Conflitto Morboso - Capitolo 1

Scritto da , il 2020-06-20, genere pulp

Mi chiamo Gina Santi, sono un investigatore della polizia di stato in servizio presso la capitale. Spesso, soprattutto per i casi più complessi, collaboro con una mia amica d’infanzia Cornelia Lessi, anche lei investigatrice, ma privata. Da almeno otto mesi eravamo sulle tracce di due criminali senza scrupoli specializzate in furti e rapine: un caso inconsueto, in cui i malviventi erano due donne. Forse, fu questa la ragione per cui il mio capo, uomo, mi assegnò il caso! Ed io, considerando quanti avevano fallito prima di me, lo accolsi con orgoglio, come una importante sfida contro me stessa, e anche per dimostrare agli altri colleghi di reparto le mie abilità di detective. Cornelia era già sulle loro tracce qualche mese prima che mi venisse affidato il caso, cioè da quando un cliente si era rivolto a lei nel tentativo di recuperare quanto gli era stato rubato.
Le due professioniste del crimine erano come dei fantasmi che lasciavano sempre la loro firma al termine di un reato, ossia i loro nomi di battaglia: Clelia e Zelda. Sulle loro identità c’era il buio totale, ad eccezione di qualche filmato che le riprendeva da lontano e soprattutto di spalle: statura media, longilinee e capelli lunghi castani, con il reale dubbio che si trattasse di parrucche.
Poi un bel giorno, Cornelia mi chiamò, con voce concitata:
“Gina, forse c’è una possibile pista che può condurci alle due ladre: si è fatto vivo un cliente rivelandomi che nel furto subito tre settimane fa, e mai denunciato, c’era anche un importante documento che faceva riferimento a diamanti custoditi da un suo socio, probabilmente in una medesima cassaforte.”
“Sai già di chi si tratta e dove risiede?”.
“Si ho l’indirizzo! e la cosa migliore credo sia sistemare delle telecamere all’interno della casa e all’esterno negli edifici circostanti. Io comincio a prendere contatto con il tizio sperando sia collaborativo”.
“Ok, inviami l’indirizzo e non appena mi libero ti raggiungo!”.
Dovemmo attendere circa venti giorni, dopo di che: colpo di fortuna! Clelia e Zelda decisero di fare il colpo proprio li. Ebbi il supporto del mio capo, e conoscendo il modus operandi delle ladre, organizzammo una rete di trappole in tutto l’isolato. Non appena le telecamere registrarono la presenza di strani movimenti nei giardini circostanti la casa, dispiegammo gran parte delle forze di polizia in servizio e ci catapultammo presso la scena del crimine. Le catturammo entrambe e non opposero resistenza.
Erano proprio due belle donne sulla trentina, fisico atletico, formose al punto giusto e con i capelli corti: effettivamente si trattava di parrucche!
Quando furono ammanettate mi avvicinai loro:
“Finalmente vi ho prese! Sarete giudicate per ciò che avete fatto e andrete in galera per scontare la giusta pena.”
“Ve la faremo pagare troie! Non sapete contro chi vi siete messe…!”
“Oh sì che lo sappiamo! Comunque fate attenzione al vostro bel culetto che sarà l’oggetto del desiderio di tante depravate dentro il carcere”.
“Ci rivedremo presto stronza, poi vedremo chi avrà il culo sfondato!”
Per festeggiare l’evento, io e Cornelia andammo al bar a farci una birra, e successivamente contattammo un gigolò per una bella scopata a tre: Cornelia è lesbica e a me non dispiace affatto il sapore della passera. Scopammo tutta la notte. Era un trenino continuo, della serie: io con il cazzo in bocca e Cornelia che mi lecca la passera e mi lucida il buco del culo con la lingua. Cazzo, quanto sa essere porca! Il picco di piacere l’ho raggiunto con la posizione supernova del kamasutra, una fissazione di Cornelia, perché una volta che io stavo in quella posizione con infilato dentro tutto l’uccello del tizio, Cornelia si sedeva sopra di lui mettendogli la fica in bocca e nel frattempo mi succhiava il clitoride mentre me lo scopavo. Venimmo tutti e tre quasi all’unisono e dormimmo fino a tarda mattinata, quando fummo svegliate da una pessima notizia: le due ladre erano fuggite durante il trasferimento dalla questura al carcere.
Neanche il tempo di festeggiare, che già si doveva ripartire da zero. Se non altro le avevamo identificate.
Sicuramente qualcuno di potente le aveva dato una mano, perché per liberarle avevano usato due fuoristrada e un elicottero. Tutte le successive ricerche avevano portato ad un nulla di fatto, fino a che dieci giorni dopo accadde l’impensabile: ero nel giardino di casa quando sentii un forte dolore al collo e crollai a terra.
Quando mi svegliai, mi ritrovai in una stanza quasi del tutto buia e senza finestre, dove un po’ di luce arrivava da una fessura sul soffitto; si doveva trattare di uno scantinato accessibile solo con una scala a scomparsa. Avevo un bavaglio alla bocca ed ero legata con delle catene che mi stiravano le braccia unite tra loro verso l’alto e le gambe divaricate verso il basso. Non avevo scarpe, il pavimento era freddo ed ero completamente nuda. Nella stanza c’era qualcun altro, perché sentivo ansimare e il suono di altre catene. Non ricordo quanto tempo rimasi in quella posizione prima che qualcuno entrasse, diverse ore forse un giorno intero. Ero a pezzi: la testa mi scoppiava e le braccia stirate a lungo in quel modo mi dolevano parecchio. All’improvviso una luce si accese, venni come accecata dopo tante ore al buio. Da una scala retrattile che si faceva spazio nel vano comparse una sagoma femminile. Merda! Si trattava di Clelia!
“Oh, il mio sbirro preferito! Te lo avevo detto che non conveniva mettersi sulla nostra strada…e adesso ti farò soffrire le pene dell’inferno, anche perché adoro farlo!”
Accese un vecchio stereo e inserì un CD di musica heavy metal con un livello di volume quasi insopportabile quindi iniziò a prendermi a schiaffi in faccia, destro e sinistro, sembrava non finisse più, sentivo le guance prendere fuoco.
“Ma che bel faccino rosso che abbiamo fatto!! beh bisognava riattivare la circolazione... ah, ah, ah…batterò ogni centimetro del tuo corpo e con ogni mezzo possibile ma sempre intervallando con un po’ di piacere…”
Detto ciò, prese a succhiarmi i capezzoli mentre contemporaneamente una mano si insinuava tra le mie gambe.
“Uh, siamo belle bagnate tesoro, sono stati gli schiaffi o la mia bocca?... ah è vero, non puoi parlare con quel bavaglio in bocca! Ok, te lo levo, ma fai attenzione a ciò che dici, perché posso passare subito alle lame…e, puoi gridare quanto vuoi che qui non ci sentirà nessuno”.
“Troia bastarda, ti giuro che sconterai tutto!”
“Ok, rimettiamo il bavaglio. Tanto non hai niente da comunicarmi! Ho avvertito la presenza di un ciuffetto di peli là sotto…non ti sei depilata alla perfezione! Ma, ho giusto un paio di pinzette che fanno al caso nostro…”
Cominciavo a temere il peggio, ero nelle mani di una sadica e non ero tanto sicura di poterne uscire viva. Intanto, Clelia aveva preso le pinzette e si era comodamente seduta di fronte alla mia passera.
“Allora, c’è un po’ di lavoro da fare, ma io ho pazienza, e tu detective?”
Iniziò a torturarmi strappandomi i peli uno ad uno. Mentre una lacrima solcava il mio viso, osservavo il tempo scorrere in un orologio appeso alla trave in legno di fronte a me: erano trascorse due ore da quando aveva iniziato.
“Per il momento può bastare ma vedrai che metteremo in pratica tante belle idee che soddisferanno il mio piacere. Dimenticavo di dirti che non sei sola: c’è anche la tua amichetta e oggi Zelda si occuperà di lei.”
Nel frattempo era scesa anche Zelda con una valigetta in mano.
“Ciao Zelda, stavo giusto dicendo alla troia che ti saresti occupata della sua amichetta.”
Zelda si avvicinò a Clelia e le diede un lungo bacio appassionato, quindi mi venne vicino, mi tolse il bavaglio, mi sputò in bocca e me lo rimise.
“Vi faremo a pezzi! …giusto per dare un chiaro segnale ai vostri colleghi stronzi, affinché non ci rompano più i coglioni!”
Clelia spense lo stereo e salì al piano superiore, mentre Zelda spostò un tavolo con le ruote dinnanzi a me, sopra c’era Cornelia, legata a croce, visibilmente terrorizzata; mi guardava con gli occhi lucidi come a chiedermi aiuto. Lei poteva essere una delle mie poche carte per uscire viva da quel posto e invece, come me, era stata resa inoffensiva e forse stava per subire una tortura peggiore della mia.
“Caro investigatore Cornelia Lessi, ricordo che ci avevate messo in guardia relativamente all’integrità del nostro culetto e allora ho pensato di dedicarmi al tuo, mentre nel frattempo mi lavoro la tua fica”.
Un’altra sadica! Cazzo!!
Zelda aveva aperto la valigetta e aveva tirato fuori un dildo con pompetta e dei ferri medicali: che intenzioni aveva?
“Intanto questo lo ficchiamo tutto dentro questo buco da zoccola che mi sembra già ben usato…ecco così, tutto quanto! …e ringraziami che era ben lubrificato. Adesso lo pompiamo per bene facendolo aderire alle pareti anali e aprendoti ben bene il tuo culetto. Ovviamente, questo è solo un giochetto per iniziare, perché ora inanelliamo la tua bella fichetta, vedrai quanto sarà bella con quattro anellini per labbro…Ma prima voglio leccartela per bene, mentre continuo a dare qualche altra pompata.”
Cominciavo a disperarmi e nel frattempo studiavo l’ambiente circostante per trovare una soluzione a quella difficile situazione. Non c’erano né porte, né finestre e l’unico passaggio possibile per la fuga era la scala retrattile del soffitto la cui struttura era completamente di legno. Cornelia non smetteva di ansimare, mentre Zelda si dedicava alla sua passera leccandola e penetrandola con le dita, ma tenendola sempre sul filo dell’orgasmo. Dopo una ventina di minuti Zelda prese l’occorrente per bucare la carne delicata di Cornelia: pinze, aghi e alcol etilico assoluto.
Continua….

Questo racconto di è stato letto 3 0 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.