E alla fine, Nadia ha trastullato il portiere

Scritto da , il 2020-07-29, genere tradimenti

Ieri, rientrando in casa dopo il lavoro, ho sentito una voce maschile ansimante che diceva "brava...". La voce proveniva dalla cucina...sono entrato e ho visto la mia compagna Nadia inginocchiata che succhiava l'uccello del portiere. Sono rimasto basito! Come sapete, il portiere era a conoscenza della mia inclinazione cuck e delle scappatelle che Nadia aveva col mio amico Michele. Ridevamo insieme quando gliele raccontavo e la cosa divertiva molto anche Nadia, ma il portiere non aveva mai chiesto di...insomma...di svuotarsi le palle con la mia donna. Si limitava a fare battute e allusioni ironiche, in un clima di garbata goliardia. E invece ieri...quando mi hanno visto entrare, hanno continuato come se nulla fosse. Io, punto nell'orgoglio (non per le corna, ma per il fatto di essere stato all'oscuro di tutto), ho detto "Nadia, ma perchè non mi hai detto niente?". Lei, mentre glielo succhiava, ha alzato lo sguardo fissandomi con aria divertita, senza staccare la bocca dall'uccello del portiere. Ho avuto un'erezione improvvisa, e intanto lui, ansimando, mi ha detto "vabbè ma...cosa pensi...che se tu mi racconti certe cose, io poi...io poi secondo te non salgo a sondare il terreno...?". Mi è diventato ancor più duro, anche se mi ha dato fastidio quel ragionamento così opportunista e, a dirla tutta, anche irrispettoso, perchè se lui aveva voglia poteva anche dirmelo. Facevo fatica a parlare, mentre vedevo Nadia che con la bocca lo trastullava in maniera molto...accurata. Ho cercato però di dominare il mio respiro affannato, e ho detto "si può sapere almeno da quanto tempo va avanti tra di voi?". Lui, con voce roca "rilassati...non la distrarre...ha da fare ora". Quanta insolenza! Avrei voluto incazzarmi ma...ho iniziato a toccarmi, in maniera quasi automatica, sentendo quelle parole. E lui "ecco bravo, stai al posto tuo e lascia fare...bravo, a cuccia..." e s'è fatto pure una risatina. Nadia lo spompinava con vigore e lui le accarezzava la testa, guardandomi con aria irriverente. "Brava, così...non ti fermare...tranquilla, che quando sto per venire ti avverto". Dopo circa un minuto, le è venuto in bocca, ovviamente senza avvertire, e ha riso. Anche Nadia ha riso compiaciuta, e lui ha detto "ci caschi sempre, ahahahah". Sentendoli ridere, ho sborrato con vigore. Lui, che si era fatto spompinare comodamente seduto, dopo aver goduto si è alzato, riabbottonandosi frettolosamente i pantaloni e dicendo "ora torno al lavoro". Io ero esausto, stremato da quell'eccitazione improvvisa. Lui, prima di andare, mi si è avvicinato dicendomi "non fare troppe domande...se mi racconti certe cose, poi è normale che...". Io l'ho guardato senza dire niente, ricevendo una pacca sulla spalla che sapeva più di scherno che di comprensione. Dopo che è andato via, ho detto a Nadia "però pure tu, potevi dirmelo prima..." e lei "ma di cosa ti sorprendi...pensavo che per te fosse ovvio...se gli racconti certe cose...è normale che lui poi...". "Che fai, ripeti le sue parole?". Lei mi ha guardato sorridendo e ha detto "ma tu, al posto suo, cosa avresti fatto?", ed io "beh, in effetti...".

Questo racconto di è stato letto 4 4 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.