Le Confessioni di una Ragazza III

Scritto da , il 2020-09-15, genere esibizionismo

Mentre si allontanavano in direzione dell’auto lui la prese per mano facendole un cenno col capo in direzione del boschetto.. Lei capì, lo guardò e lo seguì incuriosita, con l’eccitazione che saliva ma anche un poco timorosa di quello che avrebbero fatto una volta percorsi quei metri che li separavano dalla spiaggetta.

Si inoltrarono nella folta boscaglia e disceso il pendio si ritrovarono improvvisamente con i piedi nella soffice sabbia e di fronte ad un mare cristallino e calmo.

La spiaggia era coperta ai lati da due scogliere, poco alte ma questo bastava, insieme agli alberi, ad infondere nei due un senso di tranquillità e sicurezza;
Lì nessuno avrebbe potuto disturbarli, lì avrebbero potuto mettere in atto tutte le loro perversioni..
“ Che ne dici di fare un bagno?” disse il ragazzo iniziando a spogliarsi di tutti i vestiti ed invitando lei a seguirlo,
Lo guardò e senza farselo chiedere di nuovo lei si spogliò del suo vestito e delle mutandine ( unica biancheria intima che aveva indossato per quella sera ), prese la sua mano e corsero verso l’acqua che data la bassa profondità si manteneva piacevolmente calda..
“Sono felice che tu mi abbia portata qui, voglio essere sincera, avevo timore nel confessarti quel desiderio, ma ora mi sento bene, più libera e.. pronta a farti godere”

Si baciarono a lungo stretti in un abbraccio, si guardavano negli occhi e ammiravano il cadere del sole nel mare.. Una situazione romantica in cui entrambi provavano un immenso senso di pace senza dimenticare il perché si trovavano in quel luogo..
La ragazza prese l’iniziativa e si incamminò verso la riva, lui la seguì e quando uscì abbastanza dall’acqua piantò il suo sguardo su quel culo che lo mandava sempre fuori di testa, come si muoveva mentre lei camminava e la voglia di possedere quel corpo, lei si girava e rideva capendo che quello che vedeva il giovane gli piaceva..
La seguì fino ai margini della spiaggetta dove una parete dello scoglio si infilava nella sabbia..
Lo prese e lo portò con la schiena sulla parete, si inginocchiò davanti a lui e prese il suo cazzo, non ancora duro, in bocca, cominciando un sublime pompino..
Lui le prese la testa e gli annodò con una mano i capelli dietro il capo mentre sentiva crescere il suo uccello nella sua bocca;
Lei lo prese a pompare come ben sapeva fare mentre la sua figa iniziava a bagnarsi dall’eccitazione..
Lui la prese e, interrompendo il suo movimento, la tenne per i capelli ed iniziò a scoparle la bocca, lei si lasciò fare, sentiva che il ragazzo aveva voglia di trapanarla tutta e quella prima scopata alla sua bocca non era che l’inizio.
Andò avanti per un po' prima di fermarsi ed estrarre la mazza dalla bocca;
prese a sé la ragazza, la baciò profondamente, con tutto se stesso, la prese in braccio e la portò dove la scogliera formava un basso scalino, la pose dolcemente seduta sulla nuda roccia e le aprì le gambe fiondandosi subito con la bocca sulla sua figa ormai grondante di umori;
Mentre la leccava e lei gli teneva una mano sulla testa, assicurandosi che rimanesse in quella posizione, con un dito iniziò a penetrarla, lo infilò in un sol colpo mentre lei godeva ed ansimava, si lasciava andare al piacere che le prendeva tutto il corpo..
“Scopami Amore, Scopami ora!” esclamò nel bel mezzo di un gemito.. Lui le fece leccare il dito che aveva appena usato per penetrarla ( egli sapeva benissimo che la faceva eccitare ), sputò sulla figa, già abbondantemente bagnata, e preso il cazzo la prese tutta a sé, le diede dei primi colpi ben assestati ed infine prese a scoparla..
“Sei la mia puttana.. “ esclamò il giovane prendendola delicatamente per il collo con una mano, lei rispose “ Sono la tua puttanella, scopami ed usami come vuoi “
La sollevò e la pose a terra dove l’acqua delle onde lambiva appena la sabbia, prendendola, anche se la posizione non era delle più comode, da davanti e guardando quelle magnifiche tette che si muovevano in ogni direzione mentre lui la scopava, la scopava, la scopava..
Ogni tanto qualche onda arrivava e bagnava appena i due amanti..
Lei era nel pieno dell’eccitazione, consapevole che stesse realizzando una delle sue voglie più segrete si lasciava andare a urla di piacere che la facevano sentire una gran porca, ma a lei andava bene così, si sentiva libera, gli orgasmi arrivavano, uno dopo l’altro e la sfinivano sempre più..
Il giovane la prese alla pecorina, la prese a 90° sulla scogliera fino al momento in cui sentì l’orgasmo salire mentre la scopava da dietro.. “Ti voglio riempire la faccia di sborra, mia puttana” e sfilandosi il cazzo dalla figa ormai provata dalla lunga scopata fece inginocchiare la ragazza sulla sabbia, lei aprì la bocca mentre lui con pochi colpi di mano venne sul suo viso e dentro la sua bocca, lei ingoiò tutto lo sperma che le arrivò in gola e da brava porca ripulì il cazzo del giovane, lo fece con Amore, con le sue giovani e dolci labbra..

Stanchi e sudati si immersero nell’acqua per ripulirsi, si abbracciarono, forte, il loro legame era più forte, lei aveva avuto il coraggio di confessare una delle sue voglie segrete, lui l’aveva aiutata a realizzare il tutto..
si erano dati piacere a vicenda e questo importava più di ogni altra cosa!

Questo racconto di è stato letto 1 8 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.