la fica già rorida di umori, portandola al limite con carezze, baci e morsi. Quando vedemmo che Miserere fu pronta, Nadine, che aveva il compito di stringere il foulard intorno alla sua gola, si posizionò sotto di lei e le ragazze invece, si occuparono di tenerle ferme le mani così da evitare che per istinto Miserere potesse intervenire con movimenti non voluti e liberarsi il collo. Poi venne il mio momento. Io con il cazzo in mano, duro come un bastone sia per l'eccitazione sessuale e sia per la strana situazione, puntai la cappella sulla fica e iniziai a penetrarla, a scoparla prima piano, poi sempre più forte.

Eravamo completamente presi da quella follia, ognuno di noi desiderava vedere come sarebbe andata a finire, era un misto di eccitazione e paura la nostra. Io ce la stavo mettendo tutta per farla godere pienamente, continuavo a penetrarla con forza, sentivo che Miserere rispondeva, collaborava venendo incontro alle mie spinte, lo faceva quasi con rabbia, concentrata sulle sue sensazioni come se temesse di non riuscire nell'intento. Ogni suo muscolo era teso al raggiungimento del piacere, e io la sua reazione la sentivo benissimo perché me la trasmetteva sul cazzo attraverso la sua fica che era diventata bollente. Aspettava con ansia l'inizio dell'orgasmo, attendeva l'attimo preciso in cui poter dire a Nadine di stringere il nodo più forte che poteva e finalmente lo sentì arrivare...

-Ora Nadine! Stringi adesso! Più forte che puoi!!!-

Nadine lo fece e mentre il viso di Miserere iniziò divenire paonazzo cercando ancora con dei rantoli di prendere ossigeno, vedemmo l'inizio del suo orgasmo che fu pazzesco. Il corpo iniziò a fremere tra gli spasmi di piacere e la mancanza del respiro, il bacino si muoveva con degli scatti incontrollati mentre ancora la possedevo, gli occhi fuori dalle orbite e la bocca spalancata in un ghigno tra estasi e terrore. Poi il suo rilassamento. L'abbandono del suo corpo e la nostra indecisione su quando liberarla.

Quanto voleva che durasse? E soprattutto, quanto poteva resistere senza respirare? Il cervello può sopravvivere poche decine di secondi senza ossigeno e noi? Non stavamo certo guardando l'orologio ed inoltre il tempo in quegli istanti divenne indefinito, non misurabile, era eterno e già scaduto! Un rapido sguardo di intendimento tra di noi e ritenendo ormai troppo pericoloso continuare, decidemmo di liberarle la gola.

E qui... il panico!

La seta si era profondamente inserita nella pelle e non riuscivamo a tirarla via. Noi nel pallone più totale con Miserere che stava morendo sotto le nostre mani. Furono le unghie di Nadine che pur incidendole con forti graffi l'epidermide fino a farla sanguinare, riuscì a liberarla. Lei ancora immobile non riprendeva conoscenza e noi pensavamo di aver atteso troppo ma senza perderci d'animo provammo ogni cosa! Tutti impegnati a riportarla tra noi, chi a massaggiarle il petto e chi a respirarle in bocca insufflando aria nei polmoni. Anche in questo caso non saprei dire quanto durò. Attimi infiniti e pur brevissimi, ma alla fine tra colpi di tosse e lunghi ansimi, Miserere riprese conoscenza e con un rantolo di voce ci stupì iniziando subito a parlare...

-Oh... cosa non ho visto! Che esperienza magnifica! Unico ciò che ho provato! Un mondo meraviglioso completamente diverso dal nostro stupido e banale! Un piacere senza pari, una leggerezza e un godimento impareggiabili! Sapete? Era freddo all'inizio, poi la Morte mi è venuta in contro e mi ha tenuta per mano mostrandomi quello che c'è nel suo universo. Tanta luce accecante, e una sensazione di calore sempre maggiore, un cammino di fuoco che ci avvolgeva e ci scaldava, sembrava bruciarci sì, ma di piacere... Quando ho sentito voi che mi stavate riportando qui, la Morte mi ha stretto forte il braccio chiedendomi di non tornare, di rimanere con lei... diceva che io sono un'eletta, che quello era solo l'inizio e che avrei provato sensazioni inimmaginabili, che verrà ancora a prendermi perché certe esperienze le ha destinate solo a me!!!-

Noi, crederle?

Non lo so... Quello che sapevamo era che eravamo felici fosse viva, anche se le ferite alla gola, il dolore e i problemi di voce e respiro se li sarebbe portati dietro per un bel po'. Comunque l'esperienza ci segnò un po' tutti, eravamo una famiglia, no? L'idea che uno di noi potesse morire ci sfiorò troppo da vicino, quindi dovevamo reagire, quale modo migliore se non metterci nuovamente in marcia in cerca di nuovi stimoli?

Passammo giorni mangiando in posti davvero orrendi, finché un pomeriggio vedemmo lungo la strada un cartellone pubblicitario di un American Steak House.

-Cazzo, ragazzi! Una vera costata di carne? Magari angus argentino? La carne di queste vacche messicane fa schifo. Ecco dove ci fermeremo a mangiare, bistecche, patate fritte e ogni altro ben di dio... tacos, burrito e soprattutto tanta, tanta birra... ma che sia San Miguel Mahou Cinco Estrella eh? Senza scherzi! Dio che fame che ho!-

Certo, non potevano sapere che fermandoci lì, avremmo trovato guai, eravamo così sereni!

Il locale era pieno a metà, arredato come fosse un vecchio luogo di posta dove cent'anni fa le diligenze cambiavano i cavalli, tavoli contro le pareti e al centro una immensa griglia su cui arrostire la carne. La particolarità erano i clienti, solo uomini vestiti da allevatori, da bovari, con speroni agli stivali e dei gran sombreri. Non potevamo stupirci che iniziarono tutti a guardarci con interesse. Quattro gran fiche bianche? Da quelle parti? Facevano gola eccome... Ma noi? Noi avevamo solo voglia di mangiare, quella sera, le fiche delle mie sorelle erano sigillate... e anche il mio culo lo era!

Quindi filammo dritto a sederci ad un tavolo. Tutto bene, l'ambiente ci piaceva, ordinammo ogni cosa ci fosse venuta in mente in attesa che arrivasse la carne che già era a grigliare sul grande barbecue al centro. Ma i maschi a volte sono come dei ritardati, avevamo fatto capire che non ci fosse trippa per gatti quella sera appena messo piede nel ristorante, eppure mentre attendevamo le costate, un idiota con la faccia da idiota e con un immenso sombrero da idiota si avvicinò e prese a parlare con Nadine che tra l'altro, era la più affamata di tutti e anche la più incazzosa.

Nadine lo ignorò ma lui sembrava non importarsene e la invitò a ballare. Lei gli rivolse uno sguardo fulminante e...

-Ma non vedi... imbecille, che sto aspettando di mangiare? Non rompere il cazzo!-

-Se Miguel ti chiede di ballare... tu alzi il culo e vieni a ballare! Nessuna può offendermi così.-

Nadine? Si alzò di scatto con in mano il coltello affilato per tagliare la costata e in un attimo glielo puntò sulla guancia.

-Senti... piezo de mierda... se non te ne vai, e di corsa pure, ti disegno la fica di tua madre sulla guancia! Ho detto lasciaci in pace!-

Ecco... da lì iniziò il gran casino. Noi affamati e incazzati e con il coltello tra le mani e loro intestarditi nello stupido orgoglio sessista. Sembrò la rissa di qualche saloon del far West. Qualche ferita? Si... Ci fu, ma niente di grave, solo qualche graffio sul viso dei coglioni, poca roba ma comunque sangue nel locale ne avevamo sparso.

Alla fine furono proprio le ragazze che si ruppero le scatole. Rubia e Oastrock buttarono delle bottiglie di olio proprio sulla griglia al centro del locale e tutto prese fuoco, compreso il soffitto e Miserere?

-Proprio come mi ha fatto vedere la Morte! Il fuoco come liberazione da queste insulse persone!-

Poi tirò fuori la Colt che le aveva regalato Clyde e sparò dei colpi fra i piedi dei coraggiosi discendenti di Pancho Villa che degni del loro nome, si affrettarono a lasciare il locale con gran rumore di speroni e tutto sembrò calmarsi. Eccola la loro mascolinità che non deve essere offesa, prima bellicosi e minacciosi poi? In rotta veloce come Speedy Gonzalez!

Ovviamente, anche noi ci demmo alla fuga, ma senza panico e lasciammo il locale incazzati e affamati più che mai! Ci mettemmo in marcia sul camper, allontanandoci il giusto dal luogo, qualche miglia dopo, abbandonammo la strada principale per infrattarci in un tratturo fra l'alta canna da zucchero. Dovevamo prendere tempo per pensare a cosa fare e anche per far passare la fame. Cosa c'era di meglio che una fumata?

Dopo una mezz'ora che eravamo nascosti lì, vedemmo arrivare nella stessa nostra direzione un malandato pick up. Ci affiancò. Alla guida c'era un vecchio peone che ci guardava meravigliato. Ci meravigliammo anche noi quando iniziò a parlarci in inglese, facendoci capire subito che sapeva chi eravamo.

-Ma siete qui! Siete nei guai ragazzi, e grossi! La polizia ha fatto due più due, pare che ne avete combinati di danni in questo Stato e vi stanno cercando ovunque! Hanno organizzato dei gruppi per catturarvi, sono tanti e anche parecchio determinati a farvi fuori!-

Il tipo non era ostile, sembrava volerci aiutare per qualche strano motivo a noi ignoto, forse perché eravamo giovani e ribelli? Nadine chiese...

-Sei del posto no? Dicci dove sono questi blocchi, e dicci anche come poterli evitare... Ci saranno strade secondarie come questa...-

-I due gruppi più forniti sono proprio nelle strade principali, loro sapevano che non potevate allontanarvi più di tanto. Il primo è proprio sulla statale da dove siete arrivati qui, impossibile tornare indietro e l'altro è vicino al serbatoio di gas naturale, all'entrata del prossimo paese... -

-Ok, ok, dobbiamo pensare... E questa sterrata invece? Dove sbuca?-

-È questo il problema... Questa sbuca proprio sulla via per il paese vicino, intorno solo campi, non ha altri sbocchi, non potete scappare purtroppo, siete in trappola. E vedrete... Sono talmente risoluti a prendervi che useranno anche gli elicotteri per rintracciarvi, un camper non passa inosservato.-

-Nascondici tu allora! Nel tuo pick up!-

-Impossibile ragazzi... Stanno perquisendo ogni mezzo che gli passa davanti... Vi troverebbero subito.-

-E pensare che volevo solo mangiarmi una costata, cazzo! Mi dicevi di un serbatoio di gas naturale, quindi infiammabile, giusto?-

-Oh si... Impossibile non notarlo, è sulla strada, colorato di verde ed enorme. Davanti ha una stazione di servizio, un distributore...-

-Va bene... Quanto è distante il paese?-

-Sette miglia.-

-Tocca deciderci ed in fretta anche, grazie amico. Tu non ci hai visto, ok?-

-Ok... Buona fortuna ragazzi, ne avete bisogno davvero-

Il pick up si allontanò, noi cercammo di pensare a come liberarci da questa situazione assurda. Quei bastardi al locale avevano dunque avvisato la polizia, questa aveva messo insieme il puzzle probabilmente anche grazie all'incazzatura dei pezzi grossi che controllavano il traffico di droga, avevamo ucciso e derubaro dei loro uomini... Da queste parti rubare droga non viene perdonato. E poi quella cazzo di festa di San Pablito! Quanti avevano notato noi e il camper? Considerando anche solo quelli che ci erano saliti sopra per scopare... Erano davvero troppi... Nadine parlò per prima...

-Perché mi ricorda Clyde e il suo ultimo colpo questa faccenda? Ragazzi, figlioli... Venite qui vicino a me! Sentite, ho sempre avuto una convinzione che è quella che ho cercato di insegnarvi da madre: non importa “quanto” vivere ma “come” vivere. Di certo ti da più frenesia e emozione un giorno vissuto da leone che passare cent'anni a fare la pecora. E noi... non siamo pecore, giusto?-

E noi tutti a darle ragione!

-Bene. Il piano è questo: faremo saltare quel cazzo di serbatoio di gas! Insieme manderemo all'inferno qualche decina di Josè o Fernando o come cazzo si chiamano 'sti contadini di merda! Possono scommettere che oggi noi faremo tremare il cielo! Si... una immensa palla di fuoco! Oh... si ricorderanno di noi! Garantito!-

Fummo tutti d'accordo. Eravamo uniti. Una vera famiglia. Miserere tirò fuori la calibro 22 e la baciò.

-Ragazzi... scegliamo una canzone. Una che canteremo assieme nell'ultimo tratto... e una cosa, se qualcuno di noi sopravviverà o più di uno, ci ritroveremo a casa di Clyde. Se no? Ci ritroveremo nella nostra prossima vita. E succederà... io lo so.-

La canzone? Causò un po' di proposte discordanti, ma alla fine? Uhhhh... La scelta fu all'unanimità! Non poteva che essere quella!

(I can't get no) satisfaction degli Stones.

-Ruback, mettiti tu al volante e vai più veloce che puoi, stai basso, io sarò accanto a te e voi invece ragazze, sdraiatevi sul pavimento e tenetevi forte. Al posto di blocco dobbiamo arrivare come proiettili e non dar loro il tempo di capire nulla. Punta dritto al serbatoio, travolgi le pompe di benzina e investi chiunque si frapponga sulla strada!-

Misi in moto e tornammo sulla strada, nessuna indecisione, nessuna paura, si trattava solo di morire alla fine e cercare di portarsi dietro più gente possibile. Percorremmo le 7 miglia a gran velocità e infine capimmo di essere alle porte del paese perché davanti a noi scorgemmo il serbatoio verde che dominava sulle numerose macchine della polizia a bloccare la strada. Il distributore era piccolo, di quelli tipici di queste parti, due erogatori in una piazzola e il serbatoio? Nessuna protezione se non una cancellata, potevamo arrivarci tranquillamente a tutta velocità.

-Ora ragazzi... cantiamo! Forza a tutta voce... e facciamo 'sto disastro! Noi siamo i creatori di vedove!-

-I can't get no satisfaction
I can't get no satisfaction
'cause I try and I try and I try and I try
I can't get no, I can't get no
When I'm drivin' in my car
And that man comes on the radio
And he's tellin' me more and more
About some useless information
Supposed to fire my imagination-

Io Ruback, pigiai l'acceleratore fino in fondo cantando a squarcia gola... Il camper sobbalzò sfondando il cancello... Poi... non vidi l'immensa palla di fuoco che dovette diventare il serbatoio quando lo investii, né il rumore folle dell'esplosione successiva, so solo che tutto si trasformò in fuoco.

E diventammo... fuoco, noi stessi.



https://youtu.be/eUpb-ALfUzc



Nota di Tibet. Con rammarico siamo arrivati alla fine e anche con sollievo, certo! Era un problema dopo aver finito un episodio doversi inventare il successivo, ma tutto è andato come volevamo. L'intenzione era di scrivere qualcosa di “diverso”, io che tiravo verso i personaggi e un clima Tarantiniano, (ha visto bene Paoletta, intuitiva come poche) cioè mettere in evidenza la loro diversità e l'atteggiamento verso il mondo esterno sempre più psicopatico. Comunque ci siamo divertiti a scriverlo, a mio parere... adattandolo potrebbe essere benissimo un romanzo breve ma questo non rientra nelle mie volontà e capacità. Magari Paoletta... sì. Ha anche la determinazione che in me latita. Ecco... ora il ringraziamento per aver aderito a collaborare nuovamente con me, anche sperando in prossime occasioni. Tutti nel fuoco, Paoletta?

Nota di Paoletta80. Claro que sí... El fuego es mi compañero...


Questo racconto di è stato letto 4 2 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.