Ritorno dalle vacanze

Scritto da , il 2020-08-20, genere bisex

Ritorno dalle vacanze

Sul traghetto che in circa un'ora ci avrebbe portato dall'isola alla terraferma non c'era molta gente, per cui buona parte dei sedili sistemati sulla tolda semicoperta erano vuoti. Quasi tutte famiglie, con bambini e con cani. Presi posto quasi al centro, di fronte all'uscita.
Dopo aver guardato per qualche minuto il mare, le poche vele che lo punteggiavano, i veloci motoscafi che si lasciavano dietro le bianche strisce di spuma, mi misi ad osservare le persone che mi stavano attorno. Di questi tempi è bello guardare le donne, abbronzate, molte con la scusa del caldo vestite succintamente, con camicette sbottonate a far vedere un po' di seno, oppure con pantaloncini e minigonne da cui fuoriescono gambe snelle e rotondità posteriori. Alcune sono malfatte, ma sempre femminili, altre invece promettono seni sodi e cosce ben tornite. Qualcuna, maliziosamente, arriva a farti vedere il colore degli slip. È una gioia per gli occhi che fanno provvista di belle forme prima che il freddo faccia nascondere, sotto una cortina di maglioni, pantaloni pesanti e giubbotti, le meraviglie che le donne possiedono.
Qualcuno dei viaggiatori guarda anche me, donna matura, alquanto castigata nel vestire, ma sempre dotata di un bel seno e un bel fondo schiena. Perché non dovrebbero guardarmi?
Seduta accanto a me una signora, più giovane di me, gambe snelle e affusolate, poco seno ma glutei abbondanti e rotondi. È sposata ed ha una figlia dalle cosce bianche e pienotte: avrà preso la tintarella di luna … Se dovessi decidere quale delle due portarmi a letto, non saprei proprio: quelle gambe nervose mi ispirano molto, ma la morbidezza della fanciulla mi richiama di più. Ahimè, la vecchiaia mi spinge a guardare le giovani, quasi a voler essere come loro; a volte guardo anche le dodicenni, ancora senza seni o con un piccolo accenno, ma con la schiena e le gambe dritte e un... principio di culetto che innamora: insomma, quelle che si chiamano silfidi. È così, mentre si va verso il tramonto, si guarda a levante, dove sorgono le nuove leve, le nuove bambine che diventeranno donne e daranno filo da torcere ai maschietti. A volte me le sogno, schiere di giovanette nude dagli occhi luminosi, impettite con i capezzolini in avanti, le farfalline ancora implumi e le chiappette ondeggianti, che marciano incontro all'avvenire.
Toh, guarda lì! A distanza di circa quindici metri, sotto la scala che porta al ponte superiore, sedute sui contenitori dei giubbotti di soccorso, ci sono due ragazze carine. Una sarà sui venticinque anni, l'altra sui diciotto. Sono accovacciate, quasi come si usa nello yoga, una di fronte all'altra. La più grande ha un viso serio, l'altra ride. Il suo è il sorriso luminoso della ragazza innamorata che guarda il suo amore e se lo mangerebbe con gli occhi. Ride: mi ricorda l'innamorata descritta dal poeta Catullo che davanti al suo amore è dulceridentem. Fa proprio tenerezza a guardarla: il suo sentimento trasuda da tutto il corpo e si trasforma in quella chiostra bianca di denti, in quella bocca felicemente semiaperta, quasi a respirare il fiato dell'altra, senza il quale non potrebbe sopravvivere. Ride … dio com'è bella! Ride … come mi piacerebbe ridesse per me …
Cerco di distrarmi, di guardare altrove, ma ogni due minuti i miei occhi vanno su queste due belle ragazze che parlano, ridono, intrecciano le mani, si fanno carezze sulle guance. Che spettacolo sublime l'amore! Starei ore a guardarle così felici, così estranee al mondo che le circonda … Evito, per quanto posso di guadarle, perché non vorrei che, seguendo il mio sguardo, qualcuno possa posare il suo intriso di malignità su quella coppia genuina. Ma forse qualcuno, come me ha visto, ma a fatto finta di nulla per non inquinare con i suoi pregiudizi la felicità delle due ragazze.
Ora quella più giovane ha cambiato posizione, si è sdraiata sulla compagna, sul grembo della quale ha appoggiato la schiena e il capo sul petto. Continua a parlare, a ridere mentre la più grande le ha messo una mano sul seno … la sua è una lenta carezza, attuata con movimenti quasi impercettibili … ecco, ora le sue dita sollevano la maglietta, vi si infilano sotto fino a raggiungere i capezzoli … O dio come sono belle! È uno spettacolo che vorrei facessero per me tutte le sere... Andrei a letto a dormire soddisfatta, con gli occhi pieni di gesti teneri d'amore ...
Ora la ragazza più giovane ha sollevato le ginocchia. I pantaloncini, tutti sfrangiati come si usa presso i giovani d'oggi, a malapena le copre le cosce. Anzi, il ginocchio così piegato, forma quasi un arco sotto il quale si intravvede una natica, piccola, magra ma ben modellata che disegna una semisfera perfetta. Magari potessi accoglierla nel palmo della mia mano … E ride, continua a ridere, inconsapevole certo della felicità che sta vivendo. «Godi, fanciulla mia, stato soave, stagion lieta è codesta ...».
Si è mossa ancora: adesso ha ridisteso le gambe e le ha allargate. In genere non ho atteggiamenti e sentimenti morbosi, so guardare ed assistere a certi accadimenti con un certo distacco, ma questa volta una forza misteriosa, non morbosa però, mi solleva dal sedile e mi spinge a dirigermi verso la coppia. Faccio finta di andare nel bagno lì accanto. Le due sono in un altro mondo, vivono lontane da noi miseri mortali: la più grande continua a frugare dolcemente sotto la maglietta fra le tette dell'altra che, a sua volta, rilassata e ridente, sta a gambe aperte. Il cavallo dei suoi pantaloncini è molto stretto, una striscia sottile, ai lati della quale le grandi labbra, rosee e vellutate, si mostravano sfrontatamente in tutta la loro bellezza naturale. Tornando indietro ho modo con la coda dell'occhio di riguardare quello spettacolo, un solo fuggevole e obliquo sguardo, ma volentieri mi sarei soffermata a baciare quel fiore aperto, giovane e odoroso di mare.

Questo racconto di è stato letto 3 6 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.