Freschezza

Scritto da , il 2020-07-26, genere comici

Arrivato al quinto piano, uscí dall’ascensore e si diresse a sinistra, verso la porta numero uno. Qualcuno aveva risposto al citofono, perciò non aspetto’ molto dopo aver suonato il campanello.
- Ciao, io sono Sonia. Sei Matteo?
Sonia penso’ immediatamente:
- Uhm, niente male, alto, capelli neri, palestrato, tatuaggi sulle braccia, davvero niente male.
- Si, sono io. Ciao Sonia.
Matteo penso’ immediatamente:
- Accidenti, che labbra, nere, carnose, grandi.
- Entra pure.
Quel qualcuno era Sonia. Alta, magra, capelli ricci, pelle color cocco, e due grandissimi occhi neri. Lo accompagno’ dentro l’appartamento. Indossava uno di quei pantaloncini, molto corti, per fare jogging, quelli sgambati che hanno un piccolo pezzo di stoffa, all’inguine. Troppo larghi, per i suoi fianchi sottili.
- Come vedi, ci abbiamo provato, ma alla fine vi abbiamo chiamato.
- Non ti preoccupare, lascia fare alle mie mani, ora.
Matteo sali qualche piolo della scala, in fondo al salotto, ma fu fermato ancora da Sonia. Ora lei era molto vicina, e più in basso, rispetto a lui.
- Vuoi qualcosa da bere, magari?
- Dopo, magari.
Lei andò a sedersi su una poltrona, e lui finì la scala, fino al condizionatore.
Apri il pannello dell’apparecchio a muro, ed entro’ un’altra ragazza, nel salotto. Bionda, piu bassa di Sonia, ma magra uguale. Lei indossava un pantaloncino corto, e un reggiseno di pizzo, bianco, che a stento teneva dentro i suoi grossi seni, e di certo non copriva i capezzoli.
- Lei e’ Ania, disse Sonia, ed Ania saluto’ con un cenno del braccio, andò al frigorifero, prese un cubetto di ghiaccio e si sedette sull’altra poltrona.
Ora l’immagine, dal punto di vista di Matteo, si faceva più interessante. Ania, seduta su una poltrona, si passava un cubetto di ghiaccio sul collo e sul petto. Sonia, sull’altra poltrona, appoggiata al bracciolo, con una gamba sull’altro e l’altra gamba a terra, rivolta verso di lui.
Faceva caldo, ovviamente, in pieno luglio, e lavorare su una scala, di fronte a quello spettacolo, certamente non rinfrescava l’aria. Era pagato per questo, cioè per lavorare, e quella bella visione era come una mancia, un qualcosa in piu.
E mentre continuava a ripetersi nella mente che era lì solo per lavorare, entro’ nella stanza una terza coinquilina. Aveva le cuffie in testa, grandi cuffie, forse nemmeno si accorse della presenza del tecnico.
- Lei invece e’ Ivette, disse indicandola e a bassa voce Sonia, quasi come se Ivette potesse sentire altro a parte la musica.
Ivette si distese invece sul divano, pancia in giù, mostrando, sotto degli short di jeans, un globo sodo e tondo, che Matteo sapeva di non aver mai visto in vita sua. Eppure era lì solo per lavorare.
Così si dedicò al lavoro che gli dava da mangiare, ed apri il condizionatore che non andava, sicuro che avrebbe risolto il problema.
Certo il comportamento delle ragazze non aiutava la concentrazione.
Ania lancio’ il cubetto di ghiaccio a Sonia.
- Prendi, So, rinfrescati un poco.
E rise.
Sonia prese il cubetto, lo porto’ al viso, ma lo rilancio’ all’amica dicendo:
- Ma va, e’ caldo ormai.
E risero insieme.
Ivette non smetteva un attimo di muovere il fondoschiena, a suon di musica. Su e giù, ed ancora destra e sinistra, e ancora in maniera circolare, stringendo, e rilasciando. A volte alzava le gambe, quasi si toccava le coscie con le gambe. Poi le riabbassava, e tutto il corpo si muoveva, sdraidata sul divano. Poi solo il sedere, con il movimento delle anche, in alto, in alto, e l’altro lato. In alto, in alto. A suon di musica.
Ania, dal canto suo, seduta sulla poltrona, chiudeva gli occhi, li riapriva solo per rispondere ai messaggi sul cellulare.
Nella mano destra aveva ancora il cubetto di ghiaccio. Lo teneva con tre dita. Facendolo scivolare piano, sul collo, fino alla base del collo, su, dall’altro lato, fino all’orecchio, e giù per la guancia, a sfiorare il labbro inferiore.
Gocce di acqua colavano dal suo collo, ormai bollenti, sulla sua pelle. E scivolavano giù, fino al bordo del reggiseno. Si poteva quasi intravedere un capezzolo, tra il pizzo, turgido, quasi stesse scoppiando. E quel che restava del ghiaccio, sfiorava ancora la sua pelle, dolcemente, lasciando un piccolo e rapido frescore, e brividi.
Sonia invece era nel suo mondo. Tutta concentrata sul suo telefono. Usava entrambe le mani, per scrivere, e non smetteva un attimo di muoversi. O meglio, muoveva istintivamente le gambe, una appoggiata a terra, l’altra sul bracciolo.
E quei corti pantaloncini, troppi larghi per i suoi fianchi stretti, non potevano coprirle tutta la sua grazia. E si scoprì che era senza mutandine. Muovendo le gambe, come per aprire e chiuderle, si poteva scorgere chiaramente una striscia di pelle nera, più scura della sua pelle, proprio lì, in mezzo alle cosce. E un’altra striscia rosea, molto chiara, come la polpa di un mollusco fresco.
Scese dalla scala dicendo:
- Bene, ho finito, e preso il comando da un tavolo accese il condizionatore, rinfrescando tutto e tutte.
Fu Ivette, la prima a parlare. Inarco’ la schiena, muovendo in alto il fondoschiena. Poi si mise in ginocchio, sul divano. Si tolse le cuffie. Lo guardo’ negli occhi.
- Possiamo fare qualcosa per te, Mat? Posso chiamarti Mat?, gli chiese mordendosi il labro inferiore.
Allora anche Ania, riapri’ gli occhi, e chiese:
- Come possiamo ringraziarti, per averci aiutato, con tutto questo caldo?
Il ghiaccio si era già sciolto. Con solo due dita, segui’ la linea di una goccia di sudore. Dal collo, lentamente, scese fino all’incavo della clavicola. Poi un po’ piu giu’. Toccando il bordo del reggiseno. E lungo questo bordo, verso il centro. Lentamente. Fino alla sottilissima striscia di stoffa che unisce le due coppe. E tirando quella striscia verso il basso.
Sonia, rimase seduta e in silenzio. Comincio’ a muovere le gambe un po’ più rapidamente, solo un poco. Ora c’era piu ventilazione tra le sue gambe. E quel piccolo, minuscolo lembo di pantaloncino, lasciava intravedere qualcosa in piu di una striscia. La parte rosa era tutta in evidenza. E lei lo guardava, con quei grandi occhi neri. Invitanti. E quelle labbra. Oh, quelle labbra.
Click. Un altro click per chiudere l’altro lato. E finalmente Matteo scese dalla scala. Raccolse il telecomando da un tavolo, accese il condizionatore, e l’aria fresca riempi’ la stanza.
Ivette scatto’ in piedi con un solo balzo, occhi al pavimento ando’ quasi di corsa in camera sua. Ania la seguì immediatamente, senza dimenticare pero’ di salutarlo con un gesto della mano.
Sonia dai grandi ricci si alzo’ dalla poltrona. Lo saluto’ con uno sguardo. Si diresse lentamente verso un’altra stanza. O forse non era un saluto. Forse un invito?
Marzia incrocio’ Sonia, ed entro’ nel salotto. Naso grosso, occhiali spessi, non magrissima, sicuramente la migliore del suo corso.
- Ciao sono Marzia, grazie mille per la rapidita’. Ti accompagno alla porta.
Ormai fuori dall’appartamento, Matteo si volto’ sperando in un ultimo sguardo, di una delle tre prime coinquiline. Solo Marzia pero’ era presente.
- Posso fare qualcosa per te?, chiese gentilmente. Come posso ringraziarti per aver lavorato con questo caldo?, chiese ancora, raddrizzando gli occhiali.
Matteo era gia’ per le scale, scendendo di corsa.

Questo racconto di è stato letto 9 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.