Giovanna 9

Scritto da , il 2020-08-26, genere incesti

Davanti a queste meraviglie mi sdraio sul letto gambe divaricate e dico semplicemente”fatemi tutto sono vostra”
Per tutto il tempo mi pigliano in tutti i modi tentano di infilarmi due cazzi nel culo ma non ci riescono ma nella figa li sento che me la aprono con due dentro,mi mettono in bocca di tutto cazzi,coglioni,culi insomma arrivo quasi a orgasmi continui,per farla breve dopo queste ore di godimento i ragazzi i lasciano salutandomi e dicendo che se voglio tornare saranno felici a spaccarmi tutta.
Rimango esausta sul letto quando entra la ragazza dell’accoglienza,con un sorriso inizia a passarmi una spugna profumata su tutto il corpo e sento un benessere totale,poco dopo mi accorgo che quando arriva alle tette e alla figa non usa la spugna ma mi accarezza con le mani ,apro gli occhi e la vedo con la camicetta slacciata e con le tette fuori.
Mi dice di stare calma che lei è quasi lesbica anche se qualche volta le piace un cazzo e così dopo la sbragata ricevo la delicatezza di donna che mi fa godere.
Diventate intime inizia a raccontarmi la sua storia e di come si sia messa a fare questo lavoro che non le piace in quanto spesso gli uomini se non hanno scaricato pigliano lei e le sistemano figa e culo,la stessa cosa la fanno con la sua amica,lesbica anche lei,al pomeriggio quando cambiano turno praticamente quasi ogni giorno debbono prendere cazzi anche se non vogliono.
Comincio a avere una idea e così le chiedo se vuole stare a casa con mio marito un mezza sega con un cazzetto grosso come un mignolo che si accontenta ogni tanto di una sega e di un pompino per far uscire poche gocce,anzi le dico che se vuole venire con la sua amica sarei felice.
E’ convinta e allora la invito per la sera dopo cena.
“Basta Anna ho il cazzo viola e Giovanna a furia di succhiarti le tette spera di far uscire il latte adesso fai quello che sai fare benissimo la troia che si fa fare tutto”
“Hai ragione Paolo raccontando cosa è successo mi è venuta voglia anche a me eccomi cosa vuoi culo,bocca o figa??”
“Mettiti a carponi un colpo alla figa e uno al culo e poi deciderò dove riempirti,Giovanna!!cazzo smettila a te toccano i coglioni e il buco che lascio libero e non strizzarle le tette intanto non esce il latte”
Eccitato dal racconto mi adopero per farla urlare dal piacere dicendole tutte le male parole che mi vengono in mente e Anna sbrodola dalla figa e anche dal culo tanti umori le escono dai buchi e Giovanna si beve tutto ormai stò per scoppiare
“Basta tutte e due bocca spalancata vi faccio bere un litro di sborra ferme ecco arrivo!!!”
Altro che schizzi è un fiume in piena quello che riverso in bocca e sulle tette delle due che se la spalmano e si leccano a vicenda per averne di più in gola
“Ahhhh che svuotata Anna sei sempre la solita maiala adesso oltre ai coglioni che sono svuotati devo liberarmi anche la vescica andiamo in bagno che vi faccio fare indigestione”
“Ma padrone normalmente mi lavi qui perché vuoi andare in bagno??”
“Non voglio che quando ritornano i ragazzi vedono le nostre porcate,non sanno che Anna rimane con me e voglio vedere la loro reazione,ma adesso Anna dopo la scaricata ricomincia a raccontare voglio capire come hai fatto a convincere tuo marito a mollarti,va bene Giovanna mi siedo sul cesso così mi puoi succhiare il cazzo mentre piscio,amore se vuoi siediti sul bidè così puoi pisciare e pastrugnare la Giovanna che non aspetta altro ”
“Allora organizzo la serata,mio marito come al solito si mette davanti alla televisione e non si accorge nemmeno che faccio entrare le due.
Lo chiamo e le presento vedo che inizia a interessarsi a una,dopo le presentazioni una si attacca a me e iniziamo a baciarci e a accarezzarci,Franco mi chiede cosa faccio e non gli sembra una cosa bella,mentre dice queste frasi l’altra lo abbraccia e mette una mano in mezzo alle gambe e inizia a aprirgli i pantaloni,insomma in breve ha il suo cazzettino in mano e nel mentre gli dà una tetta da leccare,vedo che si scalda e le dice di levarsi tutto.
Non lo immaginavo così ma la vuole nuda la obbliga a succhiare cazzo e coglioni e entra tutto in bocca,poi inizia a insultarmi e mi dice che io non gli ho mai fatto niente di questo e addirittura vuole anche l’amica e le ordina di levarsi tutto.
Mi fa vedere cose che non ha mai fatto,si fa leccare il culo poi le vuole figa contro figa mentre lui si mena il cazzetto e infine riesce a sputare qualche schizzo addosso alle due che si divertono.
In poco tempo chiede alle due di rimanere a casa per un po’ e mi dice di andarmene via che lui ha altro da fare,avete capito?? Mi ha cacciata quel pirla ma sono contenta così”
Alla fine del racconto io non resisto le piglio le tette
“Dai fammi vedere lo zampillo lava la Giovanna che non aspetta altro,brava che pisciata quasi l’anneghi che voglia di sfondarti ma è meglio di no,stanno arrivando i ragazzi Anna mettiti in cucina e non farti vedere voglio vedere la felicità quando ti vedranno,basta dai Giovanna datti una pulita e vieni”
Ci mettiamo sul divano e aspettiamo,passa poco e la porta si apre
“Cazzo papà ma non smetti mai?? Sempre con le mani sulla Giovanna e lei sempre con il cazzo in mano siete incorreggibili”
“Smettila Aurora anche voi non scherzate appena siete a casa via tutto e si comincia,anzi cara vai in cucina e portaci da bere”
Giulio si siede con noi e Giovanna ha altre mani che la palpano e lei ha due cazzi da accarezzare
“Giulio!!!!!! Corri vieni no!!fermo arrivo io guarda chi c’è??!!!!”
Entra Anna splendidamente nuda,Giulio si alza a le infila subito la lingua in bocca mentre le impasta le tette
“Ohhhh mamma che bello sei tornata aspetta che mi levo tutto poi voglio subito la tua figa fammela leccare”
Manca Aurora che subito si leva tutto piglia in mano il cazzo di Giulio e lecca le tette di Anna,io mi alzo e presento la mia cappella in faccia a Anna che spalanca la bocca e ingoia quasi fino ai coglioni,Giovanna si sdraia e piglia in bocca il cazzo di Giulio mentre Aurora lo mena.
Chiaramente il tutto finisce in una sborrata addosso a tutti ,dopo questa presentazione Giulio vuole sapere tutto e così Anna racconta la sua scappata di casa e in poco tempo i due cazzi sono ancora in carica e così le nostre amate si beccano un'altra dose di cazzo.
La vita in famiglia allargata prosegue in modo felice per tutti,la sera Giovanna una sera dorme con noi e un'altra dorme con Aurora e Giulio,dormire si fa per dire perché prima di riposarsi si fanno tutto quello che cogliono,la mattina le camere sono un disastro,lenzuola sporche di sborra ormai secca e una volta bagnate di piscia e ovviamente i materassi da buttare.
Giovanna insieme a Anna ricoprono i materassi con della plastica così al massimo si cambiano le lenzuola,mi chiamano per fare la prova le trovo sdraiate gambe aperte e figa spalancata.
“Dai lavaci altrimenti ti laviamo noi non aver paura stiamo facendo la prova di tenuta dai bello scappellati e piscia”
Lo piglio in mano e inizio a lavarle ma le due oltre a ricevere danno e così i getti vanno in basso e in alto,praticamente ci sono fontane di piscia che inondano il letto le lenzuola sono fradice e così le due le tolgono e la plastica ha retto perfettamente,il materasso è salvo,bene altra porcata da fare.
Passano i giorni tranquillamente e un giorno ricevo una telefonata dalla banca che mi chiede di andare a parlare con il direttore,cazzo mi dispiace lasciare le mie troie ma purtroppo mi vesto e vado.
Arrivo e chiedo a una ragazza dove è l’ufficio del direttore,lei gentile mi accompagna,arriviamo e apre la porta e immediatamente la chiude dicendomi che il direttore è occupato.
Lei spera che io non ho visto ma ho inquadrato il direttore coricato sulla sedia con una in ginocchio che gli stà facendo una sega con la bocca.
Aspetto e poco dopo la ragazza esce e il direttore mi dice di entrare,ovviamente è la persona importante e in perfetto stile così iniziamo a parlare dei miei problemi e in poco tempo tutto viene risolto.
“Direttore mi scusi ma credo lei debba chiamare la ragazza per finire quello che stava facendo altrimenti starà male tutto il giorno”
“Ma scusi lei ha visto?”
“Certo ma sono un uomo di mondo e queste cose sono normali per noi la chiami senza timore”
Solleva il telefono e chiede di portargli la pratica XX,in pochi minuti la ragazza rientra con la pratica in mano
“Cara credo che tu non abbia finito quello che facevi con il direttore rimettiti a posto e ricomincia senza timore,certo voglio vedere se sei brava e poi ti farò vedere un signor cazzo dai ingoia lo vedi che ha già il cazzo fuori”
Aiuto la ragazza a mettersi in ginocchio e le spingo la testa contro il cazzo del direttore,apre la bocca e inizia a segarlo con foga mentre ingoia le sollevo la gonna e le calo gli slippini
“Ti piace vero?!!hai la figa che gocciola credo che ti meriti un secondo cazzo”

Questo racconto di è stato letto 9 1 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.