Mi guardo allo specchio e non forse non mi riconosco piu

Scritto da , il 2020-06-30, genere tradimenti

Sono Chiara, stamane dopo aver scritto “mi vergogno ma confesso”, mi faccio forza per continuare a racontare.
Pietro mi aveva travolta e sconvolta. Guardavo mio marito e non riuscivo a darmi pace. Mi guardavo allo specchio per interminabili minuti, la domanda era sempre la stessa, chi è Chiara, cosa le sta succedendo. Da ragazza, seppur timida, prima di conoscere Felice vi era un ragazzo che mi piaceva. Provavo attrazione per lui ma lui non guardava me. Non curavo il mio aspetto, mia madre me lo ripeteva sino alla noia. Chissenefrega, mi dicevo. Poi venne Felice e poco alla volta cambiai, volevo piacergli anche se lui era un vero imbranato. La sua ingenuità mi attrasse e mi fece innamorare di lui. Fino a qualche giorno fa era stato il mio primo e solo uomo. Ed ora Pietro. Arrivò il giorno che mi feci forza, mi giardai allo specchio, mi truccati e mi recai per un intero giorno al centro estetico con la mia migliore amica Anna.Parlammo tanto, mi vergognai di raccontarle quanto accaduto. Lei, donna emancipata e menager di successo aveva gli uomini ai suoi piedi. Se li mangiava uno dopo l’altro senza mai innamorarsi e senza colpe.
Mi sentivo meglio dopo quella giornata conclusa con lo shopping . Chiara è tornata, mi ripetevo.
Fu cosi che un venerdì mattina, dovendo lavorare il pomeriggio, decisi di andate a fare la spesa. Sarei tornata tardi la sera e figli e marito reclamano sempre quando trovano il frigo vuoto. Indossavo un vestito bianco con le mezze maniche ricamate, corto quanto basta per non attrarre sguardi indiscreti. Mentre giravo per gli scaffali, vidi Pietro con la coda dell’occhio, era insieme ad un amico. Subito mi venne il cuore in gola. Cercai di nascondermi ed avviarmi verso l’uscita. Accelerai il passo, sono salva mi dissi. Macché, sentii Pietro chiamarmi a gran voce tanto che tutti si girarono. Io, piena di vergogna, mi girai e gli feci un cenno di saluto. Mi avvicino ‘ e mentre lo faceva si accorse che un tizio mi fissava con uno sguardo famelico. Era da quando ero entrata che mi seguiva. Un omucolo mal vestito, con una camicia impresentabile e un marsupio lungo i fianchi. Pietro, il bastardo, sottovoce mi disse “non ti eccita che un uomo ti desideri così tanto?”. Mi girai verso di lui e gli risposi, non di certo quel tipo li, chiudendo seccamente il discorso. Ma Pietro sottovoce con voce suadente continuò “accontentalo, dagli ciò che vuole”. Sei matto, gli urlai, per chi mi hai presa, non sono quella che tu pensi, piantala Pietro. E lui insistendo tirò fuori dalla sua tasca una bustina con le mie mutandine ancora intrise dei miei umori e del suo sperma. Subito mi venne un flash, ecco dove erano finite dopo quell’incontro in bagno con lui. Quanto le avevo cercate e quanta paura avevo che le trovasse mio marito.
Pietro continuò: “sai le porto sempre con me, ti avevo detto che era solo l’inizio”. Cosa vuoi da me bastardo ? Te l’ho detto, accontenta quel tizio. E tirò fuori un preservativo. Guarda caso gli e’ caduta la chiave dell’auto, aspettalo fuori e dagliele. Il resto lo sai tu, voi donne siete maestre. Guardai Pietro con odio e livore, bastardo gli urlavo silenziosamente, non voglio fare questo gioco. Ma un brivido leggero correva lungo la mia schiena.

Lasciai il carrello con dentro la spesa, andai fuori, presi il cellulare e feci finta di parlare al telefono. Mi vergognavo. Mi sentivo gli sguardi addosso della gente. Dovetti attendere piu del previsto che quel tizio uscisse. Appena mi avvicinai lui si stupi’ , mi guardò con aria sorpresa ed inizio’ a balbettare qualcosa. Tirai fuori la chiave della sua auto e gliela porsi. Mi ringrazio’ e mentre si giro’ per andarsene, lo invitai a prendere un caffè. Sudava freddo, non credeva che una donna giovane ed attraente lo avesse invitato. Avevo timore svenisse. Li vicino vi era un bar, da lontano vidi Pietro che ci osservava. Entrammo e subito avemmo tutti gli sguardi addosso. Volevo fuggire, andare il piu lontano possibile ma oramai era tardi. Non volli sedermi, volevo che tutto finisse presto. Vidi Pietro entrare e recarsi al bagno. Con lo sguardo mi chiamo’, poco dopo lo seguii. Si avvicino’ a me e sottovoce mi ripete’, accontentalo. Ero furiosa,ero in balia di un mocciosetto ma oramai era troppo tardi.
Uscii dal bagno, afferrai il tizio per la mano e lo spinsi fuori. Andammo velocemente verso la sua auto, parcheggiata nella parte piu lontana, quasi isolata. Entrammo in auto. Quel tizio non sapeva cosa fare, mi guardava con il cuore in gola, tremava. Presi la sua mano e l’appoggiai sopra il mio ginocchio e alzai leggermente la gonna. Non vedendo reazione portai la sua mano tra le mie cosce e poi scansando le mutandine l’appoggiai sulla mia passerina. Mi guardò e timidamente infilò le due dita dentro le mie labbra. Io mi distesi ed allargai ancor di piu le gambe per invogliarlo. Si fermo’ di scatto, si sbottonò i pantaloni ed iniziò a masturbarsi. Lo guardai e capii che era la sua prima volta. Scansai la sua mano e misi la mia bocca sul suo pene. Era piccolo e flaccido ma continuai a succhiare chiudendo gli occhi. Vedevo il tizio con gli occhi chiusi e la sua mano che premeva contro la mia testa delicatamente, aveva timore di farmi male. Mi fermai, alzai il vestito, mi tolsi le mutandine e tirai fuori il preservativo. Glielo infilai con non poche difficoltà e mi misi sopra di lui. Mi muovevo con sinuosità con i fianchi, la situazione iniziava ad eccitarmi. Vedevo da lontano alcune persone che ci osservavano. Oramai avevo perduto ogni timore. Lo Sentii venire dentro di me. Era felice. Mi alzai, mi rimisi a posto la gonna. E feci per andarmene quando sentii una voce flebile che mi ringraziava. Era felice. Lo avevo accontentato. Uscii dalla sua auto e mi recai verso la mia auto. Stavo per entrare quando sopraggiunse Pietro in moto. Aveva un casco in
mano. Mi guardò e mi disse, sali, andiamo via. Risposi che non potevo, dovevo andare a lavoro ma quel bastardo oramai sapeva come prendermi.

Questo racconto di è stato letto 5 2 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.