Ma come cazzo se fa?!

Scritto da , il 2020-09-08, genere trio

Come ogni domenica mi sveglio pronto per andare in palestra e a nuotare con la mia sorellastra. Infatti, abbiamo la fortuna che sua mamma è la direttrice di un centro sportivo.
Partiamo presto e questa mattina passiamo a prendere un'amica di Elena (sorellastra 20 anni).
Arriviamo al centro e sua mamma ci chiede di andare nei spogliatoi della piscina dei bambini più piccoli. Siccome è una domenica grigia è previsto l'afflusso di parecchia gente. Ma essendo la piscina più piccola chiusa il spogliatoio è libero. Io in un battibaleno sono in palestra mentre Elena e Diletta arrivano dopo alcuni minuti. Io sono al trx e sto riposando, mi guardo attorno, Elena al tapis roulant è eccitante, mentre corre le sue tette anche se sode rimbalzano su e giù, invece Diletta sta facendo squat con i manubri ed ha un culo mozzafiato. Dopo un'oretta loro vanno a nuotare mentre io le raggiungo mezz'ora dopo. Anche qui dopo un'ora siamo esausti e pian piano andiamo a farci la doccia nel spogliatoio. Appena entrati nel corridoio noto le docce ed ecco il COME CAZZO SE FA?!
Le docce infatti erano in comune essendo un spogliatoio per i bambini più piccoli. Loro si mettono a ridere Elena mi dice di stare tranquillo e che ce la faremo con il costume. Entriamo tutti e tre ed iniziamo a lavarci, l'imbarazzo prevale su tutto e per almeno 5 minuti c'è un silenzio di tomba, l'unico rumore lo fa l'acqua.
Diletta esce un un'attimoper andare a prendereil balsamo, rimasti solo io ed Elena, dopo essermi sciacquato i capelli riapro gli occhi e vedo tue belle zinne di fuori. La mia sorellastra si era abbassata le bretelle del costume intero ed avevo di fronte a me la sua quarta di tette piena di sapone. Io la fissò come fosse una dea e prima che Diletta torni si è sfilata completamente il costume e l'ha gettato fuori. Io sono super eccitato e solo il costume lo nasconde.
Elena:"perché mi guardate così?
Non vorrete mica dirmi che siete imbarazzati?"
Diletta: no no
Io: no, anzi
Elena: allora che aspettate, fate come se foste da soli nella doccia di casa.
Io e Diletta ci guardiamo e pian piano ci spogliamo. Altri minuti senza parole fino a quando Elena non prende il bagnoschiuma ed inizia a spalmarlo sulle tette di Diletta e il mio cazzo sembra sempre più di marmo. Poco dopo si avvicinano a me, Elena mi sbatte contro il muro ed inizia a stuzzicarmi la cappella con la lingua per poi ingoiare il mio cazzo fino alla gola. Intanto le dita entro nell'intimità di Diletta che eccitata mi bacia mordendosi le labbra eccitata.

Questo racconto di è stato letto 7 2 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.