Giulia e un compleanno interessante

Scritto da , il 2020-07-29, genere tradimenti


mi chiamo Massimiliano sono alto 190 e ho i capelli castani occhi verdi. Fisico normale, poca palestra e tanto sport divertente, purtroppo gli aperitivi e una vita non proprio regolare non rendono il mio fisico scultoreo. Sono contento del mio matrimonio, ma ho un rapporto di lunga durata con una mia amica. In passato c'è stata anche un pò di intimità, per mille motivi non siamo mai riusciti a far diventare questa intimità una storia seria. Ogni tanto ci vediamo per fare un apertivo e le ore passano sempre in modo piacevole, ci raccontiamo un pò quello che è successo dall'ultimo incontro, e la sensazione che ci siamo visti il giorno prima anche se in realtà sono passati mesi. Ogni tanto questi incontri finiscono anche in qualcosa di più, ma non è la regola, anzi è l'eccezione, ma va benissimo così ci vogliamo bene veramente. Ci conosciamo da 15 anni. Lei si chiama Giulia ha un paio d'anni di me, capelli lunghi neri, alta circa 1.70, occhi azzurri, e diciamo che non è una ragazza che passa inosservata, anzi. La cosa che mi piace di più e ascoltarla e vederla sorridere. Decidiamo di fare una serata insieme. Visto che ho problemi di orario mi sono inventato che dovevo stare via per lavoro, concordiamo il tutto per giovedì prossimo. Arriva finalmente il giovedì...che Emozione. Fra poco ci
vediamo. Ho cercato di liberarmi il prima possibile dal lavoro, purtroppo non è stato possibile così ho dovuto aspettare la fine delle varie riunioni. Ci siamo sentiti su whats. Fortunatamente anche tu avevi un pò di problemi, così il ritardo non è caduto interamente su di me. Ci vediamo vicino al pierrot (il nostro bar preferito). Parcheggiamo la macchina nel solito parcheggio. Scendo dalla macchina. Scendi anche te in contemporanea. Io camicia di lino pantaloncini corti e snickers. tu magliettina bianca e una gonna sopra le ginocchia. scarpe nere coperte alte. tacco medio. mi vieni incontro. ci abbracciamo. sento il tuo seno sul mio petto, starei volentieri un pò di tempo in questa posizione, però dopo qualche secondo ci stacchiamo. Al posto di baciarci guancia su guancia, mi prendi la testa e mi dai un bacio diretto lateralmente. Sento lo smack. Mi guardi e sorridi. Ci prendiamo mano nella mano e andiamo verso il pierrot. Quando entriamo attiri i soliti sguardi dei clienti abituali. Sorrido. Prendiamo il primo sbagliato. Poi prendiamo il secondo. La conversazione diventa fluida. Che bello
ti ascolto. Sorridi. Ridi. Ci raccontiamo gl ultimi 15 gg, parliamo di tutto dalla politica ai colleghi. Ti accompagno a fumare una sigaretta. Rientriaamo. Paghiamo e si parte. Portiamo la tua macchina nel parcheggio di un supermercato lì vicino in modo tale che sia più sicura per la notte. Sali in macchina. La gonna sale un pò. Forse dovuto agli sbagliati, non posso non guardarti le gambe. Mentalmente sorrido, faccio finta di non vedere. Mettiamo su un pò di musica. Mi teniamo x mano. Prima dell'autogrill di Borgomanero mi chiedi se ci possiamo fermare. Entriamo ci prendiamo 2 ceres per il viaggio. Ti aspetto fuori. Quando esci hai uno strano sorriso. Mi sembra che ti sei tolta il reggiseno, poi penso che sia impossibile che sono il solito pirla. Ci rimettiamo in macchina. Dopo circa 30 minuti mi dai in mano un telecomando. Mi sorridi. e mi dici "questo è il miro regalo di compleanno". Mentre me lo dici ti avvicini e mi dai un bacio sulla guancia. Io ci metto qualche secondo a realizzare il tutto. Penso o cazzarola. Prendo il telecomando e schiaccio l'unico bottone presente. Ti guardo, ti rilassi e ti
metti + comoda sul sedile. Lo schiaccio di nuovo. Il tuo respiro si fa un pochino più intenso. Altra pressione. Il respiro è più forte. Mi stringi + forte la mano. Passano qualche minuto, schiaccio nuovamente e mi dici era meglio prima. Tengo premuto spengo il tutto e rischiaccio ancora 3 volte. A questo punto metti la tua mano sui miei pantaloni. Voglio prenderti subito. Mi fermerei al volo in un area di parcheggio. Voglio baciarti. Tu ti avvici e mi mordicchi un orecchio. Ci diamo un bacio veloce con la lingua. Sto impazzendo. Mi guardi e mi dici che devo aspettare che non c'è fretta. Infilo la mia mano nella tua camicetta, non hai il reggiseno, probabilmente te lo sei tolto in bagno in autogrill, avevo visto giusto. Inizio a giocare con i tuoi capezzoli. Che voglia di prenderti. Mi slacci i pantaloni e mi inifili la mano nelle mutande. Vorrei dare una testata al volante per la situazione. Mi si secca la gola. Prendo la ceres e ne bevo un goccio. Ti chiedo se possiamo fermarci da qualche parte mancherà ancora mezz'ora alla nostra destinazione come faccio a resistere??? Tu mi dici che va bene, ma non dobbiamo fare niente solo baciarci. Entro in un area di parcheggio. Ti slacci la cintura e ti metti in ginocchio sul sedile. Ti prendo il viso tra le mani e inizio a baciarti. Le lingue si muovono veloci. La mia mano va sotto la tua gonna sul tuo sedere inizio a toccarlo. Tu ti fermi e mi dici solo baci. Io ti guardo e rido e penso che sei matta. Mi slacci i pantaloni mi abbassi le mutande e inizi ad andare su e è giù con la lingua e poi con la bocca...ma non erano solo baci????dopo un paio di minuti ti stacchi mi dai un lungo bacio e mi dici chepossiamo andare. A questo punto oltre che matta sei anche perfida :) In questo momento darei un rene per penderti...ti rispondo con un laconico va beneeeee mi rivesto e ripartiamo. Alterniamo l'ultima mezzora di viaggio con qualche minuto di passione e qualche minuto invece di calma. Arriviamo in hotel. Lasciamo i documenti. Saliamo in camera. Mentre siamo in ascensore ti bacio cerco di infilare la mia mano sotto la tua gonna tu mi fermi. Entriamo in camera vai in bagno. Esci dal bagno e mi dici usciamo???A questo punto vorrei morire però mi sembra giusto siamo venuti qua per divertirci. Usciamo in strada, ci saràtempo per tutto. Andiamo in spiaggia e ci togliamo le scarpe, che bellocammnare mano nella mano, sentire la sabbia sui piedi. Ci teniamo per mano e guardiamo il mare in silenzio. Andiamo a piedi nudi al barettino. Ordiniamo da bere. Passa un'ora, passa un 'ora e mezza e siamo ancora lì, come se fossimo lì da sempre, parliamo la tensione erotica è scesa un pochino. Il barettino sta x chiudere. Li chiedi dov'è il bagno. Mi chiedi se tiposso accompagnare. Ti seguo siamo nell'antibagno. Fa un caldo della madonna sono quelli prefrabbrcati che ci sono al mare. Mi baci, mi infili la mano nei pantaloni,inizi ad andare su e giù. Le lingue volano, siamo sudati. Mi slaccii pantaloni per essere più comoda. dopo circa 30 secondi ci stacchiamo e mi rivesti. Usciamo x cercare un posto per mangiare qualcosa. Troviamo una pizzeria, ci sediamo mentre mi parli ripenso a quello che è successo. Ogni tanto scrivi qualcosa su whats. cosa darei per sapere cosa scrivi...sono curioso/geloso. Finito di mangiare ci infiliamo in un localino. Musica... gin tonic...sono le 1.30 finalmente ti sciogli e inizi a ballare. Che figata cistrusciamo, balliamo insieme, non vedo l'ora di averti di infilare la mia lingua dentro di te. Verso le 2 decidiamo che è il momento dirientrare. mentre saliamo in ascensore ti spingo sulla parete e ti prendo la testa e inizio a baciarti con foga. Ti infilo la mano sotto le mutande. Questa volta non c'è resistenza, ti sento umida. ti penetro con un dito. Entriamo in camera, ti togli le scarpe e mi dici, "fammi vedere il tuo regalo di compleanno". Sei sdraiata, mi inginocchio e inizio a leccarti tutta. Bevo tutto quello che esce da te. Mi passi la mano tra i capelli. Ti voglio prendere, ci spogliamo. Io sono sopra e tu sotto. Entro. Ti guardo negli occhi sorridi. Iniziamo lentamente, poi più velocemente. Dopo circa 5 6 minuti ti metti a carponi. Ti lecco davanti dietro. Entro nuovamente, vieni sopra di me. Metto entrambe le mani sul tuo seno. La tua teste segue i movimenti del corpo, hai caldo mandi indietro i tuoi capelli lunghi. Ti strizzo i capezzoli. Mi dici ahia, mi mordi, stai per venire. Hai un gemito, mi prendi la testa e sentoche stai per venire. Il tuo respiro è forte ti lasci andare, in questo momento sei solo mia. Vieni. Ti faccio sdraiare, ti lecco voglio tutto. A questo punto mi tocchi, vai su e giù con la lingua. Non so quanto potrò resistere, sto per venire... tu continui. mentre vengo tu non ti allontani. Ti prendo la testa ti passo la mano trai capelli sto venenedo è bellissimo. Vai in bagno a ripulirti. Poi tocca a me. Sono le 3.30, forse è meglio andare a letto che domani colazione al mare e poi si torna nel mondo reale
Aspetto i vostri commenti :)

Questo racconto di è stato letto 5 9 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.