Ad Anna - Madrigale

Scritto da , il 2018-12-21, genere poesie

Giovane amica, che mi doni
Virtuali piaceri osannando
Le intime parti del mio corpo,
realmente vorrei sentire le tue mani
palpare le mie carni
e frugarmi nei recessi
là dove vibrano gli orgasmi.
A volte ti sogno e nel sognar ti dico:
Accosta, o donna, la tua bocca
Al pube mio odoroso
E dammi in cambio la fresca
Tua rugiada che distilli
dove tra le rosee pieghe
Si nasconde la fonte della vita.

Questo racconto di è stato letto 6 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.