La mamma e il suo capo

Scritto da , il 2020-10-01, genere dominazione

Carlo aveva 23 anni. I suoi genitori erano divorziati e sua madre Agata, una 48enne mora e formosa, da circa un anno aveva intrapreso una relazione col proprio capo. Lei lavorava come segretaria presso uno studio legale, il cui titolare era Renato, un 49enne brizzolato, alto e di bell'aspetto. Quando Carlo seppe della loro relazione non ebbe nulla da obiettare, ed anzi fu contento di sapere che sua madre era felice. Tutto bene, fino a quando la relazione si intensificò e Renato iniziò a frequentare casa loro e...a dormire da Agata. La prima notte che accadde, Carlo rimase spiazzato, non se l'aspettava. La casa non era grande, le stanze erano vicine, ed ebbe modo di ascoltare la virilità di Renato. Una virilità sicura, autentica, assai duratura. Una virilità in grado di far cigolare il letto a lungo...molto a lungo. Fu così che Carlo, seppur imbarazzatissimo, si trastullò nel suo letto, mentre sentiva sua mamma e Renato che si svagavano. La mattina successiva, Carlo li scrutava con attenzione mentre facevano colazione. Agata faceva finta di niente, serena e rilassata dopo la soddisfacente nottata. Renato mangiava avidamente, col piglio sicuro del maschio dominante. Era vorace anche a tavola, non solo a letto. Alcune sere dopo, Renato rimase nuovamente a dormire a casa loro, e stavolta Carlo, svegliato dal cigolio del letto, uscì dalla sua stanza per avvicinarsi a quella di sua madre e ascoltare meglio. Era imbarazzatissimo e non era fiero di quello che stava facendo, ma sentiva il bisogno di farlo. Riuscì a sentire i loro gemiti di piacere, e quello che si dicevano mentre facevano sesso. Renato era dominante, lo si capiva da quello che diceva. Sembrava proprio che la gerarchia dei ruoli lavorativi fosse pienamente rispettata e confermata dalle modalità dell'amplesso. Anche in camera da letto l'avvocato era un "superiore" e la mamma di Carlo una "sottoposta". Quando Carlo se ne rese conto ebbe un'eccitazione fortissima, una delle più forti mai provate. Sentì sua madre eccitarsi mentre veniva chiamata "zoccola" da Renato, e gli diventò ancora più duro. Per un'ora, Renato diede una vera e propria lezione di virilità. Per un'ora, gestendo sapientemente l'intensità dei ritmi, Renato fece godere la mamma di Carlo in tutti i modi possibili. Carlo apprese, durante quella notte, che il lato B di sua madre non era, per così dire, un luogo inviolabile. Tutt'altro...e quando Carlo se ne rese conto, oltre a farsene una ragione, si masturbò. Serenamente, beatamente. La mattina seguente Agata e Renato, ignari del fatto che Carlo avesse origliato, fecero colazione con la tipica serenità di chi aveva goduto a lungo. La loro relazione durò un paio d'anni, poi si concluse (formalmente). Agata si trovò un compagno più anziano e meno assatanato di Renato, ma in realtà, vedendolo tutti i giorni a lavoro, continuò a trastullare il suo capo, all'insaputa del suo nuovo compagno. La gerarchia, a letto, non è tutto ma aiuta parecchio.

Questo racconto di è stato letto 8 0 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.