La centralinista (Seconda parte)

Scritto da , il 2011-10-17, genere masturbazione

La
centralinista(seconda parte).
Non passarono neanche cinque minuti, che Lady Carla ritelefona nuovamente chiedendo a Tiziana, di confermare l’acquisto del prodotto. Ma il motivo principale era un altro: quello di fare sesso virtuale con la ragazza! In quanto, era rimasta molto turbata! E nello stesso tempo eccitata dalla sua storia.
Vi è da dire, che Lady Carla era una signora di nobile estrazione sociale, amava vestire in maniera molto sciccosa,molto esibizionista ed anche la sua lingerie era di gran classe.
Amava farsi fotografare nuda; ed anche quando si spogliava davanti all’obbiettivo, lo faceva con molta classe ed eleganza, mostrando tutto il suo esser femmina radicalscik!
Tiziana: pronto?
Carla: Ciao carissima, sono di nuovo io la signora Carla! Ho deciso di acquistare il prodotto, ti chiedo di confermarmi l’ordine!
Tiziana. Bene! Signora, allora, accetta quella mia proposta!
Carla: no! figlia mia! Che figlia, mi puoi essere se non addirittura nipote! Non te ne devi fare assolutamente un problema! Anzi devo dirti che la tua storia, mi ha molto turbata e nello stesso tempo eccitata! Ho deciso di fare io un regalo a te! che ne dici, se facciamo sesso telefonico umm!
Tiziana: sesso telefonico con lei! NON mi dica, che è una lesby!
Carla: ascolta, Tiziana, io sono una, come si dice! Nobil donna. E devi sapere, che anche le nobil donne, hanno i loro vizi, le loro perversioni sessuali in una sola parola: le loro fantasie proibite!
Io, per esempio! oltre a spogliarmi e farmi fotografare nuda, ho la perversione di farmi baciare e leccare la passera dalle ragazze della tua età! Insomma amo l’iniziazione oh! Naturalmente di nascosto da mio marito, vedrai ti farò divertire a modo mio! E sicuramente, anch’io ne rimarrò molto appagata!
Tiziana: wow! Ho sempre desiderato, farmi iniziare al sesso, da una donna matura! MA, non ne ho mai avuto l’occasione; lei, è capitata proprio a fagiolo anche se in maniera virtuale!
Carla: oh! Ti prego, Tizi dammi del tu, consentimi di farti una domanda:sei ancora vergine?
Tiziana: no! Carla non lo sono più ma ti confesso, che non è stato un uomo, a deflorarmi mi sono auto sverginata, con il collo di una bottiglia mentre, spiavo mio fratello che, era nella sua cameretta a masturbarsi! Lui, si masturbava! E io mi eccitavo, la mia fighetta inesplorata! Era diventata, un colabrodo!! avevo le mutandine bagnate di ciprino! E allora, iniziai a toccarmi le cosce, da sotto la gonna di jeans con! la mia manina, andavo sempre più su, fino a raggiungere il mio sesso bagnato fradicio! Mi strappai violentemente le mutandine a fiori bianche, mi stravaccai per terra! E iniziai a sgrillettarmi, come una troietta indemoniata, sentivo che, in quel momento il demonio, mi aveva conquistata, sottomettendomi completamente alle sue volontà!
Carla: continua, continua, tesoro! Che mi sto eccitando! Io, sto seduta sul divano, con le mie coscione aperte e la figa spanata! E mi sto già toccando!, ohh!! umm!! senti come è tutta bagnata! sii! immagino che tu me la stia già leccando!!
Tiziana: come le dicevo Milady, il desiderio mi assaliva sempre di più! IN quanto, il demonio si era impossessato di me, tanto che non riuscivo più a sditalinarmi con le dita! E allora! Presi la bottiglia del cognac che, era poggiata sul tavolo tondo della sala da pranzo, l’aprii ne bevvi un po’; gli è lo giuro Milady, non sapevo quel che facevo perché, ero troppo eccitata; me la ficcai violentemente nella fregna urlai, per il forte dolore, e nello stesso tempo, godetti come una troia dannata! L’imene si era lacerato e dalla mia passera, sgorgò molto sangue; fu in quel momento che, persi la verginità, vendendola al demonio, sii! al demonioo!! ohhh!!! e mentre raccontava, Tiziana si smanettava la fregna come un’anima dannata! Mentre Carla: oh! si! si! che bello! Tizi, già sono venuta due volte! adesso, parlami di te! come sei immagina che io, ti stia leccando i capezzoli!! si! si! i capezzoli! ummm!! mentre, io prendo dal cassetto la mia vibra lingua! CHE, ho comprato l’altro giorno dal pornoshop e, me la metto nella mia fregna pelosa; cosi, ho la sensazione che tu, me la stia leccando dal vivo oh! Dimenticavo io, ho il pelo nero! E riccio, ti piace il pelo nero!
Tiziana: oh! Mylady, mi piace la fica pelosa, il pelo nero siii!! umm!! mi stai facendo sbrodare! si! Sbrodo! Però, mi devi sculacciare, si sculacciami!
Carla: si! ti do qualche sculacciata,ummm!! però, tu continua a leccarmi, mentre io mi tocco le mie tettone, si! Le tettone!! continua! Tizi,continua, ummm!! sbrodooo!!! siii!!!ulalaa!!, che bello! Sei stata brava Tiziana!
Tiziana: anch’io, sbrodo! Mylady! si! sto sbrodando!! sto immaginando, che il demonio, sta uscendo da me, si! si! Milady, si! si! oh! ummm!Carlaaaaaaaaa!!!!!!!!!! amore mioooo!!!! che bello, mi hai portata in paradiso!
Carla: contenta,”piccola”!
Tiziana: si, Milady! Le devo confessare che, con lei ho raggiunto un orgasmo completo, al biondo Dio! Non mi capitava da parecchio tempo, ti voglio ringraziare di persona; magari! Un giorno, ci possiamo anche incontrare! E, possiamo farlo dal vivo, sai che sensazione stupenda!E, poi! Lady Carla, credo che mi sia innamorata di lei, ti sento sia come donna, che come mamma! si, mi manca tanto la mia mamma che, è volata da poco in celo, confidò in lacrime.
Carla: oh! piccola mia, mi dispiace molto, per la tua mamma!Ascolta io, non sono del tuo stesso paese, io sono del nord quindi, non è possibile incontrarci; e poi, io sono una donna molto misteriosa, ho deciso di fare sesso virtuale con te perché , dalla voce sei entrata subito nel mio cuore! M’immaginerai, come una fata esorcista che, ti ha strappata al diavolo e, nello stesso tempo t’ha portata in paradiso, mi ricorderai come la signora del mistero, che t’ha fatto provare l’esperienza, seppur virtuale del,piacere saffico, mi ricorderai per questo, dolcissima centralinista! E, io ti porterò sempre nel mio cuore; questo te lo prometto!
Adesso, ti devo salutare; mi raccomando, tieni d’occhio il tuo problema! E ricordati di Lady Carla, ciao! Piccola, un bacio.
Tiziana: arisentirci, signora! io! io: vi amoooo!!!!
E, la misteriosa Carla riagganciò, bruscamente il telefono e da quel momento, svanì nel nulla, restando nei sogni e nelle fantasie proibite di Tiziana, la quale, segui il suo consiglio facendosi curare la sua”malattia”
Fine

Citazione finale

sono i miei seni a cantar il dolce tocco delle tue dita ...
la schiena s'inarca ..
il corpo proteso in avanti a ricercar le labbra ..
che morbide e bagnate di desiderio avvolgono il piacere eretto..
tra la danza sensuale dei corpi ssaziano ,voglie e istinti
fatte di bocche fameliche, di carni bagnate ..
di sussulti e scosse ..di gemiti e piacere ..
un'insieme di emozioni che cancellano la ragione (brivido e passione)



Questo racconto di è stato letto 5 3 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.