La vita che desideravo

Scritto da , il 2020-07-20, genere bisex

Si, è questa la vita che desideravo e che avevo soffocato per tanto tempo.
Avevo bloccato ogni mio desiderio di libertà, si, forse un pò estrema, ma desideravo provare per valutare, e dopo aver vissuto metà della mia esistenza come Riky, provando questa nuova esperienza tappata, mi rendo conto che forse è questa situazione che mi rende più libera.
Certo non sarà facile, ma per la mia soddisfazione dovevo provare e decisamente sento di appartenere di più a questo mio modo di vivere.

Francesco è li accanto a me che sta preparando il pranzo. Accanto a lui mi sento realizzata. La persona che ha saputo interpretare meglio il mio stato d'animo ha saputo mettere insieme in una giornata tutte le mie emozioni più profonde ed intime.
Poi mi soffermo a pensare a tutto ciò che ho fatto fino ad oggi e dico a me stessa:
"LUANA, RIKY è stata una parte della tua vita importante, ha permesso di realizzarti professionalmente, ha creato una famiglia con dei figli. Come farai ora a convivere con lui?"

Già, ed ora che si fa? Decido di continuare la giornata e insieme a Francesco cercare di capire quale potrebbe essere la strada giusta.

Prepariamo il pranzo ci mettiamo a tavola, la birra aperta poco prima, cominciamo a mangiare e Francesco mi fa:
"Allora LUANA, cosa c'è? Ti vedo così pensierosa, sei stata tutto il tempo della preparazione in silenzio. Sei pentita di qualcosa che ho fatto o hai fatto?"
Ed io:
"ASSOLUTAMENTE no, anzi, devo ringraziarti per aver dato vita concretamente a LUANA. Certo non so cosa devo fare ora, perchè LUANA è la persona che più si avvicina al mio intimo vero, al mio stato d'animo sincero, e per vivere completamente in lei dovrei fare delle scelte importanti e radicali, vorrei convivere ma non so se riuscirò a farlo nascondendola."
E lui:
"Beh, sei una persona sensibile e speciale, sei particolarmente eccitante ma allo stesso tempo sembri una persona vulnerabile. Questo tuo silenzio ti rende più reale, perchè sicuramente sei combattuta tra quello che sei e quello che vorresti essere. Ma io cercherò di stare accanto a te e di aiutarti a prendere le decisioni giuste, o meglio a darti il mio parere per valutare le tue scelte."
Lo guardo, afferro le sue mani le porto al mio viso, lui lo accarezza e mi sento come dire protetta.
"Grazie" gli dico "Senza di te non avrei mai raggiunto questo mio stato, oggi, e sicuramente sono fortunata ad ascoltate il tuo parere. Certo, dopo la fettina di pane penso che in fatto di trasgressione e libidine tu ne hai da vendere"
Entrambi scoppiamo in una lunga risata.
E lui:
"devo dire che tutto mi è venuto spontaneo in quel momento e ti dirò non avrei pensato che tu assecondassi il mio desiderio. Ero più che mai deciso, ma se non lo desideravi ovviamente avrei rispettato il tuo volere, ma sei stata fantastica."

Terminiamo di pranzare, ci alziamo e vado in bagno per una doccia rinfrescante. Indosso ancora le autoreggenti, il tanga e la parrucca. Non vorrei toglierla ma devo farlo per evitare di bagnarla. Sfilo le autoreggenti e il tanga di pizzo, lentamente tolgo anche la parrucca ed i fermagli dai capelli ed entro in doccia.
Terminata la doccia con un grande asciugamano mi asciugo tutta e mi osservo allo specchio. Ho i polsi e le mani lisce, senza peli, frutto della depilazione della mattina, che stona con tutto il resto del mio copro ricoperto di peli.
Decisa a voler un corpo diverso, prendo dal cassetto la crema depilatoria e comincio a spalmarla sulle braccia. Poi passo la crema anche sul petto. Attendo qualche minuto e rientro in doccia per sciacquarmi e verificare il risultato. Esco dalla doccia mi asciugo e mi riguardo allo specchio. Bellissima sensazione di pulizia, incredibile, la mia pelle sembra come ringiovanita, senza nessun pelo.
Decido di fare la stessa operazione sulle gambe. Spalmo la crema attentamente su tutte le mie gambe davanti e dietro, arrivo fin sotto all'inguine. Decido anche di spalmare la crema sull'inguine per depilare tutta la mia parte intima. Attendo ancora qualche minuto ritorno in doccia, mi asciugo nuovamente e "WOW" bellissimo. Le mie gambe e il mio cazzo sono senza un peli. La pelle liscia. L'esclamazione attira l'attenzione di Francesco che mi raggiunge in bagno dicendo:
"Che c'è, tutto OK?"
Entrando mi vede davanti allo specchio in piedi e non può fare a meno di notare il mio corpo senza peli. Si avvicina mi sfiora con le mani, accarezza le mie gambe e le mie braccia dicendomi:
"Sei una favola così, chi l'avrebbe mai detto" e poi aggiunge "Però ti devo aiutare io ora, perchè hai ancora dei peli sulla schiena e il tuo culetto deve avere le stesse sembianze di tutto il resto del tuo corpo, senza un pelo superfluo."
Prendo il tubetto della crema e lo passo a lui. Spalma della crema sulle mie spalle poi mi dice di mettermi pancia in giù su una panchina del bagno e di divaricare le gambe.
"Ehi, guarda che devi depilarmi"
E lui:
"Tranquilla, mi piace la visione del tuo corpo senza peli" ammiccando e facendo l'occhiolino.
Spalma con attenzione la crema intorno al mio ano e sulle chiappe, sotto la coscia.
Terminata l'operazione, dopo alcuni minuti rientro in doccia. Esco e mi faccio aiutare ad asciugare le spalle.
Terminata l'operazione mi afferra per un braccio e mi fa ruotare su me stessa e soddisfatto esclama:
"Beh l'ultima operazione di trasformazione è stata completata, almeno esteticamente ora sei LUANA a tutti gli effetti. Sessualmente sei ancora entrambe le persone, ma fisicamente sei splendidamente LUANA" Si avvicina ed accarezza delicatamente tutto il corpo che mi fa emettere un mugolio di piacere e un brivido mi pervade dalla testa ai piedi.
Una volta girato di fronte a lui mi abbraccia e stringe forte a se, mi bacia e mi dice:
"Sarebbe il massimo se eliminassi tutti i peli della barba, fai crescere anche i capelli lunghi e magari anche biondi. Saresti una musa che farebbe impallidire la più bella delle donne"
"Ma dai" gli dico "Non dire cazzate. Lo sai benissimo che ci vuole ben altro per avere il copro da donna perfetta"
E lui:
"Si è vero, ma così come sei farai invidia a molte persone"
Lo abbraccio e gli do un bacio mozzafiato lungo e focoso.
Usciamo dal bagno e ci buttiamo letteralmente sul divano abbracciati. Mi poso sul suo petto, anche il suo senza peli e guardando i suoi seni gli dico:
"Beh, vorrei averlo anch'io un seno diciamo naturale."
E lui:
"E' un percorso particolare, che io avevo intrapreso ma non ne ero perfettamente convinto e tu hai aiutato a riflettere. Sicuramente ho una parte intima importante femminile che vuole emergere, ma bisogna fare attenzione ad intraprendere una strada che poi è senza ritorno. Vedi, ho cominciato a prendere dei medicinali, estrogeni ed altre tipologie di medicine, che mi avrebbero aiutato a far crescere i sei, a modificare la voce rendendola più gentile e femminile e l'uso anche di questi medicinali, riduce il pene e modifica, in maniera irreversibile la fertilità."
Io lo ascolto con molta attenzione e gli dico:
"E quindi cosa hai fatto?"
E lui:
"La mia parte femminile, NATASHA, è ancora presente e non saprei cosa fare sinceramente. Da una parte vuol venire fuori dall'altra mi fa riflettere su quelle che saranno poi i cambiamenti. E sinceramente non sono proprio convito di quello che vorrei fare. Tu invece mi sembri molto più decisa."
Ed io:
"Beh, cambiare modo di pensare, cambiare modi di comportamento, vedere dal lato femminile tutte le cose della vita, è una situazione che non è facile, secondo me, intraprendere. Certo deve essere molto forte il desiderio, ma credo che debba avere accanto una persona che ti deve supportare e non so se mai la troverò. Certo, come sai, molte volte ho cercato di reprimere LUANA, ma sistematicamente veniva fuori e quasi senza accorgermene me la trovavo di nuovo davanti a me. Alla fine con una serie di esperienze sessuali nei panni di LUANA, mi han fatto decidere, forse, in maniera definitiva che LUANA deve vincere su RIKY"

Francesco si sposta si mette davanti a me e dice:
"E' una decisione difficile e probabilmente anche dolorosa sia per te che per le persone che sono accanto a te. Ma una volta presa la decisione, superato un certo limite, come ti dicevo, diventa irreversibile."

"Lo so" rispondo "e facendo un passo alla volta avrò anche il tempo per ripensarci e tornare indietro"

E lui:
"Beh, in una giornata ti sei travestita in maniera perfetta, con il mio aiuto, sei stata in pubblico superando ogni difficoltà, addirittura hai anche fatto conquiste, ti sei depilata totalmente!!! E questo è fare un passo per volta?"
Scoppiamo in una risata entrambi.

Ed io:
"Hai ragione, ma l'istinto ha avuto il sopravvento e sento che non me ne pentirò. Certo ritornare a casa, perchè devo farlo non posso abbandonare tutto e tutti in questo modo, non sarà facile, specie spiegare la mancanza di peli, ma voglio affrontare tutto questo e capire"

Nel frattempo, anche perchè avevo ricevuto diverse telefonate professionali ed ho dovuto fare anche delle assistenze telefoniche, sono arrivate le 19,00. A bologna le attività commerciali chiudono alle 19,00 e dico a Francesco:

"Che dici se chiamo Alessia?" E lui:
"Chi quella del negozio di stamattina?"
Ed io:
"Si certo, vorrei invitarla a bere una birra insieme, che ne dici?"
Francesco:
"OK, ma vi lascio sole, non voglio essere d'intralcio"
Ed io:
"No perchè? Mi sentirei più sicura con te vicino"
E lui:
"Invece no, devi affrontare anche questa vicenda da sola per capire meglio, credi a me"
Io perplessa annuisco, anche se avrei preferito che lui restasse.
Prendo il cellulare e mando un SMS ad Alessia.
"Ciao, sono LUANA, ti ricordi? Stamattina sono venuta in negozio per acquistare degli abiti!"
Non passano nemmeno 10 secondi:
"Ciaoooooo LUANA, che piacere sentirti, certo che mi ricordo di te, dimmi!"
Ed io:
"Stavo pensando, se per te non è un problema, se ci vediamo da me, o meglio a casa di un amico dove alloggio, per parlare un pò insieme, sempre se ti va e se puoi!"
Ed Alessia:
"Con MOOOOOLTO piacere, dimmi dove devo venire, 10 minuti che chiudo il negozio e ti raggiungo" invia un emotion con l'occhiolino.
Ed io:
"Eh, quanta enfasi del piacere, ok questo è l'indirizzo: Piazza Marconi .... "
E lei:
"Ok. 20 min e sono da te".
Francesco:
"Allora cosa ha risposto?" Rientra dalla camera già vestito. Ed io:
"Eh, che cavolo sei stato flash a vestirti. Ha detto che arriva fra 20 minuti."
E lui:
"Ok, vado via, così faccio un salto da un cliente per discutere di un lavoro e poi ci sentiamo prima che rientro."
Ed io:
"Ma scusa vai vestito così dal cliente? Dicevi l'altra sera che ormai ti conoscono tutti come NATASHA vestita da donna?"
E lui:
"Si, ma sanno benissimo che non sono una donna e sono curioso di vedere anche la loro reazione nel vedermi nei panni di Francesco"
Si avvicina mi bacia sulle labbra ed esce di casa.

Io non so cosa fare, non so come vestirmi, non so cosa dire ad Alessia. Vado in camera e senza indugio prendo un tanga tutto merlato in pizzo e lo indosso. Rimetto il reggi seno con le protesi, prendo la camicia bianca ma quella a maniche corte questa volta, la indosso e lascio alcuni bottoni aperti.
Vado in bagno sconquasso i capelli miei, lasciandoli così spettinati ribelli senza indossare la parrucca e senza nessun tipo di trucco. Vorrei che Alessia mi veda così come sono senza nessun trucco.
Mentre osservo ancora la mia figura allo specchio, sento un messaggio al cellulare. Lo prendo e vedo che è Alessia.
"Scusa, LUANA, ma a quale nome devo citofonare?"
Ed io:
"Oh, scusa, hai ragione, c'è NATASHA, è l'unico campanello con quel nome, non ti puoi sbagliare"
Dopo 2 secondi dall'invio il citofono suona.
Rispondo:
"SI"
e dall'altra parte:
"wow, sensuale risposta"
Apro senza nemmeno attendere ulteriore risposta e subito dopo un'altro messaggio:
"Impaziente eh!!! Che piano?"
"Cavolo scusami, 4°" Rispondo.
Sono un pò agitata, non so perchè, il mio primo incontro che ricevo in casa, mi mette agitazione. Poi non è detto nulla su come si evolverà questo incontro, ma sono agitata e nervosa.
Driiin.
Il campanello, mi guardo ancora una volta allo specchio e senza nulla ai piedi vado ad aprire.
Appare lei ALESSIA, alta almeno 185, snella gambe lunghe, vestito aderente, rosso (uguale a quello che avevo comprato la mattina) rimango ferma un attimo e poi Alessia:
"scusa, ho disturbato?"
Ed io:
"No perchè, ti ho invitata io?"
"Ehm, no perchè..." dopo qualche secondo di silenzio riprende Alessia "Sei praticamente in mutande, e non vorrei aver interrotto qualcosa di bello"
Vergognandomi della condizione in cui mi sono presentata ad Alessia, arrossisco come un peperone rosso e cerco di coprirmi con le mani e lei riprende:
"Ma dai che scherzo, stai tranquilla. Allora che facciamo rimango qua sulla porta?"
Mi riprendo dalla vergogna e dico:
"Che stupida, scusami entra pure"
Richiudo la porta lentamente mentre lei entra in casa con passo deciso e si avvina in salone. Rimango ferma qualche secondo sulla porta mentre Alessia si gira e mi dice, con tono deciso:
"Mah, allora che fai, così fai accomodare le persone che inviti a casa? Resti li imbambolata?".
Mi sposto dalla porta e la raggiungo, devo dire molto colpita e sorpresa dal suo modo di fare autoritario e deciso e quasi vergognandomi di come mi son presentata a lei, gli dico:
"Scusami, ho fatto una cazzata, ma pensavo che ritardassi un pò e stavo per vestirmi ed hai suonato senza avere il tempo di finire di vestirmi" Dicendo la prima cosa che mi veniva in mente in quel momento per giustificare il mio abbigliamento.
Lei mi guarda negli occhi, fissa e penetrante, con i suoi occhi neri, e scoppia un una grande risata e dice:
"Ahahaha, poverina, scusami,ma sto scherzando, dai, sei a casa tua puoi stare come vuoi, ci mancherebbe."
Mi avvicino a lei e mi abbraccia amichevolmente, accarezzando la mia spalla stringendosi forte a me. Rimane ferma per una decina di secondi in quella posizione, secondi che mi rilassano. Si stacca e mi chiede:
Scusa posso andare in bagno perchè di corsa sono uscita dal negozio ed ora non la trattengo più."
"Certo eccolo la" gli dico indicando la porta del bagno. Prendo la sua borsa mentre lei va in bagno e la poggio sul tavolo. Un pò impacciata per la figura appena fatta con Alessia, cerco di osservare se è tutto in ordine nel salone per non fare ulteriori brutte figure mentre sento aprirsi la porta del bagno.
Sono seduta sul divano e sto per accendere la TV quando si presenta davanti a me ALESSIA senza il vestito, con le autoreggenti fumè che indossava, un perizoma bianco, e una canotta tutta di pizzo che lasciava intravedere un seno abbastanza grosso, forse una seconda o una terza misura. Mi dice:
"Beh, almeno siamo alla pari in fatto di abbigliamento!"
Wow, rimango sorpresa da quella figura ma sopratutto da quel suo atteggiamento autoritario e deciso e rimango senza parole. E lei:
"Beh, non hai niente da dire?"
Ed io:
"E che devo dire davanti a TE così statuaria" Riesco a dire solo questo.
Vedo il suo cazzo, conosciuto questa mattina, a riposo nel perizoma, delle gambe lunghe, braccia altrettanto lunghe e si avvicina lentamente a me. Si abbassa con le ginocchia sul divano. In questa posizione ha il suo cazzo davanti ai miei occhi e mi dice:
"Sta dormendo ma vuole svegliarsi, tu sai come devi fare?" Mi chiede. Afferrando la testa con le mani l'avvicina al suo cazzo. Io inebriato dal profumo che sento, probabilmente, abilmente disposto sul perizoma, non riesco a fare altro che abbassare il perizoma con le mani e prendere in bocca quel suo cazzo, che a riposo sembra enorme, figuriamo in tiro. Comincio a leccare la cappella, poi i testicoli, risalgo sulla cappella e lo prendo in bocca. In quella condizione riesce ad entrare quasi tutto in bocca, ma appena a contatto con la mia bocca lo sento leggermente gonfiarsi, lentamente, inesorabilmente diventa duro, ingrossandosi e fuoriuscendo dalla bocca perchè sta diventando veramente enorme.
"mmmmmm, hai visto che sai come svegliare i sensi LUANA " Mi dice, e mentre parla accarezza la mia testa abbassandosi sulle mie gambe per avere il suo cazzo sotto la mia bocca completamente in tiro. A quel punto con le mani spinge la mia testa sul suo cazzo ma la spinge talmente tanto che quasi mi soffoca talmente è grosso. Allenta la presa facendomi risalire per riprendere fiato e poi riprende con il movimento. Ormai sono in balia di quel cazzo enorme e sono la da qualche minuto che sto leccandolo in ogni suo centimetro quadrato. Alessia emette gemiti di piacere e mi invita a segarlo con le mani mentre lo lecco con la lingua. I suoi gemiti si fanno sempre più forti a tal punto che mi fermo un attimo per chiedergli di abbassare la voce ma lei incurante mi rispinge sul suo cazzo. Sono in sua balia e sopratutto sotto la sua dominazione e controllo. Intuisce che volevo dirgli di fare silenzio e questa volta i suoi gemiti sono soffocati. Muove il bacino per scoparmi la bocca e non so più cosa fare, è fantastica questa scopata della mia bocca. Dopo circa 10 minuti rallenta un pò e si ferma. Pian piano solleva la mia testa dal suo cazzo, si abbassa leggermente per baciarmi e poi mi sussurra nell'orecchio:
"Lo sai LUANA che prima di darti il mio nettare passerà almeno mezz'ora?"
La guardo quasi esterefatta e gli dico:
"Perchè, non vuoi che io ricevo il tuo sperma?"
E lei:
"Lo sapevo che non avevi capito e si vede che sei inesperta, volevo dirti che resisto anche 30 minuti a scopare prima che possa eiaculare"
Sbarro gli occhi pensando a quello che mi sta dicendo e dico:
"Wow, allora mi farai un servizio da principessa speciale!!"" Scoppiamo a ridere entrambi, ma lei riprende subito dopo:
"Sai devi essere ubbidiente e sopratutto paziente e devi sopportare quello che voglio io"
In quel momento i miei sentimenti le mie emozioni, la mia eccitazione stavano andando a 1000. Incredibile, pensai, in una giornata sto provando tutto ciò che forse nemmeno in 1 anno di vita da LUANA avrei mai immaginato di provare.
Alessia si solleva e prendendomi con la mano sinistra per i capelli, mi solleva in piedi davanti a lei. E' più alta almeno di 10 cm e sono estasiato da quel suo corpo ma sopratutto sono imprigionato da suo modo autoritario di condurre il gioco.
Mi abbraccia e mi bacia, infilando la sua lingua nella mia bocca, poi afferra la camicia per il collo e la strappa facendo saltare tutti i bottoni. Questo suo gesto mi fa impazzire di libidine, ma subito dopo abbassa le braccia sulle mie chiappe e nello stesso modo violento, strappa il tanga che indossavo e afferra le chiappe con le mani energicamente. Il suo cazzo spinge sul mio ventre, ed inspiegabilmente il mio cazzo è moscio a riposo. Non ci penso, avvinghiata come sono tra le braccia di Alessia. Mi sento leggermente sollevare mentre la sua lingua ancora rovista nella mia bocca lasciando la sua saliva scorrere nella mia gola.

Lentamente si sposta e mi fa risedere sul divano portando il bacino all'estremità. Si stacca dal bacio interminabile, afferra le mie gambe le posiziona sulle sue spalle, mette un cuscino sotto la mia schiena e avvicina il bacino al suo cazzo.
Cavolo, penso tra me e me, ora mi aprirà come una cozza con quel cazzo enorme.
Posizionata davanti a me, mi guarda dritto negli occhi, mi afferra per i fianchi e mi dice:
"Sarai la mia troia preferita e dovrai supplicarmi per fermarmi ed io non lo farò finchè non avrò soddisfatto tutti i miei desideri"
Non pensavo a questo suo modo di fare, vedendola la mattina in negozio niente lasciava pensare a questo suo modo di fare autoritario, ma devo dire che mi fa eccitare sempre di più e mi piace questa mia sottomissione, a tal punto che dico:

"Si, sono la tua troia preferita, e ubbidirò a tutto ciò che mi dirai senza avere la possibilità di sfuggirti"

"BRAVA"

Kiss alla prossima. Stasera.

Questo racconto di è stato letto 1 4 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.