Velia

Scritto da , il 2020-09-09, genere bisex


La Velia

La conobbi sulla spiaggia di San Teodoro, in Sardegna, alla fine di giugno di tanti anni fa, quando ancora pochi erano i bagnanti e ci si poteva liberare del reggiseno senza essere guardate da decine di occhi concupiscenti. Lei era due ombrelloni più in là, aveva qualche anno più di me, ma aveva un fisico compatto, un culo rotondo e desiderabile, un bel paio di tette, che però non scopriva mai. Era sola e a quanto pareva non si perdeva un raggio di sole, perché la sua pelle era diventata color marroncino, tranne ai bordi del reggiseno e degli slip dove quelle striscioline di pelle visibili mostravano una carnagione candida, quasi lattea. Se ne stava stesa sul lettino, la testa riparata dall'ombrellone, le braccia penzoloni e a gambe aperte, quasi a volersi cuocere la patata.
Da due giorni la guardavo per cercare di capirci qualcosa, l'unica cosa, però, che capivo era quella rotondità posteriore che mostrava orgogliosamente quando, chinandosi, si aggiustava i cuscini del lettino. Le si vedeva un po' della spaccatura ma era invisibile qualsiasi segno di presenza della vulva. Doveva averla piuttosto incavata e piccola. Per verificarlo, mi feci una breve passeggiata sulla sabbia, passandole davanti. Guardavo con la coda dell'occhio ma quando fui proprio in direzione di quell'angolo formato da due belle cosce aperte, non potei fare a meno di guardarla. Lei se ne accorse, mi sorrise e mi rivolse il buongiorno. Risposi cortesemente ed allungai il passo, facendo finta di nulla, ma ero imbarazzata. Ero stata stupida a passarle davanti. In effetti non si vedeva né un cenno di fessura, né un rigonfiamento. Come le bambole …
Il terzo giorno arrivò sul tardi, accompagnata da un ragazzotto, atletico, coperto solo da un minislip da cui emergeva un bel malloppo. Lei, per la piccola confidenza del giorno prima, mi fece un cenno di saluto con la mano, a cui risposi con un sorriso. Il ragazzo intanto armeggiava con le sdraio. Mi alzai e mi feci una passeggiata perché non volevo mostrarmi curiosa. Feci lentamente un centinaio di metri sulla spiaggia deserta, passai davanti a due ragazze in topless che si arrostivano al sole, poi davanti ad un gruppetto di quindici/sedicenni che mi guardarono con occhio assatanato, pronti a saltarmi addosso contemporaneamente. Li guardai con aria provocatoria, feci finta di aggiustarmi il seno, mi chinai per prendere una conchiglia. «Che culo!» esclamarono in coro.
Erano passati diversi minuti e così tornai alla mia sdraio. Lei e il ragazzo erano ancora là, sdraiati. Quando lei si accorse della mia presenza, ebbe un movimento veloce per non far vedere cosa stava facendo, ma era ormai tardi e così decise di rimanere immobile. Il ragazzo aveva gli occhi chiusi ed era concentrato sul gesto di lei, così non mi vide. Lei teneva la sua mano sugli inguini di lui. Ci guardammo, ci sorridemmo e le strizzai l'occhio come per dire che per me poteva continuare tranquillamente. Avrei scoperto poi che lei non era tipo da preoccuparsi o da vergognarsi. Che fare? Andarmene? Ma no, affari loro, io dovevo prendere il sole. Mi ripromisi di non guardare. Ma … la curiosità … Così ogni tanto mi rigiravo di lato e guardavo con gli occhi socchiusi. Il suo braccio si muoveva ora piano ora veloce, la sua mano era stretta a pugno intorno al sesso del ragazzo: lo masturbava. Mi rigirai, non volevo guardare. Quando la curiosità mi vinse, tornai a spiare. Ma lei dov'era? E lui? Le sdraio erano vuote. Poi, guardando meglio, li vidi stesi a terra. Ogni tanto la testa di lei faceva capolino dietro la sdraio, poi si abbassava … che brava! Gli stava facendo un pompino. Che donna! La cosa mi intrigava e non smisi più di guardare. Dopo un po' lei gli salì sopra, si attaccò con la bocca a quella di lui, alzò le natiche, nude, fece un movimento di strofinamento, poi dovette trovare il punto giusto e si accovacciò. Qualche secondo di quiete, quindi cominciò a cavalcare. Era uno spettacolo vederla: incollata alla bocca di lui, faceva ondeggiare il suo bel culo all'aria mentre si godeva il cazzo del giovanotto in vagina. Poi un gemito del ragazzo segnalò che tutto era finito in gloria.
Mi rigirai dall'altra parte, facendo la gnorri. Lo stropiccio di passi sulla sabbia mi fece capire che si erano alzati. Si erano rimessi il costume e tenendosi per mano si dirigevano verso il mare, dove si sciacquarono a lungo, ridendo e lanciandosi manate d'acqua, come bambini. Presi le mie cose e mi avviai a casa.
La mattina dopo fu lei ad arrivare prima di me. Mi aspettava. «Mi scuso per ieri, forse l'ho scandalizzata ...». «Ma no, le dissi, a me non importa, ha fatto col suo. Spero si sia divertita». «Oh grazie della sua comprensione … Io sono Velia … possiamo darci del tu?». «Certo, io sono Laura, piacere». «Scusami ancora per ieri … Io sono sposata ma le cose non funzionano più ed io ogni tanto ho bisogno di essere soddisfatta». « Ma non hai bisogno di giustificarti; d'altra parte, come ti dicevo, fai col tuo ...». «L'ho conosciuto ieri sera ad una festicciola, mi ha fatto una corte serrata. Mi è piaciuto e gli ho dato appuntamento qua... ». «Che ti sia piaciuto, me ne sono accorta …». «Hai visto tutto?», «Tutto no, ho visto prima la tua testa e poi il tuo sedere muoversi sopra-sotto… Bella ginnastica! La fai spesso?». «Abbastanza». «Sempre ragazzi?». «Quasi sempre … hanno le labbra morbide …» e mi sorrise sorniona. «A te non piacciono?». «Certo che mi piacciono, solo che non lo faccio sulla spiaggia davanti a tutti». «Scusami ancora, ti ho scandalizzata?». «Ma no, dai, semmai sono invidiosa della tua noncuranza degli altri: sei capace di fare tutto anche se c'è gente, io non ne sono capace». «Sei sposata? hai un compagno?». «No, sono zitella». «Ma dai! Con qualcuno andrai a letto ogni tanto». «Ogni tanto sì … mi levi una curiosità? Perché oltre agli slip ieri non ti sei tolta anche il reggiseno? Saresti stata più libera di muoverti». «Sì … ma guarda ...» e nel dir così si denudò il petto. Un petto bianco, pieno, bello, ma … c'era qualcosa che non andava. Al seno destro mancava qualcosa … caspita! Gli mancava il capezzolo! Come mai? «Sempre stata così, quando ho allattato i miei figli il capezzolo veniva fuori, poi rientrava ed è rimasto così; non solo manca il capezzolo, ma è anche un poco più piccolo dell'altro, ormai mi sono abituata, ma cerco di non farlo vedere agli altri». «Bel seno comunque … Frequenti solo ragazzi?». «No, anche uomini maturi se capita, c'è un amico di mio marito …», «E lui lo sa?». «No, ma penso che immagini; comunque non mi dice nulla, ormai tra noi è finito tutto». «Ti porti a letto anche donne?». La mia domanda la stupì: «No, perché tu?» «Ogni tanto, per cambiare mi prendo qualche libertà». «Davvero? Io non ho mai provato … e che fate?». «Che facciamo? A te per esempio farei tornare fuori il tuo capezzolo … Dai, rimettiti il reggiseno ...». «Posso venire a sedermi accanto a te?». «Fai pure, la spiaggia è libera, non mi disturbi … Ma oggi non ti viene a trovare il giovanotto?» «Oggi no» e mi sorrise, «Hai visto com'è attrezzato?». «No, non ho avuto modo....».
Finalmente si zittì, si sistemò la sdraio, alla sinistra della mia, quasi accostata, si stese, si mise un cappellino di paglia sul viso e aprì le gambe al sole che cominciava a dare qualche martellata di calore. Passò così una buona mezzora in silenzio; la spiaggia rimaneva deserta, nemmeno il gruppetto di ragazzi. Ne approfittai per togliermi il reggiseno, un po' di sole sul petto non mi avrebbe fatto male, solo che dovevo fare attenzione alle scottature. I miei movimenti destarono Velia dal suo torpore. «Mamma che pocce! E che bei capezzoloni!». «Cadenti ormai ...». Dopo avermi guardato un po', si rimise nella stessa posizione di prima. Stavolta, però, ero io a voler parlare. La signora mi sembrava alquanto vispa, aveva un bel fisico, era spigliata, la mia curiosità esigeva una conoscenza più approfondita. «Come si chiama il ragazzo di ieri?». «Emilio, ha 19 anni». «E poi c'è l'amico di tuo marito … È il solo ragazzo che hai?». Sorrise. «No, c'è anche Antonello, trentacinque anni, sposato». Ah! E te li fai a turno? «Emilio, te l'ho detto, l'ho conosciuto solo l'altra sera. Giovanni, l'amico di mio marito è il mio amante da molti anni, ci vediamo raramente, ma quando ci incontriamo diamo fuoco a tutti i nostri desideri e a tutte le nostra fantasie. Non ricordo di aver scopato con lui due volte allo stesso modo, una volta su uno scaleo, sai quelle scale che si aprono a forbici … Un'altra volta eravamo in una stanza da sgombero, accanto al garage, dove c'era mio marito che armeggiava con l'automobile … Fui costretta a mettermi... un fazzoletto in bocca e a morderlo per evitare di urlare e farmi sentire ...» . «E se tuo marito ti avesse scoperta?». «Ho l'impressione che mio marito se non sa intuisce e non reagisce. Secondo me tra i due durante la loro giovinezza c'è stata qualche relazione omosessuale, con mio marito che svolgeva il ruolo debole. Giovanni lo domina sempre, anche nelle cose più banali. È un trasgressivo ...». «Che significa?». «Gli piacciono rapporti diciamo così non usuali …» . «Cioè?». «Mi ha abituata alla sodomia … tu la pratichi? Scusami se sono invadente e affronto argomenti un po' triviali … ». «Beh, non mi scandalizza nulla … sì la pratico … Ma allora, secondo te, Giovanni è passato da tuo marito a te? Mi vien da ridere, perché in qualche modo tutto è rimasto in famiglia...». «Sì, hai ragione, è una storia che fa ridere, ma è così».
«Vado a fare due passi sulla battigia, mi bagno almeno i piedi». Mi piaceva sentire alle caviglie la carezza fresca dell'acqua e il dolce solletico della sabbia sotto la pianta dei piedi. Intanto pensavo alla storia strana di Velia, che sembrava incredibile ma la sua voce sembrava sincera, non avevo sentito ombra di falsità. Chissà se Giovanni avesse confessato al suo vecchio amante che lo lasciava perché preferiva il culo più morbido della moglie. Filosofare sul sesso, tuttavia, è inutile, perché ci si trova sempre davanti all'imprevedibile, al paradosso. Velia e Giovanni, se la sua ipotesi era corretta, potevano benissimo formare un trio, invece si vedevano di nascosto pur sapendo che il marito aveva intuito qualcosa. Chissà se questi provava gelosia nei confronti della moglie o di Giovanni … Passeggiando avevo raggiunto una zona in cui c'era un acquitrino. Le canne erano alte e folte. Approfittando di un sentiero dal terreno solido, volli andare a vedere cosa ci fosse oltre … Due giovani innamorati che si sbaciucchiavano con passione e si palpavano ovunque. Li lasciai stare e tornai alla mia sdraio. Velia era sempre lì, a gambe larghe: le piaceva farle prendere aria. Mi tolsi di nuovo il reggiseno e mi sdraiai. «Come avete fatto tu e Giovanni a trovarvi?». «Lui era un assiduo frequentatore della nostra casa. Circa dieci anni fa, un giorno venne quando io ero sola in casa. «Ti faccio il caffè» gli dissi e andai in cucina. Lui però mi venne appresso e mentre preparavo la caffettiera, mi mise la mano dietro, dicendomi: “mi piace il tuo culo, lo voglio ... adesso”. Cercai di liberarmi dall'abbraccio, ma lui mi tenne forte e mentre mi mordeva la nuca, mi alzava la gonna e mi denudava il sedere. Poi sentii la sua verga strofinarsi sulle mie natiche, percorrere il solco e finalmente cercare e trovare il punto giusto ...».
Dopodiché, il silenzio. Io immaginavo la scena ed anche lei sembrava sommersa dai ricordi Allungai il braccio sinistro e posai la mano sul suo seno, quello senza capezzolo. Era coperto dal reggiseno ma mi fu facile mettere la mano sotto. Lei se ne stava immobile e silenziosa. Sentivo nel palmo della mano quel tenero globo di carne e percepivo dall'accelerato respiro di lei che era in attesa di qualcosa. Con il pollice esplorai la sommità del globo e così individuai il punto in cui il capezzolo si era nascosto. Cominciai a strofinarlo lentamente e dolcemente, poi usai anche il polpastrello dell'indice. A poco a poco il capezzolo emergeva dal suo nascondiglio, lo sentivo tra le mie dita diventare consistente. Lei ebbe una qualche vibrazione, cui seguì un fievole gemito. Mi girai a guardarla: aveva gli occhi chiusi, le labbra socchiuse e una lieve ombra di piacere sul viso. Continuai con quello strofinamento sul capezzolo. La guardai con più attenzione e vidi che il suo braccio destro si muoveva quasi impercettibilmente. Seguii il movimento e vidi che Velia si era portata la mano tra le cosce. Dai suoi sospiri capii che si stava masturbando. Che donna imprevedibile … continuai a manipolarla fino a quando con un sospiro e un gemito si acquietò.
Non mi fu difficile convincerla che si poteva fare sesso noi due, senza uomini.

Questo racconto di è stato letto 3 9 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.